Jimmer Fredette

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Jimmer Fredette
Jimmer Fredette Kings.jpg
Fredette con la maglia dei Sacramento Kings.
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Altezza 188 cm
Peso 88 kg
Pallacanestro Basketball pictogram.svg
Ruolo Guardia
Squadra Panathīnaïkos
Carriera
Giovanili
2003-2007Glens Falls High School
2007-2011BYU Cougars
Squadre di club
2011-2014Sacramento Kings171 (1.197)
2014Chicago Bulls8 (32)
2014-2015N. Orleans Pelicans54 (180)
2015-2016Westch. Knicks40 (842)
2016N.Y. Knicks2 (7)
2016-2019Shanghai Sharks75 (2.804)
2019Phoenix Suns6 (22)
2019-Panathīnaïkos
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 15 luglio 2019

James Taft "Jimmer" Fredette (Glens Falls, 25 febbraio 1989) è un cestista statunitense.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Dopo l'anno da senior, il quarto al college, nel quale ha tenuto una media incredibile di 28,2 punti a partita, 3,4 rimbalzi e 4,2 assist e in cui nella partita Brigham Young-New Mexico dell'11 marzo 2011 ha realizzato il record di punti per la sua università e quello assoluto per la stagione NCAA 2010-11 di 52 punti, portando BYU alla vittoria si è dichiarato eleggibile per il draft NBA. Nel draft NBA 2011 tenutosi al Prudential Center a Newark, New Jersey è stato selezionato dai Milwaukee Bucks al primo giro del draft con la decima scelta assoluta e subito dopo in seguito a una trade è stato girato ai Sacramento Kings.

Fredette è il leader di punti della Mountain West Conference di tutti i tempi ed è stato eletto Giocatore dell'Anno 2011 della lega NCAA Basketball.

Sacramento Kings[modifica | modifica wikitesto]

Il 12 febbraio 2014 ha segnato 24 punti (15 dei quali nel secondo quarto) stabilendo il suo career high in NBA sia per punti segnati che per triple messe a segno (6 su 8 tentativi) in una partita vinta dai Sacramento Kings per 106-101, dopo un tempo supplementare, al Madison Square Garden contro i New York Knicks.[1] Il 27 febbraio trova l'accordo per il buyout con i Sacramento Kings ed esce dal contratto diventando free-agent.

Chicago Bulls, New Orleans Pelicans, New York Knicks e NBDL[modifica | modifica wikitesto]

Il 1º marzo 2014 firma con i Chicago Bulls[2] un contratto che lo lega alla squadra dell'Illinois per tutto il resto della stagione.

Il 24 luglio frima per i New Orleans Pelicans.[3]

L'anno seguente, dopo essere stato tagliato dagli Spurs dopo il training camp, il 31 ottobre 2015 viene scelto come seconda scelta assoluta al draft della D-League, venendo chiamato dai Westchester Knicks;[4] non inizia però la stagione con il club affiliato ai New York Knicks in quanto l'11 novembre seguente torna nuovamente ai New Orleans Pelicans.[5] Il 19 novembre viene tagliato.[6] Tornato agli Westchester Knicks,[7] vi rimane fino al 23 febbraio 2016 quando firma un contratto decadale coi New York Knicks,[8] al termine del contratto non viene rifirmato,[9] tornando in D-League.[10]

Shanghai Sharks[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2016 firma un contratto con gli Shanghai Sharks dove nei due anni seguenti mantiene una media di più di 37 punti a partita che però non servono per essere richiamato da una franchigia NBA. Il 9 Ottobre 2018 si rende protagonista di una straordinaria prestazione contro gli Houston Rockets in preseason mettendo a segno 41 punti con il 40% dal campo. In quella partita la metà dei tiri della squadra cinese sono stati effettuati da lui. Il 12 novembre 2018, mette a referto 75 punti con 7 su 10 da tre punti. Nonostante questo la sua squadra perde lo stesso il match.[11]

Phoenix Suns[modifica | modifica wikitesto]

Il 21 marzo 2019 firma un contratto biennale con i Phoenix Suns tornando a far parte della rosa di una franchigia NBA dopo più di 3 anni di assenza.[12]

Panathīnaïkos[modifica | modifica wikitesto]

Dopo essere stato nel mirino dei Golden State Warriors,[13] il 15 luglio 2019 si trasferisce in Europa al Panathīnaïkos.[14]

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • NCAA John R. Wooden Award (2011)
  • NCAA Naismith Men's College Player of the Year Award (2011)
  • NCAA AP Player of the Year (2011)
  • NCAA AP All-America First Team (2011)
  • All-NBDL Second Team (2016)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Jimmer Fredette goes off as Kings drop Knicks in OT, su USA TODAY. URL consultato il 7 aprile 2019.
  2. ^ Nba, i tagliati: Butler a OkC, Granger ai Clippers, Fredette a Chicago - La Gazzetta dello Sport
  3. ^ (EN) Pelicans Sign Fredette and Young, su New Orleans Pelicans. URL consultato il 7 aprile 2019.
  4. ^ Jeff Ayres, Jimmer Fredette e Perry Jones le prime tre scelte al draft di D-League, su Sportando. URL consultato il 7 aprile 2019.
  5. ^ (EN) Injury-ravaged Pelicans sign Fredette to contract, su ESPN.com, 10 novembre 2015. URL consultato il 7 aprile 2019.
  6. ^ (EN) Pelicans Waive Jimmer Fredette, su New Orleans Pelicans. URL consultato il 7 aprile 2019.
  7. ^ (EN) Jimmer Fredette Returns to Westchester Knicks, su Westchester Knicks. URL consultato il 7 aprile 2019.
  8. ^ (EN) Knicks Sign Jimmer Fredette to 10-Day Contract, su New York Knicks. URL consultato il 7 aprile 2019.
  9. ^ (EN) Matt Fitzgerald, Jimmer Fredette Reportedly Won't Be Re-Signed by New York Knicks, su Bleacher Report. URL consultato il 7 aprile 2019.
  10. ^ (EN) Jimmer Fredette Returns to Westchester Knicks, su OurSports Central, 6 marzo 2016. URL consultato il 7 aprile 2019.
  11. ^ Sky Sport, Jimmer Fredette domina (75 punti) e perde in Cina, su sport.sky.it. URL consultato il 7 aprile 2019.
  12. ^ (EN) Suns sign Fredette for rest of season, su NBA.com. URL consultato il 7 aprile 2019.
  13. ^ (EN) Warriors offer Jimmer Fredette another chance at NBA career redemption, su sports.yahoo.com. URL consultato il 18 luglio 2019.
  14. ^ (EN) Panathinaikos lands China scoring champ Fredette, su Welcome to EUROLEAGUE BASKETBALL. URL consultato il 18 luglio 2019.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN232410620 · LCCN (ENno2012027521 · WorldCat Identities (ENno2012-027521