Gordon Hayward

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gordon Hayward
20140814 World Basketball Festival Gordon Hayward.JPG
Gordon Hayward con USA Basketball
Nome Gordon Daniel Hayward
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Altezza 203 cm
Peso 102 kg
Pallacanestro Basketball pictogram.svg
Ruolo Ala piccola / guardia
Squadra Utah Jazz
Carriera
Giovanili
?-2008 Brownsburg High School
2008-2010 Butler Bulldogs 69 (992)
Squadre di club
2010- Utah Jazz 516 (8077)
Nazionale
2009 Stati Uniti Stati Uniti U-19 9 (86)
2014 Stati Uniti Stati Uniti 1 (4)
Palmarès
Transparent.png Mondiali Under-19
Oro Nuova Zelanda 2009
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 7 maggio 2017

Gordon Daniel Hayward (Brownsburg, 23 marzo 1990) è un cestista statunitense, professionista nella NBA con gli Utah Jazz. Ha giocato a livello giovanile presso la Butler University per due stagioni dove ha guidato la sua squadra ad un secondo posto nel Torneo NCAA 2010.[1].

Primi anni[modifica | modifica wikitesto]

Hayward ha frequentato la Brownsburg High School a Brownsburg. Durante uno dei suoi ultimi anni (2007–08), Hayward ha portato Brownsburg alle finali della competizione tra high-school(private e pubbliche) dello stato dell'Indiana. Nella partita per il titolo (vinta contro Marion High School) è risultato essere uno dei migliori in campo.[2] La media di Hayward si aggirò in questi anni sui 18.0 punti, 8.4 rimbalzi e 3.6 assist per partita. Suo padre, Gordon Scott Hayward, è alto 1.78 m, come sua madre Jody. Pensando che il loro figlio sarebbe stato destinato ad avere un'altezza simile, suo padre, come ha affermato il giornalista sportivo Forde, "continuò a spingere suo figlio a migliorare la sua tecnica come guardia."[3] La prima apparizione di Gordon Hayward nelle pagine sportive non è stata però per il basket bensì per il tennis, insieme a sua sorella[4]. Hayward decise di tornare al basket anche grazie ad una sua inaspettata crescita in altezza. Scelse la Butler University per praticare ancora tennis e continuare il suo piano di studi[5].

Carriera da professionista[modifica | modifica wikitesto]

Utah Jazz (2010–presente)[modifica | modifica wikitesto]

Gordon Hayward venne stato selezionato dagli Utah Jazz con la nona scelta assoluta nel Draft NBA 2010.[6][7]

Hayward giocò in 72 partite durante la sua rookie season con i Jazz, con una media di 5,4 punti per partita e tirando con il 47% da tre punti. Inizialmente giocò sporadicamente per i Jazz, ma cominciò ad accumulare più minuti verso il finire della stagione. Hayward si fece notare durante una sfida tra Utah Jazz e Los Angeles Lakers: concluse infatti la partita con 22 punti, 6 rimbalzi, 5 assist e la sua difesa obbligò Kobe Bryant ad una terribile performance.[8] Finì la stagione con una prestazione da 34 punti nella vittoria per 107–103 contro Denver Nuggets il 13 aprile 2011.[9]

L'8 febbraio 2012 Hayward venne selezionato per giocare nel 2012 Rising Stars Challenge. Venne draftato per la squadra di Charles Barkley. Hayward firmò 14 punti e la sua squadra vinse la partita.[10]

Da sinistra a destra: Trey Burke, Patrick Beverley, Enes Kanter e Hayward

Dopo che i Jazz persero giocatori come Paul Millsap e Al Jefferson, Hayward emerse come la nuova "minaccia" offensiva, collezionando ottime prestazioni nonostante un pessimo inizio della 2013-2014. Il 7 gennaio 2014 Hayward migliorò il suo career-high a 37 punti nella vittoria contro gli Oklahoma City Thunder.[11]

Dopo la stagione 2013-2014 Hayward diventò un restricted free agent e il 10 luglio 2014 ricevette una proposta di $63 milioni dai Charlotte Hornets.[12] Il 12 luglio 2014 i Jazz confermarono la loro intenzione di tenere Hayward.[13] Nella stagione 2016-2017, sotto la guida di Quin Snyder i Jazz tornarono ai playoffs da quinti a ovest dove affrontarono i Los Angeles Clipper arrivati quarti a parimerito con 51 vittorie e 31 sconfitte ma con gli scontri diretti a favore. Il 22 aprile 2017 Hayward segnò il proprio career-high di 40 punti nella sconfitta per 106–111 contro Los Angeles Clippers in gara-3 di playoffs.[14] Alla fine della serie (che fu combattuta) prevalsero i Jazz che eliminarono i Clippers per 4-3 e andarono al secondo turno contro i Golden State Warriors.

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Butler readies for life without Hayward, ESPN.com, 7 maggio 2010. URL consultato il 10 maggio 2010.
  2. ^ [1]
  3. ^ Pat Forde, Hayward, Butler hitting on all cylinders, ESPN.com, 20 febbraio 2010. URL consultato il 6 marzo 2010.
  4. ^ Luke Winn, Butler's Hayward creates buzz at 19-and-under national team trials, Sports Illustrated, 19 giugno 2009. URL consultato il 21 aprile 2010.
  5. ^ Official Web Site of Gordon Hayward
  6. ^ ALLTHATJAZZB, Utah Jazz Select Gordon Hayward in the NBA Draft, 24 giugno 2010. URL consultato l'08 maggio 2017.
  7. ^ NBA Draft 2010 -- 1st round pick -- Utah Jazz select Gordon Hayward, su SLC Dunk, 24 giugno 2010. URL consultato l'08 maggio 2017.
  8. ^ Utah Jazz stun Lakers 86–85 behind 22 from Gordon Hayward. Deseretnews.com (2011-04-06). Retrieved on 2012-12-13.
  9. ^ Denver Nuggets vs. Utah Jazz – Box Score. Espn.go.com (2011-04-13). Retrieved on 2012-12-13.
  10. ^ Team Shaq vs Team Chuck 2012, su NBA.com, 24 febbraio 2012. URL consultato il 24 febbraio 2012.
  11. ^ Notebook: Jazz 112, Thunder 101
  12. ^ Hornets Extend Offer Sheet to Hayward
  13. ^ Jazz match Hornets' offer sheet for Hayward
  14. ^ (EN) Jazz's Gordon Hayward: Erupts for career-high 40 points in Game 3, in CBSSports.com. URL consultato l'08 maggio 2017.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]