Lance Stephenson

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lance Stephenson
Lance Stephenson 2010 NIT Cincinnati vs Dayton.jpg
Stephenson con la maglia di Cincinnati
Nome Lance Stephenson jr.
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Altezza 196 cm
Peso 103 kg
Pallacanestro Basketball pictogram.svg
Ruolo Guardia / Ala piccola
Squadra Indiana Pacers
Carriera
Giovanili
Lincoln High School
2009-2010 Cincinnati Bearcats
Squadre di club
2010-2014 Indiana Pacers 210 (1910)
2014-2015 Charlotte Hornets 61 (501)
2015-2016 L.A. Clippers 43 (204)
2016 Memphis Grizzlies 26 (369)
2016 N. Orleans Pelicans 6 (58)
2017 Minnesota T'wolves 6 (21)
2017- Indiana Pacers 5 (39)
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate all'11 aprile 2017

Lance Stephenson (New York, 5 settembre 1990) è un cestista statunitense, professionista con gli Indiana Pacers in NBA.

Selezionato con la chiamata numero 40 al Draft NBA 2010, gioca nel ruolo di guardia, anche se può essere adattato a giocare da playmaker e da ala piccola.

Per le sue notevoli capacità, anche con quelle che vengono definite giocate clutch, è noto col soprannome ''Born ready''.

NBA (2010-)[modifica | modifica wikitesto]

Il 7 aprile 2010, Stephenson annuncia la sua intenzione di abbandonare il college e decide di dichiararsi eleggibile al Draft NBA 2010.Al Draft viene scelto dagli Indiana Pacers con la quarantesima chiamata assoluta.

Indiana Pacers (2010-2014)[modifica | modifica wikitesto]

Nel suo debutto alla Summer League di Las Vegas mette a referto 21 punti, 4 rimbalzi e 3 assist, contribuendo significativamente alla vittoria per 88 a 77 contro gli Orlando Magic. Grazie ad altre buone prestazioni convince la dirigenza a proporgli un contratto di più anni, che firma il 22 luglio.

Il 27 febbraio 2011 Stephenson esordisce in maglia Pacers giocando 4 minuti contro i Phoenix Suns mettendo a segno due punti, catturando un rimbalzo e distribuendo 2 assist. Il 25 aprile 2012, Stephenson conquista la sua prima partenza da titolare nella partita contro i Chicago Bulls, mettendo subito a referto 22 punti e candidandosi come guardia titolare per i futuri Pacers. Nella stagione successiva si conferma come uno dei giocatori più migliorati dell'intera lega diventando il giocatore con più triple doppie in attivo nella stagione regolare.

Charlotte Hornets (2014-2015)[modifica | modifica wikitesto]

Il 16 luglio 2014 firmò un contratto triennale a 27 milioni di dollari con gli Charlotte Hornets, rifiutando così un contratto quinquiennale da 44 milioni di dollari offertogli dalla franchigia di Indianapolis.[1]

Tuttavia l'annata in Carolina Del Nord non fu delle migliori, in quanto lui fu costretto a saltare 14 partite per via di un infortunio(una distorsione pelvica) e in 61 partite giocate lui è partito titolare solo 25 volte e la squadra non riuscì a qualificarsi ai Playoffs (traguardo che l'anno precedente venne raggiunto con un record di 43 vittorie e 39 sconfitte), arrivando undicesima totalizzando 33 vittorie e 49 sconfitte.

Los Angeles Clippers (2015-2016)[modifica | modifica wikitesto]

Il 15 giugno 2015 viene ceduto ai Los Angeles Clippers in cambio di Matt Barnes e Spencer Hawes.[2]

Memphis Grizzlies (2016)[modifica | modifica wikitesto]

Dopo l'esperienza non delle migliori ai Clippers il 18 febbraio 2016 venne ceduto ai Memphis Grizzlies, insieme a una futura prima scelta al draft NBA del 2019, in cambio di Jeff Green.[3]

L'11 marzo 2016 mise a segno il suo career-high points di 33 punti in una vittoria 121-114 contro i New Orleans Pelicans. Ma alla fine dei conti anche l'esperienza a Memphis per Lance non fu delle migliori,seppur sia quella in cui tenne la sua media punti più alta attualmente (ovvero 14,2 a partita).

A fine stagione rimase free agent.

New Orleans Pelicans (2016)[modifica | modifica wikitesto]

Dopo un'estate dove lui disse di essere disponibile anche ad ascoltare offerte provenienti dall'Europa e dalla Cina, Born Ready il 14 settembre firmò un contratto con i New Orleans Pelicans a 1,22 milioni di dollari di cui solo 100 mila garantiti.[4] Alla fine della pre-season Lance arrivò a giocarsi il 15º e ultimo posto in squadra con Alonzo Gee;[5] il ballotaggio venne vinto da Lance che riuscì ad avere la meglio sull'ala piccola di Palm Beach guadagnandosi quindi il 15º posto nel roster.[6]

Il 5 novembre subisce un grave infortunio all'inguine durante la gara contro i Phoenix Suns che lo costringe a operarsi e a stare in infermeria fino a gennaio. Allora l'8 novembre, visti i lunghi tempi di recupero, venne tagliato dai Pelicans.[7] Il suo posto venne poi preso da Archie Goodwin.

Minnesota Timberwolves (2017)[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver smaltito l'ultimo infortunio in gennaio, il 7 febbraio 2017 firmò un contratto di 10 giorni con i Minnesota Timberwolves.[8] Giocò solo 4 partite con i lupi, e la sua esperienza terminò dopo 8 giorni in quanto il 15 febbraio nella gara persa in trasferta per 116-108 contro i Cleveland Cavaliers subì un grave infortunio alla caviglia.[9] A seguito di questo infortunio i T'Wolves decisero di non prolungare ulteriormente il contratto di ''Born ready''. Smaltito l'infortunio il 9 marzo tornò a giocare nei Timberwolves con cui siglò un secondo contratto di 10 giorni.[10] Tuttavia il 16 marzo (a 2 giorni dal termine del secondo contratto decadale) nella gara contro giocata contro i Boston Celtics (persa in trasferta dai lupi per 117-104) Stephenson subì un nuovo infortunio alla caviglia,[11] che convinse la dirigenza della squadra blù a non rinnovare ulteriormente il suo contratto.[12]

Ritorno agli Indiana Pacers (2017-)[modifica | modifica wikitesto]

Il 30 marzo 2017 gli Indiana Pacers bisognosi di una guardia, decisero di tagliare l'infortunato Rodney Stuckey, e lo sostituirono proprio con Stephenson che tornò ai Pacers dopo quasi 3 anni; Stephenson firmò con la squadra di Indianapolis con opzione alla squadra per il terzo anno.[13][14] Il 1° aprile, durante la sua conferenza stampa con cui inaugurò il suo ritorno a Indianapolis, Lance dichiarò sorprendentemente che il suo ritorno è paragonabile a quello di Michael Jordan dopo i 2 ritiri.[15] La squadra arrivò settima in RS a est con un record di 43-39 e affrontò ai Playoffs i Cleveland Cavaliers di LeBron James. In gara-1 Stephenson partì dalla panchina e non sfigurò in quanto segnò 16 punti in 26 minuti (venendo marcato anche da LeBron James in alcuni frangenti della partita), che tuttavia non consentirono ai Pacers di vincere in quanto persero 109-108 non riuscendo poi a capitalizzare il possesso finale con cui ebbero la possibilità di segnare il 110-109.[16]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Regular Season[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Squadra PG PI MPG FG°/° 3P°/° FT°/° RPG APG SPG BPG PPG
2010-2011 Indiana Pacers 12 0 9,6 33,3 0,0 78,6 1,5 1,8 0,3 0,0 3,1
2011-2012 Indiana Pacers 42 1 10,5 37,6 13,3 47,1 1,3 1,1 0,5 0,1 2,5
2012-2013 Indiana Pacers 78 72 29,2 46,0 33,0 65,2 3,9 2,9 1,0 0,2 8,8
2013-2014 Indiana Pacers 78 78 35,3 49,1 35,2 71,1 7,2 4,6 0,7 0,1 13,8
2014-2015 Charlotte Hornets 61 25 25,8 37,6 17,1 62,7 4,5 3,9 0,6 0,1 8,2
2015-2016 L.A. Clippers 43 10 15,8 49,4 40,4 70,0 2,5 1,4 0,6 0,1 4,7
2015-2016 Memphis Grizzlies 26 3 26,6 47,4 35,5 81,5 4,4 2,8 0,7 0,2 14,2
2016-2017 N. Orleans Pelicans 6 0 27,0 47,3 10,0 62,5 3,0 4,8 0,3 0,2 9,7
2016-2017 Minnesota T'wolves 6 0 11,2 47,6 0,0 50,0 1,8 0,8 0,0 0,0 4,3
2016-2017 Indiana Pacers 6 0 22,0 40,9 62,5 66,7 4,0 4,2 0,5 0,3 7,2
Carriera 358 189 24,8 45,1 30,7 69,0 4,1 3,0 0,7 0,1 8,7

Playoffs[modifica | modifica wikitesto]

Anno Squadra PG PI MPG FG°/° 3P°/° FT°/° RPG APG SPG BPG PPG
2012 Indiana Pacers 4 0 3,0 22,2 50,0 50,0 0,0 0,3 0,0 0,0 1,5
2013 Indiana Pacers 19 19 35,4 40,8 28,1 62,2 7,6 3,3 1,2 0,1 9,4
2014 Indiana Pacers 19 19 37,1 45,5 35,8 71,4 6,9 4,2 0,8 0,2 13,6
2016 Memphis Grizzlies 4 0 23,8 52,3 40,0 80,0 1,5 1,8 0,3 0,0 13,0
2017 Indiana Pacers
Carriera 46 38 32,3 43,9 32,6 67,7 6,1 3,3 0,9 0,1 10,8

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Stephenson bolts Pacers to sign with Hornets, in ESPN.com. URL consultato il 12 novembre 2016.
  2. ^ Clips get Hornets' Stephenson for Barnes, Hawes, in ESPN.com. URL consultato il 12 novembre 2016.
  3. ^ Clippers deal Stephenson to Memphis for Green, in ESPN.com. URL consultato il 12 novembre 2016.
  4. ^ Pelicans Sign Lance Stephenson | New Orleans Pelicans, in New Orleans Pelicans. URL consultato il 12 novembre 2016.
  5. ^ Pelicans: Lance Stephenson e Alonzo Gee in ballottaggio per l'ultimo posto in roster, in Sportando. URL consultato il 12 novembre 2016.
  6. ^ Stephenson makes N.O. roster after Gee waived, in ESPN.com. URL consultato il 12 novembre 2016.
  7. ^ New Orleans Pelicans waive injured Lance Stephenson, sign Archie Goodwin - NBA.com, su www.nba.com. URL consultato il 12 novembre 2016.
  8. ^ Report: Timberwolves to sign Lance Stephenson to 10-day contract, twincities.com. URL consultato il 7 febbraio 2017.
  9. ^ Lance Stephenson's grade 2 ankle sprain complicates his future with the Timberwolves, in Star Tribune. URL consultato il 21 febbraio 2017.
  10. ^ Timberwolves Sign Lance Stephenson To 2nd 10-Day Contract, minnesota.cbslocal.com. URL consultato il 20 marzo 2017.
  11. ^ (EN) Lance Stephenson gets hurt again, falls to floor with apparent ankle injury - ClutchPoints, su clutchpoints.com. URL consultato il 20 marzo 2017.
  12. ^ Sources: Wolves won't re-sign Stephenson, in ESPN.com. URL consultato il 20 marzo 2017.
  13. ^ Pacers tagliano Stuckey e riportano a casa Lance Stephenson, in Basketinside.com, 29 marzo 2017. URL consultato il 30 marzo 2017.
  14. ^ Sources: Stephenson agrees to Pacers return, in ESPN.com. URL consultato il 30 marzo 2017.
  15. ^ Sky Sport, NBA Stephenson: “Il mio ritorno come quello di MJ”. URL consultato il 15 aprile 2017.
  16. ^ (EN) NBA LEAGUE PASS | NBA.com, su watch.nba.com. URL consultato il 15 aprile 2017.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]