Paul Millsap

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Paul Millsap
Paul Millsap Atlanta Hawks cropped.jpg
Millsap in azione con la maglia degli Atlanta Hawks
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Altezza 203 cm
Peso 117 kg
Pallacanestro Basketball pictogram.svg
Ruolo Ala grande
Squadra Atlanta Hawks
Carriera
Giovanili
Grambling High School
2003-2006 Louisiana Bulldogs
Squadre di club
2006-2013 Utah Jazz 540 (6.713)
2013- Atlanta Hawks 276 (4.790)
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 5 Febbraio 2017

Paul Millsap (Monroe, 10 febbraio 1985) è un cestista statunitense che gioca come ala grande negli Atlanta Hawks, nella NBA.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Alto 203 cm per 117 kg, Paul Millsap si forma alla Università della Louisiana a Ruston. Al Draft NBA 2006 venne scelto al secondo giro (47° assoluto) dagli Utah Jazz. Il suo modo di giocare è stato a volte accostato a quello di Udonis Haslem, giocatore dei Miami Heat che ricopre il medesimo ruolo di Millsap. È l'unico giocatore ad aver dominato per 3 stagioni consecutive la classifica rimbalzi della NCAA. Da piccolo, è rimasto coinvolto in un incendio da cui è uscito senza conseguenze.

NBA (2006-oggi)[modifica | modifica wikitesto]

Utah Jazz (2006-2013)[modifica | modifica wikitesto]

Nel tardo 2006 alcuni giornalisti sportivi avevano ritenuto Millsap come un probabile candidato al NBA Rookie of the Year Award, premio non dato tradizionalmente a giocatori scelti al secondo giro del draft. Infatti, ha avuto uno splendido anno da rookie, situazione non molto frequente per chi viene scelto molto tardi nel draft: ha chiuso la stagione con sei doppie-doppie (primo fra i rookies). Siccome Carlos Boozer si era infortunato, in un periodo della stagione il suo minutaggio è aumentato tanto, permettendogli di mettersi in luce da partente in quintetto. È stato uno tra i rookie con più stoppate a fine stagione, come anche LaMarcus Aldridge. La sua stagione si è conclusa con 6,8 punti, 5,2 rimbalzi e 0,9 stoppate di media a partita.

Nella stagione successiva il suo rendimento è rimasto molto positivo, anzi le sue statistiche sono migliorate (8,1 punti, 5,6 rimbalzi e 0,9 stoppate). Attualmente ha una percentuale di tiro del 52%, tiro da tre 20% (i suoi tentativi da tre inizialmente erano molto rari, ha tirato più spesso da 3 con l'arrivo ad Atlanta) e ai tiri liberi ha il 67%.

Il 9 novembre 2010 realizza 46 punti contro i Miami Heat[1] stabilendo il suo nuovo career high. Sotto per 90 a 98, trascina i suoi Jazz con 11 punti negli ultimi 30 secondi, con un incredibile 3/3 da tre punti (prima della partita aveva appena 2/20 da tre punti in stagione), e il tap-in alla sirena catturando un rimbalzo offensivo da tiro sbagliato da un compagno di squadra che fissa il risultato in parità e porta la partita ai tempi supplementari. Il match viene poi vinto proprio dai Jazz per 116-114.

Atlanta Hawks (2013-oggi)[modifica | modifica wikitesto]

Il 10 luglio 2013 firma un contratto biennale a 19 milioni di dollari con gli Atlanta Hawks[2].

Il 29 Gennaio 2017, nella gara vinta dagli Hawks dopo 4 overtime contro i New York Knicks per 142-139, Millsap disputò 60 minuti mettendo a referto 37 punti, 19 rimbalzi e 7 assist.[3] La gara venne vinta dai falchi grazie a un lay-up di Millsap a 27 secondi dalla fine.[4]

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Second Team: 2016

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Millsap ne fa 46: Miami k.o., I Lakers sempre imbattuti, gazzetta.it, 10 novembre 2010. URL consultato il 12 ottobre 2014.
  2. ^ (EN) nba.com
  3. ^ (EN) NBA LEAGUE PASS | NBA.com, su watch.nba.com. URL consultato il 30 gennaio 2017.
  4. ^ Knicks vs. Hawks - Game Recap - January 29, 2017 - ESPN, su ESPN.com. URL consultato il 30 gennaio 2017.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]