Andrea Bargnani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Andrea Bargnani
Andrea Bargnani Knicks.jpg
Andrea Bargnani con la divisa dei Knicks
Nazionalità Italia Italia
Altezza 213[1] cm
Peso 111[1] kg
Pallacanestro Basketball pictogram.svg
Ruolo Ala grande / centro
Squadra Saski Baskonia
Carriera
Giovanili
Stella Azzurra
Squadre di club
2002-2003 Stella Azzurra 23
2003-2006 Treviso 109 (795)
2006-2013 Toronto Raptors 433 (6581)
2013-2015 N.Y. Knicks 71 (988)
2015-2016 Brooklyn Nets 46 (304)
2016- Saski Baskonia
Nazionale
2007- Italia Italia 69 (1094)[2]
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 20 febbraio 2016

Andrea Bargnani (Roma, 26 ottobre 1985) è un cestista italiano, che milita nel Saski Baskonia.

Alto 213 cm per 111 kg di peso[1], gioca come ala grande e centro. È soprannominato Il Mago.

Al Draft NBA 2006 è stato selezionato dai Toronto Raptors come prima scelta assoluta.[3]

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Bargnani è dotato di una buona mobilità senza palla, ottimo tiro dalla lunga distanza e abilità nel palleggio in penetrazione, anche quando marcato da giocatori più piccoli, caratteristiche atipiche per un giocatore della sua stazza e del suo ruolo, che lo rendono più simile ad un'ala piccola che ad un vero lungo. Questa sua versatilità rende più difficili gli accoppiamenti difensivi, potendo sfruttare mismatch con avversari più grandi o più piccoli. Per le sue doti fisiche e di gioco è stato spesso paragonato a Dirk Nowitzki, stella tedesca dei Dallas Mavericks,[4][5][6] lungo con caratteristiche simili.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Gli inizi, l'arrivo in Serie A e le vittorie a Treviso[modifica | modifica wikitesto]

Proveniente da un famiglia di sportivi, già all'età di cinque anni muove a Roma i primi passi con la palla a spicchi, spinto dalla madre Luisella, già giocatrice di basket a livello amatoriale, e soprattutto dallo zio Massimo Balducci giocatore prima della Perugina Jeans e poi della Stella Azzurra di Roma.

A sei anni si trasferisce a Trezzano Rosa con i genitori ed il fratello ed inizia a mettersi in luce a livello nazionale. Nel 1997, torna a Roma, dove milita nel SAM Basket Roma allenato da Roberto Castellano, ex-capitano del BancoRoma ed in seguito disputa un ottimo campionato di serie B2 con la Stella Azzurra Roma.

Nel 2003 approda in Serie A con la Benetton Treviso, squadra con cui nella stagione 2005-06 vince lo scudetto e il premio di miglior giovane del campionato italiano. Nel 2006, ormai consacrato a livello internazionale, si aggiudica il trofeo Rising Star Trophy come miglior giocatore under 22 dell'Eurolega.[7]

L'approdo in NBA[modifica | modifica wikitesto]

Toronto Raptors[modifica | modifica wikitesto]

2006-2008[modifica | modifica wikitesto]
Bargnani mentre cerca di stoppare Howard
Bargnani nel Training Camp

Il 28 giugno 2006 al Draft NBA viene chiamato dai Toronto Raptors come prima scelta assoluta. Diventa il primo giocatore italiano ad essere chiamato al primo giro, il primo europeo nella storia ad essere selezionato come numero uno assoluto, il secondo (dopo Yao Ming) non formatosi cestisticamente negli Stati Uniti ed il sesto non americano[1].

Il 25 luglio 2006 viene premiato dall'allora sindaco di Roma Walter Veltroni con la "Lupa in bronzo" e nominato ambasciatore di Roma nel mondo.[8]

Nei Raptors sceglie la maglia numero 7 anziché la numero 11 come negli anni trascorsi a Treviso. Come egli stesso ha dichiarato, ha deciso di lasciare il numero 11 a T.J. Ford, mentre il 7 era sia il numero con cui esordì nel basket, sia quello portato dallo zio Massimo Balducci.[9]

Esordisce in NBA il 1º novembre 2006, alla Continental Airlines Arena di East Rutherford contro i New Jersey Nets, entrando a metà del primo quarto in sostituzione di Chris Bosh. La partita termina con la vittoria dei Nets per 102 a 92; in 8 minuti di gioco Bargnani segna 2 punti (1/2 da 2 punti, 0/1 da 3), 2 rimbalzi, 2 stoppate, 1 palla persa, 3 falli.[10]

L'inizio di stagione dei Raptors è pessimo (2 vittorie e 8 sconfitte nelle prime dieci gare) e anche Bargnani ne fa le spese mostrando evidenti problemi di adattamento. Tuttavia il suo rendimento migliora progressivamente: ad Orlando, contro i Magic tocca quota 23 punti, battendo così il record di Vincenzo Esposito (18, contro i New York Knicks) per il maggior numero di punti realizzati in una partita NBA da un italiano.[11] Inoltre, il 17 dicembre mette a segno la sua prima doppia-doppia contro i Golden State Warriors con 18 punti, 10 rimbalzi e 6 stoppate.[12]

Nel gennaio 2007 viene eletto matricola del mese della Eastern Conference[13]; nello stesso mese viene anche selezionato[14] per la partita tra i rookie (giocatori al primo anno nella NBA) e i sophomore (giocatori al secondo anno) nell'ambito dell'All Star Game 2007 a Las Vegas, in cui realizza 12 punti nella sconfitta 114-155.[15] Nel mese di febbraio 2007 si aggiudica per la seconda volta consecutiva il premio di migliore matricola della Eastern Conference, andando così ad eguagliare tra i Raptors prestazioni di rookie come Charlie Villanueva e Vince Carter.[16]

Il 21 marzo viene improvvisamente operato per un'appendicite, e l'intervento lo tiene fuori dal parquet per circa un mese.[17] Conclude la regular season con una media di 25,1 minuti giocati, 11,6 punti e 3,9 rimbalzi a partita[18], raggiungendo anche il secondo posto nella classifica di miglior matricola dell'anno, dopo Brandon Roy.[19] Durante i play-off, Bargnani totalizza una media di 30,2 minuti giocati, 11 punti, 4 rimbalzi e 1 assist a partita[18], insufficienti però a consentire il passaggio del turno ai Raptors, che vengono battuti nella serie dai New Jersey Nets per 4-2. Viene inoltre nominato nel miglior quintetto Rookie dell'anno assieme al compagno di squadra Jorge Garbajosa.[14]

Bargnani schiaccia contro i Miami Heat

Nella stagione 2007-2008 gioca spesso nel quintetto titolare della squadra, prevalentemente in posizione di centro. L'inizio della sua stagione da sophomore (ovvero il suo secondo anno di NBA) è stato condizionato prima dalle scelte di coach Sam Mitchell, con il quale ha avuto sempre un rapporto difficile, e dopo da un infortunio al ginocchio (ipertensione) che lo ha tenuto fuori per alcune partite impedendogli di trovare la forma ideale.[senza fonte] Come l'anno precedente, viene convocato per la sfida tra i sophomore e i rookie dell'All-Star Game di New Orleans nella quale segna 8 punti in 17 minuti di gioco.[20]

2008-2013[modifica | modifica wikitesto]

All'inizio della stagione 2008-09 Bargnani viene nuovamente escluso dal quintetto di partenza dei Raptors, a causa dell'ingaggio di Jermaine O'Neal, centro di grande esperienza. Successivamente tuttavia, dopo le prime otto gare, durante le quali il minutaggio di Bargnani cala sensibilmente, anche per colpa delle prestazioni altalenanti, Bargnani torna nel quintetto iniziale di Toronto, questa volta però nel ruolo di ala piccola, giocando accanto a Bosh e O'Neal. In seguito ad un infortunio di O'Neal diventa il centro titolare, ruolo che mantiene dopo la cessione di quest'ultimo e l'arrivo di Shawn Marion.

Il 16 marzo 2009 contro i Charlotte Bobcats supera per la prima volta i 1.000 punti in una stagione. Il 12 aprile 2009 contro i Philadelphia 76ers eguaglia il suo record di 6 stoppate in una partita, aggiungendo 17 punti e 4 assist.[21]

Proprio in questa stagione è stato testimonial per la copertina della versione italiana dei videogiochi NBA Live 08[22], venendo confermato anche per NBA Live 09.[23]

L'11 gennaio 2010 ad Indianapolis contro gli Indiana Pacers fa registrare il suo career high nei rimbalzi con 17 (13 difensivi e 4 offensivi).[24]

Bargnani con David Lee

Con la partenza di Chris Bosh, Bargnani diventa il capitano[25] e leader offensivo della squadra e inizia la stagione con un rendimento abbastanza costante e una media superiore ai venti punti. Il 9 dicembre 2010 mette a segno al Madison Square Garden il suo career high, con 41 punti, conditi da 7 rimbalzi e 6 assist (14/21 da due, 2/3 da tre, 7/9 ai liberi).[26] Il 10 maggio 2011 riceve il premio "Tor Vergata Etica nello Sport" dall'Università di Tor Vergata.[27]

A causa del lockout la stagione regolare parte solo il 25 dicembre e prevede 66 partite (invece delle 82 tradizionali). Bargnani parte con buone medie realizzative, 21,3 punti nelle tre partite giocate a dicembre.[18] Tuttavia, l'annata sarà caratterizzata da vari infortuni che lo costringeranno a chiudere la stagione in anticipo.[28] fino alla partita del 25 gennaio contro Phoenix Suns, nella quale realizza 36 punti.[29][30][31]

La stagione 2012-2013 comincia con buoni risultati personali per Bargnani che chiude il mese di novembre con 17.1 punti di media in 34.1 minuti, da sottolineare i 34 punti contro i Pistons (13/20 da due, 3-5 da tre e 9/10 ai liberi), la squadra però non è competitiva e si ritrova in fondo alla classifica già dopo le prime partite con appena 4 vittorie e 13 sconfitte. Il 10 dicembre nella partita contro Portland è costretto a lasciare il parquet dopo soli 8 minuti a causa di un infortunio che lo terrà lontano dai campi per circa due mesi. La stagione risulterà sfortunata sia per lui, che chiude con sole 35 partite e 12.7 punti di media, sia per i Raptors, che arriveranno molto lontani dai Playoff.

Andrea Bargnani e Martell Webster in una sfida tra Knicks e Wizards

New York Knicks e Brooklyn Nets[modifica | modifica wikitesto]

Il 10 luglio 2013 passa ufficialmente ai New York Knicks nello scambio che vede trasferire ai Toronto Raptors tre giocatori (Marcus Camby, Quentin Richardson e Steve Novak), una prima scelta e due seconde scelte ai Draft in favore di Toronto.[32] Sceglie la canotta numero 77.

Il 30 ottobre debutta al Madison Square Garden nella prima sfida contro i Milwaukee Bucks partendo dalla panchina e chiudendo con 6 punti, 2 rimbalzi e un assist in 17 minuti. Ben presto entra in maniera regolare nel quintetto base dei Knicks e il 13 novembre firma una doppia doppia contro Atlanta (20 punti e 11 rimbalzi). Il 22 gennaio dopo un infortunio rimediato contro Philadelphia chiude anticipatamente la stagione con Knicks, che sfiorano i Playoff. L'infortunio lo costringe a saltare l'inizio della sua seconda stagione a New York; il lungo calvario per Bargnani finisce solamente a marzo ma la regular season dei Knicks è negativa.

Il 12 luglio 2015 firma un contratto biennale al minimo salariale con i Brooklyn Nets, rifiutando un'offerta superiore dei Sacramento Kings. Esordisce dalla panchina il 28 ottobre nella prima partita della Regular season giocata contro i Chicago Bulls, mettendo a referto 17 punti in 22 minuti. Il 20 febbraio 2016 rescinde il suo contratto con i Nets, diventando così free agent.

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Andrea Bargnani con la maglia della nazionale italiana in una partita contro la Grecia

Debutta in nazionale nell'estate 2007, in occasione di alcune partite di preparazione all'Europeo di settembre in Spagna, campionato in cui non gioca particolarmente bene; pur totalizzando una media di 12,7 punti e 5 rimbalzi a partita, il suo contributo non basta a portare l'Italia ai quarti di finale.

In nazionale indossa la maglia numero 10, poiché il 7 spetta per anzianità a Matteo Soragna, suo ex compagno di squadra a Treviso e suo grande amico.

Nel 2008 rinuncia alla chiamata in nazionale in seguito a pressioni dei Toronto Raptors. Il suo team ritiene infatti che per Bargnani sia più importante lavorare per migliorare individualmente che partecipare alle attività della nazionale italiana.

Nell'agosto del 2009 partecipa invece con l'Italia all'Additional Round che mette in palio l'ultimo posto disponibile per i Campionati Europei; l'esperienza non è però felice sia per gli azzurri, che chiudono all'ultimo posto nel girone a tre con Francia e Finlandia con una sola vittoria all'attivo, sia per Bargnani, che rende al di sotto delle aspettative dei tifosi e delle sue potenzialità.

Durante l'estate 2010 gioca con l'Italia le qualificazioni per l'Europeo di basket 2011. Il 20 agosto 2010 a Bari contro la Lettonia stabilisce un nuovo career high in azzurro: 30 punti e 13 rimbalzi, oltre a 4 stoppate. Pochi giorni dopo, il 26 agosto nella vittoria per 72-71 contro il Montenegro, Bargnani ha ulteriormente migliorato il suo primato di punti in nazionale segnandone 34. Chiude la fase a gironi con una media di 24,1 punti, 6,6 rimbalzi e 2 stoppate a partita.[33]

Nell'agosto 2011 viene convocato per la fase finale degli Europei. Il 2 settembre 2011 nella terza partita del girone Italia-Lettonia, conclusasi 71-62, Bargnani realizza 36 punti, stabilendo il suo record personale con la maglia azzurra.

Nel giugno 2016 viene convocato per il torneo di Qualificazione Olimpica FIBA 2016 di Torino.

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Serie A[modifica | modifica wikitesto]

*Statistiche aggiornate alla stagione 2005-06[34]

Stagione Squadra Campion. Partite Statistiche tiro Altre statistiche
Pres. Titol. Minuti Tiri da 2 Tiri da 3 Liberi Rimb. Assist Rubate Stopp. Punti
2003-2004 Italia Benetton Treviso Serie A 10 0 86 11/19 5/9 5/12 16 4 4 2 42
2004-2005 Italia Benetton Treviso Serie A 28 0 414 58/99 13/45 36/53 87 16 35 15 191
2005-2006 Italia Benetton Treviso Serie A 47 23 1147 126/232 67/168 109/138 261 26 67 63 562
Totale carriera 85 23 1647 195/350 85/222 150/203 364 46 106 80 795

NBA[modifica | modifica wikitesto]

Regular season[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Squadra Campion. Partite Statistiche tiro Altre statistiche
Pres. Titol. Minuti Tiri da 2 Tiri da 3 Liberi Rimb. Assist Rubate Stopp. Punti
2006-2007 Canada Toronto Raptors NBA 65 2 1629 167/357 100/268 117/142 255 50 32 53 751
2007-2008 Canada Toronto Raptors NBA 78 53 1861 190/464 90/261 142/169 288 89 23 37 792
2008-2009 Canada Toronto Raptors NBA 78 59 2453 312/667 119/291 221/266 416 94 34 97 1202
2009-2010 Canada Toronto Raptors NBA 80 80 2799 416/818 121/325 181/234 493 93 25 111 1376
2010-2011 Canada Toronto Raptors NBA 66 66 2353 448/950 77/223 287/350 343 119 34 46 1414
2011-2012 Canada Toronto Raptors NBA 31 31 1032 175/369 34/115 151/173 172 61 18 15 603
2012-2013 Canada Toronto Raptors NBA 35 25 1003 132/303 38/122 65/77 128 38 21 23 443
2013-2014 Stati Uniti New York Knicks NBA 42 39 1257 192/394 30/108 84/102 222 45 14 52 558
2014-2015 Stati Uniti New York Knicks NBA 29 22 785 149/320 15/41 87/107 127 46 2 27 430
2015-2016 Stati Uniti Brooklyn Nets NBA 46 0 79 13/29 1/3 9/10 14 0 1 1 36
Totale carriera 555 377 15251 2818/6426 625/1758 1341/1627 2458 635 462 204 7605

Play-off[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Squadra Campion. Partite Statistiche tiro Altre statistiche
Pres. Titol. Minuti Tiri da 2 Tiri da 3 Liberi Rimb. Assist Rubate Stopp. Punti
2007 Canada Toronto Raptors NBA 6 3 181 15/29 7/17 15/19 24 6 5 3 66
2008 Canada Toronto Raptors NBA 5 5 104 9/23 4/16 2/2 7 2 4 3 32
Totale carriera 11 8 285 24/52 11/33 17/21 31 8 9 6 98

Cronologia presenze e punti in Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e dei punti in Nazionale - Italia Italia
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Punti Note
16/07/2009 Bormio Italia Italia 85 - 49 Svezia Svezia 19 [35]
17/07/2009 Bormio Italia Italia 67 - 63 Senegal Senegal 18 [36]
18/07/2009 Bormio Italia Italia 89 - 97 Rep. Ceca Rep. Ceca 11 [37]
25/07/2009 Trento Italia Italia 91 - 69 Canada Canada 28 [38]
27/07/2009 Trento Italia Italia 83 - 72 Portogallo Portogallo 11 [39]
01/08/2009 Conegliano Italia Italia 81 - 75 Canada Canada Amichevole 7 [40]
05/08/2009 Cagliari Italia Italia 77 - 80 dts Francia Francia Qual. Euro 2009 10 [41]
11/08/2009 Vantaa Finlandia Finlandia 75 - 77 Italia Italia Qual. Euro 2009 21 [42]
14/08/2009 Pau Francia Francia 81 - 61 Italia Italia Qual. Euro 2009 5 [43]
20/08/2009 Porto San Giorgio Italia Italia 89 - 95 Finlandia Finlandia Qual. Euro 2009 7 [44]
16/07/2010 Firenze Italia Italia 83 - 60 Macedonia Macedonia 13 [45]
17/07/2010 Firenze Italia Italia 88 - 76 Polonia Polonia 25 [46]
18/07/2010 Firenze Italia Italia 83 - 84 Bulgaria Bulgaria 5 [47]
24/07/2010 Parenzo Croazia Croazia 89 - 72 Italia Italia 28 [48]
25/07/2010 Pola Croazia Croazia 80 - 71 Italia Italia 21 [49]
02/08/2010 Bari Italia Italia 71 - 79 Israele Israele Qual. Euro 2011 20 [50]
05/08/2010 Riga Lettonia Lettonia 69 - 68 Italia Italia Qual. Euro 2011 18 [51]
08/08/2010 Bari Italia Italia 82 - 73 Finlandia Finlandia Qual. Euro 2011 24 [52]
11/08/2010 Bijelo Polje Montenegro Montenegro 71 - 62 Italia Italia Qual. Euro 2011 17 [53]
17/08/2010 Tel Aviv Israele Israele 76 - 81 Italia Italia Qual. Euro 2011 26 [54]
20/08/2010 Bari Italia Italia 109 - 93 Lettonia Lettonia Qual. Euro 2011 30 [55]
23/08/2010 Vantaa Finlandia Finlandia 83 - 85 Italia Italia Qual. Euro 2011 24 [56]
26/08/2010 Bari Italia Italia 72 - 71 Montenegro Montenegro Qual. Euro 2011 34 [57]
05/08/2011 Nicosia Italia Italia 70 - 76 Grecia Grecia 14 [58]
06/08/2011 Nicosia Italia Italia 71 - 67 Russia Russia 23 [59]
07/08/2011 Nicosia Italia Italia 88 - 72 Polonia Polonia 12 [60]
12/08/2011 Rimini Italia Italia 57 - 58 Bosnia ed Erzegovina Bosnia ed Erzegovina 16 [61]
13/08/2011 Rimini Italia Italia 67 - 61 Polonia Polonia 20 [62]
14/08/2011 Rimini Italia Italia 82 - 73 Grecia Grecia 28 [63]
23/08/2011 Atene Italia Italia 74 - 71 Bulgaria Bulgaria 19 [64]
Totale Presenze 30 Punti 554

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Pall. Treviso: 2005-2006
Pall. Treviso: 2004, 2005

Individuale[modifica | modifica wikitesto]

Treviso : 2006
Treviso : 2005-2006
Toronto Raptors : 2006-2007

Record personali[modifica | modifica wikitesto]

Campionato italiano[modifica | modifica wikitesto]

[65]

  • Maggior numero di punti in una partita: 25 (Benetton Treviso-Lottomatica Roma, 23 ottobre 2005)
  • Maggior numero di rimbalzi in una partita: 11 (2 volte)
  • Maggior numero di assist in una partita: 3 (3 volte)
  • Maggior numero di stoppate in una partita: 6 (Benetton Treviso-Climamio Bologna, 16 giugno 2006)
  • Maggior numero di palle recuperate in una partita: 6 (Benetton Treviso-Montepaschi Siena, 14 maggio 2006)
  • Maggior numero di minuti giocati in una partita: 37 (2 volte)

Eurolega[modifica | modifica wikitesto]

[66]

  • Maggior numero di punti in una partita: 20 (Benetton Treviso-Panathinaikos, 1º marzo 2006)
  • Maggior numero di rimbalzi in una partita: 9 (Panathinaikos-Benetton Treviso, 29 marzo 2006)
  • Maggior numero di assist in una partita: 2 (Benetton Treviso-Fortitudo Bologna, 7 novembre 2005)
  • Maggior numero di stoppate in una partita: 3 (Strasburgo-Benetton Treviso, 10 novembre 2005)
  • Maggior numero di palle recuperate in una partita: 4 (Benetton Treviso-Cibona Zagabria, 22 marzo 2006)
  • Maggior numero di minuti giocati in una partita: 35 (Efes Piles Istanbul-Benetton Treviso, 22 febbraio 2006)

NBA[modifica | modifica wikitesto]

[18]

  • Maggior numero di punti in una partita: 41 (New York Knicks-Toronto Raptors, 8 dicembre 2010)
  • Maggior numero di rimbalzi in una partita: 17 (Indiana Pacers-Toronto Raptors, 11 gennaio 2010)
  • Maggior numero di assist in una partita: 7 (Boston Celtics-Toronto Raptors, 23 gennaio 2008)
  • Maggior numero di stoppate in una partita: 6 (3 volte)
  • Maggior numero di palle recuperate in una partita: 4 (2 volte)
  • Maggior numero di minuti giocati in una partita: 52 (New Jersey Nets-Toronto Raptors, 5 marzo 2011)

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

[33]

  • Maggior numero di punti in una partita: 36 (Italia-Lettonia, 2 settembre 2011)
  • Maggior numero di rimbalzi in una partita: 13 (Italia-Lettonia, 20 agosto 2010)
  • Maggior numero di assist in una partita: 2 (2 volte)
  • Maggior numero di stoppate in una partita: 4 (2 volte)
  • Maggior numero di palle recuperate in una partita: 3 (3 volte)
  • Maggior numero di minuti giocati in una partita: 34 (Italia-Turchia, 10 settembre 2007)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d (EN) NBA.com: Andrea Bargnani, NBA.com. URL consultato il 24 novembre 2008.
  2. ^ Andrea Bargnani sul sito della federazione Italiana Pallacanestro, fip.it. URL consultato il 17 dicembre 2015.
  3. ^ (EN) NBA.com: Draft 2006, nba.com. URL consultato il 28 giugno 2006.
  4. ^ Treviso lancia Bargnani: a 19 anni studia da Nowitzki, archiviostorico.gazzetta.it, 22 settembre 2004. URL consultato il 30 settembre 2008.
  5. ^ (EN) Scheda su DraftExpress.com, draftexpress.com. URL consultato il 30 settembre 2008.
  6. ^ (EN) Scheda su NBADraft.net, nbadraft.net. URL consultato il 30 settembre 2008.
  7. ^ (EN) Rising Star Trophy winner: Andrea Bargnani, Benetton!, 217.13.116.51, 24 aprile 2006. URL consultato il 30 settembre 2008.
  8. ^ Bargnani stella dell' Nba 'Ambasciatore romano', in la Repubblica, 26 luglio 2006.
  9. ^ (EN) A Moment with Il Mago, nba.com, 21 marzo 2007. URL consultato il 09-10-2008.
  10. ^ (EN) Tabellino del match su NBA.com, nba.com. URL consultato il 29-09-2008.
  11. ^ Bargnani fa volare Toronto, gazzetta.it, 14 dicembre 2006. URL consultato il 09-10-2008.
  12. ^ (EN) Raptors Post Up, nba.com, 17 dicembre 2006. URL consultato il 29-09-2008.
  13. ^ (EN) Bargnani Named Eastern Conference Rookie of the Month, nba.com, 1º febbraio 2007. URL consultato il 29-09-2008.
  14. ^ a b (EN) No. 1 Draft Picks Bargnani and Bogut Head Selections For 2007 T-Mobile Rookie Challenge & Youth Jam, nba.com. URL consultato il 30-09-2008.
  15. ^ (EN) Tabellino del match su NBA.com, nba.com. URL consultato il 09-10-2008.
  16. ^ (EN) Bargnani Named NBA Eastern Conference Rookie of the Month, nba.com, 1º marzo 2007. URL consultato il 29-09-2008.
  17. ^ L'appendicite stoppa Bargnani, gazzetta.it, 21 marzo 2007. URL consultato il 1-10-2008.
  18. ^ a b c d (EN) Statistiche, nba.com. URL consultato il 31 dicembre 2013.
  19. ^ Brandon Roy batte Bargnani, gazzetta.it, 5 maggio 2007. URL consultato il 30-09-2008.
  20. ^ (EN) Tabellino del match su NBA.com, nba.com. URL consultato il 09-10-2008.
  21. ^ (EN) Tabellino del match su NBA.com, nba.com. URL consultato il 03-02-2010.
  22. ^ NBA Live 08, recensioni-videogiochi.dvd.it. URL consultato il 28-09-2008.
  23. ^ (EN) EA Sports puts Spurs' Parker on its cover, bizjournals.com. URL consultato il 28 settembre 2008.
  24. ^ (EN) Tabellino del match su NBA.com, nba.com. URL consultato il 03-02-2010.
  25. ^ Nets and Raptors to make history in London
  26. ^ Mago record, ma vince il Gallo Belinelli mai così bene nel 2010, gazzetta.it, 9 dicembre 2010. URL consultato il 09-12-2010.
  27. ^ Tor Vergata consegna ad Andrea Bargnani 'Premio Speciale Etica nello Sport', notizia tratta dal sito ControCampus.it
  28. ^ Gazzetta dello Sport, infortunio Bargnani, gazzetta.it.
  29. ^ Corriere dello Sport, rientro Bargnani, corrieredellosport.it.
  30. ^ Gazzetta dello Sport, secondo infortunio Bargnani, gazzetta.it.
  31. ^ leggo.it, Bargnani stagione finita, leggo.it.
  32. ^ raptors.com
  33. ^ a b (EN) Scheda su fibaeurope.com - sezione "Season and career highs"
  34. ^ Statistiche su legabasket.it, web.legabasket.it. URL consultato il 27 agosto 2010.
  35. ^ Ufficio Stampa FIP, Trofeo Gianatti – L'Italia batte la Svezia 85-49. Azzurri belli e concreti, in FIP.it, 16 luglio 2009. URL consultato il 12 luglio 2010.
  36. ^ Ufficio Stampa FIP, Trofeo Gianatti. Italia-Senegal 67-63. Gli azzurri domano i Leoni d'Africa, in FIP.it, 17 luglio 2009. URL consultato il 12 luglio 2010.
  37. ^ Ufficio Stampa FIP, Trofeo Gianatti. Italia-Repubblica Ceca 89-97. I cechi chiudono al primo posto, in FIP.it, 18 luglio 2009. URL consultato il 12 luglio 2010.
  38. ^ Ufficio Stampa FIP, Trentino Cup. Italia-Canada 91-69, in FIP.it, 25 luglio 2009. URL consultato il 12 luglio 2010.
  39. ^ Ufficio Stampa FIP, Trento. L'Italia batte il Portogallo 83-72 e si aggiudica la Trentino Cup, in FIP.it, 27 luglio 2009. URL consultato il 12 luglio 2010.
  40. ^ Ufficio Stampa FIP, Italia-Canada 81-75. Una festa guastata da una rissa, in FIP.it, 1° agosto 2009. URL consultato il 12 luglio 2010.
  41. ^ Ufficio Stampa FIP, Additional Qualifying Round. Italia-Francia 77-80 d1ts, in FIP.it, 05 agosto 2009. URL consultato il 12 luglio 2010.
  42. ^ Ufficio Stampa FIP, Additional Qualifying Round. Finlandia-Italia 75-77, in FIP.it, 11 agosto 2009. URL consultato il 12 luglio 2010.
  43. ^ Ufficio Stampa FIP, Additional Qualifying Round. Francia-Italia 81-61, in FIP.it, 14 agosto 2009. URL consultato il 12 luglio 2010.
  44. ^ Ufficio Stampa FIP, Additional Qualifying Round. Italia-Finlandia 89-95, in FIP.it, 20 agosto 2009. URL consultato il 12 luglio 2010.
  45. ^ Ufficio Stampa FIP, Trofeo Mandela Forum. Italia-Macedonia 83-60. Pianigiani: “Bene in attacco e in difesa. Siamo fiduciosi”, in FIP.it, 16 luglio 2010. URL consultato il 20 luglio 2010.
  46. ^ Ufficio Stampa FIP, Trofeo Mandela Forum. Italia-Polonia 88-76. Pianigiani: “Questo è il modo in cui si cresce”, in FIP.it, 17 luglio 2010. URL consultato il 20 luglio 2010.
  47. ^ Ufficio Stampa FIP, Trofeo Mandela Forum. Italia-Bulgaria 83-84. Pianigiani: “Complessivamente contento per la voglia dimostrata da questo gruppo”, in FIP.it, 18 luglio 2010. URL consultato il 20 luglio 2010.
  48. ^ Ufficio Stampa FIP, Parenzo. Croazia-Italia 89-72. Domenica alle 20,30 la seconda gara., in FIP.it, 24 luglio 2010. URL consultato il 25 agosto 2010.
  49. ^ Ufficio Stampa FIP, Pola. Croazia-Italia 80-71, in FIP.it, 25 luglio 2010. URL consultato il 25 agosto 2010.
  50. ^ Ufficio Stampa FIP, Qualificazione Eurobasket Finlandia 2011. Italia-Israele 71-79. Pianigiani: "Siamo dispiaciuti. A questi livelli non è permesso sbagliare”, in FIP.it, 02 agosto 2010. URL consultato il 25 agosto 2010.
  51. ^ Ufficio Stampa FIP, Qualificazioni EuroBasket 2011: Riga, Lettonia-Italia 69-68, in FIP.it, 05 agosto 2010. URL consultato il 25 agosto 2010.
  52. ^ Ufficio Stampa FIP, Qualificazioni Eurobasket 2011. Italia-Finlandia 82-73. Pianigiani: “Cominciamo ad essere quello che dobbiamo essere”, in FIP.it, 08 agosto 2010. URL consultato il 25 agosto 2010.
  53. ^ Ufficio Stampa FIP, Qualificazioni Eurobasket 2011. Montenegro-Italia 71-62, in FIP.it, 11 agosto 2010. URL consultato il 25 agosto 2010.
  54. ^ Ufficio Stampa FIP, Qualificazioni Eurobasket 2011. Israele-Italia 76-81. Pianigiani: “Una grande partita”, in FIP.it, 17 agosto 2010. URL consultato il 25 agosto 2010.
  55. ^ Ufficio Stampa FIP, Qualificazioni Eurobasket 2011. Italia-Lettonia 109-93. Pianigiani: “Partita eccellente giocata insieme”, in FIP.it, 20 agosto 2010. URL consultato il 25 agosto 2010.
  56. ^ Ufficio Stampa FIP, Qualificazione Eurobasket 2011. Finlandia-Italia 83-85 (sintesi differita Rai 3 dalle 16,30). Pianigiani: "Contento per questa vittoria", in FIP.it, 23 agosto 2010. URL consultato il 25 agosto 2010.
  57. ^ Ufficio Stampa FIP, Qualificazioni Eurobasket 2011. Italia-Montenegro 72-71. Pianigiani: "Partita di alto livello. I risultati di quest'anno sono entusiasmo per l'anno prossimo", in FIP.it, 26 agosto 2010. URL consultato il 27 agosto 2010.
  58. ^ Ufficio Stampa FIP, Cipro. European Basketball Tour. Italia-Grecia 70-76. Sabato Italia-Russia alle 17.30, in FIP.it, 5 agosto 2011. URL consultato il 17 dicembre 2015.
  59. ^ Ufficio Stampa FIP, Cipro. European Basketball Tour. Italia-Russia 71-67. Domenica Italia-Polonia alle 20.45, in FIP.it, 6 agosto 2011. URL consultato il 17 dicembre 2015.
  60. ^ Ufficio Stampa FIP, Cipro. European Basketball Tour. Italia-Polonia 88-72, in FIP.it, 7 agosto 2011. URL consultato il 17 dicembre 2015.
  61. ^ Ufficio Stampa FIP, Trofeo Tassoni. Italia-Bosnia 57-58. Pianigiani: “È stato un allenamento importante, ci servono gare così”, in FIP.it, 12 agosto 2011. URL consultato il 17 dicembre 2015.
  62. ^ Ufficio Stampa FIP, Torneo Tassoni. Italia-Polonia 67-61. Pianigiani: “Molte cose positive ma dobbiamo ancora migliorare qualcosa”, in FIP.it, 13 agosto 2011. URL consultato il 17 dicembre 2015.
  63. ^ Ufficio Stampa FIP, Trofeo Tassoni. Italia-Grecia 82-73. Pianigiani: “Una grande soddisfazione. Abbiamo dimostrato un ottimo spirito”, in FIP.it, 14 agosto 2011. URL consultato il 17 dicembre 2015.
  64. ^ Ufficio Stampa FIP, Atene. Torneo dell'Acropolis. Italia-Bulgaria 74-71, in FIP.it, 23 agosto 2011. URL consultato il 17 dicembre 2015.
  65. ^ Career highs su legabasket.it
  66. ^ (EN) Statistiche su euroleague.net

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]