Ronnie Brewer

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ronnie Brewer
Ronnie Brewer.jpg
Brewer al tiro con la maglia dei Chicago Bulls
Dati biografici
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Altezza 201 cm
Peso 107 kg
Pallacanestro Basketball pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Guardia
Squadra Chicago Bulls Chicago Bulls
Carriera
Giovanili

2003-2006
Fayetteville High School
Ark. Razorbacks Ark. Razorbacks
Squadre di club
2006-2010 Utah Jazz Utah Jazz 266
2010 Memphis Grizzlies Memphis Grizzlies 5
2010-2012 Chicago Bulls Chicago Bulls 147
2012-2013 New York Knicks New York Knicks 46
2013 Oklahoma Thunder Oklahoma Thunder 14
2013-2014 Houston Rockets Houston Rockets 23
2014- Chicago Bulls Chicago Bulls
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 21 febbraio 2014

Ronnie Brewer (Portland, 20 marzo 1985) è un cestista statunitense. È il figlio di Ron Brewer.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Università[modifica | modifica sorgente]

Frequenta l'Università dell'Arkansas, dopo aver frequentato la Fayetteville High School, sempre in Arkansas. Le sue medie universitarie sono molto positive, poiché vedono 18,4 punti, 4,8 rimbalzi, 3,3 assist, 2,6 rubate e 0,5 stoppate; inoltre, tira 51/151 da dietro l'arco e con il 75% dalla lunetta.

NBA[modifica | modifica sorgente]

Viene selezionato con la 14esima scelta assoluta al Draft NBA 2006 dagli Utah Jazz. Nella sua stagione da rookie non trova molto spazio a livello di minutaggio con 12 minuti di media in 56 partite, 14 delle quali giocate partendo nel quintetto base. La stagione successiva, grazie ad una pre-season eccezionale, si guadagna il posto come guardia tiratrice titolare, nonostante la concorrenza di Kyle Korver (che approderà nel corso della stagione nello Utah), Morris Almond e C.J. Miles. Viste le sue notevoli prestazioni, viene inserito nella squadra dei sophomores per il Rookie Challenge, in occasione dell'NBA All-Star Weekend 2008.

Il 18 febbraio 2010 viene ceduto ai Memphis Grizzlies per una prima scelta futura.

Il 19 luglio 2010 firma per i Chicago Bulls.

Il 25 luglio 2012 passa ai New York Knicks.

Il 21 febbraio 2013 viene ceduto agli Oklahoma City Thunder in cambio di una seconda scelta al draft NBA 2014.

Il 28 agosto 2013 si accorda per giocare negli Houston Rockets, che però lo tagliano in data 21 febbraio 2014.

Il 7 aprile 2014 torna ai Chicago Bulls, che lo mettono sotto contratto fino al termine della stagione.

Statistiche NBA[modifica | modifica sorgente]

Statistiche aggiornate al 3 luglio 2008[1]

Regular season[modifica | modifica sorgente]

Anno Squadra GP GS MPG FG% 3P% FT% RPG APG SPG BPG PPG
2006-07 Utah 56 14 12,1 52,8 0,0 67,5 1,3 0,4 0,7 0,1 4,6
2007-08 Utah 76 76 27,5 55,8 22,0 75,9 2,9 1,8 1,7 0,2 12,0
Carriera 132 90 20,9 55,1 18,6 73,8 2,2 1,2 1,3 0,1 8,9

Play-off[modifica | modifica sorgente]

Anno Squadra GP GS MPG FG% 3P% FT% RPG APG SPG BPG PPG
2006-07 Utah 8 0 5,1 60,0 0,0 53,8 0,8 0,3 0,1 0,0 2,4
2007-08 Utah 12 12 25,4 52,0 16,7 76,0 3,2 1,6 1,0 0,3 10,2
Carriera 20 12 17,3 52,8 16,7 68,4 2,2 1,1 0,6 0,2 7,1
Legenda
  GP Partite giocate   GS  Partite iniziate  MPG  Minuti a partita
 FG%  Percentuale tiri a canestro  3P%  Percentuale tiri da 3  FT%  Percentuale tiri liberi
 RPG  Rimbalzi a partita  APG  Assist a partita  SPG  Rubate a partita
 BPG  Stoppate a partita  PPG  Punti a partita  Grassetto  Career high

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

  • Ronnie Brewer è famoso per il suo non propriamente ortodosso stile di tiro, dovuto ad un infortunio patito da bambino mentre andava su uno scivolo ad acqua.[2] La tipologia del suo tiro ricorda quella di un'altra stella NBA, Shawn Marion.
  • Ronnie Brewer è cugino di primo grado del rapper americano Guilty Simpson, il quale fa riferimento a Brewer nella canzone "The Future".[3]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Statistiche su NBA.com
  2. ^ (EN) Pre-Draft Workouts Resume in Waltham with Brewer | Celtics.com, NBA.com, 17-05-06. URL consultato il 31-07-08.
  3. ^ (EN) imjustlikemusiq, Guilty Simpson - "Ode To The Guetto", InsideHoops.com, 20-03-08. URL consultato il 31-07-08.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]