Charles Barkley

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Charles Barkley
Charles Barkley representing the 1992 Dream Team.jpg
Charles Barkley nel 2010
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Altezza 198 cm
Peso 114 kg
Pallacanestro Basketball pictogram.svg
Ruolo Ala grande
Ritirato 2000
Hall of fame Naismith Hall of Fame (2006)
Carriera
Giovanili
Leeds High School
1981-1984Auburn Tigers
Squadre di club
1984-1992Philadelphia 76ers610 (14.184)
1992-1996Phoenix Suns280 (6.556)
1996-2000Houston Rockets183 (3.017)
Nazionale
1983-1996Stati Uniti Stati Uniti
Palmarès
Olympic flag.svg Olimpiadi
Oro Barcellona 1992
Oro Atlanta 1996
Transparent.png Campionati americani
Oro Stati Uniti 1992
FISU International University Sport Federation.svg Universiadi
Bronzo Edmonton 1983
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Charles Wade Barkley (Leeds, 20 febbraio 1963) è un ex cestista statunitense, di ruolo ala grande. Lavora in televisione come analista sportivo. Conduce il programma "Inside the NBA" insieme agli ex giocatori Shaquille O'Neal, Kenny Smith e al giornalista Ernie Johnson Jr.[1]

Soprannominato Sir Charles, nel 1997 è stato inserito dalla NBA nella lista dei 50 giocatori più forti di tutti i tempi, mentre nel 2006 è stato introdotto nella Basketball Hall of Fame.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

College[modifica | modifica wikitesto]

Barkley ha giocato al college per l'università di Auburn. Ad Auburn giocò principalmente come centro, sebbene la sua altezza, circa 195 centimetri,[2] fosse inferiore alla media dei pari ruolo.[3] All'inizio della sua carriera, Barkley aveva problemi di peso: durante la sua permanenza al college, superava i 135 kg. Il soprannome The Round Mound of Rebound[2] (letteralmente, "la tonda collina del rimbalzo") riporta ai giorni della sua permanenza ad Auburn, dove divenne famoso per essersi fatto recapitare una pizza mentre sedeva in panchina durante una gara di regular season.

NBA[modifica | modifica wikitesto]

Philadelphia 76ers[modifica | modifica wikitesto]

Charles Barkley prima di un tiro libero con la maglia dei 76ers

Barkley esordì in NBA nel 1984 con i Philadelphia 76ers, diventando in breve tempo il leader della propria squadra, che guidò ai playoff ogni anno fino alla sua cessione ai Phoenix Suns, nel 1992. Con i 76ers ebbe una media di 24,3 punti a partita.

Anche questa volta, Barkley divenne in breve tempo un simbolo della squadra, ed è stato uno dei pochi giocatori NBA ad aver figurato tra i pupazzi della Starting Lineup della Kenner. Ma Barkley venne anche coinvolto in alcuni piccoli scandali, tra i quali la nota rissa con il centro dei Detroit Pistons Bill Laimbeer, nel 1990.

Phoenix Suns[modifica | modifica wikitesto]

Barkley divenne una parte vitale dei Suns, risultando uno dei protagonisti della stagione 1992-93, che vedono la formazione arrivare alle finali, dove Barkley mette a segno una media di 25 punti a partita e riceve il premio di MVP della regular season, diventando uno dei giocatori più popolari di sempre per la tifoseria del suo team. Alle NBA Finals, Barkley ed i Suns devono arrendersi a Michael Jordan ed i suoi Chicago Bulls, tra i quali vi è un altro compagno di Dream Team, Scottie Pippen, in sei partite (4-2), nonostante Barkley avesse raccontato all'amico Jordan che era destino che i Suns vincessero il titolo. Fu la sua prima ed ultima apparizione alle finali.

Nel 1994 fu ancora una volta protagonista della stagione di Phoenix, che perse nelle semifinali della Western Conference in 7 partite dai futuri campioni degli Houston Rockets. Nel 1995 la storia si ripeté come l'anno precedente nei play-off, e nel 1996 Barkley ed i Suns ottennero un mediocre record di 41 vittorie e 41 sconfitte nella regular season.

Houston Rockets[modifica | modifica wikitesto]

Gli Houston Rockets, reduci da una bruciante eliminazione nei playoff '96 per mano di Seattle, ritennero necessario rafforzare la squadra soprattutto dentro l'area, e individuarono in Barkley l'uomo giusto. I Rockets cedettero ai Suns ben quattro giocatori (Robert Horry, Sam Cassell, Chucky Brown e Mark Bryant) per averlo. Quando l'affare andò in porto, Houston venne subito indicata dagli addetti ai lavori come una delle più credibili pretendenti al titolo NBA: poteva infatti schierare contemporaneamente tre fra i più grandi giocatori degli anni ottanta e novanta Hakeem "The Dream" Olajuwon, Clyde "The Glide" Drexler e appunto "Sir" Charles Barkley. Ma come membro della squadra texana, Barkley ha sofferto spesso di infortuni, soprattutto alla schiena, che lo hanno portato al ritiro nel 2000.

Nonostante i problemi fisici, però, Sir Charles ha comunque ricoperto un ruolo importante nei Rockets: nel suo primo anno a Houston ha infatti messo a segno 19,2 punti e catturato 13,5 rimbalzi a partita, arrivando con la squadra del Texas ad un passo dalla finalissima (Houston venne sconfitta in finale di conference dagli Utah Jazz). La sua ultima stagione nella NBA lo ha visto mettere a segno 14 punti a partita per 19 gare, prima di infortunarsi gravemente al tendine del quadricipite destro l'8 dicembre 1999 durante un match di stagione regolare contro i Philadelphia 76ers, proprio la squadra con cui aveva vissuto i primi otto anni della sua lunga carriera. Carriera che sembrava essere finita sullo stesso campo sul quale era iniziata: i medici infatti gli dissero che non sarebbe mai più stato in grado di giocare. Quattro mesi dopo però Barkley si ripresentò sul parquet, davanti ai suoi tifosi, segnando un canestro, il 19 aprile 2000 contro i Vancouver Grizzlies. Subito dopo questa partita, annunciò il suo ritiro.

Barkley è uno dei pochi vincitori del premio come MVP dell'anno a non aver mai vinto l'anello della NBA. La sua maglia numero 34 è stata ritirata dagli Auburn Tigers, dai Philadelphia 76ers e dai Phoenix Suns.

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1984 viene escluso dalla squadra per le Olimpiadi di Los Angeles da Bob Knight dopo aver fatto un sarcastico apprezzamento sulle scarpe del coach durante un allenamento.

Nel 1992 viene scelto per partecipare alle Olimpiadi di Barcellona 1992, dove si tiene la prima apparizione di giocatori professionisti della NBA ai Giochi olimpici, come membro del "Dream Team" originale, probabilmente la formazione di basket più forte di tutti i tempi, assieme ad altri grandi campioni quali Michael Jordan, Magic Johnson, Larry Bird, vincendo la medaglia d'oro.

Nel 1996 bissa l'oro olimpico alle Olimpiadi di Atlanta 1996. Come nel 1992, Barkley si conferma primo marcatore e rimbalzista della squadra americana con 12,4 punti e 6,6 rimbalzi a partita; inoltre, con un notevole 81,6% al tiro, stabilisce un nuovo record olimpico.

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Legenda
  PG Partite giocate   PT  Partite da titolare  MP  Minuti a partita
 TC%  Percentuale tiri dal campo a segno  3P%  Percentuale tiri da tre punti a segno  TL%  Percentuale tiri liberi a segno
 RP  Rimbalzi a partita  AP  Assist a partita  PRP  Palle rubate a partita
 SP  Stoppate a partita  PP  Punti a partita  Grassetto  Career high
* Primo nella lega

Durante la sua carriera nella NBA, Barkley ha totalizzato in regular season 23.757 punti, per una media di 22,1 punti a partita, e 12.546 rimbalzi, per la media di 11,7 per partita. Ai playoff ha mantenuto una media di 23,0 punti e 12,9 rimbalzi.

È stato selezionato ben 11 volte per l'NBA All-Star Game, ma ha partecipato a sole 9 edizioni: nel 1994 e nel 1997 ha dovuto infatti rinunciare per infortunio.

NCAA[modifica | modifica wikitesto]

Anno Squadra PG PT MP TC% 3P% TL% RP AP PRP SP PP
1981-1982 Auburn Tigers 28 - 26,6 59,5 - 63,6 9,8 1,1 0,5 1,8 12,7
1982-1983 Auburn Tigers 28 - 27,9 64,4 - 63,1 9,5 1,8 1,1 1,6 14,4
1983-1984 Auburn Tigers 28 - 28,4 63,8 - 68,3 9,5 2,1 1,1 1,8 15,1
Carriera 84 - 27,6 62,6 - 65,2 9,6 1,6 0,9 1,7 14,1

NBA[modifica | modifica wikitesto]

Regular season[modifica | modifica wikitesto]

Anno Squadra PG PT MP TC% 3P% TL% RP AP PRP SP PP
1984-1985 Philadelphia 76ers 82 60 28,6 54,5 16,7 73,3 8,6 1,9 1,2 1,0 14,0
1985-1986 Philadelphia 76ers 80 80 36,9 57,2 22,7 68,5 12,8 3,9 2,2 1,6 20,0
1986-1987 Philadelphia 76ers 68 62 40,3 59,4 20,2 76,1 14,6* 4,9 1,8 1,5 23,0
1987-1988 Philadelphia 76ers 80 80 39,6 58,7 28,0 75,1 11,9 3,2 1,3 1,3 28,3
1988-1989 Philadelphia 76ers 79 79 39,1 57,9 21,6 75,3 12,5 4,1 1,6 0,9 25,8
1989-1990 Philadelphia 76ers 79 79 39,1 60,0 21,7 74,9 11,5 3,9 1,9 0,6 25,2
1990-1991 Philadelphia 76ers 67 67 37,3 57,0 28,4 72,2 10,1 4,2 1,6 0,5 27,6
1991-1992 Philadelphia 76ers 75 75 38,4 55,2 23,4 69,5 11,1 4,1 1,8 0,6 23,1
1992-1993 Phoenix Suns 76 76 37,6 52,0 30,5 76,5 12,2 5,1 1,6 1,0 25,6
1993-1994 Phoenix Suns 65 65 35,4 49,5 27,0 70,4 11,2 4,6 1,6 0,6 21,6
1994-1995 Phoenix Suns 68 68 35,0 48,6 33,8 74,8 11,1 4,1 1,6 0,7 23,0
1995-1996 Phoenix Suns 71 71 37,1 50,0 28,0 77,7 11,6 3,7 1,6 0,8 23,2
1996-1997 Houston Rockets 53 53 37,9 48,4 28,3 69,4 13,5 4,7 1,3 0,5 19,2
1997-1998 Houston Rockets 68 41 33,0 48,5 21,4 74,6 11,7 3,2 1,0 0,4 15,2
1998-1999 Houston Rockets 42 40 36,3 47,8 16,0 71,9 12,3 4,6 1,0 0,3 16,1
1999-2000 Houston Rockets 20 18 31,0 47,7 23,1 64,5 10,5 3,2 0,7 0,2 14,5
Carriera 1073 1012 36,7 54,1 26,6 73,5 11,7 3,9 1,5 0,8 22,1
All-Star 11 7 23,2 49,5 25,0 62,5 6,7 1,8 1,3 0,4 12,6

Playoffs[modifica | modifica wikitesto]

Anno Squadra PG PT MP TC% 3P% TL% RP AP PRP SP PP
1985 Philadelphia 76ers 13 2 31,4 54,0 66,7 73,3 11,1 2,0 1,8 1,2 14,9
1986 Philadelphia 76ers 12 12 41,4 57,8 6,7 69,5 15,8* 5,6 2,3 1,3 25,0
1987 Philadelphia 76ers 5 5 42,0 57,3 12,5 80,0 12,6 2,4 0,8 1,6 24,6
1989 Philadelphia 76ers 3 3 45,0 64,4 20,0 71,0 11,7 5,3 1,7 0,7 27,0
1990 Philadelphia 76ers 10 10 41,9 54,3 33,3 60,2 15,5* 4,3 0,8 0,7 24,7
1991 Philadelphia 76ers 8 8 40,8 59,2 10,0 65,3 10,5 6,0 1,9 0,4 24,9
1993 Phoenix Suns 24 24 42,8 47,7 22,2 77,1 13,6 4,3 1,6 1,0 26,6
1994 Phoenix Suns 10 10 42,5 50,9 35,0 76,4 13,0 4,8 2,5* 0,9 27,6
1995 Phoenix Suns 10 10 39,0 50,0 25,7 73,3 13,4 3,2 1,3 1,1 25,7
1996 Phoenix Suns 4 4 41,0 44,3 25,0 78,7 13,5 3,8 1,0 1,0 25,5
1997 Houston Rockets 16 16 37,8 43,4 28,9 76,9 12,0 3,4 1,2 0,4 17,9
1998 Houston Rockets 4 0 21,8 52,2 0,0 57,1 5,3 1,0 1,3 0,0 9,0
1999 Houston Rockets 4 4 39,3 52,9 28,6 66,7 13,8 3,8 1,5 0,5 23,5
Carriera 123 108 39,4 51,3 25,5 71,7 12,9 3,9 1,6 0,9 23,0

Massimi in carriera[modifica | modifica wikitesto]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

1984-85
1985-86, 1986-87, 1987-88, 1988-89, 1989-90, 1990-91, 1991-92, 1992-93, 1993-94, 1994-95, 1995-96
1987, 1988, 1989, 1990, 1991, 1992, 1993, 1994, 1995, 1996, 1997
1991
1992-93
Barcellona 1992, Atlanta 1996
Stati Uniti d'America 1992

Fuori dal campo[modifica | modifica wikitesto]

È comparso, nei panni di se stesso, nei film Senti chi parla adesso! e Space Jam, oltre che nelle serie TV Suits e Modern Family. È stata realizzata una sua parodia nella hack rom Pokemon Clover chiamata Barbarkley

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Inside the NBA. URL consultato il 22 ottobre 2018.
  2. ^ a b NBA.com.
  3. ^ (EN) Noah Liberman, When Height Becomes a Tall Tale, su nytimes.com, 22 giugno 2008. URL consultato il 10 luglio 2017.
  4. ^ Charles Barkley - NBA Career Bests, su basketball.realgm.com. URL consultato il 14 giugno 2020.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN117908688 · ISNI (EN0000 0000 8330 4069 · LCCN (ENn91103782 · NDL (ENJA00511889 · WorldCat Identities (ENlccn-n91103782