Mannie Jackson

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Mannie Jackson
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Altezza 191 cm
Peso 79 kg
Pallacanestro Basketball pictogram.svg
Ruolo Guardia
Ritirato 1964
Hall of fame Naismith Hall of Fame (2017)
Carriera
Giovanili
Edwardsville High School
1956-1960Illinois Fighting Illini
Squadre di club
1960-1961New York Tapers
1962-1964H. Globetrotters
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Mannie Jackson (Scott City, 4 maggio 1939) è un ex cestista e imprenditore statunitense, dal 2017 fra i membri del Naismith Memorial Basketball Hall of Fame in qualità di contributore.

Jackson è stato il primo Afroamericano con proprietà e controllo di un'organizzazione di intrattenimento e sport internazionale; è stato altamente riconosciuto durante la sua carriera, includendo un riconoscimento come uno dei 30 dirigenti d'azienda di Afroamericani più potenti ed influenti, uno dei 50 migliori strateghi a livello nazionale, e uno dei 20 imprenditori Afroamericani con high net worth.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver giocato a livello universitario nella squadra dell'Università dell'Illinois a Urbana-Champaign, ha poi giocato a livello professionistico nei New York Tapers in National Industrial Basketball League. Dal 1962 al 1964 ha militato negli Harlem Globetrotters. Terminata l'esperienza da giocatore, ha studiato economia e successivamente ha lavorato presso la General Motors e la Honeywell, divenendo in breve un affermato manager.

Nel 1996, ha aiutato la fondazione dell'Executive Leadership Council, un gruppo di dirigenti d'azienda afroamericani in diversi campi che potessero interagire e creare forti legami tra di loro. Nel 1993, quando la popolarità degli Harlem Globetrotter stava iniziando a declinare, e il club rischiava la bancarotta, Jackson comprò la squadra per 6 milioni di dollari. Per riguadagnare i fan della squadra, Jackson sostituì molti giocatori vecchi con atleti più giovani, concentrandosi sulle loro abilità. Questa mossa si dimostrò vincente, aiutando gli Harlem Globetrotter a riguadagnare il proprio stato come uno dei club preferiti degli Stati Uniti. In totale, è riuscito a triplicare i guadagni della squadra in soli tre anni.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]