Dick Bavetta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Dick Bavetta
Dick Bavetta.jpg
Informazioni personali
Arbitro di Basketball pictogram.svg Pallacanestro
Nome Richard T. Bavetta
Federazione Stati Uniti NBRA
Attività nazionale
Anni Campionato Ruolo
1975 - 2014 NBA Arbitro

Richard T. "Dick" Bavetta (Brooklyn, 10 dicembre 1939) è un arbitro di pallacanestro statunitense.

È in attività in NBA fin dalla stagione 1975-76. Viene considerato il migliore arbitro ancora in attività, avendo diretto, all'inizio della stagione 2006-07, ben 2164 partite di regular season e 228 match di play-off, delle quali 24 erano finali. Nelle 32 stagioni della sua carriera, sempre vestendo l'uniforme numero 27, non è mai mancato ad una partita che gli era stata assegnata. Attualmente detiene inoltre il record della lega NBA per il numero di partite dirette.

Inizi della carriera[modifica | modifica wikitesto]

Ha prima frequentato la Power Memorial High School a New York City per poi laurearsi, nel 1962, al "Saint Francis College" di New York City. Durante il periodo trascorso al College, Bavetta fece parte della locale squadra di basket.

Iniziò la sua carriera spronato dal fratello Joe, che era già arbitro nell' American Basketball Association. Lavorando come broker per la "Solomon Brothers" (Bavetta ha conseguito anche un MBA in finanza), i primi match diretti da Bavetta furono quelli della Wall Street League giocati al "New York's Downtown Athletic Club". Successivamente ha diretto, per circa dieci anni, partite di high school; passando poi professionista nella Eastern Professional Basketball League (attualmente conosciuta come Continental Basketball Association) dove è rimasto per nove stagioni.

Bavetta è stato assunto dalla NBA nel 1975.

Carriera NBA[modifica | modifica wikitesto]

Nonostante la sua età, continua la carriera di arbitro. Per mantenersi in forma percorre dalle 5 alle 8 miglia al giorno ogni mattina.

Durante la stagione 2006-07 si è trovato ad arbitrare il match del 16 dicembre fra New York Knicks e Denver Nuggets, nel corso del quale è scoppiata una rissa che è costata 15 giornate di squalifica a Carmelo Anthony, ala dei Denver Nuggets.

In quella stagione, è da ricordare anche la gara di corsa contro Charles Barkley a cui ha preso parte per beneficenza durante l'All Star Weekend, perdendola dignitosamente con un distacco minimo nonostante il notevole scarto di età con il rivale e nonostante l'escoriazione subita al ginocchio destro gettandosi oltre la linea d'arrivo nel tentativo di oltrepassarla per primo.

Il 19 agosto 2014 la NBA ufficializza il suo ritiro.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]