Kareem Abdul-Jabbar

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Kareem Abdul-Jabbar
Kareem-Abdul-Jabbar Lipofsky.jpg
Jabbar in maglia Lakers effettua un gancio cielo, marcato da Robert Parish (sin.) e Kevin McHale
Dati biografici
Nome Ferdinand Lewis Alcindor jr.
Kareem Abdul-Jabbar
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Altezza 218 cm
Peso 121 kg
Pallacanestro Basketball pictogram.svg
Dati agonistici
Ruolo Centro
Allenatore
Ritirato 1989 - giocatore
2011 - allenatore
Hall of Fame Naismith Hall of Fame (1995)
Carriera
Giovanili

1965-1969
Power Memorial Academy
UCLA Bruins UCLA Bruins
Squadre di club
1969-1975 Milwaukee Bucks Milwaukee Bucks 467
1975-1989 Los Angeles Lakers Los Angeles Lakers 1093
Carriera da allenatore
2000 L. Angeles Clippers L. Angeles Clippers (vice)
2002 Oklahoma Storm Oklahoma Storm 17-13
2005-2011 Los Angeles Lakers Los Angeles Lakers (vice)
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Kareem Abdul-Jabbar, nato Ferdinand Lewis Alcindor jr. (New York, 16 aprile 1947), è un ex cestista e allenatore di pallacanestro statunitense, professionista nella NBA.

Alto 218 centimetri, giocava come centro. Con 38.387 punti è il primo realizzatore nella storia della NBA. Distintosi già nel suo periodo universitario; prima scelta NBA del 1969, si mise subito in evidenza per le qualità di marcatore, imponendo le sue doti fisiche e tecniche. Nel 1971 cambiò il suo nome in seguito alla conversione all'Islam.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica sorgente]

Kareem Abdul-Jabbar alla Casa Bianca nel 2006.
« Kareem da solo riesce a combinare molto bene le capacità nelle quali eccellevano Bill Russell e Wilt Chamberlain »
(Bob Cousy[1])

Dotato di un fisico molto possente (a 14 anni superava i 2 metri di altezza), era anche veloce ed estremamente tecnico: non si era mai visto un centro capace di segnare un gran numero di punti, essere molto efficace nei rimbalzi (media di circa 15 per partita), stoppare gli avversari con facilità, fornire assist con l'abilità di un playmaker, andare al tiro con ottima precisione, dimostrando inoltre una classe ed un'eleganza rare per un centro.[1]

Carriera[modifica | modifica sorgente]

High school e college[modifica | modifica sorgente]

Lew Alcindor guidò la "Power Memorial Academy" di Harlem a tre titoli del campionato "New York City Catholic" di fila, e ad un record incredibile di 71 vittorie consecutive.

Dopo il grande successo riscontrato al liceo, Lew Alcindor passò all'università, scegliendo la UCLA ("University of California, Los Angeles"), per la quale giocò dal 1967 al 1969, squadra allenata dal leggendario allenatore John Wooden. Durante le tre stagioni che passò all'università, la squadra della UCLA perse solamente 2 partite.

Proprio durante il periodo del giovane Alcindor a UCLA, la NCAA varò - per limitarne lo strapotere fisico - una regola (in seguito abolita) oggi inimmaginabile per uno sport spettacolare come la pallacanestro, ovvero l'abolizione della schiacciata. Tale discutibile decisione, anziché sfavorire il gigante di Harlem, gli consentì di affinare soluzioni d'attacco come il famoso gancio cielo (che diventerà il suo marchio di fabbrica) e di ricorrere sistematicamente alla stoppata come arma difensiva.

In quegli anni subì un piccolo infortunio all'occhio sinistro, un lieve danno alla retina, che lo costrinse da quel momento in poi a giocare con degli occhiali protettivi.

La conversione[modifica | modifica sorgente]

Nel 1964, mentre era ancora all'università, Lew Alcindor si convertì all'Islam, assumendo il nuovo nome arabo Kareem Abdul-Jabbar nel 1971.

Le maglie ritirate dai Los Angeles Lakers: la numero 33 è quella di Kareem Abdul-Jabbar

Il draft e l'NBA[modifica | modifica sorgente]

Nel 1969 fu la prima scelta nel draft della NBA. Dopo essersi laureato, Kareem Abdul-Jabbar passò a giocare con i Milwaukee Bucks dove vinse un titolo nella stagione 1970-1971 insieme a Oscar Robertson e, dal 1975, con i Los Angeles Lakers, dove raggiunse la consacrazione grazie anche alla presenza in squadra di un giocatore fenomenale come Magic Johnson. A Los Angeles vinse altri 5 titoli. Nell'arco della sua carriera venne eletto 6 volte miglior giocatore dell'anno.

Abdul-Jabbar è stato molto famoso per un suo tiro particolare, il cosiddetto gancio cielo (sky hook), praticamente impossibile da difendere e stoppare, supportato da un'incredibile atletismo e forma fisica. Si ritirò quarantaduenne, nel 1989, dopo ben 20 stagioni. Quando Kareem si ritirò, a 42 anni, chiuse la carriera con ben 38.387 punti: questo risultato lo rese il miglior marcatore di sempre nella NBA.

La sua maglia n.33 è stata ritirata sia dai Lakers che dai Bucks. Per onorare la sua grande carriera e i successi ottenuti, i Lakers hanno fatto costruire una statua in suo onore, che è stata esposta a partire dal 26 novembre 2012 a fianco di quella dedicata a Magic Johnson.[2]

Statistiche[modifica | modifica sorgente]

Regular season[modifica | modifica sorgente]

Stagione Squadra Campion. Partite Statistiche tiro Altre statistiche
Pres. Titol. Minuti Tiri da 2 Tiri da 3 Liberi Rimb. Assist Rubate Stopp. Punti
1969-1970 Stati Uniti Milwaukee Bucks NBA 82 3 534 938/1 810 485/743 1 190 337 2 361
1970-1971 Stati Uniti Milwaukee Bucks NBA 82 3 288 1 063/1 843 470/681 1 311 272 2 596
1971-1972 Stati Uniti Milwaukee Bucks NBA 81 3 583 1 159/2 019 504/732 1 346 370 2 822
1972-1973 Stati Uniti Milwaukee Bucks NBA 76 3 254 982/1 772 328/460 1 224 379 2 292
1973-1974 Stati Uniti Milwaukee Bucks NBA 81 3 548 948/1 759 295/420 1 178 386 112 283 2 191
1974-1975 Stati Uniti Milwaukee Bucks NBA 65 2 747 812/1 584 325/763 912 264 65 212 1 949
1975-1976 Stati Uniti Los Angeles Lakers NBA 82 3 379 914/1 728 447/636 1 383 413 119 338 2 275
1976-1977 Stati Uniti Los Angeles Lakers NBA 82 3 016 888/1 533 376/536 1 090 319 101 261 2 152
1977-1978 Stati Uniti Los Angeles Lakers NBA 62 2 265 663/1 205 274/350 801 269 103 185 1 600
1978-1979 Stati Uniti Los Angeles Lakers NBA 80 3 157 777/1 347 349/474 1 025 431 76 316 1 903
1979-1980 Stati Uniti Los Angeles Lakers NBA 82 3 143 835/1 383 0/1 364/476 886 371 81 280 2 034
1980-1981 Stati Uniti Los Angeles Lakers NBA 80 2 976 836/1 457 0/1 423/552 821 272 59 228 2 095
1981-1982 Stati Uniti Los Angeles Lakers NBA 76 76 2 677 753/1 301 0/3 312/442 659 225 63 207 1 818
1982-1983 Stati Uniti Los Angeles Lakers NBA 79 79 2 554 722/1 228 0/2 278/371 592 200 61 170 1 722
1983-1984 Stati Uniti Los Angeles Lakers NBA 80 80 2 622 716/1 238 0/1 285/394 587 211 55 143 1 717
1984-1985 Stati Uniti Los Angeles Lakers NBA 79 79 2 630 723/1 207 0/1 289/395 622 249 63 162 1 735
1985-1986 Stati Uniti Los Angeles Lakers NBA 79 79 2 629 755/1 338 0/2 336/439 478 280 67 130 1 846
1986-1987 Stati Uniti Los Angeles Lakers NBA 78 78 2 441 560/993 1/3 245/343 523 203 49 97 1 366
1987-1988 Stati Uniti Los Angeles Lakers NBA 80 80 2 308 480/903 0/1 205/269 478 135 48 92 1 165
1988-1989 Stati Uniti Los Angeles Lakers NBA 74 74 1 695 313/659 0/3 122/165 334 74 38 85 748
Totale carriera 1 560 625 57 446 15 837/28 307 1/18 6 712/9 304 17 440 5 660 1 160 3 189 38 387

Playoffs[modifica | modifica sorgente]

Stagione Squadra Campion. Partite Statistiche tiro Altre statistiche
Pres. Titol. Minuti Tiri da 2 Tiri da 3 Liberi Rimb. Assist Rubate Stopp. Punti
1970 Stati Uniti Milwaukee Bucks NBA 10 435 139/245 74/101 168 41 352
1971 Stati Uniti Milwaukee Bucks NBA 14 577 152/295 68/101 238 35 372
1972 Stati Uniti Milwaukee Bucks NBA 11 510 139/318 38/54 200 56 316
1973 Stati Uniti Milwaukee Bucks NBA 6 276 59/138 19/35 97 17 137
1974 Stati Uniti Milwaukee Bucks NBA 16 758 224/402 67/91 253 78 20 39 515
1977 Stati Uniti Los Angeles Lakers NBA 11 467 147/242 87/120 195 45 19 38 381
1978 Stati Uniti Los Angeles Lakers NBA 3 134 38/73 5/9 41 11 2 12 81
1979 Stati Uniti Los Angeles Lakers NBA 8 367 88/152 52/62 101 38 8 33 228
1980 Stati Uniti Los Angeles Lakers NBA 15 618 198/346 0/0 83/105 181 46 17 58 479
1981 Stati Uniti Los Angeles Lakers NBA 3 134 30/65 0/0 20/28 50 12 3 8 80
1982 Stati Uniti Los Angeles Lakers NBA 14 493 115/221 0/0 55/87 119 51 14 45 285
1983 Stati Uniti Los Angeles Lakers NBA 15 588 163/287 0/1 80/106 115 42 17 55 406
1984 Stati Uniti Los Angeles Lakers NBA 21 767 206/371 0/0 90/120 173 79 23 45 502
1985 Stati Uniti Los Angeles Lakers NBA 19 610 168/300 0/0 80/103 154 76 23 36 416
1986 Stati Uniti Los Angeles Lakers NBA 14 489 157/282 0/0 48/61 83 49 15 24 362
1987 Stati Uniti Los Angeles Lakers NBA 18 559 124/234 0/1 97/122 123 36 8 35 345
1988 Stati Uniti Los Angeles Lakers NBA 24 718 141/304 0/2 56/71 131 36 15 37 338
1989 Stati Uniti Los Angeles Lakers NBA 15 351 68/147 0/0 31/43 59 19 5 11 167
Totale carriera 237 8 851 2 356/4 422 0/4 1 050/1 419 2 481 767 189 476 5 762

Palmarès[modifica | modifica sorgente]

Club[modifica | modifica sorgente]

  • NBA Larry O'brien Trophy.jpg Titoli NBA: 6
Milwaukee Bucks: 1971
Los Angeles Lakers: 1980, 1982, 1985, 1987, 1988
UCLA Bruins: 1967, 1968, 1969

Riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

1971, 1972, 1974, 1976, 1977, 1980
1971, 1985
1971, 1972
  • Miglior rimbalzista NBA: 1
1976
  • Miglior stoppatore NBA: 4
1975, 1976, 1979, 1980
  • Migliore percentuale al tiro nell'NBA: 1
1977
1970
1970
1971, 1972, 1973, 1974, 1976, 1977, 1980, 1981, 1984, 1986
1970, 1978, 1979, 1983, 1985
1974, 1975, 1979, 1980, 1981
1970, 1971, 1976, 1977, 1978, 1984
dal 1970 al 1977 e dal 1979 al 1989
1967, 1968, 1969
  • NCAA AP Player of the Year: 2
1967, 1969
  • NCAA Naismith Men's College Player of the Year Award: 1
1969
  • NCAA AP All-America First Team: 3
1967, 1968, 1969

* tutti gli inserimenti avvenuti prima che fosse introdotto l'All-NBA Third Team

Allenatore[modifica | modifica sorgente]

Carriera nel cinema[modifica | modifica sorgente]

Giocare con i Los Angeles Lakers consentì ad Abdul-Jabbar di provare a recitare: nel 1980 prese parte, nel ruolo del co-pilota Roger Murdock, al film comico L'aereo più pazzo del mondo (Airplane!), ai quali si aggiungono numerose apparizioni in TV e telefilm (tra cui L'ombra dello scorpione).

Nel 1972 ha iniziato a girare Game of Death di Bruce Lee mai finito per la morte prematura del protagonista; il film poi è stato rimontato con le scene già girate e successivamente inserite anche nel documentario del 2001 Bruce Lee - La leggenda.

Nel 1994 ha recitato una piccola parte nel film Piccoli grandi eroi impersonando se stesso.

Carriera in TV[modifica | modifica sorgente]

Dopo il ritiro[modifica | modifica sorgente]

Ha partecipato ad una puntata dei telefilm Willy, il principe di Bel Air ,Scrubs (5x12) e New Girl. Ha scritto anche un libro, divenuto un best-seller, "Brothers In Arms", la storia di un battaglione composto unicamente da afro-americani durante la guerra.

lo scrittore Jim Carroll, compagno di squadra di Abdul-Jabbar ai tempi del liceo, lo cita nel suo libro autobiografico Jim entra nel campo da basket (The basketball diaries).

Durante la campagna per le primarie americane del Partito Democratico 2008, partecipa al video, Yes We Can, ideato da Will.i.am membro dei Black Eyed Peas, a favore del candidato Barack Obama.[3]

Nel 2009 nel corso di una conferenza stampa Abdul-Jabbar annuncia che, nel dicembre 2008, gli è stata diagnosticata una rarissima forma di leucemia, ora trattata con farmaci specifici. Kareem Abdul-Jabbar dichiarò di aver fatto la scelta di rendere pubblica la sua malattia, come l'ex compagno Magic, per dare voce e speranza a tutti i malati di leucemia. Il 4 febbraio 2011 Abdul-Jabbar ha dichiarato pubblicamente su Twitter di essere guarito dal male.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Kareem Abdul Jabbar - Sport anni settanta
  2. ^ (EN) Lakers to honor legendary big men Abdul-Jabbar and Shaq, NBA.com, 30 agosto 2012. URL consultato il 31 agosto 2012.
  3. ^ Yes We Can - Barack Obama Music Video. URL consultato il 09.04.2009.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 29741129 LCCN: n50034816