Gary Payton

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il figlio, anch'egli cestista, vedi Gary Payton (1992).
Gary Payton
Gary payton z.jpg
Payton nel 2005
Nome Gary Dwayne Payton
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Altezza 193 cm
Peso 82 kg
Pallacanestro Basketball pictogram.svg
Ruolo Playmaker
Ritirato 2007
Hall of fame Naismith Hall of Fame (2013)
Carriera
Giovanili
Skyline High School
1987-1990 Oregon St. Beavers
Squadre di club
1990-2003 Seattle S.Sonics 999 (18.207)
2003 Milwaukee Bucks 28 (550)
2003-2004 L.A. Lakers 82 (1.199)
2004-2005 Boston Celtics 77 (873)
2005-2007 Miami Heat 149 (984)
Nazionale
1989-2000 Stati Uniti Stati Uniti 34
Palmarès
Olympic flag.svg Olimpiadi
Oro Atlanta 1996
Oro Sydney 2000
Transparent.png Campionati Americani
Argento Messico 1989
Oro Porto Rico 1999
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Gary Dwayne Payton (Oakland, 23 luglio 1968) è un ex cestista statunitense, professionista nella NBA.

Dal 1990 al 2003 ha giocato nei Seattle SuperSonics, con i quali ha disputato la finale nel 1996. Dal 2013 fa parte del Naismith Memorial Basketball Hall of Fame.[1].

Nel 2006 ha vinto il titolo NBA con i Miami Heat.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Suo figlio Gary Payton II è anch'egli un cestista e gioca nei Milwaukee Bucks in NBA.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Eccellente difensore, è stato soprannominato The Glove ("il guanto") per la pressione che esercitava sul diretto avversario.[2]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

College[modifica | modifica wikitesto]

Gary Payton ha frequentato per quattro anni il college ad Oregon State, diventando il leader indiscusso della squadra, tanto da chiudere il suo ultimo anno all'università con 25,7 punti di media e 8,1 assist.

NBA[modifica | modifica wikitesto]

1990-2003: Seattle Supersonics[modifica | modifica wikitesto]

Venne scelto al numero 2 assoluto al Draft 1990 dai Seattle SuperSonics che avevano evidente bisogno di un playmaker. Il suo primo anno non fu eccezionale, ma gli valse il secondo quintetto ideale delle matricole. Grazie all'intesa con l'ala Shawn Kemp, scelto l'anno precedente al Draft proprio da Seattle, venivano costruite le basi per una squadra di alto livello. Nel campionato 1992-93 i Sonics arrivarono alla finale della Western Conference, perdendo per 4-3 coi Phoenix Suns. Ma nei due anni successivi arrivarono solo due precoci eliminazioni al primo turno pei play-off contro Denver Nuggets e Los Angeles Lakers. Nella stagione 1995-96 i Sonics ruppero il ghiaccio, e Payton, facendo valere il suo soprannome, datogli per le sue notevoli doti di difensore, vinse il premio di difensore dell'anno. La squadra arrivò in finale, dove venne battuta dai Chicago Bulls di Michael Jordan; nonostante la sconfitta, Payton si mise in luce per l'ottima marcatura che attuò su Jordan: il numero 23 dei Bulls fu costretto a tre prestazioni consecutive sotto i 30 punti, con una percentuale al tiro del 37%.[2]

Nei due anni successivi arrivarono solo due eliminazioni nelle semifinali di conference, e l'addio dato ai Sonics da parte di Kemp non migliorò certo la squadra, nonostante l'arrivo di Vin Baker. Gli anni successivi coincisero con le migliori stagioni di Payton come singolo ma con una mancanza di risultati di squadra soddisfacenti. A metà della stagione 2002-03 Payton fu scambiato ai Milwaukee Bucks insieme a Desmond Mason per Ray Allen e una futura prima scelta.

2003-2007: Bucks, Lakers, Celtics, Heat[modifica | modifica wikitesto]

Payton con la maglia degli Heat.

Il mezzo anno ai Bucks terminò con una eliminazione al primo turno. Nell'estate 2003 Payton andò a rinforzare il Dream Team dei Los Angeles Lakers con Karl Malone: entrambi i giocatori erano verso la fine di una carriera eccezionale ma mai coronata da un Anello e, raggiungendo Shaquille O'Neal e Kobe Bryant a LA, speravano di ottenerlo. La cavalcata dei favoritissimi Lakers terminò però in finale dove persero 4-1 con i Detroit Pistons; per Payton fu l'ennesima delusione data la mancata vittoria del titolo. L'anno dopo fu scambiato ai Boston Celtics, dove non riuscì ad ottenere niente di particolare. A metà stagione i Celtics lo cedettero agli Atlanta Hawks in uno scambio che riportò a Boston l'ex Antoine Walker. Payton però non giocò mai per gli Hawks, che lo tagliarono subito, e una settimana dopo averli lasciati, tornò ai Celtics. Nell'estate 2005 venne chiamato dall'ex compagno Shaquille O'Neal nei Miami Heat, dove riesce finalmente a vincere l'anello, partendo come cambio del playmaker titolare Jason Williams, ma giocando spesso i momenti decisivi delle partite; in particolare nella finale contro i Dallas Mavericks segnò il canestro decisivo negli ultimi secondi della partita sia in gara-3 sia in gara-5. Nel 2006-2007 firma per un anno al minimo salariale sempre per gli Heat dopo le sollecitazioni di Shaquille O'Neal. I campioni in carica vennero eliminati al primo turno dei play-off dai Chicago Bulls per 4-0.[3]

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Miami Heat: 2006
Primo quintetto: 1997-98, 1999-2000
Secondo quintetto: 1994-95, 1995-96, 1996-97, 1998-99, 2001-02
Terzo quintetto: 1993-94, 2000-01
Primo quintetto: 1993-94, 1994-95, 1995-96, 1996-97, 1997-98, 1998-99, 1999-2000, 2000-01, 2001-02

1994, 1995, 1996, 1997, 1998, 2000, 2001, 2002, 2003

Nazionale

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Regular season[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Squadra GP GS MPG RPG APG SPG BPG PPG
1990-91 Seattle S.Sonics 82 82 27,4 3,0 6,4 2,0 0,2 7,2
1991-92 81 79 31,5 3,6 6,2 1,8 0,3 9,4
1992-93 82 78 31,1 3,4 4,9 2,2 0,3 13,5
1993-94 82 82 35,1 3,3 6,0 2,3 0,2 16,5
1994-95 82 82 36,8 3,4 7,1 2,5 0,2 20,6
1995-96 81 81 39,0 4,2 7,5 2,9 0,2 19,3
1996-97 82 82 39,2 4,6 7,1 2,4 0,2 21,8
1997-98 82 82 38,4 4,6 8,3 2,3 0,2 19,2
1998-99 50 50 40,2 4,9 8,7 2,2 0,2 21,7
1999-00 82 82 41,8 6,5 8,9 1,9 0,2 24,2
2000-01 79 79 41,1 4,6 8,1 1,6 0,3 23,1
2001-02 82 82 40,3 4,8 9,0 1,6 0,3 22,1
2002-03 Seattle S.Sonics /

Milwaukee Bucks

80 80 40,1 4,2 8,3 1,8 0,3 20,4
2003-04 L.A. Lakers 82 82 34,5 4,2 5,5 1,2 0,2 14,6
2004-05 Boston Celtics 77 77 33,0 3,1 6,1 1,1 0,2 11,3
2005-06 Miami Heat 81 25 28.5 2,9 3,2 0,9 0,1 7,7
2006-07 Miami Heat 68 28 22,1 1,9 3,0 0,6 0,0 5,3
  • GP: partite giocate; GS: partite iniziate da titolare; MPG: minuti a partita; RPG: rimbalzi a partita; APG: assist a partita; SPG: palle rubate a partita; BPG: stoppate a partita; PPG: punti a partita.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Naismith Memorial Basketball Hall of Fame Announces Class of 2013, hoophall.com. URL consultato il 9 aprile 2013 (archiviato dall'url originale il 12 aprile 2013).
  2. ^ a b (EN) Why the 'Glove' fits in Hall of Fame, espn.com, 6 settembre 2013.
  3. ^ NBA.com: Bulls Sweep 2006 Champions, su www.nba.com. URL consultato il 14 aprile 2017.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]