Giannīs Antetokounmpo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Giannīs Antetokounmpo
Giannis Antetokounmpo (24845003687) (cropped).jpg
Antetokounmpo con la maglia dei Milwaukee Bucks nel 2018
Nazionalità Grecia Grecia
Altezza 211 cm
Peso 110 kg
Pallacanestro Basketball pictogram.svg
Ruolo Ala grande
Squadra Milwaukee Bucks
Carriera
Squadre di club
2012-2013Filathlitikos26 (242)
2013-Milwaukee Bucks476 (9.080)
Nazionale
2013Grecia Grecia U-20
2014-Grecia Grecia
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 15 novembre 2019

Giannīs Antetokounmpo (in greco Γιάννης Αντετοκούνμπο; Atene, 6 dicembre 1994) è un cestista greco, di origini nigeriane, selezionato come quindicesima scelta assoluta al Draft NBA 2013 dai Milwaukee Bucks.

È stato eletto MVP della stagione NBA 2018-2019, ha partecipato inoltre a tre NBA All-Star Game, rispettivamente nel 2017, 2018 e 2019.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

È fratello dei cestisti Thanasīs Antetokounmpo,[1] e Kōstas Antetokounmpo[2], oltre che di Alexandros Antetokounmpo. Giannīs è soprannominato "The Greek Freak"[3] e "The Human Alphabet".[4]

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Di ruolo ala grande, ma, all'occorrenza, è adattabile a guardia o a playmaker.[5] È dotato di un atletismo fuori dalla media e di un'ottima agilità in rapporto alla sua altezza.[5]

Destro naturale, gestisce ottimamente la palla anche con la mano mancina.[5] Nel suo repertorio, oltre a un atletismo sopra la media che gli consente di schiacciare in molteplici situazioni, ha un buon tiro dalla media distanza e un ottimo gioco in post.[5] Il tiro da 3 rappresenta la principale debolezza del suo stile di gioco, ma sta progressivamente lavorando e migliorando su questo fondamentale come dimostrano anche le recenti percentuali al tiro da tre.[5][6]

È anche un ottimo difensore, in grado di marcare da un punto di vista fisico tutti e cinque i ruoli, e un buono stealer per via di un'ottima capacità di lettura dei passaggi avversari.[5]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Grecia (2012-2013)[modifica | modifica wikitesto]

Antetokounmpo inizia a giocare a basket nelle squadre giovanili del Filathlitikos in Grecia. Comincia la sua carriera professionistica nel campionato A2 greco, con la squadra del Filathlitikos, nella stagione 2012-2013. Una volta diciottenne, nel dicembre 2012, firma un contratto di quattro anni con il CAI Zaragoza nel campionato spagnolo.[7]

Durante la stagione 2012-13 nella lega A2 greca, Antetokounmpo tira con il 46,4% dal campo (62,1% nei tiri da due e 31,3% nei tiri da tre) punti e 72,0% nei tiri liberi, giocando in media 22,5 minuti a partita. Mantiene una media di 9,5 punti, 5,0 rimbalzi, 1,4 assist, 0,7 palle rubate, e 1,0 stoppate a gara in 26 partite disputate.

NBA (2013-)[modifica | modifica wikitesto]

I primi anni nella lega (2013-2016)[modifica | modifica wikitesto]

Antetokounmpo mentre va a canestro contro i Cleveland Cavaliers

Il 28 aprile 2013 Antetokounmpo annuncia la sua partecipazione al Draft NBA 2013. Giannīs rispetta tutte le previsioni venendo selezionato con la quindicesima scelta al primo turno dai Milwaukee Bucks. Il 30 luglio 2013 firma un contratto come rookie con i Bucks.

Il 16 ottobre 2014, i Bucks esercitano la loro opzione di squadra del terzo anno di contratto da rookie di Antetokounmpo, estendendolo fino alla stagione 2015-16.[8] Il 6 febbraio 2015 mette a referto il suo career-high di 27 punti e 15 rimbalzi nella sconfitta contro gli Houston Rockets.[9] Tre giorni dopo viene eletto giocatore della settimana.[10] In seguito gareggia nel 2015 NBA Slam Dunk Contest dell'NBA All-Star Weekend a New York. I Bucks finiscono la stagione regolare con un record di 41-41, buono per il sesto posto nella Eastern Conference. Giannīs salta una sola partita durante la stagione 2014-15, tenendo una media di 12,7 punti e 6,7 rimbalzi in 81 partite. I Bucks vengono eliminati al primo turno dei playoff dai Chicago Bulls per 4-2.

Il 26 ottobre 2015 i Bucks esercitano la loro opzione di squadra del quarto anno di contratto da rookie di Antetokounmpo, estendendolo per la stagione 2016-17.[11] Il 15 gennaio 2016 registra 28 punti e un career-high di 16 rimbalzi nella vittoria per 108-101 contro gli Atlanta Hawks.[12]

Il 22 febbraio Antetokounmpo ottiene in carriera la prima tripla doppia con 27 punti, 12 rimbalzi e 10 assist nella vittoria 108-101 sui Los Angeles Lakers. A 21 anni, diventa il più giovane Bucks ad ottenere una tripla doppia.[13][14] Il 13 marzo, ottiene la sua quarta tripla-doppia in 11 partite con 28 punti, 11 rimbalzi e un career-high di 14 assist nella vittoria 109-100 sui Brooklyn Nets, diventando il primo giocatore Bucks con quattro triple-doppie in una stagione.[15] Il 1º aprile registra la quinta tripla-doppia della stagione con 18 punti, 11 rimbalzi e 11 assist nella vittoria 113-110 con gli Orlando Magic.[16]

A canestro contro gli Wizards.

Il premio di giocatore più migliorato e la consacrazione a superstar (2016-2018)[modifica | modifica wikitesto]

Realizza il suo career-high di punti segnandone 41 l'11 febbraio 2017 nella gara persa in casa per 122-114 contro i Los Angeles Lakers.[17] Conclude la stagione mantenendo le medie di 22.9 punti, 8.7 rimbalzi, 5.4 assist, 1.9 stoppate e 1.6 palle rubate tirando con il 52% dal campo e diventando il primo giocatore della storia a finire nella top-20 della stagione nelle cinque categorie statistiche maggiori.[18] Vince inoltre il NBA Most Improved Player Award, premio assegnato al giocatore che nel corso della stagione si è contraddistinto per un considerevole miglioramento rispetto alle precedenti.[19] I Bucks finiscono al sesto posto nella Eastern Conference, ma vengono eliminati al primo turno dai Toronto Raptors di DeMar DeRozan e Kyle Lowry in 6 gare, nonostante Antetokounmpo abbia tenuto di media 24,8 punti, 9,5 rimbalzi e 4,0 assist.[20]

La stagione 2017-2018 inizia per Antetokounmpo in modo fantastico: diventa il giocatore dei Bucks con più punti realizzati nelle prime sei partite (208), superando leggende del calibro di Marques Johnson e Kareem Abdul-Jabbar.[21] Il greco migliora nuovamente il suo livello di gioco e si consacra come uno dei migliori giocatori della lega. Durante l'anno tiene le medie di 26,9 punti, 10 rimbalzi e 4,8 assist in 36 minuti di utilizzo medio a partita, trascinando Milwaukee al settimo posto della Eastern Conference. I Bucks vengono però eliminati dai Boston Celtics, che, dopo una serie molto combattuta, hanno la meglio in gara 7, nonostante le ottime prestazioni della superstar di Milwaukee.

Il premio di MVP e l'eliminazione in finale di conference (2018-2019)[modifica | modifica wikitesto]

In estate i Bucks assumono Mike Budenholzer come nuovo capo allenatore. L'ex coach di Atlanta, con il suo stile di gioco fatto di triple e difesa,[22] aiuta la squadra, guidata ancora una volta dalle giocate spettacolari di Antetokounmpo, a compiere il definitivo salto di qualità.[23] Il greco trascina la squadra in cima alla Eastern Conference con 60 vittorie, dopo aver tenuto in stagione 27,7 punti, 12,5 rimbalzi e 5,9 assist di media a partita, venendo nominato MVP della stagione (terzo più giovane di sempre a vincere il premio)[24] e venendo incluso nel primo quintetto All-NBA, e nel primo quintetto All-Defense.[25]

Durante i Playoff il greco aiuta Milwaukee a sconfiggere in quattro gare i Detroit Pistons e in cinque i Boston Celtics, regalando alla franchigia la sua prima finale di conference dopo 18 anni, questa volta contro i Raptors[26] Nonostante un iniziale vantaggio nella serie, i Bucks perdono quattro partite di fila, anche a causa di un Antetokounmpo sottotono, venendo eliminati in sei partite.

Statistiche NBA[modifica | modifica wikitesto]

Massimi in carriera:

  • Massimo di punti: 52 vs Philadelphia 76ers (17 marzo 2019)[27]
  • Massimo di rimbalzi: 23 (due volte,di cui una ai playoff)
  • Massimo di assist: 14 vs Brooklyn Nets (13 marzo 2016)
  • Massimo di palle rubate: 5 (7 volte)
  • Massimo di stoppate: 7 vs Chicago Bulls (31 dicembre 2016)
  • Massimo di minuti giocati: 53 vs Brooklyn Nets (20 marzo 2015)

Dati aggiornati l'11 aprile 2019

Regular season[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Squadra PG PI MPG FG% 3P% FT% RPG APG SPG BPG PPG
2013-14 Milwaukee Bucks 77 23 24,6 41,4 34,7 68,3 4,4 1,9 0,8 0,8 6,8
2014-15 Milwaukee Bucks 81 71 31,4 49,1 15,9 74,1 6,7 2,6 0,9 1,0 12,7
2015-16 Milwaukee Bucks 80 79 35,3 50,6 25,7 72,4 7,7 4,3 1,2 1,4 16,9
2016-17 Milwaukee Bucks 80 80 35,6 52,2 27,2 77,0 8,7 5,4 1,6 1,9 22,9
2017-18 Milwaukee Bucks 75 75 36,7 52,9 30,7 76,0 10,0 4,8 1,5 1,4 26,9
2018-19 Milwaukee Bucks 72 72 32,8 57,8 25,6 72,9 12,5 5,9 1,3 1,5 27,7
Carriera 465 400 32,7 52,1 27,7 74,2 8,3 4,1 1,2 1,3 18,8

Playoffs[modifica | modifica wikitesto]

Anno Squadra PG PI MPG FG% 3P% FT% RPG APG SPG BPG PPG
2015 Milwaukee Bucks 6 6 33,5 36,6 0,0 73,9 7,0 2,7 0,5 1,5 11,5
2017 Milwaukee Bucks 6 6 40,5 53,6 40,0 54,3 9,5 4,0 2,2 1,7 24,8
2018 Milwaukee Bucks 7 7 40,0 57,0 28,6 69,1 9,6 6,3 1,4 0,9 25,7
2019 Milwaukee Bucks 15 15 34,3 49,2 32,7 63,7 12,3 4,9 1,1 2,0 25,5
Carriera 34 34 36,4 50,2 32,5 64,0 8,3 4,6 1,3 1,6 23,0

Statistiche in Grecia[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Squadra PG MPG FG% 3P% FT% RPG APG SPG BPG PPG
2012-13 Filathlitikos 26 22,5 46,4 31,3 72,0 5,0 1,4 0,7 1,0 9,5

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

NBA[modifica | modifica wikitesto]

2018-2019

First Team: 2019

Second Team: 2017

(2017, 2018, 2019)

First Team: 2019

Second Team: 2017, 2018

Record[modifica | modifica wikitesto]

  • Primo e unico giocatore della storia a finire nella top-20 della stagione nelle cinque categorie statistiche maggiori (punti, rimbalzi, assist, palle rubate e stoppate).[18]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Antetokounmpos, Porzingis play in exhibition tilt, in ESPN.com. URL consultato il 20 dicembre 2017.
  2. ^ Draft NBA: Phila sceglie Kostas Antetokounmpo e lo gira ai Dallas Mavericks - NBARELIGION.COM, su www.nbareligion.com. URL consultato il 26 giugno 2018.
  3. ^ NBA, Giannis Antetokounmpo vince tutto: "The Greek Freak" trionfa anche agli ESPYs, su Sky Sport, 11 luglio 2019. URL consultato il 2 settembre 2019.
  4. ^ Flavio Vanetti, Nba, chi è Giannis Antetokounmpo, l’«Alfabeto umano» prossimo Mvp che Shaquille O’Neal chiama Superman, su Corriere della Sera, 8 dicember 2018. URL consultato il 2 settembre 2019.
  5. ^ a b c d e f Senza limiti, su L'Ultimo Uomo, 27 maggio 2015. URL consultato l'8 aprile 2019.
  6. ^ Armi non convenzionali, su L'Ultimo Uomo, 5 gennaio 2018. URL consultato l'8 aprile 2019.
  7. ^ BasketballPlus.nl 18 jarige Giannis Adetokunbo naar CAI Zaragoza (NL) . Archiviato il 4 ottobre 2013 in Internet Archive.
  8. ^ http://www.nba.com/bucks/release/bucks-exercise-rookie-scale-contract-options-antetokounmpo-and-henson
  9. ^ Copia archiviata, su nba.com. URL consultato il 24 maggio 2016 (archiviato dall'url originale il 7 novembre 2017).
  10. ^ http://www.nba.com/bucks/release/giannis-named-eastern-conference-player-week-games-played-feb.-2-8
  11. ^ http://www.nba.com/bucks/release/bucks-exercise-contract-options-antetokounmpo-carter-williams-ennis-and-parker
  12. ^ Copia archiviata, su nba.com. URL consultato il 24 maggio 2016 (archiviato dall'url originale l'11 ottobre 2016).
  13. ^ Copia archiviata, su nba.com. URL consultato il 24 maggio 2016 (archiviato dall'url originale il 26 giugno 2019).
  14. ^ https://sports.yahoo.com/blogs/nba-ball-dont-lie/giannis-explodes-for-first-career-triple-double--bucks-beat-lakers-055217966.html
  15. ^ Copia archiviata, su nba.com. URL consultato il 24 maggio 2016 (archiviato dall'url originale l'11 marzo 2016).
  16. ^ Copia archiviata, su nba.com. URL consultato il 24 maggio 2016 (archiviato dall'url originale il 5 aprile 2017).
  17. ^ (EN) NBA LEAGUE PASS | NBA.com, su watch.nba.com. URL consultato l'11 febbraio 2017.
  18. ^ a b Giannis becomes 1st player ever to finish top 20 in 5 major categories, in theScore.com. URL consultato il 13 aprile 2017.
  19. ^ (EN) Adam Wells, Giannis Antetokounmpo Wins 2017 NBA Most Improved Player Award, in Bleacher Report. URL consultato il 30 ottobre 2017.
  20. ^ Redazione Sport, Nba, San Antonio elimina Memphis Toronto passa e va a sfidare LeBron, su Corriere della Sera, 28 aprile 2017. URL consultato l'8 aprile 2019.
  21. ^ (EN) Andrew Goodman, Giannis Antetokounmpo’s Historic Start, in Cream City Central, 2 novembre 2017. URL consultato il 25 dicembre 2017.
  22. ^ (EN) FOX Sports Wisconsin May 18, 2018 at 3:41p ET, Who is new Bucks head coach Mike Budenholzer?, su FOX Sports, 18 maggio 2018. URL consultato il 16 febbraio 2019.
  23. ^ New Coach Mike Budenholzer has the Milwaukee Bucks ahead of schedule, su washingtonpost.com.
  24. ^ (EN) Giannis third-youngest to win MVP in 40 years, su ESPN.com, 24 giugno 2019. URL consultato il 25 giugno 2019.
  25. ^ (EN) Official release, Gobert, George, Antetokounmpo lead 2018-19 All-Defensive First Team, su NBA.com. URL consultato il 23 maggio 2019.
  26. ^ VIDEO NBA 2019: Giannis Antetokounmpo riporta i Milwaukee Bucks in finale di Eastern Conference dopo 18 anni, su OA Sport. URL consultato il 9 maggio 2019.
  27. ^ Giannis Antetokounmpo Career Bests and Rankings, Milwaukee Bucks, News, Rumors, NBA Stats, Events Stats, Game Logs, Awards - RealGM, su basketball.realgm.com. URL consultato il 12 aprile 2019.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN3044150943144126760005 · LCCN (ENn2017063890 · WorldCat Identities (ENn2017-063890