Michael Carter-Williams

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Michael Carter-Williams
Michael Carter-Williams in 76ers warm-up shirt.jpg
Michael Carter-Williams in allenamento nel 2014 con i Philadelphia 76ers.
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Altezza 198 cm
Peso 86 kg
Pallacanestro Basketball pictogram.svg
Ruolo Guardia
Squadra No flag.svg Free agent
Carriera
Giovanili
200?-2011St. Andrew's High School
2011-2013Syracuse Orange
Squadre di club
2013-2015Philadelphia 76ers111 (1780)
2015-2016Milwaukee Bucks 79 (976)
2016-2017Chicago Bulls 45 (297)
2017-2018Charlotte Hornets 52 (239)
2018-2019Houston Rockets16 (69)
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 9 gennaio 2019

Michael Carter-Williams (Hamilton, 10 ottobre 1991) è un cestista statunitense, professionista in NBA con gli Houston Rockets.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Philadelphia 76ers (2013-2015)[modifica | modifica wikitesto]

Venne selezionato con l'undicesima scelta assoluta al Draft NBA 2013 dai Philadelphia 76ers. Il 30 ottobre 2013, esordì in NBA giocando 36 minuti contro i Miami Heat, campioni in carica. La giovane matricola ha messo a referto 22 punti, 12 assist, 7 rimbalzi e 9 palle recuperate (record per la partita di esordio di una matricola), risultando decisivo per la vittoria della sua squadra. È inoltre l'unico rookie insieme a Shaquille O'Neal ad aver vinto il premio "Giocatore della settimana" dei 7 giorni di apertura della NBA. Il 4 maggio 2014 venne eletto Rookie of the year avendo una media di 16,7 punti, 6,3 assist, 6,2 rimbalzi, 1,9 recuperi e 0.6 stoppate in 34,5 minuti a partita.[1]

La stagione successiva Carter-Williams tenne di media 15 punti, ma in gennaio il G.M. della franchigia della Pennsylvania Bryan Colangelo decise di cederlo in febbraio.

Milwaukee Bucks (2015-2016)[modifica | modifica wikitesto]

Il 19 febbraio 2015 viene ceduto ai Milwaukee Bucks in uno scambio a 3 squadre che coinvolse anche i Phoenix Suns.[2] Tuttavia, nonostante lui ebbe 14,1 punti di media nella prima (mezza) stagione e 11,5 nella seconda non convinse mai il coach dei cervi Jason Kidd che arrivò a preferirgli l'ala piccola Giannīs Antetokounmpo nel ruolo di playmaker.

Chicago Bulls (2016-2017)[modifica | modifica wikitesto]

Il 17 ottobre 2016 passò ai Chicago Bulls in cambio di Tony Snell.[3] Partì titolare in alcune occasioni a Chicago visto che il coach dei tori Fred Hoiberg cambiò spesso playmaker titolare da dicembre in poi visti i problemi caratteriali di Rajon Rondo (titolare designato a inizio stagione) Carter-Williams partì titolare in alcune occasioni giocandosi spesso il posto con Jerian Grant e lo stesso Rondo. Dei 3 Carter-Williams fu quello che giocò di meno, giocando solo 45 partite (numero più basso in carriera), di cui 19 da titolare e tenne solamente 6,6 punti di media.

Charlotte Hornets (2017-2018)[modifica | modifica wikitesto]

Il 2 luglio 2017 firmò con gli Charlotte Hornets per rimpiazzare Ramon Sessions nel ruolo di riserva di Kemba Walker.[4] Il 10 marzo 2018 terminò anzitempo la stagione a causa di un infortunio alla spalla sinistra.[5] Trovò comunque più spazio rispetto all'anno precedente giocando 52 partite.

Houston Rockets (2018-2019)[modifica | modifica wikitesto]

Michael Carter-Williams a Syracuse

Il 7 luglio 2018 si accasò agli Houston Rockets.[6] A Houston trova poco spazio nelle rotazioni del coach dei texani Mike D'Antoni, segnalandosi solo per un tiro da 3 punti (cosa non tipica per lui viste le basse percentuali avute da lui in carriera al tiro dall'arco) contro gli Washington Wizards che è stato il 26esimo tiro realizzato dalla propria squadra in quella partita battendo il record NBA di 25.[7] Tolto quel tiro non si è fatto notare molto in Texas, venendo ceduto il 7 gennaio 2019 ai Chicago Bulls, sua ex squadra, che lo tagliano immediatamente.[8]

Statistiche NBA[modifica | modifica wikitesto]

Regular season[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Squadra PG PI MPG FG% 3P% FT% RPG APG SPG BPG PPG
2013-14 Philadelphia 76ers 70 70 34,5 40,5 26,4 70,3 6,2 6,3 1,9 0,6 16,7
2014-15 Philadelphia 76ers 41 38 33,9 38,0 25,6 64,3 6,2 7,4 1,5 0,4 15,0
2014-15 Milwaukee Bucks 25 25 30,3 42,9 14,3 78,0 5,6 5,6 2,0 0,5 14,1
2015-16 Milwaukee Bucks 54 37 30,5 45,2 27,3 65,4 5,1 5,2 1,5 0,8 11,5
2016-17 Chicago Bulls 45 19 18,8 36,6 23,4 75,3 3,4 2,5 0,8 0,5 6,6
2017-18 Charlotte Hornets 52 2 16,1 33,2 23,7 82,0 2,7 2,2 0,8 0,4 4,6
2018-19 Houston Rockets 16 1 9,1 41,0 36,8 46,2 0,8 1,3 0,6 0,4 4,3
Carriera 303 192 26,5 40,2 25,4 70,1 4,5 4,7 1,4 0,5 11,1

Playoffs[modifica | modifica wikitesto]

Anno Squadra PG PI MPG FG% 3P% FT% RPG APG SPG BPG PPG
2015 Milwaukee Bucks 6 6 31,8 42,3 0,0 58,3 4,5 4,8 1,2 1,0 12,2
2017 Chicago Bulls 5 0 10,6 40,0 0,0 50,0 0,8 1,2 0,4 0,2 2,8
Carriera 11 6 22,2 41,9 0,0 56,3 2,8 3,2 0,8 0,6 7,9

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Michael Carter-Williams Named 2013-14 Kia NBA Rookie of the Year | Philadelphia 76ers, in Philadelphia 76ers. URL consultato l'11 novembre 2016.
  2. ^ Bucks Acquire Michael Carter-Williams, Tyler Ennis and Miles Plumlee in Three-Team Trade | Milwaukee Bucks, in Milwaukee Bucks. URL consultato l'11 novembre 2016.
  3. ^ BUCKS ACQUIRE TONY SNELL FROM THE BULLS nba.com
  4. ^ Michael Carter-Williams gives the Hornets a solid option as backup point guard, in At The Hive. URL consultato il 15 dicembre 2017.
  5. ^ (EN) Official release, Charlotte Hornets' Michael Carter-Williams out for season with labral tear in left shoulder | NBA.com, in NBA.com. URL consultato l'8 aprile 2018.
  6. ^ (EN) Rockets Sign Free-Agent Michael Carter-Williams, su Houston Rockets. URL consultato il 15 gennaio 2019.
  7. ^ Sky Sport, Houston da record: 26 triple in una sola partita, su sport.sky.it. URL consultato il 15 gennaio 2019.
  8. ^ Sky Sport, Michael Carter-Williams addio: tagliato da Houston, su sport.sky.it. URL consultato il 15 gennaio 2019.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]