Ray McCallum (1991)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ray McCallum Jr.
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Altezza 191 cm
Peso 86 kg
Pallacanestro Basketball pictogram.svg
Ruolo Playmaker
Squadra Málaga
Carriera
Giovanili
Bloomington North High School
?-2010Detroit Country Day High School
2010-2013Detroit Titans
Squadre di club
2013-2015Sacramento Kings 113 (783)
2013Reno Bighorns7 (140)
2015-2016San Antonio Spurs 31 (68)
2015-2016Austin Spurs 9 (154)
2016Memphis Grizzlies 10 (69)
2016-2017G. Rapids Drive30 (545)
2017Charlotte Hornets 0 (0)
2017G. Rapids Drive13 (211)
2017-Málaga 15 (115)
Nazionale
2011Stati Uniti Stati Uniti8 (36)
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 6 gennaio 2018

Ray Michael McCallum jr. (Detroit, 12 giugno 1991) è un cestista statunitense.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

NCAA (2010-2013)[modifica | modifica wikitesto]

Ha giocato per tre anni con i Detroit Titans, squadra della Division I della NCAA.

Professionista (2013-)[modifica | modifica wikitesto]

NBA (2013-2017)[modifica | modifica wikitesto]

Sacramento Kings (2013-2015)[modifica | modifica wikitesto]

È stato scelto nel Draft NBA 2013 dai Sacramento Kings, che il 18 luglio 2013 gli hanno fatto firmare il primo contratto professionistico della sua carriera. Nella parte iniziale della stagione 2013-2014 ha fatto parte del roster dei Kings, ed il 21 novembre è stato mandato ai Reno Bighorns[1], squadra della NBDL affiliata ai Kings, prima ancora di essere riuscito ad esordire in NBA con la squadra californiana. Gioca la sua prima partita in NBDL il 22 novembre 2013 contro i Sioux Falls Skyforce, partendo in quintetto base e segnando 28 punti con anche 7 rimbalzi e 3 assist in 41 minuti[2]. Dopo sole 3 partite con i Bighorns, chiuse con medie di 22 punti, 5 rimbalzi e 3,7 assist in 38 minuti di media a partita, viene richiamato dai Kings il 28 novembre[3]. Dopo aver trascorso una settimana in D-League ha esordito in NBA il 6 dicembre 2013 in una sconfitta casalinga per 106-100 contro i Los Angeles Lakers, nella quale è stato in campo per 13 secondi[4]. Il successivo 9 dicembre ha segnato i suoi primi 2 punti in carriera nella NBA, in una vittoria casalinga per 112-97 contro i Dallas Mavericks[5]. Ha concluso la sua prima partita con una doppia cifra di punti segnati il 3 marzo 2014, quando ha segnato 15 punti in 30 minuti di gioco partendo dalla panchina[6]. Nella parte finale di stagione a causa di alcuni problemi fisici dei playmaker titolare Isaiah Thomas ha giocato alcune partite in quintetto base, in una delle quali (il 31 marzo 2014 in una vittoria per 102-97 sul parquet dei New Orleans Pelicans) ha fatto registrare la prima doppia doppia della sua carriera mettendo a referto 22 punti ed 11 assist in 44 minuti di gioco[7]. Chiude il suo anno da rookie con un totale di 45 partite in NBA, 10 delle quali in quintetto base, con medie di 6,2 punti, 1,8 rimbalzi, 2,7 assist, 0,5 palle recuperate e 0,2 stoppate di media a partita in 19,9 minuti di media.

San Antonio Spurs (2015-2016)[modifica | modifica wikitesto]

Il 9 luglio 2015 viene ceduto ai San Antonio Spurs in cambio di una futura seconda scelta al Draft NBA.[8]

Esordisce con gli speroni il 31 ottobre 2015 nella gara casalinga vinta per 102-75 contro i Brooklyn Nets; al termine di questa gara McCallum mette a referto 2 punti e 2 palle rubate.[9]

Tuttavia a seguiito di 31 presenze (di cui 3 da titolare) con la franchigia texana, il 29 febbraio 2016 McCallum viene tagliato.[10]

Memphis Grizzlies (2016)[modifica | modifica wikitesto]

Il 13 marzo 2016 firma un contratto di 10 giorni con i Memphis Grizzlies bisognosi di un playmaker a causa dell'infortunio del playmaker titolare Mike Conley.[11]

Scaduto il contratto il 23 marzo rinnova per altri 10 giorni.[12] Tuttavia arrivati alla seconda scadenza la dirigenza dei Grizzlies decide di non rinnovargli il contratto.

Detroit Pistons e Grand Rapids Drive (2016-2017)[modifica | modifica wikitesto]

Il 27 luglio 2016 viene tesserato dai Detroit Pistons.[13]

L'11 ottobre 2016 a metà della pre-season si infortuna il playmaker titolare dai Pistons, ovvero Reggie Jackson. Gli esami medici stabiliscono che Jackson rientrerà verso fine novembre,[14] aprendo così le porte a un futuro roseo per Ray McCallum, anche se davanti a sé ha Ish Smith nel ruolo di playmaker (nelle gerarchie Ray sarebbe il terzo, con l'infortunio di Jackson avrebbe la possibilità di disputare più partite e minuti).

Ma il 25 ottobre 2016 accade un colpo di scena: la franchigia del Michigan taglia McCallum quasi contro tutti i pronostici che lo vedevano tra i 15 membri finali del roster, che poi verrà rimpiazzato dall'esperto playmaker sloveno, tagliato pochi giorni prima dai Miami Heat, Beno Udrih.[15]

Il 31 ottobre verrà poi acquistato dai Grand Rapids Drive, squadra militante nella NBA Development League, affiliata proprio ai Detroit Pistons.[16]

Parentesi a Charlotte (2017)[modifica | modifica wikitesto]

Il 4 febbraio 2017 firmò un contratto di 10 giorni con gli Charlotte Hornets.[17] Alla fine del contratto rinnovò per altri 10 giorni con gli Hornets il 14 Febbraio, nonostante lui non avesse giocato alcuna partita con i calabroni.[18]Il 24 Febbraio la franchigia della Carolina del Nord non rinnovò ulteriormente il contratto di McCallum che non giocò nemmeno una partita con loro.

Ritorno ai Grand Rapids Drive (2017-)[modifica | modifica wikitesto]

Dopo non aver rinnovato il proprio contratto con gli Hornets, Ray tornò a giocare nei Grand Rapids Drive.[19]

Statistiche NBA[modifica | modifica wikitesto]

Regular season[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Squadra PG PI MPG FG% 3P% FT% RPG APG SPG BPG PPG
2013-14 Sacramento Kings 45 10 19,9 37,7 37,3 74,4 1,8 2,7 0,5 0,2 6,2
2014-15 Sacramento Kings 68 30 21,1 43,8 30,6 67,9 2,6 2,8 0,7 0,2 7,4
2015-16 San Antonio Spurs 31 3 8,3 40,3 31,3 90,0 1,0 1,1 0,2 0,1 2,2
2015-16 Memphis Grizzlies 10 3 21,9 35,4 38,5 60,0 1,6 2,7 0,7 0,3 6,0
Carriera 154 46 18,2 40,8 33,5 71,1 2,0 2,4 0,5 0,2 6,0

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • Finals MVP NBA Summer League Las Vegas (2014)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Kings Assign Ray McCallum to Reno Bighorns Sactownroyalty.com
  2. ^ Ray McCallum sizzles in D-League debut Sactownroyalty.com
  3. ^ Kings recall rookie guard Ray McCallum from Reno Bighorns Sactownroyalty.com
  4. ^ Referto partita NBA.com
  5. ^ Referto partita NBA.com
  6. ^ Referto partita NBA.com
  7. ^ Referto partita NBA.com
  8. ^ San Antonio Acquires Ray McCallum | San Antonio Spurs, in San Antonio Spurs. URL consultato il 24 novembre 2016.
  9. ^ Nets vs Spurs, in NBA.com. URL consultato il 24 novembre 2016.
  10. ^ SPURS WAIVE RAY McCALLUM | San Antonio Spurs, in San Antonio Spurs. URL consultato il 24 novembre 2016.
  11. ^ Grizzlies sign Ray McCallum and Alex Stepheson to 10-Day Contracts | Memphis Grizzlies, in Memphis Grizzlies. URL consultato il 24 novembre 2016.
  12. ^ Grizzlies sign Ray McCallum to second 10-day contract | Memphis Grizzlies, in Memphis Grizzlies. URL consultato il 24 novembre 2016.
  13. ^ Detroit Pistons Sign Free Agent Guard Ray McCallum Jr. | Detroit Pistons, in Detroit Pistons. URL consultato il 24 novembre 2016.
  14. ^ Detroit Pistons Guard Reggie Jackson Medical Update | Detroit Pistons, in Detroit Pistons. URL consultato il 24 novembre 2016.
  15. ^ Pistons claim Beno Udrih off waivers; cut Ray McCallum - NBA.com, su www.nba.com. URL consultato il 24 novembre 2016.
  16. ^ Drive Selects Six Players in 2016 NBA D-League Draft - OurSports Central, su www.oursportscentral.com. URL consultato il 24 novembre 2016.
  17. ^ (EN) Charlotte Hornets sign Drive's Ray McCallum to 10-day contract, in MLive.com. URL consultato il 7 marzo 2017.
  18. ^ Hornets Sign McCallum to 2nd 10-Day Contract | Charlotte Hornets, in Charlotte Hornets. URL consultato il 7 marzo 2017.
  19. ^ (EN) Mccallum Returns To The Drive - OurSports Central, su www.oursportscentral.com. URL consultato il 7 marzo 2017.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]