Raul Togni Neto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Raulzinho
Raulzinho Neto (2016 Summer Olympics) 2.jpg
Raulzinho con la maglia del Brasile
Nazionalità Brasile Brasile
Italia Italia
Altezza 185 cm
Peso 81 kg
Pallacanestro Basketball pictogram.svg
Ruolo Playmaker
Squadra Utah Jazz
Carriera
Giovanili
Minas B. Horizonte
Squadre di club
2008-2011Minas B. Horizonte
2011-2014San Sebastián 95 (749)
2014-2015Murcia 34 (301)
2015-Utah Jazz 162 (759)
2017S.L.C. Stars 1 (14)
Nazionale
2011Brasile Brasile U-19
2010-Brasile Brasile
Palmarès
Transparent.png Campionati Sudamericani
Bronzo Venezuela 2014
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 13 aprile 2018

Raul Togni Neto, detto Raulzinho (Belo Horizonte, 19 maggio 1992), è un cestista brasiliano con cittadinanza italiana, professionista nella NBA con gli Utah Jazz.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Brasile e Spagna (2008-2015)[modifica | modifica wikitesto]

Raul Togni Neto debuttò tra i professionisti nel 2008 in Brasile col Minas Tênis Clube.

Dopo aver giocato all'Hoop Summit del 2011 (oltre che per 3 anni nelle file del Minas Tênis Clube in patria) con la selezione del World Team approdò in Spagna al San Sebastián Gipuzkoa dove ha militato per tre stagioni. Nel 2013, dopo 2 buone stagioni nel San Sebastián Gipuzkoa è stato selezionato al secondo giro del Draft NBA con la scelta n°47 dagli Atlanta Hawks; la sera stessa gli Hawks cedettero i diritti su di lui agli Utah Jazz.[1] Per la stagione 2013-2014, i Jazz lo lasciarono in Spagna al San Sebastián.[2] Alla fine della stagione gli Utah Jazz lo lasciarono a maturare ulteriormente in Spagna ma questa volta al Murcia con cui firma un contratto triennale.[3]

NBA (2015-)[modifica | modifica wikitesto]

Nonostante avesse un accordo per tre stagioni, dopo una stagione lascia il Murcia per andare a giocare in NBA; il 10 luglio 2015 viene ufficializzato l'accordo tra gli Utah Jazz e Neto che va così a giocare in NBA, due anni dopo essere stato scelto al Draft 2013.[4] Nella sua prima stagione ai Jazz, Neto giocò quasi tutte le partite della squadra (81 su 82 totali), di cui 53 da titolare a causa dell'infortunio di Dante Exum che lo tenne fuori per tutta la stagione, oltre che per la fiducia del coach della squadra di Salt Lake City, ovvero Quin Snyder, che in Novembre annunciò che Neto sarebbe partito titolare panchinando così Trey Burke.[5] Alla fine della stagione i Jazz arrivarono noni, mancando per un soffio la qualificazione ai playoffs e Neto disputò una discreta stagione.

La stagione successiva per Neto fu completamente diversa: durante il Draft NBA 2016 i Jazz scambiarono la loro scelta (in una trade a 3 squadra che coinvolse anche gli Atlanta Hawks) per ottenere un playmaker d'esperienza come George Hill. In più Dante Exum recuperò dall'infortunio e coach Snyder diede molto spazio a Shelvin Mack, mentre Trey Burke venne ceduto agli Washington Wizards; tutte queste cose fecero sì che Neto trovasse meno spazio rispetto all'anno passato, tanto che in gennaio venne assegnato in D-League ai Salt Lake City Stars. In regular season disputò 40 partite (in pratica la metà in meno dell'anno passato)

Nei playoffs invece, disputò 9 delle 11 partite dei Jazz che, dopo aver eliminato i Los Angeles Clippers per 4-3 al primo turno, vennero eliminato al turno successivo contro i Golden State Warriors, futuri campioni NBA, per 4-0.[6]

Nell'estate 2017 le cose cambiarono nuovamente ma in positivo per Neto: nonostante l'arrivo di Ricky Rubio come play titolare, George Hill firmò un triennale con i Sacramento Kings mentre Shelvin Mack si trasferì agli Orlando Magic; Exum invece ebbe nuovi problemi fisici e tutto questo susseguirsi di infortuni e cessioni, fece risalire l'italo-brasiliano nelle gerarchie di coach Snyder. Per quanto fosse ormai il play di riserva (di Rubio) indiscusso, Neto accusò vari problemi fisici nel corso della stagione alla caviglia e al polso.[7]

Statistiche NBA[modifica | modifica wikitesto]

Regular season[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Squadra PG PI MPG FG% 3P% FT% RPG APG SPG BPG PPG
2015-16 Utah Jazz 81 53 18,5 43,1 39,5 74,3 1,5 2,1 0,8 0,0 5,9
2016-17 Utah Jazz 40 0 8,7 45,1 32,3 88,9 0,8 0,9 0,5 0,1 2,5
2017-18 Utah Jazz 41 0 12,1 45,7 40,4 74,3 1,2 1,8 0,3 0,1 4,5
Carriera 162 53 14,5 43,9 38,3 75,4 1,2 1,7 0,6 0,1 4,7

Playoffs[modifica | modifica wikitesto]

Anno Squadra PG PI MPG FG% 3P% FT% RPG APG SPG BPG PPG
2017 Utah Jazz 9 0 6,7 61,5 50,0 100 0,8 0,4 0,1 0,1 2,6
2018 Utah Jazz 8 0 9,0 30,4 28,6 100 1,3 1,3 0,2 0,0 2,6
Carriera 17 0 7,8 41,7 38,5 100 1,0 0,8 0,1 0,1 2,6

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Jazz Acquires Draft Rights to Raul Neto from Atlanta | THE OFFICIAL SITE OF THE UTAH JAZZ, su www.nba.com. URL consultato il 2 gennaio 2017.
  2. ^ Raul Neto will not yet join Utah Jazz :InsideHoops, su www.insidehoops.com. URL consultato il 2 gennaio 2017.
  3. ^ Raul Neto inks with UCAM Murcia, in Sportando. URL consultato il 2 gennaio 2017.
  4. ^ Jazz Sign Raul Neto to Multi-Year Contract | Utah Jazz, in Utah Jazz. URL consultato il 2 gennaio 2017.
  5. ^ (EN) Aaron Falk The Salt Lake Tribune, Utah Jazz: Raul Neto starts, Trey Burke limited off the bench, in The Salt Lake Tribune. URL consultato il 1º marzo 2017.
  6. ^ (EN) Associated Press, Steph Curry scores 30 as Warriors sweep Jazz to reach conference finals, su the Guardian, 09 maggio 2017. URL consultato il 17 marzo 2018.
  7. ^ (EN) Raul Neto NBA Injuries: Signings, Trades & more, su www.foxsports.com. URL consultato il 17 marzo 2018.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]