Brandon Ingram

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Brandon Ingram
20150329 MCDAAG closed practice Brandon Ingram (1).JPG
Ingram in allenamento
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Altezza 206[1] cm
Peso 86[1] kg
Pallacanestro Basketball pictogram.svg
Ruolo Ala piccola
Squadra N. Orleans Pelicans
Carriera
Giovanili
Kinston High School
2015-2016Duke Blue Devils
Squadre di club
2016-L.A. Lakers190 (2.639)
2018South Bay Lakers 0 (0)
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 19 aprile 2019

Brandon Xavier Ingram (Kinston, 2 settembre 1997) è un cestista statunitense, giocatore nella NBA con i New Orleans Pelicans.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Ingram è stato spesso paragonato a Kevin Durant per il fisico simile (molto asciutto, e oggetto di numerose critiche[2], proprio come avvenne per la superstar dei Golden State Warriors) e per la capacità, grazie alle lunghe leve, di tirare contro ogni difensore e di contribuire con stoppate e recuperi alla fase difensiva. È inoltre dotato di ottime abilità di passaggio e gestione della palla, motivo per cui Luke Walton, coach dei Lakers, lo schiera spesso come playmaker. Pecca invece nel tiro libero e nel tiro da tre.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

College[modifica | modifica wikitesto]

Duke (2015-2016)[modifica | modifica wikitesto]

Riconosciuto come uno dei migliori giocatori liceali dai principali scout, Ingram annuncia il 27 aprile 2015 l'intenzione di aggregarsi ai Duke Blue Devils di coach Mike Krzyzewski. Ingram rivelerà in seguito che avrebbe probabilmente scelto North Carolina se la squadra non fosse stata coinvolta in uno scandalo.[3][4]

Ingram gioca 36 partite con la maglia di Duke tenendo le medie di 17,3 punti, 6,8 rimbalzi e 2 assist in 35 minuti di media, portando la squadra al torneo NCAA come quarto seed. Duke terminerà la sua corsa alle Sweet 16, eliminata da Oregon, nonostante i 24 punti di Ingram.[5] Vincerà successivamente il premio di Rookie dell'anno della ACC, dichiarandosi poi eleggibile per il Draft NBA 2016.

NBA[modifica | modifica wikitesto]

Los Angeles Lakers (2016-)[modifica | modifica wikitesto]

Stagione da rookie (2016-2017)[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver mostrato al college le sue abilità, Ingram viene selezionato con la seconda chiamata assoluta dai Los Angeles Lakers.[6] Essendo solamente diciottenne al tempo, era il secondo giocatore più giovane dell'intero Draft.[7] Il 23 agosto firma il suo contratto da rookie con la franchigia.

Fa il suo debutto stagionale il 26 ottobre nella vittoria per 120-114 allo Staples Center contro gli Houston Rockets, segnando 9 punti e prendendo 3 rimbalzi in uscita dalla panchina.[8] Giocherà la sua prima partita da titolare il 23 novembre in una sconfitta per 149-106 ad Oakland contro i Golden State Warriors, mettendo a referto 16 punti, 3 rimbalzi e 1 assist.[9] La stagione procede tra alti e bassi, ma Ingram viene comunque convocato per il Rising Star Challenge all'All Star Weekend.[9] Al termine della stagione viene incluso nel secondo quintetto All-Rookie[10], dopo aver tenuto le medie di 9,4 punti, 4 rimbalzi e 2,1 assist in 29 minuti di utilizzo a partita.

Stagione 2017-2018[modifica | modifica wikitesto]

Ingram partecipa nuovamente alla Summer League, realizzando nella sua prima e unica partita 26 punti, e mostrando un livello di gioco superiore al resto dei giocatori.[11] Durante la stagione Ingram mostra sostanziali miglioramenti in tutte le categorie principali, ritocca il suo career-high in punti (32 contro i Golden State Warriors)[12] e viene nuovamente convocato per il Rising Star Challenge. Termina la stagione giocando 57 partite (a causa di infortuni al collo e all'inguine) con le medie di 16,1 punti, 5,3 rimbalzi e 3,9 assist in 33,5 minuti di gioco.

L'arrivo di LeBron James (2018-2019)[modifica | modifica wikitesto]

Nella offseason i Lakers firmano LeBron James, elevando la squadra allo status di contender. Dopo una buona preseason, Ingram viene confermato titolare nel ruolo di ala piccola. Ad inizio stagione è però costretto a saltare alcune partite per una rissa con Chris Paul[13] e per una distorsione alla caviglia.[14] Migliora poi il suo career-high in assist, realizzandone 11 contro gli Oklahoma City Thunder[15] e quello in punti, con i 36 segnati contro i Philadelphia 76ers.[16] Dopo un ottimo mese di febbraio, Ingram è costretto a terminare in anticipo la sua stagione a causa di una trombosi venosa profonda nel braccio destro, che viene subito rimossa con un intervento di decompressione toracica.[17][18] Chiude la stagione con 18,3 punti, 5,1 rimbalzi e 3 assist di media a partita, mostrando ancora una volta miglioramenti rispetto all'anno precedente.

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Legenda
  PG Partite giocate   PT  Partite da titolare  MP  Minuti a partita
 TC%  Percentuale tiri dal campo a segno  3P%  Percentuale tiri da tre punti a segno  TL%  Percentuale tiri liberi a segno
 RP  Rimbalzi a partita  AP  Assist a partita  PRP  Palle rubate a partita
 SP  Stoppate a partita  PP  Punti a partita  Grassetto  Career high

NBA[modifica | modifica wikitesto]

Regular season[modifica | modifica wikitesto]

Anno Squadra PG PT MP TC% 3P% TL% RP AP PRP SP PP
2016-17 L.A. Lakers 79 40 28,8 40,2 29,4 62,1 4,0 2,1 0,6 0,5 9,4
2017-18 L.A. Lakers 59 59 33,5 47,0 39,0 68,1 5,3 3,9 0,8 0,7 16,1
2018-19 L.A. Lakers 52 52 33,8 49,7 33,0 67,5 5,1 3,0 0,5 0,6 18,3

Massimi in carriera[modifica | modifica wikitesto]

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b nba.com, http://www.nba.com/players/brandon/ingram/1627742.
  2. ^ Top NBA Draft prospect Brandon Ingram is trying to change the tune around his biggest perceived weakness, in Business Insider. URL consultato il 21 agosto 2018.
  3. ^ (EN) Elite recruit Brandon Ingram’s attention on 4th title, then decision, in charlotteobserver. URL consultato il 21 agosto 2018.
  4. ^ (EN) UNC grad school pushed to take players, in charlotteobserver. URL consultato il 21 agosto 2018.
  5. ^ (EN) Duke vs. Oregon - Game Recap - March 24, 2016 - ESPN, su ESPN.com. URL consultato il 21 agosto 2018.
  6. ^ Lakers take Brandon Ingram with second pick of draft, su ESPN, 23 giugno 2016.
  7. ^ (EN) Staff Writer, Brandon Ingram and NBA Rookie of the Year Odds - Lakers Nation, in Lakers Nation, 23 agosto 2016. URL consultato il 21 agosto 2018.
  8. ^ (EN) Rockets vs. Lakers - Game Recap - October 26, 2016 - ESPN, su ESPN.com. URL consultato il 21 agosto 2018.
  9. ^ a b Tania Ganguli, Lakers' Brandon Ingram and D'Angelo Russell are Rising Stars, su latimes.com. URL consultato il 21 agosto 2018.
  10. ^ (EN) Draymond Green, Joel Embiid headline NBA's All-Defensive, All-Rookie team announcements. URL consultato il 21 agosto 2018.
  11. ^ Tania Ganguli, Lakers shut down Brandon Ingram for rest of Summer League, su latimes.com. URL consultato il 21 agosto 2018.
  12. ^ (EN) Ingram Erupts for 32 Points in Overtime Loss to Warriors, su Los Angeles Lakers. URL consultato il 28 gennaio 2019.
  13. ^ (EN) Greg Beacham | The Associated Press, Ingram, Rondo, Paul ejected during Rockets-Lakers brawl, su NBA.com. URL consultato il 30 gennaio 2019.
  14. ^ Brandon Ingram injury update: Lakers F reportedly will miss next three games with sprained ankle, su Sporting News, 8 dicembre 2018. URL consultato il 30 gennaio 2019.
  15. ^ (EN) Lakers vs. Thunder - Game Recap - January 17, 2019 - ESPN, su ESPN.com. URL consultato il 18 gennaio 2019.
  16. ^ (EN) 76ers vs. Lakers - Game Recap - January 29, 2019 - ESPN, su ESPN.com. URL consultato il 30 gennaio 2019.
  17. ^ (EN) Sources: Ball joins Ingram, shut down for season, su ESPN.com, 9 marzo 2019. URL consultato il 10 marzo 2019.
  18. ^ (EN) Ingram expected to be ready for next season, su ESPN.com, 16 marzo 2019. URL consultato il 16 marzo 2019.
  19. ^ Brandon Ingram Career Bests and Rankings, Los Angeles Lakers, News, Rumors, NBA Stats, NCAA Stats, Events Stats, Game Logs, Awards - RealGM, su basketball.realgm.com. URL consultato il 16 giugno 2019.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]