Dwyane Wade

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Dwyane Wade
Dwyane Wade 040409.jpg
Wade nel 2009
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Altezza 193 cm
Peso 100 kg
Pallacanestro Basketball pictogram.svg
Ruolo Guardia
Ritirato 10 aprile 2019
Carriera
Giovanili
Richards High School
2001-2003Marquette G. Eagles
Squadre di club
2003-2016Miami Heat855 (20.221)
2016-2017Chicago Bulls59 (1.088)
2017-2018Cleveland Cavaliers46 (513)
2018-2019Miami Heat71 (967)
Nazionale
2004-2012Stati Uniti Stati Uniti24
Palmarès
Olympic flag.svg Olimpiadi
Bronzo Atene 2004
Oro Pechino 2008
Gnome-emblem-web.svg Mondiali
Bronzo Giappone 2006
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 13 aprile 2018

Dwyane Tyrone Wade (Chicago, 17 gennaio 1982) è un ex cestista statunitense, professionista nella NBA ha militato per tutta la sua carriera ai Miami Heat fatta eccezione per una breve parentesi ai Chicago Bulls nel 2016 e ai Cleveland Cavaliers nel 2017.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato da JoLinda Wade e Dwyane Sr, Dwyane vive i primi 9 anni della sua infanzia nella zona sud di Chicago, in un quartiere noto alle cronache per la forte presenza di gruppi di stampo criminale. Successivamente al divorzio dal marito, avvenuto nel 1982 (4 mesi dopo la nascita di Dwyane), la madre di Wade comincia a fare uso di droga ed alcol con sempre maggior frequenza, fino al punto di trascurare i suoi figli. Viste le enormi difficoltà della madre e le scarse prospettive per i suoi coetanei maschi, la sorella di Wade, Tragil, decide nel 1991 di portare il piccolo Dwyane a vivere con il padre sulla 79ª strada.

Wade affermerà poi che quella fu una fase cruciale della sua vita: la grande disciplina del genitore lo portò a lavorare duramente sia in campo che fuori, guadagnandosi un posto in squadra alla Richards High School. Nella nuova scuola, il giovane Dwyane mostrò subito la sua bravura affermandosi come leader della squadra; tuttavia, i continui paragoni con il fratellastro maggiore Demetris a cui veniva sottoposto, lo portarono a trascurare del tutto il basket per praticare il football (dove affermava di sentirsi più libero), tornando alla pallacanestro soltanto nel suo penultimo anno.

Nel 2002 sposerà Siohvaughn Funches, dalla quale ha due figli: Zaire (anch'egli cestista) nato il 4 febbraio 2002 e Zion, nato il 29 maggio 2007.[1] I due si sono separati nel 2010 e hanno divorziato nel 2013.[2]

Nel 2013, ha avuto una relazione con Aja Metoyer. I due si lasceranno dopo che lei darà alla luce Xavier Wade, terzo figlio di Dwyane nato il 10 novembre 2013.

Nell'agosto 2014, si sposa con la ex-modella e attrice Gabrielle Union.[3] Il 7 novembre 2018, avranno una figlia chiamata Kaavia James Union Wade.[4]

Il 27 agosto 2016 sua cugina di primo grado Nykea Aldridge è morta (come vittima accidentale) durante una sparatoria tra bande a Chicago.[5][6][7]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

NCAA[modifica | modifica wikitesto]

Dopo l'high school, Dwyane sceglie di andare al College, precisamente a Marquette, ma dovrà aspettare un anno prima di scendere in campo: i suoi voti infatti non gli consentiranno di passare il test per entrare in squadra

Nonostante tutto, il coach della squadra Tom Crean decide di allenarlo ugualmente e di farlo diventare un assistente in panchina. Grazie a questo, Wade riesce a comprendere meglio il gioco, e al suo secondo anno domina sin dall'inizio della stagione, collezionando una media di 17,8 punti, 6,6 rimbalzi, 3,4 assist, 2,5 recuperi e 1,1 stoppate in 32 uscite. L'anno successivo è quello della consacrazione definitiva: Wade arriva a 21,5 punti, 6,3 rimbalzi, 4,4 assist, 2,2 recuperi e 1,3 stoppate di media, viene inserito nel primo quintetto ideale degli All American e nominato MVP delle Midwest Regional Final, riportando Marquette alla Final Four. Dopo due stagione di gioco, Wade prova ad entrare in NBA.

NBA[modifica | modifica wikitesto]

I primi anni nella lega (2003-2005)[modifica | modifica wikitesto]

Dwyane Wade in azione

Wade si rese quindi eleggibile per il Draft 2003 e venne scelto dai Miami Heat con la quinta scelta assoluta, dietro a LeBron James, Darko Miličić, Carmelo Anthony e Chris Bosh.[8]

Nel suo anno da rookie, un problema al polso lo ferma per le prime 21 partite ma successivamente Wade dimostra di essere una buona matricola, riportando i Miami Heat ad essere una squadra rispettabile. L'ombra gettata su di lui dalle due matricole più importanti, LeBron James e Carmelo Anthony, lo porta a lavorare ancora più duro e guida Miami a 17 vittorie sulle ultime 21 partite di stagione regolare, portando la sua squadra ai Playoffs NBA. I Miami Heat vinceranno la prima serie contro gli Hornets (da ricordare il canestro decisivo di Wade in faccia a Baron Davis in gara-1) ma perderanno contro gli Indiana Pacers al secondo turno; nonostante la sconfitta Wade si afferma come uno dei giocatori migliori della lega: le statistiche di Wade nei Playoffs NBA parlano di 18 punti, 5 assist e 4 rimbalzi.

Il rendimento di Wade nella sua prima stagione lo porta alla convocazione in Nazionale e, durante il ritiro, la dirigenza dei Miami Heat mette a segno il colpo di mercato che cambierà la storia della franchigia: la squadra della Florida cede Lamar Odom, Caron Butler e Brian Grant per avere Shaquille O'Neal dai Los Angeles Lakers. Il nuovo duo degli Heat, comincia subito a dare spettacolo e a dominare la Eastern Conference, supportati da compagni come Eddie Jones, Damon Jones ed altri; Miami vince 59 partite in stagione regolare, a fronte di sole 23 sconfitte; in una delle ultime gare di regular season però Shaq si procura un ematoma alla coscia in seguito ad una ginocchiata di Jermaine O'Neal. Iniziano i Play-off NBA e l'infortunio di O'Neal lo costringe a saltare la prima serie contro i Nets, spazzati via con un 4-0 grazie ad un Wade da 26,5 punti, 6,2 rimbalzi e 8 assist. La seconda serie vede il ritorno di O'Neal, che contribuisce ad un altro cappotto, stavolta ai danni degli Wizards: Wade realizza 31 punti di media con 7 rimbalzi e 8 assist. La finale di conference li porta davanti ai Detroit Pistons, campioni NBA in carica che vengono battuti in gara 5 e mandati sotto 2-3. A causa di un problema muscolare, Dwyane salta gara-6, persa 95-66, ed una gara 7 leggermente sotto tono (20 punti frutto di un 7/20, 4 assist, 1 rimbalzo e 5 palle perse) darà la vittoria per 88-82 ai Pistons. In seguito all'eliminazione gli Heat allestiscono un maxi-scambio (13 giocatori coinvolti, la più grande trade mai avvenuta) rivoluzionando la squadra: prendono Antoine Walker, Gary Payton, James Posey e Jason Williams.

Il primo titolo NBA e il premio di MVP delle Finals (2005-2006)[modifica | modifica wikitesto]

Dwyane Wade mentre effettua uno slalom fra gli avversari

La stagione successiva, i pronostici vedono gli Heat favoritissimi ma dopo due partite O'Neal si infortuna e salta le successive 18; la squadra accusa il colpo e al rientro di Shaq, il record è di 10-10. È proprio in questo periodo che il general manager dei Miami Heat, Pat Riley, decide di prendere per mano la squadra diventando head coach, subentrando al posto di Stan Van Gundy. La squadra si riprende vincendo 9 delle successive 12 partite e conquistando i PO con un record di 50-32.

Al primo turno gli Heat trovano Chicago per una serie che sembra solo una formalità ma dopo un facile 2-0 a Miami, nella città del vento i Bulls pareggiano la serie e, complice un infortunio di Wade ad inizio partita, in gara 5 si portano in vantaggio e sfiorano la clamorosa rimonta; quando però nel finale torna Dwyane gli Heat rimontano e vincono la partita, chiudendo poi la serie 4-2 in gara 6. Il secondo turno vede gli Heat affrontare New Jersey, dai quali erano stati sconfitti 3 volte su 4 in regular season. In gara 1, a Miami, i Nets dominano e vincono 100-88. In gara-2 e 3 gli Heat fanno la voce grossa e si portano sul 2-1 ed in gara-4, con il punteggio in bilico, una tripla di Payton dà a Miami il 3-1. Tornati in casa, Miami si batte in una gara equilibratissima con New Jersey e a pochi secondi dalla fine è in vantaggio 106-105. Wade intercetta una rimessa di Kidd diretta a Carter e gli Heat portano a casa la serie in 5 partite.

Wade si appende al canestro, gesto che è solito fare prima di ogni partita

In finale di Conference Miami incontra ancora una volta i Pistons, detentori del miglior record in stagione regolare. Gara-1 comincia con una partenza sprint degli Heat che vanno pesantemente in vantaggio ma dopo il primo quarto, il conto dei falli è pesante e Shaq e Wade sono costretti a vedere dalla panchina la rimonta di Detroit che si porta fino al -1, quando la reazione del supporting cast degli Heat affonda i Pistons al Palace. I Pistons reagiscono e vincono sul filo per 92-88 gara-2 ma a Miami gli Heat vincono gara-3 e 4 e, nonostante una grande prova in Prince in gara-5 (29 punti) che tiene a galla i Pistons, Miami domina gara-6 e chiude la serie 4-2

In Finale NBA arrivano i Dallas Mavericks, favoritissimi per il titolo, che a marzo avevano sconfitto gli Heat di 36 punti. Miami in gara-1 parte alla grande, andando sul +9 a inizio primo quarto ma nel secondo quarto Jason Terry si accende e con 20 punti nel primo tempo porta i Mavs in vantaggio. La ripresa è un massacro e Miami si riprende solo nel finale ma non basta per evitare la sconfitta 90-80. Gara-2 comincia più o meno nello stesso modo, un inizio di partita molto vivace ma nella ripresa, sotto i colpi di Stackhouse e Dirk Nowitzki, Miami affonda e i Mavericks portano a casa il 2-0. Tra gara due e gara-3, Pat Riley si cala nella parte del motivatore e in un allenamento, portando in spogliatoio un giornale di Dallas che dava gli Heat già per spacciati assicura alla sua squadra che il 20 giugno (giorno in cui si sarebbe dovuta disputare l'eventuale gara 6) avrebbero vinto il titolo. All'inizio di gara-3 la motivazione sembra dare i suoi effetti e a fine primo tempo Miami è sul +11, grazie ad una grande prova di squadra. Ancora una volta però Dallas reagisce e Dirk (30 punti alla fine per lui) porta i Mavs sul + 13 a 6 minuti dalla fine. Stavolta però si sveglia Wade che infila 12 punti in fila in 6 minuti (42 alla fine per lui) e, grazie a un 2/2 di Shaq dalla lunetta e a un tiro di Payton a pochi secondi dalla fine, Miami porta a casa la prima vittoria nella serie. Gara-4 è una dimostrazione di forza, dominata da Miami che vince 98-74 e pareggia la serie. La partita più bella della serie è senza dubbio gara-5, che vede Wade (42 punti alla fine) e Jason Terry (35) darsi battaglia. Sarà un tiro di Wade sul finire a mandare all'overtime la partita e a 1 secondo dalla fine metterà due liberi per il 3-2 di Miami. Si torna a Dallas per gara-6, dove i Mavericks cominciano alla grande, portandosi in vantaggio pesantemente. La risposta di Miami arriva con un pesante parziale e all'inizio dell'ultimo quarto gli Heat sono in vantaggio di tre punti. Il quarto quarto vede protagonisti lui, Alonzo Mourning, Udonis Haslem e Jerry Stackhouse. A 5 secondi dalla fine Dallas è ancora sotto di tre e Terry si incarica del tiro decisivo, che però sbaglia (0/5 da tre nell'ultimo quarto per lui), dando a Miami il primo titolo NBA. In questo stesso anno durante l'All-Star Weekend partecipa al suo secondo NBA All-Star Game, realizzando 20 punti e segnando il canestro decisivo. Inoltre ha partecipato all'NBA Skills Challenge dove ne è uscito vincitore.

Gli anni di transizione (2006-2010)[modifica | modifica wikitesto]

Wade palla in mano contro i Wizards.

Nella stagione 2006-07, a causa di un infortunio a Shaq, Dwyane si caricò la squadra sulle proprie spalle e fu grazie a lui che gli Heat riuscirono a rimanere sul 50% di vittorie/sconfitte. Al ritorno di O'Neal la squadra ritornò ai livelli dell'anno precedente sfiorando le 10 vittorie consecutive ma successivamente si infortunò Wade per una lussazione alla spalla e dovette saltare molte gare tornando dopo una riabilitazione per i playoff; tuttavia, per colpa dell'invecchiamento di alcuni componenti del roster, infortuni e mancanza di stimoli, non riuscì ad evitare il 4-0 contro i Chicago Bulls. Anche in quell'anno è stato presente all'All-Star Game, dove ha realizzato 10 punti e 6 palle rubate e ha vinto ancora una volta l'NBA Skills Challenge.

Nell'estate per risolvere i problemi con gli infortuni si fece operare saltando però i primi quindici giorni di campionato. La dirigenza sbagliò completamente la campagna acquisti, circondando Wade di giocatori che non potevano avere di certo l'etichetta di vincenti e soprattutto Shaquille O'Neal e Jason Williams erano fermi per infortunio. Visto ormai l'impossibilità della squadra di arrivare ai playoff Wade si fermò dopo 51 partite per problemi al ginocchio. A febbraio partecipa per la quarta volta all'All-Star Game segnando 14 punti. L'11 marzo Pat Riley, coach degli Heat, annuncia che Dwyane Wade non concluderà la stagione per sottoporsi a un intervento al ginocchio sinistro molto particolare chiamato OssaTron. Queste sono le parole di Riley: "Credo sia arrivato il momento di fermare Dwyane. Dobbiamo pensare alla sua salute e siamo convinti che questo procedimento lo aiuterà a tornare quello di prima."

Wade (a sinistra) e James

Nell'estate Wade, recuperato totalmente dagli infortuni, torna al top, partecipando alle Olimpiadi di Pechino, facendo parte del Dream Team degli USA e vincendo la medaglia d'oro. Qui è stato il trascinatore del team nella corsa all'oro collezionando partita per partita una media di 16 punti, tirando con il 67%, 4 rimbalzi, 2 assist e 2,3 palle rubate; probabilmente è stato il miglior giocatore del team e nella finale contro la Spagna ha realizzato 27 punti, tirando con il 75%, 4 palle rubate, 2 assist e due rimbalzi in 27 minuti. Da quel punto non si è più fermato.

Nella stagione 2008-09 è tornato quello di prima, portando la squadra fino ai playoff; gli Heat hanno realizzato così un record, divenendo la seconda squadra dopo i San Diego Rockets del 1968-69 capace di rialzarsi così in fretta dopo un'annata da non più di 15 vittorie. Wade ha chiuso la sua regular season contro i New York Knicks realizzando 55 punti con un 19 su 30 (sfiorando il record di franchigia di 56 punti), 9 rimbalzi, 4 assist e 1 stoppata. Alla fine della stagione è il miglior marcatore della NBA con 30,2 punti a partita ed è il primo giocatore della storia degli Heat a farlo. Inaspettatamente, grazie alle sue eccezionali statistiche si è candidato al premio di MVP, senza però riuscire a vincerlo, essendo stato molto penalizzato dal record di squadra. Durante i playoff Wade totalizza una media di 29,1 punti a partita, non riuscendo però a portare gli Heat oltre il primo turno giocato contro gli Atlanta Hawks che si è concluso in gara-7. All'All-Star Game seguente totalizza 28 punti,11 assist, 6 rimbalzi e 5 palle rubate ed è nominato MVP. Il 1º novembre 2009, realizzando 25 punti contro i Chicago Bulls, ha superato la soglia dei 10.000 punti, il primo a farlo con la casacca degli Heat.

L'arrivo di LeBron James e gli altri due titoli NBA (2010-2014)[modifica | modifica wikitesto]

Wade con la sua classica casacca numero 3

Dopo l'eliminazione dai Playoffs 2010 subita dai Boston Celtics, la dirigenza di Miami mette a segno due colpi di mercato straordinari di cui uno rimarra' nella storia NBA: nella squadra della Florida infatti arriva prima Chris Bosh (come free agent) da Toronto, e successivamente LeBron James da Cleveland (anche lui come free agent).[9] Le prospettive per la nuova stagione sono da titolo, ma gli Miami Heat faticano ad ingranare e a trovare una chimica di squadra, e non partono bene, ma dopo le prime 10 partite il loro gioco di squadra sale di livello fino a raggiungere i Boston Celtics in cima alla Eastern Conference. Alla fine della regular season, Wade e gli Heat concludono secondi, dietro i Chicago Bulls, con un record di 58 vittorie e 24 sconfitte.

A questo punto Miami accede al Playoff, incontrando i Philadelphia 76ers. Gli Heat non hanno molte difficoltà e passano il turno 4-1. Successivamente gli Heat affrontano i Boston Celtics, e grazie a un Wade da 30 punti di media nella serie, Miami supera anche l'ostacolo Boston con un 4-1. Una serie che è stata superata soprattutto grazie ad una difesa sensazionale da parte degli Heat. In finale 2011 gli Heat incontrano i Dallas Mavericks, per la rivincita del 2006. Gara-1 viene vinta abbastanza facilmente dagli uomini di Spoelstra, e così sembra anche gara2, quando Miami è sopra di 15 punti a 7 minuti dalla fine. Tuttavia alla fine è Dallas a prevalere, grazie alle prestazioni di Dirk Nowitzki, Jason Terry e Jason Kidd, col tedesco che realizza il canestro della vittoria negli ultimi istanti di partita.[10][11][12] A Dallas però gli Heat si riprendono il fattore campo andando a vincere gara 3. Sarà l'ultima vittoria di Miami, poiché le successive gare in Texas sono appannaggio dei Mavs, i quali andranno a concludere l'opera in Florida in gara-6, vincendo il loro primo titolo NBA, e vendicando la dura sconfitta del 2006.

Durante la off season Wade tramite un comunicato fa sapere la sua intenzione di voler giocare in Europa o in Giappone nel caso di un lock-out da parte della NBA con conseguente diminuzione del numero di partire da 82 a 66. Viene inserito nel quintetto base della NBA Eastern Conference per l'edizione 2012 dell'NBA All-Star Game. In cui diverrà il terzo giocatore, dopo Michael Jordan e LeBron James a realizzare una tripla doppia (24-10-10) ad un'All-Star Game.[13] Conclude la stagione con 22,1 punti di media, conditi da 4,8 rimbalzi e 4,6 assist. Il 22 giugno 2012 vince il suo 2º titolo NBA con i suoi Miami Heat, battendo gli Oklahoma City Thunder in finale per 4-1.

Il 17 febbraio 2013 gioca l'All-Star Game partendo titolare insieme ai compagni di squadra LeBron James e Chris Bosh, mette a referto 21 punti con 10-13 dal campo con da 7 assist. Insieme ai suoi compagni, e in particolare a un LeBron James scintillante, i Miami Heat sono protagonisti della seconda striscia vincente più lunga della storia NBA, totalizzando 27 vittorie. Conclude l'anno con 21,2 punti di media, 5,0 rimbalzi e 5,1 assist, con il 52,1% al tiro (career-high). Gli Heat si qualificano primi in conference con un record di 66 vittorie e 16 sconfitte. Ai NBA playoffs supera prima i Milwaukee Bucks (4-0), poi i Chicago Bulls orfani di Derrick Rose, e in finale di conferece gli Indiana Pacers di Paul George e arriva alle finals contro i San Antonio Spurs. Miami e San Antonio danno il via ad una combattutissima serie che porta sino a gara-7 dove Miami bisserà il titolo battendo gli Spurs 95-88, ove Wade mette a segno una doppia doppia con 23 punti e 10 rimbalzi. Questo è per Wade il terzo anello NBA, nonché il secondo consecutivo. Nell'estate si sottopone nuovamente al trattamento OssaTron,[14] già utilizzato in passato per alleviare i problemi alle ginocchia.[15]

Nella stagione 2013-2014 i Miami Heat riescono ad arrivare ancora alle Finals, dove affrontano di nuovo i San Antonio Spurs. Questa volta per Miami non c'è scampo, e gli Heat perdono 4-1, anche grazie a prestazioni non esaltanti di Wade.

Gli ultimi anni a Miami e l'approdo ai Chicago Bulls (2014-2017)[modifica | modifica wikitesto]

A canestro contro i Cavs.

La stagione 2014-2015 si apre con l'addio di LeBron James. I Miami Heat non riescono a raggiungere i Playoffs, nonostante Wade concluda la stagione a più di 20 punti di media.

Nella stagione 2015-2016, gli Heat si qualificano ai Playoff, grazie all'esplosione di Hassan Whiteside e ai rinforzi estivi operati da Pat Riley. Dopo aver superato al primo turno gli Hornets, con ottime prestazioni di Wade, soprattutto in gara 5 e gara 6, Miami si ferma al secondo turno contro i Toronto Raptors in sette gare.

Non avendo trovato un accordo per il rinnovo contrattuale,[16] Wade lascia i Miami Heat dopo 13 anni e il 6 luglio 2016 firma un contratto biennale da 47,5 milioni di dollari con la squadra della sua città natale, i Chicago Bulls.[17][18] Wade avrebbe potuto andare ai Bulls già in 2 occasioni: la prima al Draft 2003,[19] la seconda nel 2010 quando i Bulls avevano trovato l'accordo con lui e LeBron James prima che gli Heat firmassero Chris Bosh.[19][20][21] Il 16 marzo 2017 subisce frattura al gomito destro[22], riuscendo comunque a tornare in campo per le ultime partite della stagione in cui i tori riescono ad arrivare ai playoffs, in cui escono al primo turno contro i Boston Celtics.

Cleveland Cavaliers, ritorno ai Miami Heat e il ritiro (2017-2019)[modifica | modifica wikitesto]

Nell'estate 2017 si trasferisce ai Cleveland Cavaliers, ritrovando LeBron James, già suo compagno di squadra a Miami.[23]

Nel febbraio 2018 fa ritorno ai Miami Heat.[24] Il 5 marzo 2019 supera Michael Jordan in occasione della sfida contro gli Atlanta Hawks per numero di stoppate complessive in regular season.[25] Il 10 aprile 2019 ha terminato la sua carriera NBA segnando 30 punti nel successo per 122-99 contro i Philadelphia 76ers.[26]

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Convocato per le Olimpiadi 2004 è arrivato terzo.

Viene convocato dal coach Mike Krzyzewski per il Mondiale 2006 in Giappone, dove, insieme a LeBron James e Carmelo Anthony (i tre capitani), non fa faville e porta la squadra solo al terzo posto, al di sotto delle aspettative. In questo campionato Wade colleziona una media di 19,3 punti a partita.

Wade ha partecipato anche alle Olimpiadi 2008 vincendo il suo primo oro.

Non prende parte alla spedizione dei suoi compagni alle Olimpiadi di Londra a causa di un infortunio.[27]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Legenda
  PG Partite giocate   PT  Partite da titolare  MP  Minuti a partita
 TC%  Percentuale tiri dal campo a segno  3P%  Percentuale tiri da tre punti a segno  TL%  Percentuale tiri liberi a segno
 RP  Rimbalzi a partita  AP  Assist a partita  PRP  Palle rubate a partita
 SP  Stoppate a partita  PP  Punti a partita  Grassetto  Career high
Denota le stagioni in cui ha vinto il titolo
* Primo nella lega

NBA[modifica | modifica wikitesto]

Regular season[modifica | modifica wikitesto]

Anno Squadra PG PT MP TC% 3P% TL% RP AP PRP SP PP
2003-2004 Miami Heat 61 56 34,9 46,5 30,2 74,7 4,0 4,5 1,4 0,6 16,2
2004-2005 Miami Heat 77 77 38,6 47,8 28,9 76,2 5,2 6,8 1,6 1,1 24,1
2005-2006 Miami Heat 75 75 38,6 49,5 17,1 78,3 5,7 6,7 1,9 0,8 27,2
2006-2007 Miami Heat 51 50 37,9 49,1 26,6 80,7 4,7 7,5 2,1 1,2 27,4
2007-2008 Miami Heat 51 49 38,3 46,9 28,6 75,8 4,2 6,9 1,7 0,7 24,6
2008-2009 Miami Heat 79 79 38,6 49,1 31,7 76,5 5,0 7,5 2,2 1,3 30,2*
2009-2010 Miami Heat 77 77 36,3 47,6 30,0 76,1 4,8 6,5 1,8 1,1 26,6
2010-2011 Miami Heat 76 76 37,1 50,0 30,6 75,8 6,4 4,6 1,5 1,1 25,5
2011-2012 Miami Heat 49 49 33,2 49,7 26,8 79,1 4,8 4,6 1,7 1,3 22,1
2012-2013 Miami Heat 69 69 34,7 52,1 25,8 72,5 5,0 5,1 1,9 0,8 21,2
2013-2014 Miami Heat 54 53 32,9 54,5 28,1 73,3 4,5 4,7 1,5 0,5 19,0
2014-2015 Miami Heat 62 62 31,8 47,0 28,4 76,8 3,5 4,8 1,2 0,3 21,5
2015-2016 Miami Heat 74 73 30,5 45,6 15,9 79,3 4,1 4,6 1,1 0,6 19,0
2016-2017 Chicago Bulls 60 59 29,9 43,4 31,0 79,4 4,5 3,8 1,4 0,7 18,3
2017-2018 Cleveland Cavaliers 46 3 23,2 45,5 32,9 70,1 3,9 3,5 0,9 0,7 11,2
2017-2018 Miami Heat 21 0 22,2 40,9 22,0 74,5 3,4 3,1 0,9 0,7 12,0
2018-2019 Miami Heat 72 2 26,2 43,3 33,0 70,8 4,0 4,2 0,8 0,5 15,0
Carriera 1054 909 33,9 48,0 29,3 76,5 4,7 5,4 1,5 0,8 22,0
All-Star 12 10 23,8 63,4 25,0 72,0 3,6 4,8 2,3 0,4 15,7

Play-off[modifica | modifica wikitesto]

Anno Squadra PG PT MP TC% 3P% TL% RP AP PRP SP PP
2004 Miami Heat 13 13 39,2 45,5 37,5 78,7 4,0 5,6 1,3 0,3 18,0
2005 Miami Heat 14 14 40,8 48,4 100 79,9 5,7 6,6 1,6 1,1 27,4
2006 Miami Heat 23 23 41,7 49,7 37,8 80,8 5,9 5,7 2,2 1,1 28,4
2007 Miami Heat 4 4 40,5 42,9 0,0 68,8 4,8 6,3 1,3 0,5 23,5
2009 Miami Heat 7 7 40,7 43,9 36,0 86,2 5,0 5,3 0,9 1,6 29,1
2010 Miami Heat 5 5 42,0 56,4 40,5 67,5 5,6 6,8 1,6 1,6 33,2
2011 Miami Heat 21 21 39,4 48,5 26,9 77,7 7,1 4,4 1,6 1,3 24,5
2012 Miami Heat 23 23 39,4 46,2 29,4 72,9 5,2 4,3 1,7 1,3 22,8
2013 Miami Heat 22 22 35,5 45,7 25,0 75,0 4,6 4,8 1,7 1,0 15,9
2014 Miami Heat 20 20 34,7 50,0 37,5 76,7 3,9 3,9 1,5 0,3 17,8
2016 Miami Heat 14 14 33,8 46,9 52,2 78,1 5,6 4,3 0,8 0,9 21,4
2017 Chicago Bulls 6 6 31,7 37,2 35,3 95,2 5,0 4,0 0,8 1,3 15,0
2018 Miami Heat 5 0 25,4 44,3 0,0 80,8 4,2 3,6 1,4 0,2 16,6
Carriera 177 172 37,8 47,4 33,8 78,0 5,2 4,9 1,5 1,0 22,3

Record[modifica | modifica wikitesto]

  • È il miglior marcatore di sempre della storia dei Miami Heat.[28]
  • È il miglior assistman di sempre della storia dei Miami Heat.[28]
  • Detiene il record dei Miami Heat di maggior punti realizzati in un solo quarto: 24.
  • Detiene il record di franchigia di punti segnati in una singola stagione (2008-09).
  • È il giocatore con il maggior numero di palle rubate nella storia dei Miami Heat.
  • Detiene il record di franchigia di stoppate in un singolo quarto: 4 (12-03-2011 contro Memphis).
  • È il terzo giocatore nella storia dell'NBA che ha realizzato una "tripla doppia" nell All Star Game, con 24 punti, 10 rimbalzi e 10 assist nell'edizione del 2012.
  • È la guardia con il maggior numero di stoppate nei playoff.[29]
  • È la guardia con il maggior numero di stoppate in assoluto.[25]

Career highs[modifica | modifica wikitesto]

  • Massimo di punti: 55 vs. New York Knicks (12 aprile 2009)[30]
  • Massimo di assist: 16 (2 volte)
  • Massimo di rimbalzi: 16 vs. New York Knicks (27 gennaio 2011)
  • Massimo di palle rubate: 8 vs. Dallas Mavericks (15 novembre 2013)
  • Massimo di stoppate: 5 (6 volte)
  • Massimo di tiri da 3 segnati: 6 (2 volte)
  • Massimo di tiri liberi segnati: 23 vs. Cleveland Cavaliers (1º febbraio 2007)
  • Massimo di minuti giocati: 52 vs. Utah Jazz (14 marzo 2009)

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

NBA[modifica | modifica wikitesto]

Wade sulla copertina del magazine Five dopo la vittoria del titolo NBA nel 2006 contro i Dallas Mavericks
Miami Heat: 2006, 2012, 2013
2005, 2006, 2007, 2008, 2009, 2010, 2011, 2012, 2013, 2014, 2015, 2016, 2019
First Team: 2009, 2010
Second Team: 2005, 2006, 2011.
Third Team: 2007, 2012, 2013
Second Team: 2005, 2009, 2010

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

  • Bronze medal olympic.svg: bronzo olimpico
Giochi della XXVIII Olimpiade
  • Gold medal olympic.svg: oro olimpico
Olimpiadi di Pechino nel 2008.
  • Campionato del Mondo FIBA svoltosi in Giappone nel 2006: Medaglia di bronzo

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Heat's Wade wins custody fight for his two sons, su ESPN.com, 13 marzo 2011. URL consultato il 6 agosto 2019.
  2. ^ (EN) Good News For D. Wade!, su HuffPost, 23 luglio 2013. URL consultato il 6 agosto 2019.
  3. ^ Zach Johnson, Dwyane Wade and Gabrielle Union Are Married!, 30 agosto 2014.
  4. ^ (EN) Rob Goldberg, Dwyane Wade, Gabrielle Union Announce Birth of Daughter Via Surrogate, su Bleacher Report. URL consultato il 6 agosto 2019.
  5. ^ Sparatoria a Chicago, muore la cugina di Dwyane Wade: "Senza ragioni, irreale". URL consultato il 1º dicembre 2018.
  6. ^ Sparatoria a Chicago: uccisa la cugina di Dwyane Wade, in BasketUniverso, 27 agosto 2016. URL consultato il 1º dicembre 2018.
  7. ^ (EN) Associated Press in Chicago, Brothers charged in death of Nykea Aldridge, cousin of NBA's Dwyane Wade, su the Guardian, 28 agosto 2016. URL consultato il 1º dicembre 2018.
  8. ^ (EN) Draft History, su NBA Stats. URL consultato il 6 agosto 2019.
  9. ^ (EN) Sources: Heat trio sign for $15 million less each, su ESPN.com, 9 luglio 2010. URL consultato il 6 agosto 2019.
  10. ^ (EN) NBA com Staff, Top NBA Finals moments: Mavericks' late run in Game 2 stuns Heat, su NBA.com. URL consultato il 6 agosto 2019.
  11. ^ (EN) Mario Gonzalez, NBA Finals 2011: Miami Heat vs. Dallas Mavericks Game 2 Report Card, su Bleacher Report. URL consultato il 6 agosto 2019.
  12. ^ (EN) Cliff Potter, NBA Finals 2011: Dallas Game 2 Win Due to Many Factors, Nowitzki Most Important, su Bleacher Report. URL consultato il 6 agosto 2019.
  13. ^ (EN) NBA com Staff, 2012 NBA All-Star recap, su NBA.com. URL consultato il 6 agosto 2019.
  14. ^ (EN) Healthy Wade Key To Heat's Three-Peat, NBA.com, 18 agosto 2013. URL consultato il 18 agosto 2013.
  15. ^ (EN) Dwyane Wade to get back on court, ESPN NBA, 16 agosto 2013. URL consultato il 18 agosto 2013.
  16. ^ Dwyane Wade si confessa: "Ecco perché ho lasciato i Miami Heat", su gazzettanba.slyvi.com, 9 novembre 2016.
  17. ^ Clamoroso colpo di scena: Dwayne Wade firma ai Chicago Bulls, su sportando.com, 7 luglio 2016. URL consultato il 7 luglio 2016 (archiviato dall'url originale il 10 luglio 2016).
  18. ^ (EN) Done deal: Wade signs contract with Bulls, su ESPN.com, 16 luglio 2016. URL consultato il 6 agosto 2019.
  19. ^ a b (EN) Dwyane Wade believed he would get drafted by the Bulls in 2003, su CBSSports.com. URL consultato il 6 agosto 2019.
  20. ^ (EN) NBA com Staff, Dwyane Wade says LeBron James could have joined him in Chicago in 2010, su NBA.com. URL consultato il 6 agosto 2019.
  21. ^ NBA mercato, Dwyane Wade lascia Miami per Chicago, su La Gazzetta dello Sport - Tutto il rosa della vita. URL consultato il 6 agosto 2019.
  22. ^ DWYANE WADE INJURY UPDATE nba.com
  23. ^ Ufficiale Wade a Cleveland: indosserà il 9, su sport.sky.it. URL consultato il 6 agosto 2019.
  24. ^ Andrea Grazioli, Nba mercato, come Dwyane Wade è tornato a Miami, su gazzetta.it, 8 febbraio 2018.
  25. ^ a b (EN) Wade now all-time leader in blocks by a guard, su ESPN.com, 5 marzo 2019. URL consultato il 6 agosto 2019.
  26. ^ (EN) Tim Reynolds, ‘Still amazing’: Dwyane Wade plays his last game in Miami, su apnews.com, 10 aprile 2019. URL consultato il 10 aprile 2019.
  27. ^ (EN) Wade needs knee surgery, will miss Olympics, su ESPN.com, 28 giugno 2012. URL consultato il 6 agosto 2019.
  28. ^ a b (EN) Miami Heat Career Leaders, su Basketball-Reference.com. URL consultato il 6 agosto 2019.
  29. ^ (EN) NBA & ABA Career Playoff Leaders and Records for Blocks, su Basketball-Reference.com. URL consultato il 6 agosto 2019.
  30. ^ Dwyane Wade - NBA Career Bests, su basketball.realgm.com. URL consultato il 6 agosto 2019.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN26479097 · ISNI (EN0000 0000 4051 4234 · LCCN (ENn2005089257 · WorldCat Identities (ENn2005-089257