Trascrizione

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Trascrizione (disambigua).
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

La trascrizione nella sua forma più semplice indica la rappresentazione scritta di un flusso vocale (ad esempio la trascrizione dei dialoghi di un film, o di un testo dettato da altri).

Il termine viene usato anche per indicare un'operazione più complessa, rappresentare i suoni di una lingua con il sistema di scrittura di una lingua diversa.[1] In questo senso mira dunque a rappresentare (in modo più o meno approssimativo) il sistema fonologico della lingua trascritta per un parlante che non conosca il sistema di scrittura di quella lingua e usi quindi il proprio in sostituzione o, in ambiente scientifico, per rappresentare in maniera univoca delle stringhe di foni e fonemi.

Uso e tipologie di trascrizione[modifica | modifica sorgente]

Nell'uso si ricorre a tipologie di trascrizione diverse, a seconda dello scopo e dell'ambiente in cui sono usate: alcune trascrizioni, meno precise, tendono a sfruttare le regole del sistema di scrittura della lingua di arrivo per riprodurre i suoni della lingua che si vuole trascrivere: per trascrivere una parola straniera che contiene il primo suono della parola sciame, un italiano userà il digramma ⟨sc⟩[2] o il trigramma ⟨sci⟩, mentre un anglofono sceglierà ⟨sh⟩, un tedesco ⟨sch⟩, un francofono ⟨ch⟩ e un polacco ⟨sz⟩.

Altre trascrizioni, invece, traspongono univocamente i suoni della lingua da trascrivere, indipendentemente dal sistema di scrittura della lingua di arrivo. Appartengono a questa categoria di trascrizioni gli standard della traslitterazione dall'arabo e dell'alfabeto internazionale per la traslitterazione del sanscrito. Si noti che questi due casi sono anche esempio dell'uso improprio del termine "traslitterazione" (nella quale, invece di considerare i suoni come nella trascrizione, si ha una conversione biunivoca da un sistema di scrittura in un altro).

Trascrizione in linguistica[modifica | modifica sorgente]

Quando il sistema di trascrizione è usato in ambienti linguistici, si parla generalmente di trascrizione fonetica e di trascrizione fonemica. La prima rappresenta univocamente i foni di una lingua e, a seconda del numero di dettagli fonetici inclusi, può essere stretta, se presenta molti dettagli, o larga, se ne presenta meno; la seconda (detta a anche "trascrizione fonologica" trascrive i fonemi (in caso di allofoni, quindi, non viene segnata alcuna differenza). Per queste trascrizioni, il sistema di scrittura più diffuso è l'Alfabeto fonetico internazionale. Un terzo tipo di trascrizione è quella grafemica: questa segnala i grafemi stessi, invece dei suoni che questi rappresentano.

Per queste trascrizioni si ricorre alle seguenti convenzioni:

  • in caso di trascrizione fonetica (sia stretta che larga), si usa racchiudere i segni tra parentesi quadre [ ] (talvolta la trascrizione fonetica stretta è posta tra doppie parentesi quadre [[...]]);
  • in caso di trascrizione fonemica, si racchiudono i segni tra parentesi oblique / /;
  • la trascrizione grafemica, viene racchiusa tra parentesi angolari .

Romanizzazione[modifica | modifica sorgente]

Viene detto romanizzazione (o latinizzazione) il sistema di una trascrizione da una scrittura non latina (come il cirillico, l'arabo, il devanagari etc...), in una scrittura latina; questi sistemi hanno spesso un insieme di norme ufficiali nazionali o internazionali (norme ISO). Si parla anche di romanizzazione per la trascrizione delle lingue logografiche, come il cinese o il giapponese, processo che spesso viene erroneamente chiamato traslitterazione (dove, invece di considerare i suoni come nella trascrizione, si ha una conversione biunivoca da un sistema di scrittura in un altro).

Arabo[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Lingua araba e Traslitterazione dall'arabo.

Tra le diverse traslitterazioni usate nei paesi non-arabofoni, la seguente è quella "scientifica", suggerita in un Congresso Internazionale degli Orientalisti svoltosi a Roma nel 1938:
A -  ; B -  ; T -  ; TH -  ; J (Ğ) -  ; H (Ḥ) -  ; KH -  ; D -  ; DH -  ; R -  ; Z -  ; S -  ; SH (Š) -  ; Sad (Ṣ) -  ; Dad (Ḍ) -  ; Ta enfatica (Ṭ) -  ; Za enfatica (Ẓ) -  ; ʿAyn (ʿ) -  ; GH (Ġ) -  ; F -  ; Q -  ; K -  ; L -  ; M -  ; N -  ; Ha hafifa (h) -  ; W -  ; Y - . La hamza è traslitterata ʾ .
Gli allungamenti vocalici sono per la fatha ā/Ā; per la kasra ī/Ī e per la damma ū/Ū.

Cirillico[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Traslitterazione scientifica.

La norma internazionale di trascrizione del russo è la traslitterazione scientifica. La traslitterazione invece ha il numero ISO 9: in quest'ultima versione (1995), questo sistema fa corrispondere a ciascun carattere cirillico un carattere latino unico, ciò che rende le traslitterazioni perfettamente reversibili senza la minima ambiguità.

Per dare un esempio semplice della differenza fra traslitterazione e trascrizione, si prenda il nome Горбачёв; questo dovrà essere traslitterato Gorbačëv secondo la norma ISO 9 (ad un carattere corrisponde un solo carattere: ad ogni č deve corrispondere un ч e inversamente), ma potrà essere trascritto Gorbatchof, Gorbachof o ancora Gorbatschow, secondo la lingua del trascrittore) un'equivalenza fonetica approssimativa che tiene conto degli usi della lingua bersaglio, in questo caso rispettivamente il francese, l'inglese e tedesco).

Greco[modifica | modifica sorgente]

In effetti, l'alfabeto greco antico è relativamente poco ambiguo (ad un grafema corrisponde quasi sempre una sola interpretazione fonetica) e le differenze tra trascrizione e traslitterazione saranno molto ridotte. Eppure la trascrizione del greco antico paradossalmente non è regolata da una norma internazionalmente condivisa, in quanto normalmente l'alfabeto greco è destinato a chi lo sappia già leggere senza bisogno di trascrizioni in altri alfabeti: di conseguenza la trascrizione che ne deriva è normalmente adattata alle abitudini fonetiche della lingua dei trascrittori. Per esempio, γνῶθι σεαυτόν potrà essere trascritto gnothi seauton (in caso di trascrizione va ricordato però che in greco antico la /γ/ era pronunciata [g] di gatto in tutte le posizioni) e traslitterato gnỗthi seautón (o gnȭthi seautón). La traslitterazione inserirà soltanto gli accenti (e le quantità vocaliche). È possibile ritrovare facilmente l'originale anche a partire da una trascrizione meno rigida.

Il greco moderno, tuttavia, è molto più difficile da trattare. In effetti la pronuncia del greco si è notevolmente modificata nel tempo rispetto alla fase più antica, divergendo sempre più dalla grafia.

Una delle modificazioni maggiori è lo iotacismo, fenomeno per il quale sono oggi confluiti nell'unica pronuncia [i] ben tre fonemi e tre dittonghi differenti (con pronuncia originaria: ι /i/~/iː/, η /ɛː/, υ /y/~/yː/, ει /eː/~/ei̯/-/ej/, οι /oi̯/-/oj/, υι /yi̯/-/yj/) che, in greco antico, non erano affatto confusi. Allo stesso modo, ε e αι si pronunciano entrambi [e], mentre ο et ω valgono entrambi [o]. Così, la traslitterazione e la trascrizione saranno talora molto lontane (fatto che indica un'ortografia complessa: in effetti, non è possibile notare direttamente, all'ascolto, una parola greca senza conoscerne la grafia).

Ecco un esempio concreto. Si rende verso seguente dell'Odysseus Elytis:

Στην αρχαία εκείνη θάλασσα που εγνώριζα (Diario di un aprile invisibile, « Sabato 11 »).

Una trascrizione (fonetica e con gli accenti) possibile sarebbe stin archjéa ekíni thálasa pou eghnóriza. Si contano quattro [i], scritti η, ει e ι, due [e], scritti αι e ε. Se si può proporre una traslitterazione, che permetterebbe di riconoscere il testo originale, è necessario distinguere queste grafie. Si potrebbe per esempio adottare la traslitterazione del greco antico: stēn archaía ekeínē thálassa pou egnōriza, che sarà molto lontana dalla trascrizione e richiederà al lettore di conoscere delle regole di lettura meno intuitive.

Il problema si pone quindi per i nomi propri attuali: bisogna scegliere la trascrizione o la traslitterazione? Per esempio, Γιάννης Αλευράς si traslittera Giánnês Aleurás ma si trascrive Jánnis Alevrás. Peggio, Βασίλης Κοντογιαννόπουλος traslitterato sarà Basílês, mentre trascritto sarà Vasílis. Quanto al patronimico, può essere sorprendente constatare che si traslittera Kontogiannópoulos e si trascrive Kondojannópoulos (o Kondojannopoulos).

Cinese[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Romanizzazione della lingua cinese.

I sistemi principali di trascrizione dalla lingua cinese sono:

Coreano[modifica | modifica sorgente]

I sistemi principali di trascrizione dalla lingua coreana sono:

Thai[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Sistema Generale Reale Thai di Trascrizione.

Il Sistema Generale Reale Thai di Trascrizione, chiamato anche RTGS, acronimo dell'inglese Royal Thai General System of Transcription, è il sistema ufficiale di trascrizione adottato in Thailandia delle parole thailandesi nell'alfabeto latino ed è stato pubblicato dall'Istituto Reale di Thailandia.

Viene usato ovunque in Thailandia, a partire dai cartelli stradali per finire alle pubblicazioni governative ufficiali. È un sistema che rende solo un'idea approssimativa della reale pronuncia thai, dato che in tale lingua esistono lettere e suoni non presenti in quella latina. Oltre al sistema RTGS, in Thailandia vengono usati altri sistemi di trascrizione delle parole thai con lettere latine, e sono generalmente basati sul modo in cui queste ultime sono usate nella lingua inglese, ad esempio il verbo avere che si scrive มี, in RTGS viene trascritto mi, ma usando un altro sistema si trova trascritto con il più foneticamente fedele mee in cui il digramma ee viene pronunciato con una i lunga, come in Bruce Lee e come nella voce del verbo essere sii.

Imprecisioni nelle trascrizioni[modifica | modifica sorgente]

La diffusione della scrittura tramite tastiere il cui layout non è uniforme in tutte le lingue è praticata frequentemente una sorta di traslitterazione imprecisa nel tentativo di rappresentare una parola straniera nella sua grafia d'origine. Quando l'alfabeto di partenza è latino, questa traslitterazione si esegue solitamente tralasciando i segni diacritici e altri segni che non esistono nella lingua d'arrivo. Tale pratica, legata alle necessità divulgative dei mass media e alle limitazioni tipografiche dei diversi paesi ha tuttavia dato vita a pronunce che talora non hanno più niente a che fare con la pronuncia della lingua di partenza.

Il caso è molto frequente con alfabeti latini modificati, come quello polacco. I caratteri estesi assenti dalle tastiere attuali sono semplicemente omessi, senza tuttavia adattarne l'ortografia nel modo in cui meglio renda la pronuncia reale. Così, il cognome di papa Giovanni Paolo II, ("Wojtyła" con una elle barrata, pronunciata [w]) è semplicemente scritto Wojtila, con una elle normale. La pronuncia più frequente, /vɔj'tila/, è un compromesso abbastanza vicino alla pronuncia polacca /vɔj'tɪwa/ alla quale non manca che il valore reale di "ł" e il valore di [ɪ] più vicino a /e/ che a /i/ italiano. La parola Walesa subisce lo stesso trattamento: il nome, scritto "Lech Wałęsa" in polacco, si pronuncia in questa lingua /'lɛx va'wɛ̃ŋsa/. La scrittura Walesa e la pronuncia /va'le:za/ è doppiamente erroneo. A differenza dell'italiano, che tende a mantenere le false traslitterazioni, in molte lingue non si esita a modificare la grafia dei nomi stranieri affinché essi siano letti nella maniera più corretta.

Un altro caso abbastanza frequente riguarda la lingua araba, per la quale esistono due grafemi e fonemi che rendono l'italiana "c dura" (kāf, traslitterata "k", e per il suo suono enfatizzato, qāf, traslitterata "q"). In quest'ultima evenienza non è infrequente l'ipercorrettismo di apporre subito dopo una vocale "u", nel rispetto della lingua italiana ma non della realtà fonetica dell'arabo. Classico esempio è al-Quaida al posto del più corretto al-Qaida (versione semplificata di al-Qāʿida).

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Devoto, Giacomo, e Gian Carlo Oli. 2008. Il Devoto-Oli. Vocabolario della lingua italiana. Milano: Le Monnier.
  2. ^ Le parentesi angolate indicano un grafema o una sequenza di grafemi.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

linguistica Portale Linguistica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di linguistica