David Stern

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
David Joel Stern

David Joel Stern (New York, 22 settembre 1942) è un avvocato e dirigente sportivo statunitense. Dal 1984 al 2014 è stato il Commissario della National Basketball Association. È membro del Naismith Memorial Basketball Hall of Fame dal 2014, in qualità di contributore.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a New York da una famiglia ebrea[1], cresce a Teaneck, nel New Jersey; si laurea in Storia alla Rutgers University nel 1963, quindi in Giurisprudenza alla Columbia Law School[1] tre anni dopo.

Entra come avvocato nel prestigioso studio legale internazionale Proskauer Rose, che cura gli interessi delle più importanti associazioni sportive statunitensi, ed in quella veste inizia a lavorare con la NBA, dapprima come legale esterno, poi come responsabile dell'ufficio legale (dal 1978), quindi come vice presidente esecutivo (dal 1980).

Nei primi anni ottanta la lega viveva un periodo di crisi, sia di immagine, con il problema della droga che coinvolgeva diversi giocatori, sia economico, per l'attenuato interesse del pubblico e la carente copertura televisiva della rete CBS, che giunse addirittura a trasmettere una gara delle finali NBA in differita.

Le decisioni promosse da Stern di introdurre i test antidroga e il tetto salariale, che produsse una virtuosa comunione di interessi tra società e giocatori, furono due mosse decisive per il rafforzamento della NBA e del suo stesso prestigio personale: il 1º febbraio 1984 divenne perciò il quarto presidente (Commissioner) nella storia della lega, succedendo a Larry O'Brien.

Esattamente 30 anni dopo, il 1º febbraio 2014, ha lasciato l'incarico a favore di Adam Silver[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Stern, David, jewsinsports.org. URL consultato il 25 ottobre 2012.
  2. ^ Il commissioner va in pensione. Stern lascerà il 1º febbraio 2014 in Gazzetta dello Sport, 25 ottobre 2012. URL consultato il 25 ottobre 2012.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN16538079 · LCCN: (ENn98026653