Don Haskins

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Don Haskins
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Pallacanestro Basketball pictogram.svg
Ruolo Allenatore
Ritirato 1999
Hall of fame Naismith Hall of Fame (1997)
Carriera
Giovanili
1949-1953Okl. A&M Aggies
Carriera da allenatore
1961-1999UTEP Miners719-353
1972Stati Uniti (assistant)
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Donald Lee "Don" Haskins (Enid, 14 marzo 1930El Paso, 7 settembre 2008[1]) è stato un cestista e allenatore di pallacanestro statunitense, membro del Naismith Memorial Basketball Hall of Fame dal 1997 in qualità di allenatore.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Ha giocato per tre anni all'Oklahoma A&M College (ora Oklahoma State University) del coach Henry Iba ed è stato il capo allenatore dei Miners di Texas Western College (rinominato Università del Texas a El Paso nel 1967) dal 1961 al 1999. È ricordato soprattutto per avere vinto il titolo NCAA del campionato di Division I del 1966, quando la sua squadra ha sconfitto i "Wildcats" dell'Università del Kentucky (allenati da Adolph Rupp) schierando in finale solo giocatori afroamericani.

Durante la sua permanenza a Texas Western ha collezionato un record di 719 vittorie e soltanto 353 sconfitte. Nel 1997 è stato inserito nella Naismith Memorial Basketball Hall of Fame come allenatore mentre la sua squadra del 1966 è stata inserita come team nella Basketball Hall of Fame.

Nel 2006 venne girato in suo onore il film Glory Road - Vincere cambia tutto che narra la storia del titolo NCAA vinto 40 anni prima.

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Don Haskins, barrier-breaking coach, is dead at 78 The New York Times, 8 settembre 2008
  2. ^ (EN) The Naismith Memorial Basketball Hall of Fame :: Don Haskins, su hoophall.com. URL consultato il 30 luglio 2019.
  3. ^ (EN) Don Haskins, su collegebasketballexperience.com. URL consultato il 30 luglio 2019.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN31076950 · ISNI (EN0000 0000 3086 5815 · LCCN (ENn88034170 · GND (DE173846467 · WorldCat Identities (ENn88-034170