Swen Nater

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Swen Nater
Swen Nater with UCLA shooting.png
Nater al tiro con la maglia di UCLA
Nazionalità Paesi Bassi Paesi Bassi
Altezza 211 cm
Peso 109 kg
Pallacanestro Basketball pictogram.svg
Ruolo Centro
Ritirato 1985
Carriera
Giovanili
Wilson High School
1968-1970Cypress Junior College
1971-1973UCLA Bruins
Squadre di club
1973Virginia Squires 17
1973-1975San Antonio Spurs 140
1975-1976N.Y. Nets43
1976Virginia Squires 33
1976-1977Milwaukee Bucks 72
1977-1978Buffalo Braves78
1978-1983San Diego Clippers 270
1983-1984L.A. Lakers69
1984-1985A.P.U. Udine 27
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Swen Erick Nater (Den Helder, 14 gennaio 1950) è un ex cestista olandese, professionista nella ABA, nella NBA e in Italia.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

L'infanzia e il trasferimento[modifica | modifica wikitesto]

Swen ebbe un'infanzia piuttosto dura e travagliata. Nato nei Paesi Bassi, all'età di 3 anni i genitori divorziarono. Quando la madre si risposò, lei ed il nuovo marito partirono per gli Stati Uniti con la speranza di ricominciare tutto da zero, abbandonando Swen e la sorella più piccola in un orfanotrofio, ma con la speranza un giorno di reincontrarsi. Il caso del giovane venne portato alla luce da una trasmissione locale, che permise ai due ragazzi il viaggio per l'America, per raggiungere i genitori. Nater si iscrisse alla Wilson Classical High School a Long Beach.

La carriera da giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Al College, a UCLA, Swen non partecipò al torneo di basket NCAA, ma si diede da fare per aiutare la squadra negli allenamenti, e Bill Walton, allora stella incontrastata in quel di UCLA, di luì dirà:

« Swen è il miglior centro contro cui abbia giocato durante tutto l'anno[1] »

Questa ed altre circostanze, portarono Swen Nater ad essere scelto con la 16a chiamata assoluta dai Milwaukee Bucks al draft NBA del 1973.

Nella ABA[modifica | modifica wikitesto]

Nonostante l'ingaggio, i Bucks scambiarono il fresco acquisto con i San Antonio Spurs, franchigia che allora militava nella lega professionistica ABA. A stagione quasi conclusa venne ceduto ai Virginia Squires; con più di 14 punti e 12 rimbalzi a partita, e dopo aver disputato un All-Star Game stratosferico (29 punti e 22 rimbalzi in meno di mezz'ora di gioco), ricevette il meritato premio di Miglior rookie della stagione. Nelle 2 stagioni successive, cambio continuamente residenza (dapprima tornò agli Spurs, poi si trasferì con i New York Nets per poi fare ritorno ai Squires), continuando tuttavia a produrre cifre di altissimo livello, da doppia doppia fissa, con un picco di 15,1 punti e 16,4 rimbalzi a partita nel 1975, vincendo la classifica del miglior rimbalzista della lega.

Nell'estate del 1976, dopo aver chiuso una stagione perdente con i Virginia Squires, lui (come decine di altri giocatori) venne sorpreso dall'improvviso fallimento dell'American Basketball Association, colpita da una crisi di fondi e finanziamenti. Alcune squadre passarono nella rivale National Basketball Association; i giocatori delle squadre trascinate nel fallimento (fra cui Nater) vennero smistati nelle franchigie della NBA tramite un dispersal draft.

Il passaggio alla NBA[modifica | modifica wikitesto]

Nella NBA, Swen Nater venne acquistato dai Milwaukee Bucks, che da ormai una stagione si erano all'improvviso ritrovati privi della loro guida Kareem Abdul-Jabbar. Il suo impatto nella prima stagione NBA, nonostante le forti pressioni, non fu da meno delle precedenti, assicurando alla squadra per tutta la stagione la doppia cifra in punti e rimbalzi. Nella stagione 1977-78 giocò per i Buffalo Braves, anch'essi di colpo privi della stella locale (stavolta Bob McAdoo); a Buffalo Nater giocò un'altra stagione di grande livello con medie superiori ai 15 punti e 13 rimbalzi.

A partire dalla stagione 1979, il centro olandese riuscì finalmente a trovare una più fissa dimora, accasandosi ai San Diego Clippers. Con i Clippers trovò grande spazio e fiducia, ricambiando con cifre di valore; in particolare, nel 1979-80 fu miglior rimbalzista della lega con 15 rimbalzi a partita. Il suo ruolo nella squadra venne drasticamente ridotto nel 1983, con il ritorno in buone condizioni fisiche di Bill Walton, accompagnate invece da un brutto infortunio che fece saltare a Swen ben 75 partite.

La sua ultima stagione, il 1984, il cestista olandese la disputò con i Los Angeles Lakers, dove la notevole presenza di lunghi di valore lo relegò, inevitabilmente, ad un minutaggio di secondo piano (12 a partita).

La SerieA ed il ritiro[modifica | modifica wikitesto]

Terminata la sua carriera nella NBA, Swen Nater decise che era però troppo presto per abbandonare la pallacanestro: nel 1985 giocò una stagione nell'Australian Udine, squadra della Serie A italiana. Giocò per 27 partite, con le medie di 17,1 punti e 13,6 rimbalzi per incontro. Seguì il ritiro definitivo.

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN26478231 · ISNI (EN0000 0000 4051 3602