Kermit Washington

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Kermit Washington
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Altezza 203 cm
Peso 104 kg
Pallacanestro Basketball pictogram.svg
Ruolo Ala grande
Allenatore
Ritirato 1987 - giocatore
2005 - allenatore
Carriera
Giovanili
Coolidge High School
1969-1973American Eagles
Squadre di club
1973-1977L.A. Lakers214 (1.343)
1977-1978Boston Celtics 32 (376)
1978-1979San Diego Clippers 82 (927)
1979-1982Portland T. Blazers 173 (2.004)
1987Golden St. Warriors 6 (16)
Carriera da allenatore
2005Asheville Altitude (vice)
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Kermit Alan Washington (Washington, 17 settembre 1951) è un ex cestista e allenatore di pallacanestro statunitense, professionista nella NBA.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Ha giocato per tutta la carriera in NBA, dal 1973 (anno in cui è stato draftato dai Los Angeles Lakers come quinta scelta assoluta)[1][2] al 1982, con una parentesi nel 1987 ai Golden State Warriors, anno in cui si è definitivamente ritirato. In carriera ha partecipato all'All-Star nel 1980, oltre a essere entrato in 2 occasioni nell'All-Defensive Second Team.[2] In carriera (in particolare tra il 1977 e il 1981) è andato più volte in doppia cifra di media nei punti segnati.

Il suo (primo) ritiro nel 1982 è stato dovuto ai problemi fisici che lo hanno penalizzato più volte nel corso della sua carriera professionistica.[2]

Ha avuto una breve parentesi da allenatore nel 2005 da vice degli Asheville Altitude.

Il pugno a Tomjanovich[modifica | modifica wikitesto]

L'episodio più noto (oltre che triste) della sua carriera è datato 9 dicembre 1977: quel giorno in una sfida tra Lakers e Houston Rockets Washington ha tirato un pugno all'allenatore dei razzi Rudy Tomjanovich (che era corso in mezzo al campo per fare da paciere tra Washington, Kareem Abdul-Jabbar e il giocatore dei Rockets Kevin Kunnert) rompendogli naso e mandibola e procurandogli una commozione cerebrale.[2][3][4] Tomjanovich ha anche rischiato di morire, ma si è salvato.[4]

Washington ha anche subito minacce di morte (così come la sua famiglia) per questo episodio.[2]

Procedimenti giudiziari[modifica | modifica wikitesto]

Il 25 maggio 2016 è stato incriminato per essersi appropriato di 500.000 dollari che erano destinati in beneficenza ai bambini dell'Africa.[5]

Il 4 dicembre 2017 si è dichiarato colpevole di furto d'identità aggravato e frode fiscale (ha oltretutto mentito alla dichiarazione dei redditi),[6] venendo poi condannato il 9 luglio 2018 a 6 anni di carcere federale.[7][8][9]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) 1973 NBA Draft, su Basketball-Reference.com. URL consultato l'8 dicembre 2018.
  2. ^ a b c d e (IT) Alessandro Scuto, Kermit e quel pugno di troppo | Nba Religion, su NBARELIGION.COM, 17 settembre 2013. URL consultato l'8 dicembre 2018.
  3. ^ (EN) A. B. C. News, How One Punch Changed Professional Sports, su ABC News, 6 gennaio 2006. URL consultato l'8 dicembre 2018.
  4. ^ a b (EN) Rudy Tomjanovich Feels Sorry for Kermit Washington, Even Though He Almost Killed Me, su TMZ. URL consultato l'8 dicembre 2018.
  5. ^ (EN) Kermit Washington allegedly stole $500K from charity, su The Columbian, 25 maggio 2016. URL consultato l'8 dicembre 2018.
  6. ^ (EN) Ex-NBA star Kermit Washington guilty of fraud, su ESPN.com, 4 dicembre 2017. URL consultato l'8 dicembre 2018.
  7. ^ (EN) Former NBA player sentenced in Kansas City to federal prison for fraud, identity theft, su kansascity. URL consultato l'8 dicembre 2018.
  8. ^ (EN) Kermit Washington receives 6-year sentence, su ESPN.com, 10 luglio 2018. URL consultato l'8 dicembre 2018.
  9. ^ (EN) Former NBA player Kermit Washington sentenced to six years in federal prison for charity fraud, su USA TODAY. URL consultato l'8 dicembre 2018.

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN63371978 · LCCN (ENn2002095865