S-Bahn

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Con S-Bahn si indicano nei paesi di lingua tedesca i servizi ferroviari metropolitani e suburbani presenti nelle grandi aree metropolitane.
La dicitura S-Bahn (derivata da "Stadtschnellbahn" o "ferrovia veloce urbana") rimanda immediatamente alla U-Bahn, che nei paesi di lingua tedesca indica le linee metropolitane tradizionali.
I sistemi S-Bahn sono caratterizzati dal colore verde in Germania. Analogamente ai sistemi di metropolitane, le linee S-Bahn sono contrassegnate da un numero preceduto dalla lettera "S", ottenendo combinazioni del tipo "S1", "S2" ecc.
L'uso della lettera "S" per indicare i servizi ferroviari metropolitani e suburbani ha conosciuto un notevole successo, tanto da diffondersi anche in altri paesi (S-tog di Copenaghen, "Linee S" di Milano, Esko di Praga).

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

La S-Bahn (abbreviazione di Stadtschnellbahn, "ferrovia veloce urbana") si differenzia sostanzialmente dalle metropolitane classiche (U-Bahn, abbreviazione di Untergrundbahn, "ferrovia sotterranea") per l'utilizzo dell'infrastruttura ferroviaria tradizionale e per l'ampio bacino d'utenza servito, solitamente corrispondente all'area metropolitana (e talvolta più ampio). Tuttavia molte reti S-Bahn, nelle zone centrali, assolvono egregiamente al compito di trasporto urbano, e sono ottimamente integrati alle reti tramviarie o metropolitane delle città.

Altra caratteristica distintiva è costitutita dal fatto che i servizi S-Bahn sono eserciti dall'operatore ferroviario nazionale, o da imprese autonome ad esso appartenenti (es.: S-Bahn Berlin GmbH, controllata da Deutsche Bahn), anche se alle ultime gare d'appalto per la gestione, indette dagli enti locali, hanno partecipato anche operatori internazionali.

Nelle reti più vecchie, sorte in genere nei primi decenni del XX secolo (Berlino, Amburgo, Copenaghen), la filosofia che ha guidato la progettazione e la realizzazione è sostanzialmente simile a quella che ha portato alla costruzione ed all'esercizio delle metropolitane: linee dedicate, materiale rotabile a sagoma ridotta, sistema di alimentazione a terza rotaia, segnalamento non conforme a quello della rete nazionale.

I sistemi S-Bahn di recente costruzione utilizzano le linee e gli impianti (stazioni, fermate e a volte depositi) in comune con il traffico tradizionale su rotaia a media-lunga percorrenza: nelle penetrazioni urbane e, in generale, nei punti ad alta intensità di traffico eterogeneo, si preferisce separare le correnti di traffico, portando i convogli S-Bahn su linee completamente dedicate, talvolta sotterranee (passanti ferroviari).

Storia[modifica | modifica wikitesto]

I primi esempi[modifica | modifica wikitesto]

Il primo servizio ferroviario antesignano delle moderne S-Bahn fu istituito a Berlino, dove la Stadtbahn (la ferrovia est-ovest) fu aperta nel 1882 già con quattro binari, due dedicati al traffico a lunga percorrenza, due al traffico urbano e suburbano. Anche la Ringbahn (ferrovia circolare) fu ampliata dopo pochi anni a 4 binari.

Nel 1891 fu istituito uno speciale regime tariffario urbano separato da quello delle ferrovie nazionali.

Ad Amburgo fu istituito un servizio ferroviario urbano nel 1906, elettrificato già nel 1907.

Nel 1924 iniziò anche l'elettrificazione della rete berlinese.

La dicitura S-Bahn[modifica | modifica wikitesto]

La dicitura S-Bahn, introdotta a Berlino nel 1930, intendeva evidentemente ricordare i sistemi di metropolitana classica, detti in tedesco U-Bahn.

La forma estesa del nome S-Bahn ("Stadtschnellbahn" o "ferrovia veloce urbana") non fu mai utilizzata. Nei primi anni, accanto ad S-Bahn, veniva però utilizzata anche la dicitura SS-Bahn.

Nel 1934 anche il servizio ferroviario urbano di Amburgo prese la dicitura S-Bahn.

Sempre nel 1934 fu attivata la nuova rete di Copenaghen, che fu battezzata S-tog ( abbreviazione di "Stiv køreplan-Tog" o "collegamento ferroviario cadenzato"), nome evidentemente ispirato dalle S-Bahn.

Sviluppi nel dopoguerra[modifica | modifica wikitesto]

A partire dagli anni sessanta furono istituite, sia in Germania Ovest che in Germania Est, numerose nuove reti di S-Bahn. A differenza delle due reti primigenie, tecnicamente separate dalla rete nazionale, le nuove reti furono separate dalla rete nazionale solo nelle tratte più centrali e trafficate.

In alcune reti occidentali (Francoforte sul Meno, Monaco di Baviera, Stoccarda) furono costruite nuove tratte centrali in galleria, per evitare l'attestamento nelle stazioni centrali di testa; nelle reti orientali ci si limitò ad istituire dei collegamenti più frequenti e dalle fermate più ravvicinate sulle linee esistenti.

Negli anni sessanta fu aperta anche la S-Bahn di Vienna, ottenuta dalla trasformazione delle vecchie ferrovie urbane (Stadtbahn), in parte trasformate però in metropolitane classiche.

Le S-Bahn oggi[modifica | modifica wikitesto]

Negli ultimi anni altre città tedesche, svizzere ad austriache hanno aperto reti S-Bahn, spesso ottenute dal potenziamento dei treni regionali.

In alcuni casi (Basilea, Friburgo in Brisgovia) sono state istituite reti "Regio-S-Bahn" che operano su una regione più ampia rispetto alle classiche S-Bahn; in altre realtà (Karlsruhe, Chemnitz) i servizi ferroviari suburbani sono eserciti con sistemi di tram-treno, percorrendo le tratte tramviarie centrali e quelle ferroviarie suburbane.

Lo sviluppo delle reti S-Bahn, unito al potenziamento delle reti tramviarie trasformate in metropolitane leggere (Stadtbahn o U-Stadtbahn), ha permesso a molte città tedesche di evitare la costruzione di costose metropolitane classiche.

L'attivazione delle S-Bahn ha spesso influenzato lo sviluppo urbanistico delle città, portando alla formazione di quartieri satellite comodamente collegati ai centri cittadini.

Intermodalità[modifica | modifica wikitesto]

Le S-Bahn favoriscono generalmente il trasporto intermodale, per es. auto+treno (con parcheggi scambiatori alle stazioni, specialmente esterne all'area urbana centrale) e treno+bici (sia con trasporto a bordo che con parcheggi dedicati o ciclostazioni). L'intermodalità svolge l'essenziale ruolo di portare il trasporto su ferro vicino allo schema "da porta a porta" tipico dell'automobile, innalzandone la competitività e permettendo di disincentivare l'uso del mezzo privato a motore. L'intermodalità si applica anche ad altri trasporti pubblici (es. tranvie, metropolitane, bus) ma trova nelle S-Bahn e sistemi simili (es. le RER a Parigi, l'S-tog a Copenhagen ecc.) la sua massima realizzazione, proprio per il raggio che generalmente copre l'intera area vasta metropolitana.

Loghi[modifica | modifica wikitesto]

Aree di lingua tedesca[modifica | modifica wikitesto]

In numerose aree metropolitane si è ritenuto necessario associare un marchio a questo tipo di servizi, in maniera analoga a quanto già consolidato per le metropolitane, così da associare agli stessi un'immediata riconoscibilità.

Altri sistemi affini[modifica | modifica wikitesto]

Non essendo oggetto di specifiche norme armonizzate di riferimento, ciascuna comunità ha adottato propri nomi e loghi associati ai servizi, che risultano in generale differenti rispetto a quelli utilizzati nelle aree di lingua tedesca.

Nelle aree di lingua francese l'equivalente delle S-Bahn sono chiamate RER (Réseau Express Régional) la più celebre delle quali è quella di Parigi. Il nome utilizzato in Spagna è Cercanias, ad eccezione della Catalogna ove si è adottato il termine di Rodalies. Ancora, nella Bay Area di San Francisco il sistema di ferrovie suburbane è chiamato con l'acronimo BART, in Italia sono utilizzate una serie di nomi e allocuzioni che variano da Regione a Regione, spesso utilizzando il medesimo logo delle metropolitane nonostante tali servizi non risultino omologati come tali; il Lombardia i servizi affini alle S-Bahn dono definiti "Linee S".

Le reti[modifica | modifica wikitesto]

Germania[modifica | modifica wikitesto]

La rete S-Bahn e U-Bahn in Germania
Rete Città servite Anno di apertura Numero di linee
S-Bahn di Berlino Berlino 1930 16
S-Bahn di Amburgo Amburgo 1934 3
S-Bahn Reno-Ruhr Colonia, Düsseldorf, Essen, Dortmund, Duisburg, Bonn 1967 13
S-Bahn della Germania Centrale Lipsia, Halle, Zwickau 1969 7
S-Bahn di Rostock Rostock 1970 3
S-Bahn di Monaco di Baviera Monaco di Baviera 1972 10
S-Bahn di Dresda Dresda 1973 3
S-Bahn di Magdeburgo Magdeburgo 1974 1
S-Bahn di Karl-Marx-Stadt Chemnitz 1976 soppressa nel 1993
S-Bahn di Erfurt Erfurt 1976 soppressa nel 1993
S-Bahn di Stoccarda Stoccarda 1978 7
S-Bahn Reno-Meno Francoforte sul Meno, Magonza, Wiesbaden 1978 9
S-Bahn di Norimberga Norimberga 1987 3
S-Bahn di Hannover Hannover 2000 6
S-Bahn Reno-Neckar Mannheim, Ludwigshafen, Heidelberg 2003 4

Austria[modifica | modifica wikitesto]

Rete Città servite Anno di apertura Numero di linee
S-Bahn della Carinzia Klagenfurt, Villaco 2010 1
S-Bahn di Salisburgo Salisburgo 2004 3
S-Bahn della Stiria Graz 1998 5
S-Bahn del Tirolo Innsbruck 2007 6
S-Bahn di Vienna Vienna 1933 13

Svizzera[modifica | modifica wikitesto]

La rete S-Bahn in Svizzera
Rete Città servite Anno di apertura Numero di linee
S-Bahn Zürich Zurigo 1990 26[1]
Regio S-Bahn Basel Basilea 1997 7
S-Bahn Bern Berna 1995 13
S-Bahn St. Gallen San Gallo 2001 10
S-Bahn Lemano/REV Losanna, Ginevra 2004 7
S-Bahn Luzern Lucerna 2004 7 (+2)
Rete celere del Canton Ticino Bellinzona, Locarno, Lugano 2004 6
Stadtbahn Zug Zugo 2004 2

Reti similari[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Servizio ferroviario suburbano.

Alcuni servizi ferroviari urbani e suburbani sono indicati dalla lettera "S", derivata dai sistemi S-Bahn:

I servizi ferroviari urbani e suburbani spagnoli sono detti Cercanías (Rodalies, in catalano, a Barcellona) e sono in servizio in 12 aree metropolitane del Paese.

In Svezia questi servizi sono contrassegnati dalla lettera "P" (abbreviazione di Pendeltåg) e sono in servizio nelle città di Stoccolma (Stockholms pendeltåg) e Göteborg (Göteborgs pendeltåg).

Molte altre città possiedono dei servizi ferroviari urbani o suburbani che possono essere paragonati alle S-Bahn:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Comprese le regionali

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

trasporti Portale Trasporti: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di trasporti