Servizi ferroviari suburbani di Roma

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

1leftarrow.pngVoce principale: Trasporti a Roma.

Roma possiede diversi servizi ferroviari suburbani e metropolitani integrati tariffariamente tra loro che movimentano una media di 373 000[1] passeggeri al giorno. Otto linee sono gestite da Trenitalia, tre da ATAC.

Relazioni "Ferrovie Locali"[modifica | modifica wikitesto]

Ferrovie regionali del Lazio
Servizio di trasporto pubblico
Balduina fr.JPG
Stati Italia Italia
Apertura 1994
Gestore ATAC, Trenitalia
Mezzi utilizzati ALe 801
· TAF
· E.464+Carrozze vicinale a piano ribassato/Carrozze MDVC/Vivalto
Tracciato della linea
Trasporto pubblico

Il sistema delle "ferrovie locali" (FL) è costituito di 8 relazioni, gestite da Trenitalia, convergenti sulla città di Roma.[2] Il servizio è finanziato in larga parte dalla Regione Lazio (per 15 milioni di treni*km annui) con un contributo della Provincia di Roma (pari a 0,5 milioni di treni x km annui).[3]

Le linee FL1, FL2 e FL3 offrono, particolarmente nelle tratte urbane di Roma, un servizio metropolitano grazie alla frequenza e alle numerose fermate urbane (la FL1 è inoltre l'unica linea passante), integrato con la metropolitana ed i mezzi di superficie; le altre linee effettuano un servizio per lo più regionale[4]

La categoria di servizio assegnata a tutte le corse è quella di treno regionale[4].

La numerazione delle linee (FL1, FL2 ecc.) appare solo nella segnaletica di alcune stazioni mentre nell'orario ufficiale cartaceo Trenitalia venivano segnalate le sigle solo delle linee FL1 e FL3 fino al dicembre 2012[5]. Nei tabelloni luminosi e cartacei arrivi/partenze delle stazioni è presente solo la sigla R e la numerazione della corsa. Nella rete ATAC invece la numerazione delle linee FL appare in tutte le mappe generali e di linea.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

1967: il servizio urbano sulla linea Roma-Viterbo[modifica | modifica wikitesto]

Il primo "servizio urbano" delle Ferrovie dello Stato nella città di Roma venne attivato in via sperimentale il 16 aprile 1967[6]. Era effettuato sulla tratta da Tiburtina a Monte Mario della linea per Viterbo, e vi erano utilizzate automotrici ALn 668.1400 con rimorchiate Ln 664[7].

Le fermate intermedie erano Tuscolana, Ostiense, Trastevere e San Pietro, a cui si aggiunsero in seguito le nuove fermate Balduina (nel 1968) e Pineta Sacchetti (nel 1971)[6].

In seguito al successo di traffico, il servizio da sperimentale divenne definitivo, venendo prolungato nel 1970 alla nuova fermata San Filippo Neri, e nel 1972 a La Storta-Formello[6]. A grandi linee, la frequenza del servizio era compresa fra un treno ogni mezz'ora e un treno ogni ora[8].

1981: Il servizio urbano sulla linea Firenze-Roma[modifica | modifica wikitesto]

Il 16 febbraio 1981 venne attivato un ulteriore servizio urbano, sulla tratta da Tiburtina a Monterotondo della linea per Firenze, prolungato quasi subito a Fara Sabina[9]; in occasione dell'attivazione del servizio si provvide ad attivare le due nuove fermate di Nuovo Salario e Piana Bella di Montelibretti, che si aggiungevano all'esistente fermata di Settebagni[9].

La linea era percorsa dalle corse prolungate del servizio urbano Tiburtina-La Storta; le stesse fermate erano servite anche dai treni locali per Orte, effettuati con automotrici elettriche ALe 801[9].

La nascita delle linee FM (dal 1990 al 2002)[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1990 viene promulgata la legge n. 396 (Interventi per Roma, Capitale della Repubblica) che prevede interventi finalizzati all'adeguamento dei servizi e delle infrastrutture per la mobilità urbana e metropolitana e (...) il potenziamento del trasporto pubblico su ferro[3].

Nel febbraio del 1994 venne firmata un'intesa tra Regione Lazio, Comune di Roma, Provincia di Roma e Ferrovie dello Stato per attuare un assetto integrato dei trasporti nell'area metropolitana romana e regionale; vennero individuate 7 linee identificate dalla sigla FM (Ferrovie Metropolitane)[10].

Le prime due linee furono istituite con l'orario estivo del 1994. Si trattava delle Ferrovie Metropolitane FM1 (Monterotondo-Roma Tiburtina-Fiumicino Aeroporto) e FM2 (Guidonia-Roma Tiburtina)[11]. Dopo pochi mesi la linea FM1 venne prolungata da Monterotondo a Fara Sabina[12].

Il Comune di Roma con la deliberazione del Consiglio comunale n. 101 del 12 maggio 1995 ha deliberato il Programma di Assetto Generale delle aree ferroviarie (P.A.G.)[3].

Le linee FR (2002-2012)[modifica | modifica wikitesto]

In seguito alla regionalizzazione del trasporto ferroviario locale, il 29 aprile 2002 le linee FM vennero ribattezzate FR (Ferrovie Regionali) e la loro programmazione affidata alla Regione Lazio[13].

Nasce la linea FR8 come scorporo dalla linea FR7.

Nel febbraio del 2006 viene siglato un protocollo d’intesa tra Regione Lazio, Provincia di Frosinone, Provincia di Latina, Provincia di Rieti, Provincia di Roma, Provincia di Viterbo, Comune di Roma, Ferrovie dello Stato spa e Rete Ferroviaria Italiana spa finalizzato all'attuazione di un progetto unitario e integrato di rete ferroviaria regionale e metropolitana.[14]

Le linee FL (dal 2012)[modifica | modifica wikitesto]

Dal 2012 in alcuni documenti Trenitalia le linee FR sono nominate in FL (Ferrovie Laziali)[15][16][17][18]. Nel giugno 2013 ATAC ha pubblicato una versione aggiornata della mappa integrata dei servizi ferroviari di Roma dove le ferrovie regionali di Trenitalia sono identificate dalla sigla FL e non più FR[19].

Linee[2][modifica | modifica wikitesto]

Mappa geografica

Progetti[modifica | modifica wikitesto]

In seguito al potenziamento del nodo ferroviario di Roma da parte di RFI, verranno realizzate nuove fermate FL e verranno posti in atto raddoppi di binario nelle tratte già esistenti.[20]

Ferrovie ATAC[modifica | modifica wikitesto]

Oltre alla rete gestita da RFI esistono altre tre ferrovie regionali che offrono un servizio di tipo suburbano, gestite da ATAC, che collegano Roma con Ostia, Giardinetti (quartieri periferici di Roma) e Viterbo (la linea Roma-Viterbo di ATAC compie un tragitto diverso dalla FL3. Due di esse sono a scartamento standard, una a scartamento ridotto.

Roma-Lido[modifica | modifica wikitesto]

Treno CAF della Roma-Lido
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Ferrovia Roma-Lido.

La linea del Lido va dalla stazione Roma Porta San Paolo fino al limite sud del quartiere balneare di Ostia Lido, completamente all'interno del territorio del comune di Roma. Il piano regolatore del 1962 la identificava come linea metropolitana E.[senza fonte]

La prima parte del tracciato è parallelo a quello della linea B, con binari indipendenti. Il tracciato si sviluppa attraverso i quartieri di Vitinia, Acilia, Casal Bernocchi, Centro Giano, Ostia Antica ed ha cinque stazioni a Ostia. Il suo capolinea è alla stazione Cristoforo Colombo, in corrispondenza della fine della via Cristoforo Colombo, che da Roma porta a Ostia. Nelle ore di punta la linea raggiunge la frequenza massima di un treno ogni 5 minuti.[senza fonte]

Con uno stanziamento di circa 53 milioni di euro, si procederà alla trasformazione della linea del Lido in una vera e propria linea metropolitana;[senza fonte] secondo il nuovo Piano Regolatore Generale diverrà probabilmente, una diramazione della linea B.[Non risulta affatto!]

Roma-Giardinetti[modifica | modifica wikitesto]

Convoglio della Roma-Giardinetti a Porta Maggiore
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Ferrovia Roma-Giardinetti.

Al lato della stazione Termini vi è il capolinea della ferrovia Roma-Giardinetti (conosciuta anche come Roma Laziali o Roma-Pantano), una linea ferroviaria , un tempo concessa, a scartamento ridotto, che presta servizio urbano all'interno del comune di Roma. L'esercizio è di tipo metrotranviario. Il tracciato della ferrovia è ciò che resta dell'antica ferrovia Roma-Fiuggi-Alatri-Frosinone.

Il 7 luglio 2008 venne chiuso il tratto Pantano-Giardinetti della linea ferroviaria ex concessa Roma Laziali-Pantano poiché da far confluire nel tratto in superficie della linea C[21], di conseguenza il servizio avviene fino alla stazione Giardinetti, stazione di scambio con la Linea C.

Il servizio viene espletato dall'ATAC con corse cadenzate generalmente ogni 7 minuti dalle ore 6 alle ore 20, ogni 10 minuti nelle altre fasce orarie. Le corse vengono sospese dalle 23:00 alle 5:00[22].

Roma-Civitacastellana-Viterbo[modifica | modifica wikitesto]

Stazione Euclide della Roma-Viterbo
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Ferrovia Roma-Civitacastellana-Viterbo.

La Ferrovia Roma-Civitacastellana-Viterbo, chiamata anche "Roma Nord" dal nome del primitivo concessionario, è una linea ferroviaria che collega Roma (da piazzale Flaminio – corrispondenza con la linea A – subito oltre piazza del Popolo) a Viterbo attraverso l'infrastruttura ferroviaria della linea regionale Roma-Civitacastellana-Viterbo.

Sono attivi due livelli di servizi: urbano e extraurbano. Il primo, identificato come linea metropolitana F dal piano regolatore del 1962, prevede corse con capolinea Montebello (poco fuori dall'anello del GRA) ogni 10/15 minuti con l'effettuazione di tutte le fermate intermedie urbane (Flaminio, Euclide, Acqua Acetosa, Campi Sportivi, Tor di Quinto, Due Ponti, Grottarossa, Saxa Rubra, Centro RAI, Labaro, La Celsa, Prima Porta, La Giustiniana-Villa di Livia, Montebello). Il servizio extraurbano non viene effettuato da tutti i treni in partenza da Flaminio ed ha una frequenza delle corse molto più bassa.[senza fonte]

Tariffe[modifica | modifica wikitesto]

Per i viaggi nelle stazioni all'interno del comune di Roma è in vigore la tariffa integrata Metrebus Roma (o Metrebus Lazio se prevede la zona di Roma) applicata a biglietti e abbonamenti; in questo modo è possibile utilizzare un solo titolo di viaggio per utilizzare la metropolitana, i tram, i filobus, gli autobus ATAC e COTRAL e le ferrovie in concessione a ATAC. Per i viaggi al di fuori del comune di Roma è attiva la tariffa integrata Metrebus Lazio.

Tariffe specifiche di Trenitalia[modifica | modifica wikitesto]

In alternativa è prevista la tariffa ferroviaria Anello dove è possibile viaggiare sui mezzi Trenitalia all'interno del Comune di Roma con un unico titolo di viaggio (validità 90 minuti in un'unica direzione) [23]. La tariffa Anello e la tariffa Metrebus Roma sono delimitate dalle stazioni: Capannelle (FL4 e FL6), Cesano di Roma (FL3), Fiera di Roma (FL1), Lunghezza (FL2), Roma Aurelia (FL5), Settebagni (FL1) e Torricola (FL7 e FL8). Per i viaggi verso la stazione di Colle Mattia, situata all'interno del Comune di Roma ma che richiede l'attraversamento della stazione di Ciampino, è valida la tariffa Metrebus Roma ma non la tariffa Anello.

Per tutti i viaggi che si svolgono al di fuori della zona Anello o che la attraversano, viene applica la tariffa regionale chilometrica (applicata ai titoli di viaggio validi solo sui treni Trenitalia) o la tariffa integrata Metrebus Lazio[24] sulla quale i viaggi per o da Fiumicino Aeroporto sono compresi solo nei titoli di validità almeno settimanale [25]

Per i viaggiatori ultrasettantenni (e categorie previste dalla L.R. 30/98) e le Forze dell'Ordine (e categorie previste dall L.R. 16/03 e successive modifiche - Con il Bollettino Uff.le Reg. Lazio numero 48 del 28 dicembre 2010, in vigore dal 29 dicembre 2010[26], sono state inserite anche le Forze Armate, il Corpo Forestale ed i Corpi di Vigilanza Armata, questi ultimi a condizione che indossino la divisa del corpo o istituto di appartenenza), sono valide le gratuità previste dalla normativa regionale per la parte del viaggio che si svolge all'interno del Lazio[27].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ ATAC - I numeri della mobilità
  2. ^ a b http://www.trenitalia.com/cms-file/allegati/trenitalia/servizi_per/retelazio.pdf
  3. ^ a b c http://www.agenziamobilita.roma.it/attachments/6683_Mobilit%C3%A0_Ferro_2012.pdf
  4. ^ a b Orario Trenitalia
  5. ^ In treno tutt'Italia
  6. ^ a b c Formigari, Muscolino, op. cit., p. 264
  7. ^ Immagine di un'automotrice del servizio urbano, a La Storta nel 1990
  8. ^ Si vedano gli orari del 1975 per il senso dispari e il senso pari
  9. ^ a b c Formigari, Muscolino, op. cit., p. 283
  10. ^ http://www.aneilve.com/DT/Pubblicazioni/IL%20LAZIO%20SU%20ROTAIA.pdf
  11. ^ Cruciani, op. cit., p. 26
  12. ^ Metrebus si allunga, in "I Treni", anno XV, n. 153 (ottobre 1994), p. 4
  13. ^ Ferrovie metropolitane, in "I Treni" n. 238 (giugno 2002), p. 4
  14. ^ A pag. 57
  15. ^ http://www.trenitalia.com/cms-file/allegati/trenitalia/in_regione/fiches_horaire_leonardo_express.pdf
  16. ^ http://www.trenitalia.com/cms-file/allegati/trenitalia/in_regione/Lazio.pdf
  17. ^ Collegamenti da e per l'Aeroporto di Roma Fiumicino "Leonardo da Vinci" - Collegamenti per gli aeroporti - Trenitalia
  18. ^ La Direzione regionale Lazio - Lazio - Trenitalia
  19. ^ http://www.atac.roma.it/files/doc.asp?r=4
  20. ^ Brochure RFI (PDF)
  21. ^ Storia del progetto – Roma Metropolitane.
  22. ^ ATAC S.p.A. | Azienda per la mobilità
  23. ^ http://www.trenitalia.com/cms-file/allegati/trenitalia/normativa/TARIFFA_14_RM.pdf
  24. ^ La Direzione regionale Lazio - Lazio - Trenitalia
  25. ^ ATAC S.p.A. | Azienda per la mobilità | biglietti e abbonamenti
  26. ^ [1]
  27. ^ Contratto di Servizio tra Trenitalia e Regione Lazio (PDF).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Paolo Blasimme, Il treno-metrò di Roma, in "Italmodel Ferrovie" n. 139 (maggio-giugno 1968), pp. 4520-4525.
  • G. De Grisantis, Il servizio urbano FS a Roma, in "Italmodel Ferrovie" n. 203 (aprile 1977), pp. 234-238.
  • Vittorio Formigari, Piero Muscolino, La metropolitana a Roma, Calosci - Cortona, 1983.
  • Alessandro Vacca, Novità a Roma, in "I Treni" anno XIV, n. 143 (dicembre 1993), pp. 26-28.
  • Marcello Cruciani, Roma per i suoi pendolari, in "I Treni" anno XV, n. 152 (settembre 1994), pp. 26-28.
  • Vincenzo Leuzzi (coordinatore della ricerca),"Ricerca sui trasporti pubblici nel Lazio", Istituto di ricerche economico-sociali Placido Martini, 1969.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]