Rete tranviaria di Palermo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando la rete tranviaria dismessa nel 1947, vedi Rete tranviaria di Palermo (1887-1947).
Rete tranviaria di Palermo
Servizio di trasporto pubblico
Tipo rete tranviaria urbana
Stati Italia Italia
Città Palermo
Linee impiegate vedi
Gestore AMAT
Mezzi utilizzati vedi
N. stazioni e fermate 44
Lunghezza 17,4 km
Distanza media tra stazioni 300 m
Elettrificazione Si
Tracciato della linea
Trasporto pubblico

La rete tranviaria di Palermo è un tipo di trasporto con rotabili a trazione elettrica in costruzione. Il progetto è stato approvato nel 2005 e appaltato nell'ottobre del 2006 mentre i lavori sono partiti nel settembre del 2007.

Il servizio verrà gestito dall'AMAT, l'azienda municipalizzata che si occupa del trasporto pubblico locale su gomma e su rotaia.

A Palermo è già esistita una rete tranviaria dismessa nel 1947.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Rete tranviaria di Palermo (1887-1947).

A partire dalla fine degli anni ottanta si inizia a parlare della realizzazione di nuove linee tranviarie in città, ad oltre quaranta anni dalla dismissione delle precedenti linee. Vengono portati avanti svariati progetti mentre nel 2000 la Banca europea degli investimenti stanzia circa 160 miliardi di lire (88 milioni di euro) per la realizzazione di tre nuove linee, una sull'asse via Leonardo da Vinci, una sull'asse corso Calatafimi e una sull'asse corso dei Mille.[1] Il 13 agosto del 2001 il progetto viene rivisto e parzialmente bloccato dall'allora commissario straordinario del Comune di Palermo, Gugliemo Serio, a causa di un'osservazione del genio civile contrario alla realizzazione della linea su corso Calatafimi a causa delle ridotte dimensioni della carreggiata.[2] Nel maggio del 2002 il Comune di Palermo approva definitivamente il progetto, modificato l'anno precedente, delle nuove linee tranviarie in città[3]. Per il completamento dei lavori vengono preventivati 44 mesi per la linea 1, 48 mesi per la linea 2 e 52 mesi per la linea 3.
Dopo due gare d'appalto senza risultati la gara è stata aggiudicata da un consorzio temporaneo d'imprese per un totale di 192 milioni di euro.[4] L'inizio ufficiale dei lavori, per tutte e tre le linee, è avvenuto nel giugno del 2006[5], mentre l'inaugurazione dei cantieri è avvenuta a ottobre del 2006,[6] anche se l'inizio effettivo dei lavori è datato settembre 2007.

Il Pre-esercizio della Linea 1, nel tratto compreso tra il capolinea di Roccella e il Ponte dell'Ammiraglio, è iniziato il 9 Luglio 2014.[7]

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica sorgente]

Il tragitto correrà su corsie ben separate dalla superficie stradale attraverso barriere di separazione alte circa un metro, inoltre saranno installati dei sistemi che permetteranno l'onda verde automatica ad ogni semaforo per non interrompere la corsa del mezzo rendendo il servizio più simile a quello di una metrotranvia. Per la costruzione delle linee viene sbancata una quantità di terreno pari a 1 metro in profondità e 5 metri in larghezza, visto che il percorso è previsto quasi totalmente affiancato per ridurre i disagi alla circolazione automobilistica.

I mezzi[modifica | modifica sorgente]

Il Bombardier Flexity Outlook che verrà usato sulla rete pronto per il trasporto verso Palermo, in attesa di essere trasportato in città.

Per l'esercizio sono stati ordinati dei moderni rotabili costruiti alla Bombardier; il modello scelto è il Flexity Outlook[8], del tipo già diffuso in molte città europee (principalmente in Germania),[9] a grande capienza e a pianale ribassato per facilitare l'accesso. Queste vetture sono composte da cinque elementi con giunti snodabili e possono trasportare fino a 56 passeggeri seduti e 132 passeggeri in piedi. Le dimensioni dei rotabili sono: 32 m di lunghezza e 2,40 m di larghezza, la velocità massima raggiungibile è di 70 km/h e raggio minimo di inscrivibilità in curva di 20 metri.[10] Il primo lotto prevede 17 nuovi veicoli, il primo dei quali è stato consegnato all'AMAT il 18 maggio del 2011 arrivando in città con una nave del mattino proveniente da Napoli.[11] Il secondo veicolo è stato consegnato il 1º giugno del 2011.[12]

Futuro[modifica | modifica sorgente]

Nonostante le linee non siano ancora attive, l'AMAT ha previsto una futura espansione per le linee tranviarie. L'idea principale è collegare i due depositi sfruttando un prolungamento della linea 3 su viale Regione, proseguendo su via Ernesto Basile costeggiando il campus universitario, interconnettendosi nuovamente con il passante ferroviario alla fermata Orleans e terminando la sua corsa al terminal della linea 1 di fianco alla stazione centrale. Un altro progetto di ampliamento prevede una linea che prosegua lungo il litorale Sud di via Messina Marine.

Le linee[modifica | modifica sorgente]

Il progetto prevede la costruzione di tre differenti linee per collegare le periferie al centro cittadino e, più in particolare, alle principali stazioni del passante ferroviario. La linea 1 unirà il quartiere di Roccella alla Stazione centrale. Le linee 2 e 3 avranno parte del percorso sovrapposto: la linea 2 condurrà dal quartiere Borgo Nuovo alla Stazione Notarbartolo, mentre la linea 3 condurrà dal quartiere San Giovanni Apostolo alla Stazione Notarbartolo, come la linea 2, attraversando in parte la circonvallazione.

È prevista quindi una forte integrazione delle linee dei tram con le stazioni del servizio ferroviario metropolitano. La linea 1, alla progettazione attuale, non incrocia in alcun punto le linee 2 e 3; per questo motivo sono previsti due depositi diversi, ognuno dotato di officina ed capannone di lavaggio mezzi.

Linea 1[modifica | modifica sorgente]

La linea 1 partirà dalla stazione Roccella e terminerà presso la stazione di Palermo Centrale:

Il Pre- esercizio da Roccella/Forum al terminal provvisorio di Ponte dell'Ammiraglio è iniziato il 9 Luglio 2014.

Tram Palermo - Linea 1
Unknown route-map component "uKHSTa" Unknown route-map component "BAHN"
Roccella/Forum Palermo - interscambio con passante ferroviario
Urban junction from left Unknown route-map component "uKDSTr"
Deposito
Urban stop on track
Laudicina
Urban stop on track
Di Vittorio
Urban stop on track
Reber
Urban stop on track
XXVII Maggio
Urban stop on track
Bacile
Urban stop on track
Sperone
Urban stop on track
Bione
Urban stop on track
Amedeo d'Aosta
Urban stop on track
Missori
Urban stop on track
San Giovanni dei Lebbrosi
Urban stop on track
Ponte dell'Ammiraglio
Unknown route-map component "uWBRÜCKE1"
Ponte tranviario sul Fiume Oreto
Urban stop on track
Tiro a segno
Urban stop on track
Ingrassia
Urban stop on track
Randazzo
Unknown route-map component "uKHSTe" Unknown route-map component "BAHN"
Stazione di Palermo Centrale - interscambio con passante ferroviario

Linea 2[modifica | modifica sorgente]

La linea 2 partirà dalla stazione di Piazza Armerina/S. Paolo per terminare alla stazione Notarbartolo:

Tram Palermo - Linea 2
Unknown route-map component "uKHSTa"
Piazza Armerina/S. Paolo
Urban stop on track
S. Cristina
Urban stop on track
Modica
Urban junction from left Unknown route-map component "uKDSTr"
Deposito
Urban stop on track
Michelangelo/Castellana
Urban stop on track
Campo Ribolla
Urban stop on track
Casalini
Urban stop on track
Beato Angelico
Urban stop on track
Uditore
Urban stop on track
Einstein
Unknown route-map component "uAKRZo"
viadotto EinsteinItalian traffic signs - lavori.svg
Urban stop on track
Galilei/Pacinotti
Urban stop on track
Respighi
Unknown route-map component "uKHSTe" Unknown route-map component "BAHN"
Stazione Notarbartolo - interscambio con passante ferroviario

Linea 3[modifica | modifica sorgente]

La terza ed ultima linea partirà dalla stazione Notarbartolo per terminare al terminal CEP:

Tram Palermo - Linea 3
Urban head station
Stazione Notarbartolo - interscambio con passante ferroviario
Urban stop on track
Respighi
Urban stop on track
Galilei Pacinotti
Urban stop on track
Einstein Italian traffic signs - lavori.svg
Unknown route-map component "uAKRZo"
viadotto EinsteinItalian traffic signs - lavori.svg
Urban stop on track
Platen
Urban stop on track
Settembrini
Urban stop on track
Perpignano Est
Urban stop on track
Amia Est
Urban stop on track
Portello
Urban stop on track
Vignicella Est
Urban stop on track
Pagano
Urban stop on track
Calatafimi Pollaci
Urban stop on track
Vignicella Ovest
Urban stop on track
Giuseppe Pitrè
Urban stop on track
Amia Ovest
Urban stop on track
Perpignano Ovest
Urban stop on track
Regione Siciliana Uditore
Urban stop on track
Regione Siciliana
Unknown route-map component "uAKRZo"
viadotto EinsteinItalian traffic signs - lavori.svg
Urban stop on track
Uditore
Urban stop on track
Beato Angelico
Urban stop on track
Casalini
Urban stop on track
Campo Ribolla
Urban stop on track
Michelangelo Castellana Italian traffic signs - lavori.svg
Urban stop on track
Michelangelo/De Mauro Italian traffic signs - lavori.svg
Urban stop on track
Centorbe
Urban End station
Terminal CEP

[13]

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ La BEI punta sulla Sicilia con i tram repubblica.it
  2. ^ Serio ferma il tram, il Polo appalude repubblica.it
  3. ^ La paralisi di Palazzo delle Aquile. In sei mesi appena dieci delibere repubblica.it
  4. ^ Il Comune di Palermo ha perso il tram repubblica.it
  5. ^ La notizia dell'avvio dei lavori nel 2006 trenodoc.it
  6. ^ Inaugurazione ufficiale del sindaco di Palermo rosalio.it
  7. ^ Ecco il tram ufficialmente per strada mobilitapalermo.org
  8. ^ Il sito dell'azienda costruttrice, all'interno la descrizione dei modelli venduti per le linee di Palermo bombardier.com
  9. ^ Tram a Marsiglia railway-technology.com
  10. ^ Pagina dedicata ai mezzi di Palermo bombardier.com
  11. ^ Benvenuto a Palermo mobilitapalermo.org
  12. ^ Tram Palermo, arrivato il secondo convoglio mobilitapalermo.org
  13. ^ Le mappe da cityrailways cityrailways.it

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]