Rete filoviaria di Lecce

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Rete filoviaria di Lecce
Servizio di trasporto pubblico
Tipo rete filoviaria urbana
Stati Italia Italia
Città Lecce
Apertura 2012
Linee impiegate 4
Gestore SGM Lecce
Mezzi utilizzati vedi
Lunghezza  ? km
Elettrificazione  ?
Tracciato della linea
Trasporto pubblico

La rete filoviaria di Lecce è un sistema di trasporto pubblico filoviario che serve la città salentina. Al 2014 è composto da quattro linee.

Rete[modifica | modifica sorgente]

Storia[modifica | modifica sorgente]

La costruzione della rete è stata resa possibile grazie al finanziamento statale reso possibile dalla legge 211 del 26 febbraio 1992 (Interventi nel settore dei sistemi di trasporto rapido di massa). Viene indetto un bando di gara vinto dall'ATI composta da Sirti, Van Hool NV, Imet Spa e Vossloh Kiepe Gmbh. Fu effettuato un giro inaugurale con le autorità nel 2007, tuttavia i lavori si conclusero nel 2009. Il 31 marzo del 2010 viene nominato il direttore d'esercizio della rete filoviaria.[1][2] I lavori sono stati oggetto di indagine della procura [3][4]. Nel dicembre 2011, durante una delle prove di messa in funzione, lungo il viale Marconi, una delle vetture rimaneva in panne, provocando un enorme ingorgo nel centro della città. Cittadini passanti volenterosi, accorsero numerosi, per liberare il viale dall'ingorgo, spingendo a braccia il filobus nel tentativo di farlo ripartire, ma invano, in quanto un veicolo elettrico non può essere azionato a spinta. La linea è stata aperta all'esercizio solo il 12 gennaio 2012[5] dopo un ritardo di più di quattro anni; è stata classificata come "linea 29"[6] ed ha una frequenza anti meridiana di 16 minuti e post pomeridiana di 24 minuti.[7]

Il 2 febbraio 2013 è stata attivata la linea circolare (numerazione 30 e 31) del filobus con una frequenza di 40 minuti.[8]

Dal 15 giugno 2014 è attiva la linea 27, che collega il City Terminal all'Ecotekne, il polo scientifico dell'Università del Salento. La sua frequenza varia tra i 20 e i 60 minuti.[9]

Caratteristiche[modifica | modifica sorgente]

Costi[modifica | modifica sorgente]

22 029 965 di euro, così suddivisi:

  • 13 218 197 € dal Ministero per le Infrastrutture
  • 3 060 900 € dalla Regione
  • 5 750 887 € dal comune[10]

Materiale rotabile[modifica | modifica sorgente]

Dodici Van Hool A330T bimodali, lunghi 12 metri, con motore diesel euro 4[2]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Omar Cugini, Bari e Lecce, luci ed ombre per i filobus pugliesi in Il Pendolare News, nº 33, agosto-settembre 2010. URL consultato il 12 gennaio 2012.
  2. ^ a b Il giro inaugurale del filobus della discordia
  3. ^ CHIARA SPAGNOLO, Tangenti, scandalo filobus a Lecce in Repubblica.it, 13 dicembre 2011. URL consultato il 28 maggio 2012.
  4. ^ , op. cit.
  5. ^ Paola Trotta, Filobus, parte la prima corsa in Corriere della Sera, 12 gennaio 2012. URL consultato il 12 gennaio 2012.
  6. ^ Modifiche al programma di esercizio
  7. ^ [1]
  8. ^ Lecce, parte la nuova linea del filobus
  9. ^ SGM - Programma estivo servizio di trasporto pubblico e avvio della linea filoviaria n° 3
  10. ^ Antonio Della Rocca, Filobus, si parte a fine settembre. Ripa: «Tutto pronto, risolti i contenziosi» in Corriere della Sera, 13 settembre 2010. URL consultato il 12 gennaio 2012.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]