Linea B (metropolitana di Roma)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Metropolitana di Roma B.svg
Linea B
Linea della metropolitana di Roma
Inaugurazione 1955
Ultima estensione 2012
Gestore ATAC
Materiale rotabile MB100, MA300
Scartamento 1 435 mm
Trazione 1 500 V CC
Stazioni 25
Lunghezza 22[1] km
Distanza media
tra stazioni
825 m
Tempo di percorrenza 40[senza fonte] min
Passeggeri
al giorno
all'anno
Fonte: [2]
300 000
109 500 000
Note circolazione a sinistra
Pianta della linea
Metropolitana di Roma
Linea B
  White dot.svg  Italian traffic signs - icona parcheggio.svg Rebibbia
  White dot.svg  Italian traffic signs - icona parcheggio.svg Ponte Mammolo
  White dot.svg  Italian traffic signs - icona parcheggio.svg S. Maria del Soccorso
Jonio Italian traffic signs - lavori.svg  White dot.svg White dot.svg  Pietralata
Conca d'Oro  White dot.svg White dot.svg  Monti Tiburtini
Libia Italian traffic signs - icona stazione fs.svg  White dot.svg White dot.svg  Italian traffic signs - icona parcheggio.svg Quintiliani
S. Agnese
Annibaliano
 
White dot.svg White dot.svg  Italian traffic signs - icona parcheggio.svg Italian traffic signs - icona stazione fs.svg Tiburtina F.S.
White dot.svg  Bologna
White dot.svg  Policlinico
White dot.svg  Castro Pretorio
Italian traffic signs - icona parcheggio.svg White dot.svg  Metropolitana di Roma A.svg Italian traffic signs - icona stazione fs.svg Termini
White dot.svg  Cavour
White dot.svg  Colosseo
White dot.svg  Circo Massimo
Italian traffic signs - icona parcheggio.svg White dot.svg  Ferrovia Roma-Lido.svg Italian traffic signs - icona stazione fs.svg Piramide
Italian traffic signs - icona parcheggio.svg White dot.svg  Garbatella
White dot.svg  Ferrovia Roma-Lido.svg Basilica S. Paolo
White dot.svg  Marconi
Italian traffic signs - icona parcheggio.svg White dot.svg  Ferrovia Roma-Lido.svg EUR Magliana
Italian traffic signs - icona parcheggio.svg White dot.svg  EUR Palasport
Italian traffic signs - icona parcheggio.svg White dot.svg  EUR Fermi
Italian traffic signs - icona parcheggio.svg White dot.svg  Laurentina

La linea B della metropolitana di Roma collega la città da sud a nord-est dove si divide in due diramazioni: una verso est e una verso nord-est. I suoi capolinea sono: Laurentina (nel quartiere Giuliano-Dalmata), Rebibbia (nel quartiere Ponte Mammolo, vicino all'omonimo penitenziario), e Conca d'Oro (nel quartiere Monte Sacro).

Attualmente conta 25 stazioni e un interscambio con la linea A (stazione Termini). È contraddistinta dal colore blu, utilizzato per la decorazione di treni e stazioni e per le mappe.

Lungo la linea B vengono effettuate 428 corse al giorno. La frequenza nelle ore di punta è di un treno ogni 3 minuti; nelle altre ore scende a un treno ogni 6 minuti, con punte di attesa che arrivano al massimo a 10 minuti nei momenti di minore affluenza; si stima che trasporti quotidianamente più di 300 000 passeggeri.[1]

La linea è interamente a doppio binario.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il progetto e l'inaugurazione[modifica | modifica wikitesto]

Elettromotrici MR 200 in servizio Termini-Laurentina

La prima linea metropolitana a Roma fu progettata e iniziata negli anni trenta durante il regime fascista, allo scopo di offrire un collegamento rapido tra la stazione Termini (situata al centro della città) e il nuovo quartiere denominato E42 (l'attuale EUR), dove avrebbe dovuto aver luogo l'Esposizione Universale del 1942. Per tale motivo la linea avrebbe dovuto chiamarsi Ferrovia dell'E42. Le caratteristiche tecniche, compresa l'altezza dei marciapiedi e delle banchine, erano le stesse della già esistente Roma-Lido, di cui la nuova linea metropolitana avrebbe ricalcato parte del tracciato e condiviso impianti di trazione elettrica e di deposito.

La manifestazione non ebbe mai luogo a causa dell'entrata in guerra dell'Italia, nel 1940. Al momento dell'interruzione dei lavori erano già state realizzate alcune gallerie (nel tratto che va da Termini a Piramide) che durante la guerra furono utilizzate come rifugi antiaerei dalla popolazione della città.

I lavori ripresero nel 1948, contemporaneamente all'avanzamento dei lavori nell'ex-area dell'esposizione che mutò parzialmente fisionomia, destinazione (divenendo un riuscito quartiere direzionale) e nome (EUR, in seguito Europa).

La linea venne inaugurata alla stazione Termini il 9 febbraio 1955 dal Presidente della Repubblica Luigi Einaudi insieme al cardinale vicario di Roma Clemente Micara. Il giorno successivo venne aperto l'esercizio al pubblico.

Il primo tratto era strutturato così:

  • Termini
  • Via Cavour (oggi Cavour)
  • Colosseo
  • Circo Massimo
  • Piramide Cestia (oggi Piramide)
  • Garbatella, dove c'era inizialmente un binario di collegamento con la Roma-Lido.
  • San Paolo Basilica (oggi Basilica San Paolo)
  • Magliana, oggi EUR Magliana, dove i treni diretti per il Lido lasciavano la linea per immettersi sulla ferrovia per Ostia.
  • Esposizione Est (in origine avrebbe dovuto chiamarsi Esposizione discesa, ed effettuare solo servizio per i treni in arrivo, ad uso primario per i visitatori diretti all'E42), poi venne rinominata "EUR Marconi" e successivamente Eur Palasport.
  • Esposizione Ovest, (in origine avrebbe dovuto chiamarsi Esposizione salita, ed effettuare solo servizio per i treni in partenza, ad uso primario per i visitatori provenienti dall'E42), poi venne rinominata Eur Fermi
  • Laurentina, originariamente utilizzato come semplice deposito della linea, divenne capolinea ufficiale solo nel 1990 successivamente a radicali lavori di ricostruzione.

In seguito all'apertura della nuova linea metropolitana, la Linea A, inaugurata il 16 febbraio 1980 dall'allora sindaco di Roma Luigi Petroselli[3][4][5], l'allora Ferrovia dell'E42 prese il nome di Linea B.

Bisogna però aggiungere che, prima del completamento del tratto da Termini a Rebibbia, la linea non fu mai molto utilizzata dai cittadini a causa della sua brevità (solo 10 stazioni) e quindi se ne serviva in pratica solo chi voleva andare all'Eur (oltre naturalmente agli stessi residenti dell'Eur per andare in centro)[6].

Il prolungamento Termini-Rebibbia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1990 entrò in servizio il prolungamento della linea B da Termini a Rebibbia e, contemporaneamente, s'intervenne in profondità anche sull'infrastruttura del tratto preesistente. Fu, inoltre, raddoppiato il binario dalla stazione Eur Fermi a Laurentina; aperta una nuova stazione, l'attuale Marconi (con conseguente ridenominazione della fermata Eur Marconi in Eur Palasport); rifatta totalmente la stazione Garbatella, spostata di circa 60 metri rispetto al manufatto precedente.

Successivamente furono aggiunte lungo il nuovo tratto le nuove stazioni di Ponte Mammolo (aperta nel 1995[7]), oggi importante nodo di scambio con le autolinee extraurbane (COTRAL), e Quintiliani (aperta nel 2003), situata in un'area della città dove si sarebbe dovuto realizzare un polo direzionale dello SDO (Sistema Direzionale Orientale); progetto che non vide mai la luce.

La diramazione B1[modifica | modifica wikitesto]

Già dal 1984, quando fu presentata la progettazione esecutiva del nuovo tratto Termini-Rebibbia, era previsto che la stazione Bologna dovesse essere il punto di attacco di un ipotetico nuovo ramo che avrebbe dovuto puntare su viale Libia, Montesacro e il GRA nel settore compreso tra la via Salaria e la via Nomentana. Infatti la stazione Bologna fu concepita su due piani sovrapposti, in modo che i treni potessero proseguire o giungere da due itinerari differenti senza avere problemi d'incrocio.

Stazione Conca d'Oro

Il prolungamento in direzione nord ha avuto origine da Bologna, affinché servisse i territori dei municipi II, III e IV. Inizialmente su questa estensione si prevede di collocare le seguenti stazioni: Nomentana, Annibaliano/S. Agnese, Libia, Conca d'Oro. L'opera divenne di forte interesse sia per il ricorso a nuove tecniche costruttive, le TBM, ed inoltre per un sorprendente attraversamento dell'Aniene sotto il letto del fiume (scelta ingegneristicamente affascinante, ma fonte anche di polemiche per l'elevato costo realizzativo). I lavori iniziano nell'autunno del 2005. Ma problemi legati alla stabilità degli edifici nelle prossimità della costruzione della metro di Nomentana, portarono alla eliminazione della stazione stessa[8]. Al suo posto si decise per un prolungamento di 700 metri con la costruzione di un'altra stazione posta oltre Conca d'Oro nei pressi di piazzale Jonio. Tutte e tre le stazioni realizzate, Annibaliano, Libia e Conca d'Oro, sono state progettate dallo studio ABDR Maria Laura Arlotti, Michele Beccu, Paolo Desideri e Filippo Raimondo. La stazione Jonio – individuata come ipotetico nodo di scambio con la futuribile linea D – diviene così il nuovo capolinea della diramazione B1.

Retro della stazione Libia

Alla fine di febbraio 2008 la Commissione europea ­ha aperto una procedura d'in­frazione sui criteri di assegnazione delle gare di appalto, che ha di fatto rallentato la realizzazione di quest'ultimo prolungamento e della stazione Jonio.[9]

Il tratto Bologna-Conca d'Oro della diramazione B1 ha iniziato a funzionare regolarmente il 13 giugno 2012[10]. Il restante tratto Conca d'Oro-Jonio dovrebbe invece essere pronto tra febbraio e marzo 2015[11].

Il prolungamento oltre Rebibbia[modifica | modifica wikitesto]

Per molti anni si è parlato di far proseguire i binari oltre l'attuale capolinea di Rebibbia, seguendo il tracciato della via Tiburtina, fino a Settecamini e il Polo Tecnologico facendo attestare la linea a Tivoli Terme. L'ipotesi di tracciato è stata poi sostituita da un prolungamento più corto fino a Casal Monastero, nei pressi del GRA dove andrebbe realizzato un nodo di scambio gomma-rotaia. Quest'ultimo progetto, rinviato per anni, sembra essere in fase di avviamento, visto che nel maggio 2013 sono stati aperti i primi cantieri per le indagini archeologiche e la localizzazione dei sottoservizi[12].

Materiale rotabile[modifica | modifica wikitesto]

Stazione Piramide

All'apertura della linea furono introdotti in servizio i treni MR 100 e successivamente MR 200, utilizzati promiscuamente anche sulla linea per Ostia. Del 1976 vi si aggiunsero le MR 300.

Nel 1990 venne aperto il prolungamento su Rebibbia, realizzato con la sagoma limite della linea A (più stretta di quella originaria della linea B): ciò ha comportato l'impossibilità di transito dei vecchi treni, sostituiti dai convogli MB 100/300 attualmente in uso. I treni MR 100 e MR 200 continuarono il servizio sulla linea del Lido.

Successivamente sono entrati in esercizio i convogli MA 200 provenienti dalla linea A, ma a causa di inconvenienti di natura tecnica non sono attualmente utilizzati.

Contemporaneamente alla costruzione delle nuove linee, a partire dal 2010 si è deciso di immettere sulla linea B 8 nuovi treni MA 300 (i CAF già presenti sulla linea A) e di ristrutturare i vecchi convogli MB 100 con pellicole anti-graffiti e pulizie straordinarie.[13] Al 15 gennaio 2013 risultano ripuliti e rivestiti di pellicole anti-graffiti 10 convogli MB 100.[14] I convogli MA 300 (CAF) invece, sono stati inseriti tutti nella rete.[15]

Nel mese di gennaio 2013, in un incontro tra l'AD di ATAC Roberto Diacetti e il comitato capitolino "Metropolitane Per Roma", vengono ufficializzati i progetti dell'amministratore dell'azienda per quanto riguarda il materiale rotabile della linea B/B1: con i nuovi 17 treni CAF acquistati dal comune, che verranno immessi nella rete al ritmo di uno al mese entro la fine del 2014, nel 2015 la linea potrà contare su 30 treni (gli 8 già presenti più i 17 nuovi e 10 vecchi treni MB 100), compresi 5 treni "di riserva".[16]

Depositi e officine[modifica | modifica wikitesto]

Il deposito della Linea B, chiamato Officine Magliana, situato nell'omonima zona, nacque negli anni quaranta come deposito per il ricovero e la manutenzione dei rotabili della Roma-Lido[17] e successivamente, con la costruzione della Linea B, divenne il deposito comune ad entrambe le linee. L'impianto è costituito da due blocchi: l’impianto “storico”, realizzato negli anni del secondo dopoguerra e che si estende su 100 000  e l'impianto più recente, inaugurato negli anni ottanta, esteso su 200 000 m²[18]. Questo deposito è stato molto criticato soprattutto riguardo alla sicurezza del sito, definita da molti come carente, in relazione anche agli atti vandalici che il deposito subiva da writers e da ladri di rame [19][20][21]. Con l'ampliamento della linea da Bologna a Conca d'Oro e con il prolungamento della linea fino a Bufalotta, si pensava alla costruzione di un deposito situato tra via Antamoro, via Zavattini e via della Bufalotta[22], ma il progetto è stato fortemente criticato soprattutto dagli abitanti della zona. Si decise quindi di costruire un nuovo deposito in concomitanza della costruzione del prolungamento della Linea B verso Casal Monastero, attestando il deposito nelle prossimità di quello che dovrebbe essere il nuovo capolinea[23][24].

Stazioni[modifica | modifica wikitesto]

Linea B, metropolitana di Roma

Nell'elenco che segue, a fianco ad ogni stazione, sono indicati i servizi presenti e gli eventuali interscambi ferroviari; tutte le stazioni sono dotate di accessi per disabili.[25]

Fermata Apertura Interscambi Note
Ramo nord-est
Jonio 2015 In costruzione.
Conca d'Oro 2012 Feature ticket office.svg
Libia
Sant'Agnese/Annibaliano
Ramo nord-ovest
Torraccia/Casal Monastero - Firmata la Convenzione di Concessione
San Basilio -
Rebibbia 1990 Feature parking.svg
Ponte Mammolo 1995 Feature parking.svg Feature ticket office.svg
S. Maria del Soccorso 1990 Feature parking.svg
Pietralata
Monti Tiburtini
Quintiliani 2003 Feature parking.svg
Tiburtina F.S. 1990 Ferrovia regionale laziale FL1.jpg Ferrovia regionale laziale FR2.svg 450px-Ferrovia regionale laziale FL3.svg.png Feature parking.svg
Tratta comune
Bologna 1990
Policlinico
Castro Pretorio
Termini 1955 Metropolitana di Roma A.svg
Ferrovia Roma-Giardinetti.svg
Ferrovia regionale laziale FR4.svg Ferrovia regionale laziale FR5.svg Ferrovia regionale laziale FR6.svg Ferrovia regionale laziale FR7.svg Ferrovia regionale laziale FR8.svg
Feature parking.svg Feature ticket office.svg
Cavour
Colosseo
Circo Massimo
Piramide Ferrovia Roma-Lido.svg
Ferrovia regionale laziale FL1.jpg 450px-Ferrovia regionale laziale FL3.svg.png Ferrovia regionale laziale FR5.svg
Feature parking.svg
Garbatella 1990 Feature parking.svg
Basilica S. Paolo 1955 Ferrovia Roma-Lido.svg
Marconi 1990
EUR Magliana 1924 Ferrovia Roma-Lido.svg Feature parking.svg
EUR Palasport 1955 Feature parking.svg
EUR Fermi Feature parking.svg Feature ticket office.svg
Laurentina 1990 Feature parking.svg Feature ticket office.svg

Servizi[modifica | modifica wikitesto]

Biglietterie

Biglietteria Le biglietterie Atac offrono l´intera gamma dei servizi, riguardo alla vendita di titoli di viaggio e di assistenza e informazione ai clienti. Le stazioni dotate di biglietterie sono:

Tutte le stazioni sono inoltre dotate di macchinette emettitrici di biglietti (MEB), presso cui sono disponibili i BIT (biglietti a tempo), i BIG (biglietti giornalieri), la CIS (carta settimanale) e il BTI (carta valida per 3 giorni).

Orari

Dalla domenica al giovedì il servizio inizia alle 05:30 e termina alle 23:30, mentre il venerdì e il sabato è prolungato fino alle 1:30.[26]

Telefonia

Da gennaio 2014 sulla linea B per intero è attiva la copertura GSM e UMTS/HSPA.[27]

Progetti futuri[modifica | modifica wikitesto]

Tratta Inizio lavori Inaugurazione (prevista) Lunghezza Stazioni
RebibbiaTorraccia/Casal Monastero - - 2,8 km 2
Conca d'OroJonio 2009 Gennaio 2015 1 km 1
JonioBufalotta - - 3,85 km 3
EUR Magliana – Stadio Roma - 2016[28]  ? 1

Diramazione B[modifica | modifica wikitesto]

Per la linea B, è stato approvato il bando di gara, conteso tra Lega delle cooperative, che mette insieme una cordata di imprese dell’Acer, ed un’associazione che unisce Salini, Caltagirone ed Ansaldo, per il prolungamento oltre la stazione Rebibbia, etichettato erroneamente da alcuni organi di stampa "Linea B2".[29]

Il nuovo tracciato, che costituirà l'ulteriore prolungamento della linea B, si svilupperà per 2,8 km con 2 nuove stazioni:[30]

Il 29 settembre 2010, l'Amministratore delegato di Roma Metropolitane Federico Bortoli, faceva sapere che, previa variante al PRG, i cantieri per il prolungamento della linea B oltre Rebibbia sarebbero potuti essere aperti durante il primo trimestre del 2011,[31] ma non sono stati aperti nemmeno un anno dopo. Il 29 novembre 2011 il TAR del Lazio ha dichiarato inammissibile il ricorso presentato dall’Acer di Eugenio Battelli e dalla Cmb di Carpi, contro l’aggiudicazione della gara assegnata al gruppo Vianini (di Caltagirone), Salini Costruttori e Ansaldo Sts per il prolungamento della linea B da Rebibbia a Casal Monastero.[32]

Secondo le ultime dichiarazioni rilasciate dal sindaco uscente, Gianni Alemanno, i cantieri per questo prolungamento avrebbero dovuto aprire entro la fine del 2013. La durata prevista dei lavori è di 4 anni, con un costo di 556 milioni di euro.

Era previsto anche un prolungamento oltre la stazione Laurentina per un tracciato di 6 km con 4 nuove stazioni, poi sostituito dai corridoi della mobilità EUR-Tor de' Cenci e Laurentina-Tor Pagnotta-Trigoria[30], ma è ancora aperto il dibattito sull'eventuale prolungamento fino a Castel Romano.

Diramazione B1[modifica | modifica wikitesto]

Per la linea B1, il 24 settembre 2010, è stato approvato, dalla Conferenza dei Servizi, il prolungamento fino alla zona di Bufalotta per un tracciato di 3,850 km con 3 nuove stazioni:[33]

Questo prolungamento da Jonio fino a Bufalotta, è stato momentaneamente accantonato.

Diramazione per lo Stadio della Roma[modifica | modifica wikitesto]

Il 26 marzo 2014, con la presentazione da parte della squadra calcistica A.S. Roma del progetto per il nuovo stadio che verrà costruito nella zona di Tor di Valle, sono stati resi noti i progetti inerenti al trasporto pubblico romano legati all'infrastruttura, economicamente a carico della società sportiva che investirà su questo €50 milioni[28][34] Sono previsti:

  • il potenziamento della linea Roma-Lido, che diverrà ufficialmente una linea (la quarta) metropolitana, con tempi di attesa di 4-5 min. e la ristrutturazione completa della fermata "Tor di Valle";[34]
  • la costruzione di una seconda diramazione sulla linea B che da EUR Magliana porterà allo stadio con una stazione creata appositamente.[28]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Met.Ro - Dati delle linee.
  2. ^ Trasporti pubblici urbani: Metropolitana e bus a Roma.
  3. ^ Trent'anni al via il metrò che avvicinò centro e periferia, La Repubblica, 6 febbraio 2010.
  4. ^ L'inaugurazione con Petroselli che offrì il caffè, L'Unità, 9 gennaio 2005.
  5. ^ Trent'anni senza Petroselli. Il sindaco di tutti, 6 ottobre 2011.
  6. ^ 1945-1985 - Quarant'anni di cronaca di Roma, Sindacato Cronisti Romani, 1985.
  7. ^ Nuova stazione romana, in "I Treni" n. 168 (febbraio 1996), p. 9
  8. ^ Metro B1, scompare la stazione XXI Aprile“, 8 aprile 2007.
  9. ^ Metro B1, alt ai lavori Stop della Ue per viale Jonio“, 14 luglio 2008.
  10. ^ Linea B1 dal sito dell'ATAC
  11. ^ Paolo Omodeo Sale, "La fermata Jonio della metro B1 aprirà tra febbraio e marzo 2015", RomaToday, 22 ottobre 2014.
  12. ^ Prolungamento Metro B Casal Monastero: iniziati i sondaggi “, 13 maggio 2013.
  13. ^ Metro B, per dieci convogli pulizie generali e pellicola anti-graffiti, 11 settembre 2012. URL consultato l'11 settembre 2012.
  14. ^ Metro B, treni con pellicola anti-graffiti, 15 gennaio 2013. URL consultato il 15 gennaio 2013.
  15. ^ Restyling concluso per 10 treni della linea B, 14 gennaio 2013. URL consultato il 14 gennaio 2013.
  16. ^ 17 gennaio 2013, http://www.metroxroma.it/2013/01/diacetti-a-mxr-metro-b-e-linea-b1-a-regime-con-30-treni/.
  17. ^ La visita del CLAMFER alla Met.Ro.
  18. ^ La metropolitana di Roma - Stato attuale e progetti.
  19. ^ Roma-Lido, la security ferma due writer armati di bombolette spray.
  20. ^ Magliana, graffiti su treni in deposito: 2 writer bloccati da security Atac.
  21. ^ Roma: Rubano rame e ottone da deposito Magliana, in manette 4 romeni.
  22. ^ Metro B1, Comitato Giulio Antamoro: "No al deposito per i vagoni sulla collina".
  23. ^ La metro B si allunga fino a Casal Monastero.
  24. ^ Metro B1, Aurigemma: "Pensiamo di ampliare il deposito a Casal Monastero".
  25. ^ Stazioni della linea B – ATAC.
  26. ^ Orari della Linea B
  27. ^ Metro B: da Rebibbia a Laurentina l'intera linea ora ha la copertura per i cellulari, 9 gennaio 2014.
  28. ^ a b c Stadio Roma, accordo raggiunto a New York durante il vertice Marino-Pallotta.
  29. ^ Metro B2, contestati i vincitori "Hanno cancellato una stazione" - Roma - Repubblica.it
  30. ^ a b RomaMetropolitane - Prolungamento linea B.
  31. ^ News per le linee della Metropolitana di Roma, 29 settembre 2010
  32. ^ Il Tar sblocca i lavori per il prolungamento della metro B
  33. ^ Prolungamento Linea B1
  34. ^ a b Roma, lo stadio ispirato al Colosseo: "Impianto da 52mila posti con fondi privati"., 26 marzo 2014.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • V. Perrone, La ferrovia metropolitana di Roma, Istituto Poligrafico dello Stato, Roma, 1955.
  • Vittorio Formigari, Piero Muscolino, La metropolitana a Roma, Calosci - Cortona, 1983.
  • Marcello Cruciani, Rinnovata la linea B, in "I Treni" n. 150 (luglio 1994), pp. 28-30.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Mappe[modifica | modifica wikitesto]