Stazione di Roma Tiburtina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 41°54′39.82″N 12°31′52.8″E / 41.91106°N 12.531334°E41.91106; 12.531334

Roma Tiburtina
stazione ferroviaria
2013-06-15 Roma Stazione FS Tiburtina.jpg
Il corpo principale della rinnovata stazione
Stato Italia Italia
Localizzazione P.le d. Stazione Tiburtina
Roma
Stato attuale in uso
Linee Roma - Firenze
Roma - Firenze (direttissima)
Roma - Napoli (AV)
Roma - Sulmona - Pescara
Tipo stazione in superficie, passante, di diramazione
Interscambi Metropolitana di Roma B.svg Tiburtina
Autobus urbani ed extraurbani
Ferrovie regionali del Lazio
FL 1 
White dot.svg  Orte
White dot.svg  Gallese in Teverina
White dot.svg  Civita Castellana-Magliano
White dot.svg  Collevecchio-Poggio Sommavilla
White dot.svg  Stimigliano
White dot.svg  Gavignano Sabino
White dot.svg  Poggio Mirteto
White dot.svg  Fara Sabina-Montelibretti
White dot.svg  Piana Bella di Montelibretti
White dot.svg  Monterotondo-Mentana Ferrovia regionale laziale FR3.svg 
inizio tariffa urbana 
White dot.svg  Settebagni Ferrovia regionale laziale FR3.svg 
White dot.svg  Fidene Ferrovia regionale laziale FR3.svg 
White dot.svg  Nuovo Salario Ferrovia regionale laziale FR3.svg 
Metropolitana di Roma B1.svg  White dot.svg  Roma Nomentana Ferrovia regionale laziale FR3.svg 
Metropolitana di Roma B.svg  White dot.svg  Roma Tiburtina Ferrovia regionale laziale FR2.svg Ferrovia regionale laziale FR3.svg 
Metropolitana di Roma A.svg  White dot.svg  Roma Tuscolana Ferrovia regionale laziale FR5.svgFerrovia regionale laziale FR3.svg 
Metropolitana di Roma B.svg Ferrovia Roma-Lido.svg  White dot.svg  Roma Ostiense Ferrovia regionale laziale FR3.svg Ferrovia regionale laziale FR5.svg
White dot.svg  Roma Trastevere Ferrovia regionale laziale FR3.svg Ferrovia regionale laziale FR5.svg
White dot.svg  Villa Bonelli
White dot.svg  Magliana
White dot.svg  Muratella
White dot.svg  Ponte Galeria
White dot.svg  Fiera di Roma
fine tariffa urbana 
White dot.svg  Parco Leonardo
White dot.svg  Fiumicino Aeroporto
Ferrovie regionali del Lazio
FL 2 
Metropolitana di Roma B.svg  White dot.svg  Roma Tiburtina Ferrovia regionale laziale FR1.svg
White dot.svg  Roma Prenestina
White dot.svg  Serenissima
White dot.svg  Palmiro Togliatti
White dot.svg  Tor Sapienza
White dot.svg  La Rustica Città
White dot.svg  La Rustica U.I.R.
White dot.svg  Salone
White dot.svg  Lunghezza
White dot.svg  Bagni di Tivoli
White dot.svg  Guidonia-Montecelio-Sant'Angelo
White dot.svg  Marcellina-Palombara
White dot.svg  Tivoli

La stazione di Roma Tiburtina è una stazione ferroviaria di Roma, posta sulla linea per Firenze, nel quartiere di Pietralata, gestita da Grandi Stazioni. Nel 2011 è stata dedicata a Camillo Benso, conte di Cavour, nell'ambito delle cerimonie per i 150 anni dell'Unità d'Italia.

È servita da tutti i treni a lunga percorrenza passanti nord-sud, che non si attestano a Roma Termini, e dalle linee regionali FL1, FL2 e FL3. Stando alle stime di RFI, si prevede che la nuova stazione sarà frequentata da oltre 50 milioni di viaggiatori l'anno[entro quando?][1].

Nello stesso plesso si trova l'omonima stazione della linea B della metropolitana di Roma. Poco più avanti del piazzale della stazione si trova l'Autostazione Tibus, un moderno terminal di arrivi e partenze di autobus di linea a media e lunga percorrenza sia per l'Italia sia per l'estero. Inoltre il piazzale della stazione funge da capolinea di numerose linee di autobus che lo collegano con i quartieri Pietralata, Tiburtino, Casal Bertone ed il centro della città. Grazie alla costruzione di una nuova stazione, Tiburtina è destinata a diventare il principale scalo romano e snodo dell'alta velocità.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La stazione, originariamente battezzata Portonaccio, fu inaugurata alla fine del XIX secolo[2].

Negli anni trenta del XX secolo la stazione fu ampliata, con la costruzione di un nuovo fabbricato viaggiatori, che venne danneggiato gravemente durante la seconda guerra mondiale e ricostruito in forma semplificata[3].

La nuova stazione Cavour[modifica | modifica wikitesto]

Stazione di Roma Tiburtina, particolare Cavour

La nuova Stazione Tiburtina, snodo principale per l'alta velocità sulla direttrice nord-sud, è stata inaugurata il 28 novembre 2011 dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, dopo 4 anni dall'inizio dei lavori.[4][5][6]. È intitolata a Cavour. I frecciarossa in transito nella capitale fermano a Roma Tiburtina a partire dal giorno 11 dicembre 2011.

La nuova stazione, progettata dello studio romano ABDR Architetti Associati, con capogruppo Paolo Desideri[7], è composta da un piano a ponte lungo 300 metri e ad un'altezza di 9 metri sopra i binari, contenente biglietterie, servizi, bar, negozi e ristoranti, che collega i quartieri Nomentano e Pietralata, storicamente separati dalla ferrovia. La galleria-ponte è rivestita da una grande superficie di cristallo sostenuta un'orditura di montanti di acciaio. Il progetto è caratterizzato da un significativo funzionamento bioclimatico ed ha ottenuto, nell'anno 2003, il premio EUROSOLAR per Architettura Bioclimatica.

I lavori, oltre a riqualificare completamente l'intera stazione, contribuiranno a migliorare tutto il quadrante est di Roma. Infatti, con la costruzione della nuova stazione è prevista anche la realizzazione di nuovi parcheggi, aree verdi, strade, piazze, spazi commerciali e uffici. Il primo dei parcheggi, lato Pietralata, è stato aperto a settembre 2013[8].

La galleria-ponte ha come punti di partenza due atri, quello sul lato del quartiere Nomentano e quello sul lato del quartiere Pietralata. L'atrio Nomentano ha la funzione di collegare i diversi livelli della stazione, nel dettaglio:

  • A quota -9,5 mt sotto il livello stradale, sono presenti le reti impiantistiche provenienti dalla centrale tecnologica.
  • A quota -4,5 mt si trovano la stazione metro e il sottopasso ferroviario. La piazza ipogea ha il compito di collegare la stazione Metro, i sottopassi e la sede stradale.
  • A quota 0,00 mt il piazzale della stazione ferroviaria.
  • A quota 9,00 mt la galleria-ponte.

Tra la piazza ipogea e il binario 1 (a livello stradale, quota 0,00 m) è in costruzione un edificio che avrà il ruolo di Centrale tecnologica provvisoria.

Dal versante opposto della stazione, sul lato Pietralata, i diversi livelli della stazione sono:

  • Quota -4,50 mt parcheggio interrato e sottopasso ferroviario.
  • Quota 0,00 mt il piazzale antistante alla stazione.
  • Quota 6,00 mt parcheggio a raso.
  • Quota 12,05 mt galleria-ponte.

La nuova stazione ha 21 binari passanti più 2 Tronchi (1 Est e 2 Est) gestiti però da Roma Prenestina, per una superficie totale di 48.655 m², riservati a percorsi pedonali, atrii e collegamenti interni, servizi per i viaggiatori, aree per mostre e conferenze, uffici e negozi.

È opportuno ricordare che a causa delle varie ristrutturazioni avvenute nel tempo, la numerazione dei binari non corrisponde con il loro numero effettivo di 21 (anziché i 25 nominali).

La stazione dispone di circa 35.000 m² di aree aperte al pubblico di cui 18.000 m² circa di spazi destinati ai servizi ai viaggiatori, alla ristorazione, ad aree commerciali e ad aree espositive. Una nuova Galleria commerciale completerà il moderno complesso di Roma Tiburtina il cui progetto di sviluppo è stato presentato con successo a novembre nell’ultima edizione del Mapic di Cannes, la più grande fiera europea del Retail Real Estate.

La stazione ora è telecomandata dall'omonimo ACC con sede a Roma Termini.

La società Grandi Stazioni ha avviato le selezioni competitive, così da mettere a disposizione di passeggeri e visitatori un’offerta di ristorazione e servizi di elevata qualità. Numerosi sono anche gli spazi dedicati alla cultura, come la grande libreria, agli eventi e all'intrattenimento in un contesto moderno ed architettonicamente unico che già nei prossimi mesi mostrerà il suo nuovo volto e che sarà completato nell’autunno del 2013.

L'incendio del luglio 2011[modifica | modifica wikitesto]

Il 24 luglio 2011, intorno alle 4 di mattina, la stazione è stata colpita da un violento incendio che ha interessato la sala apparati situata nel vecchio edificio, deputata alla circolazione ferroviaria[9][10][11]. L'episodio non ha procurato feriti o vittime ma – trattandosi di un fondamentale nodo di scambio nazionale – l'intero traffico ferroviario nazionale ha subito cancellazioni, ritardi e deviazioni di percorso dei treni. I disagi si sono registrati per vari giorni anche sul traffico regionale. Anche la vicina stazione Tiburtina della linea B della metropolitana è stata temporaneamente chiusa e il rogo venne domato dai vigili del fuoco dopo 15 ore[12].

In seguito alle indagini è stata appurata la causa di natura elettrica, la quale sarebbe stata aggravata dalla mancanza di rivelatori di incendio e dell'assente compartimentazione dell'edificio, che provocò la rapida propagazione delle fiamme[12].

Il nuovo edificio della stazione, ancora in costruzione al momento dell'evento, non venne coinvolto dal rogo.

Servizi[modifica | modifica wikitesto]

  • Biglietteria a sportello Biglietteria a sportello
  • Biglietteria automatica Biglietteria automatica
  • Sala d'attesa Sala d'attesa
  • Deposito bagagli con personale Deposito bagagli con personale
  • Servizi igienici Servizi igienici
  • Posto di Polizia ferroviaria Posto di Polizia ferroviaria
  • Bar Bar
  • Ristorante Ristorante
  • Negozi Negozi

Interscambi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ RFI - La nuova stazione Tiburtina
  2. ^ Immagine del fabbricato viaggiatori originario
  3. ^ Immagine del fabbricato viaggiatori del dopoguerra
  4. ^ www.repubblica.it
  5. ^ Intitolata a Cavour la stazione Tiburtina - Gossip - La Presse
  6. ^ Tiburtina, 140 treni al giorno per l'Alta Velocità : 330 milioni di costi, 20 binari e 50mila mq - Corriere Roma
  7. ^ architettiroma
  8. ^ Tiburtina, apre primo parcheggio stazione lato Pietralata - Omninoroma
  9. ^ Il Messaggero, 25 luglio 2011, http://www.ilmessaggero.it/roma/cronaca/incendio_tiburtina_emergenza_trasporti_fiamme_scatenate_da_malfunzionamento/notizie/157382.shtml . URL consultato il 19 dicembre 2014 (archiviato il 4 maggio 2014).
  10. ^ Foto da YouReporter
  11. ^ Foto da YouReporter
  12. ^ a b Rogo alla stazione Tiburtina, tre manager verso il processo in Il Messaggero, 6 novembre 2014. URL consultato il 19 dicembre 2012 (archiviato il 19 dicembre 2014).

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Roma Tiburtina
Direzione Stazione precedente Ferrovia Stazione successiva Direzione
Roma TriangleArrow-Left.svg Roma Termini Pfeil links.svg Roma-Firenze
 
Pfeil rechts.svg Roma Nomentana TriangleArrow-Right.svg Firenze
Roma TriangleArrow-Left.svg Roma Termini Pfeil links.svg Roma-Firenze (direttissima)
 
Pfeil rechts.svg Roma Nomentana TriangleArrow-Right.svg Firenze
Roma-Napoli (AV)
 
Pfeil rechts.svg Roma Prenestina TriangleArrow-Right.svg Napoli
Roma-Sulmona-Pescara
 
Pfeil rechts.svg Roma Prenestina TriangleArrow-Right.svg Pescara
Roma - Principali stazioni ferroviarie

Roma Ostiense | Roma San Pietro | Roma Termini | Roma Tiburtina | Roma Trastevere