Stazione di Palermo Centrale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – "Palermo centrale" rimanda qui. Se stai cercando l'album discografico di Stokka & MadBuddy, vedi Palermo centrale (album).

Coordinate: 38°06′36.44″N 13°22′00.9″E / 38.110122°N 13.366917°E38.110122; 13.366917

Palermo Centrale
stazione ferroviaria
Palermo - Stazione Centrale.jpg
Stazione di Palermo Centrale
Stato Italia Italia
Localizzazione Palermo, piazza Giulio Cesare[1]
Apertura 1886
Stato attuale in uso
Linee Palermo – Messina
Palermo – Trapani
Palermo – Catania
Palermo – Agrigento
Tipo stazione di testa in superficie
Interscambio autobus urbani AMAT
Dintorni Centro Storico

La stazione di Palermo Centrale è il principale scalo ferroviario della città di Palermo; è una stazione di testa, in quanto in essa confluiscono, terminando con un paraurti, i binari dalle varie direzioni di arrivo.[2] È situata nel cuore della città, in piazza Giulio Cesare. È anche la stazione di origine della linea per Punta Raisi del servizio ferroviario metropolitano.

Storia[modifica | modifica sorgente]

La stazione di Palermo Centrale, progettata dall'architetto Di Giovanni, venne inaugurata il 7 giugno 1886. Caratterizzata da linee neorinascimentali, presenta in alcuni ambienti decorazioni pittoriche e dell'epoca, ideate e coordinate dal pittore Rocco Lentini.

Fino al 1941, era caratterizzata da una grande tettoia dalle eleganti linee in ferro e vetro, sorretta da capriate a falce posta a copertura del fascio binari; in tale data la struttura venne demolita per recuperare i rottami metallici per sostenere lo sforzo bellico. La tettoia, della lunghezza di 90,38 metri e con una luce di 40 m era munita di doppio lucernario; era stata progettata nel 1883 dall'ingegnere Ausanio Cajo della Società Italiana per le strade ferrate meridionali, poi vice direttore generale delle Ferrovie dello Stato, che gestiva la rete calabro-sicula, e realizzata dalla Società Nazionale delle Officine di Savigliano.
La tettoia della stazione di Palermo era del tipo più evoluto a centine snodate: gli archi, realizzati in due elementi, erano collegati con una cerniera alla sommità che ne permetteva la flessibilità della struttura, fatto importante nel caso specifico essendo posta in una stazione del sud con notevoli escursioni termiche tra notte e giorno che comportavano una variazione di lunghezza degli elementi in funzione della temperatura. Le centine avevano la possibilità di scorrere su cuscinetti a rullo lateralmente, per compensare la dilatazione termica nei periodi di più alta temperatura.

All'inizio degli anni cinquanta vennero iniziati i lavori per il rifacimento delle tettoie, ma in cemento armato, e coprivano lo spazio riservato ai passeggeri lasciando scoperto quello destinato ai treni. Sempre nello stesso periodo vennero arretrate le terminazioni dei binari ed aggiunto il secondo piano alla stazione.

Nel 2010 iniziarono i lavori di abbassamento del piano dei binari per permettere un accesso più facilitato ai treni. Vennero anche iniziati i lavori per la costruzione di un hub per pullman extraurbani all'interno dell'area della stazione[3].

Struttura[modifica | modifica sorgente]

La stazione di Palermo Centrale è articolata su più livelli:

  • piano interrato, sede di impianti, locali tecnici e magazzini;
  • piano terra, sede dei binari, dove si concentrano i servizi per i viaggiatori e le attività commerciali;
  • piano ammezzato, occupato da uffici e magazzini;
  • piani superiori, occupati da uffici, magazzini e strutture FS.

Trasporti[modifica | modifica sorgente]

Nel 2001 Trenitalia ha iniziato il servizio Trinacria express per l'aeroporto Falcone e Borsellino con partenze cadenzate da Punta Raisi e da Palermo Centrale tutti i giorni, percorrenza di 45 minuti e fermata a Vespri, Palazzo Reale-Orleans, Notarbartolo, Francia e Piraineto, per servire i viaggiatori provenienti dalla direzione di Trapani.

Servizi[modifica | modifica sorgente]

La stazione dispone di:

  • Biglietteria Biglietteria;
  • Scale mobili Scale mobili;
  • Accessibile Accessibilità per portatori di handicap;
  • Biglietteria Hub bus urbani ed extraurbani;
  • Parcheggio di scambio Parcheggio;
  • Sottopassaggio Sottopassaggio;
  • Bar Bar;
  • Telefono Pubblico Telefono pubblico;
  • Edicola Edicola e souvenir;
  • Polizia Ferroviaria Posto di Polizia Ferroviaria
  • Videosorveglianza Videosorveglianza
  • Altoparlanti Annuncio sonoro arrivo e partenza treni
  • WC Servizi igienici (a pagamento);
  • Aiga taxi.svg Taxi;
  • McDonald's McDonald's
  • AB-Rast.svg Ristoranti.
  • Edicola Edicola
  • Nuvola apps bookcase.png Libreria
  • Farmacia Farmacia
  • Cappella Cappella

Capolinea[modifica | modifica sorgente]

Autobus urbani AMAT

Linee ordinarie:

  • 101 (Stazione centrale/Stadio);
  • 102 (John Lennon(Giotto)/Stazione centrale);
  • 107 (Stadio/Stazione centrale);
  • 109 (Parcheggio Basile/Stazione centrale);
  • 122 (Parcheggio degli Emiri/Stazione centrale);
  • 139 (Stazione centrale/Addaura);
  • 209 (Stazione centrale/S.Maria di Gesù);
  • 210 (Stazione centrale/Chiavelli);
  • 211 (Stazione centrale/Croceverde) - (Solo feriale);
  • 212 (Stazione centrale/Croceverde);
  • 220 (Stazione centrale/Falsomiele);
  • 221 (Stazione centrale/Brancaccio) - (Solo feriale);
  • 224 (Villabate/Stazione centrale);
  • 225 (Stazione centrale/Acqua dei Corsari(Kolbe)) - (Solo feriale);
  • 226 (Stazione centrale/Pomara);
  • 227 (Pomara/Stazione centrale) - (Solo feriale);
  • 230 (Stazione centrale/Villa Ciambra);
  • 231 (Stazione centrale/Brancaccio);
  • 234 (Stazione centrale/Medaglie d'Oro);
  • 237 (Stazione centrale/Brancaccio);
  • 241 (Stazione centrale/Falsomiele);
  • 243 (Stazione centrale/Bonagia);
  • 246 (Ospedale Civico/Stazione centrale);
  • 250 (Stazione centrale/Sperone);
  • 971 (Stazione centrale/Bonagia/S.Maria di Gesù) - (Solo feriale);

Linee del centro storico:

  • linea rossa (Croci/Politeama/Stazione centrale);
  • linea gialla (Stazione centrale/Maqueda);

Linee notturne:

  • N1 (Passo di Rigano/Bonagia/Policlinico/Stazione centrale/Politeama/Vergine Maria/Mondello/Sferracavallo/Borgo Nuovo);
  • N2 (Brancaccio/Pomara/Stazione centrale/Politeama/Oreto/Policlinico/Villa Ciambra/Ciaculli);


Di fianco alla stazione è presente il terminal dei bus extraurbani e dei Pullman nazionali ed internazionali, dei Taxi, ed è inoltre previsto sempre di fianco alla stazione il capolinea del tram.

La stazione è inserita nel programma di riqualificazione dei principali scali italiani, di Grandi Stazioni, società controllata dalle Ferrovie dello Stato. Il progetto prevede una ricostruzione della tettoia in vetro e metallo con ampliamento degli spazi riservati alle attività commerciali.[4]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ RFI - Tutte le stazioni in Sicilia
  2. ^ La Stazione di Palermo Centrale grandistazioni.it
  3. ^ I pullman di via Balsamo all'interno della Stazione Centrale mobilitapalermo.org
  4. ^ Progetto stazione di Palermo Centrale grandistazioni.it

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Regione siciliana. Assessorato dei beni culturali e ambientali e della pubblica istruzione. Centro regionale per la progettazione e il restauro e Università degli Studi di Palermo. Facoltà di ingegneria. Istituto di trasporti, Le stazioni ferroviarie di Palermo. Catalogo della Mostra tenuta a Palermo nel 2000-2001, a cura di Maria Carcasio, Salvatore Amoroso ; testi di Salvatore Amoroso ... [et al.], Palermo, Regione siciliana. Assessorato dei beni culturali e ambientali e della pubblica istruzione. Centro regionale per la progettazione e il restauro e per le scienze naturali e applicate ai beni culturali, 2001
  • Ferrovie dello Stato: cento anni per la Sicilia. Catalogo della Mostra tenuta a Palermo nel 2005, a cura di Giovanni Palazzolo ... [et al.], Roma, Collegio Ingegneri Ferroviari Italiani, 2005, 1 CD-ROM

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Palermo Centrale
Ferrovia Stazione successiva Direzione
Palermo–Messina
 (0+000)
Pfeil rechts.svg Palermo Brancaccio TriangleArrow-Right.svg Messina
Palermo–Agrigento
 (0+000)
Pfeil rechts.svg Palermo Brancaccio TriangleArrow-Right.svg Agrigento
Palermo–Catania
 (0+000)
Pfeil rechts.svg Palermo Brancaccio TriangleArrow-Right.svg Catania
Palermo–Trapani
 (0+000)
Pfeil rechts.svg Vespri TriangleArrow-Right.svg Trapani