Propilene

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Propilene
formula di struttura e modello molecolare
Nome IUPAC
propene
Nomi alternativi
propilene
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolare C3H6
Massa molecolare (u) 42,08
Aspetto gas incolore
Numero CAS [115-07-1]
Proprietà chimico-fisiche
Densità (g/cm3, in c.s.) 0,52 (liquefatto a 20 °C)
Temperatura di fusione −185,2 °C (88 K)
Temperatura di ebollizione −47,6 °C (225,5 K)
Indicazioni di sicurezza
Flash point −108 °C (165 K)
Simboli di rischio chimico
estremamente infiammabile gas compresso

pericolo

Frasi H 220 - 280
Consigli P 210 - 377 - 381 - 403 [1]

Il propene o, più comunemente, propilene è un alchene avente tre atomi di carbonio, due dei quali legati con un doppio legame.

A temperatura e pressione ambiente si presenta come un gas incolore e inodore, poco solubile in acqua, estremamente infiammabile; forma con l'aria miscele esplosive.

Viene prodotto industrialmente attraverso il cracking di idrocarburi più pesanti e trova principalmente impiego come intermedio nella sintesi di altri composti chimici. Viene usato a volte anche come combustibile.

La maggior parte del propene prodotto è usata per produrre il corrispondente polimero, il polipropilene.

Tra i prodotti da esso derivabili si annoverano l'acrilonitrile, l'acroleina, l'acido acrilico, l'acetone e il glicole propilenico.

Nel 2013 la sonda Cassini è riuscita a rilevare la presenza del propilene nell'atmosfera di Titano[2], il più grande dei satelliti che orbitano attorno a Saturno.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ scheda del propene su IFA-GESTIS
  2. ^ "Plastica su Titano, luna di Saturno", Ansa.it. URL consultato il 2 ottobre 2013.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

chimica Portale Chimica: Il portale della scienza della composizione, delle proprietà e delle trasformazioni della materia