Eptano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Eptano
formula di struttura
Modello a sfere e bastoncini
Nomi alternativi
n-eptano
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolare CH3(CH2)5CH3
Massa molecolare (u) 100,21 g/mol
Aspetto liquido incolore
Numero CAS [142-82-5]
Proprietà chimico-fisiche
Densità (g/cm3, in c.s.) 0,688 (25 °C)
Indice di rifrazione 1,3876
Solubilità in acqua (20 °C) quasi insolubile
Temperatura di fusione −90 °C (183 K)
Temperatura di ebollizione 98 °C (371 K) (1013 hPa)
Indicazioni di sicurezza
Flash point −1 °C (272 K) (o,c.)
Limiti di esplosione 1 - 7 Vol%
Temperatura di autoignizione 215 °C (488 K)
Simboli di rischio chimico
facilmente infiammabile tossico a lungo termine pericoloso per l'ambiente irritante

pericolo

Frasi H 225 - 304 - 315 - 336 - 410
Consigli P 210 - 273 - 301+310 - 331 - 302+352 - 403+235 [1]

Con il termine eptano ci si riferisce ad un qualunque alcano avente formula bruta C7H16 o ad una qualunque miscela di più composti corrispondenti a tale formula (isomeri strutturali) o per antonomasia all'isomero lineare, chiamato più propriamente n-eptano[2].

A temperatura ambiente si presenta come un liquido incolore dall'odore pungente.

È un composto molto infiammabile, irritante per la pelle, pericoloso per l'ambiente, nocivo.

Il n-eptano ha per definizione numero di ottano pari a zero (l'altro riferimento è il 2,2,4-trimetilpentano, che ha numero di ottano eguale a 100).

Isomeri dell'eptano[modifica | modifica wikitesto]

L'eptano ha nove isomeri strutturali:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ scheda dell'n-eptano su IFA-GESTIS
  2. ^ leggi: normal-eptano

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

chimica Portale Chimica: il portale della scienza della composizione, delle proprietà e delle trasformazioni della materia