Dodecano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando Dodecano, il personaggio letterario creato dallo scrittore inglese Norman Douglas nel romanzo Vento del Sud, vedi San Dodecano.
Dodecano
Disegno scheletrico del dodecano
Modello 3D del dodecano
Nome IUPAC
n-dodecano
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolare C12H26
Massa molecolare (u) 170,34
Aspetto liquido incolore
Numero CAS [112-40-3]
Proprietà chimico-fisiche
Densità (g/l, in c.s.) 750
Temperatura di fusione −9,6 °C (263,55 K)
Temperatura di ebollizione 216,2 °C (489,35 K)
Indicazioni di sicurezza
Flash point 74 °C (347,15 K)
Limiti di esplosione 0,6 %
Temperatura di autoignizione 476,15 (203 °C)
Simboli di rischio chimico
tossico a lungo termine

pericolo

Frasi H 304
Consigli P 301+310 - 331 [1]

Con il termine dodecano ci si riferisce ad un qualunque alcano avente formula bruta C12H26 o ad una qualunque miscela di più composti corrispondenti a tale formula (isomeri strutturali) o per antonomasia all'isomero lineare, chiamato più propriamente n-dodecano.[2]

Il n-dodecano è un alcano lineare liquido composto da 12 atomi di carbonio, di formula CH3(CH2)10CH3. Presenta 355 isomeri.

Viene usato come solvente, chaser di distillazione e scintillatore.

Combustione[modifica | modifica wikitesto]

La reazione di combustione del dodecano avviene come segue:

C12H26(l) + 37/2 O2(g) → 12 CO2(g) + 13 H2O(g)
∆H˚ = -7513 kJ

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Scheda del composto su IFA-GESTIS consultata il 00.00.2000
  2. ^ leggi: normal-dodecano

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

chimica Portale Chimica: il portale della scienza della composizione, delle proprietà e delle trasformazioni della materia