Entalpia standard di formazione

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Termochimica
Concetti base
Temperatura
Calore
Reazione chimica
Processo spontaneo
Condizioni standard
Grandezze in termochimica
Entalpia di legame
Entalpia standard di formazione
Entalpia standard di reazione
Entropia molare standard
Energia libera di Gibbs standard di formazione
Leggi in termochimica
Legge di Hess
Equazione di Kirchhoff
Calorimetria
Calorimetro
Calorimetro delle mescolanze
Categoria:Termochimica

1leftarrow.pngVoce principale: Entalpia.

L'entalpia standard di formazione ΔHf0 di un composto ad una certa temperatura è la variazione di entalpia che accompagna la formazione di una quantità di quella sostanza a partire dai suoi componenti elementari, al loro stato standard (definizione IUPAC), cioè presi puri nella loro forma più stabile alla temperatura d'interesse e alla pressione standard (spesso definita come 1 bar).

A rigore lo stato standard termodinamico dipende dalla temperatura d'interesse (normalmente a temperatura ambiente), che non rientra nella definizione IUPAC. I valori sono tabulati molto spesso come entalpia di formazione standard alla temperatura di 298,15 K (25 °C) e sono espressi in kJ/mol.

Tutti gli elementi nel loro stato standard, quindi puri nella forma più stabile alla temperatura di interesse e alla pressione di stato-standard, hanno zero come valore di entalpia di formazione standard. Così per esempio l'ossigeno nello stato di gas, il carbonio nello stato solido di grafite, ecc. L'entalpia di formazione standard è negativa se la reazione di formazione del composto è esotermica, mentre è positiva se la reazione di formazione del composto è endotermica.

L'entalpia standard di formazione è una funzione di stato termodinamica. Essa è quindi equivalente alla somma dei diversi processi di reazioni di sintesi compresi nel Ciclo di Born-Haber.

Esempio[modifica | modifica wikitesto]

Ad esempio, per calcolare l'entalpia standard di formazione del cloruro di sodio si usa la reazione seguente:

Na(s) + (1/2)Cl2(g) → NaCl(s)

Questo processo è costituito da sotto-processi separati, ognuno dei quali possiede la propria entalpia. Quindi, occorre calcolare:

  1. l'entalpia di atomizzazione standard di sodio solido;
  2. la prima energia di ionizzazione del sodio gassoso;
  3. l'entalpia standard di atomizzazione del gas cloro;
  4. l'affinità elettronica degli atomi di cloro;
  5. l'entalpia della matrice di atomi del cloruro di sodio.

La somma di tutti questi valori dà l'entalpia di formazione standard del cloruro di sodio (legge di Hess).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]