Procedimenti giudiziari a carico di Silvio Berlusconi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

1leftarrow.pngVoce principale: Silvio Berlusconi.

Silvio Berlusconi

Silvio Berlusconi nel corso degli anni è stato oggetto di numerosi procedimenti penali.

Il 1º agosto 2013 la Corte di Cassazione conferma la decisione di condanna della corte di appello riguardo al processo Mediaset a quattro anni di detenzione (di cui tre beneficiati dall'indulto). Per la prima volta Silvio Berlusconi subisce una sentenza di condanna passata in giudicato.

In precedenza nessun procedimento penale a suo carico si era concluso con una sentenza passata in giudicato di condanna per via di assoluzioni, declaratorie di prescrizione, amnistie e depenalizzazioni dei reati contestati.

Alcuni dei procedimenti di Silvio Berlusconi sono stati archiviati in fase di indagine; a seguito di altri è stato instaurato un processo nel quale Berlusconi è stato prosciolto. In alcuni processi, sono state pronunciate, in primo grado o in appello, sentenze di condanna e successivamente di assoluzione in grado definitivo.

In alcuni dei processi, Berlusconi si è giovato di leggi approvate dalla maggioranza parlamentare da lui stesso guidata per ottenere assoluzioni o riduzioni della pena: tali provvedimenti, che hanno suscitato intense polemiche politiche, sono stati definiti leggi ad personam. Queste norme, in taluni casi, hanno imposto una valutazione di non rilevanza penale di alcune delle fattispecie contestate poiché il fatto non era più previsto dalla legge come reato; in altri casi, invece, la relativa riduzione delle pene previste per le nuove fattispecie di reato ha fatto sì che i termini di prescrizione maturassero prima che fosse pronunciata la sentenza definitiva.

Indice

Elenco riassuntivo[modifica | modifica wikitesto]

Procedimenti conclusi[modifica | modifica wikitesto]

Esito Procedimenti e capi di imputazione
Sentenze di condanna
Sentenze di non doversi procedere Prescrizione
Intervenuta amnistia
Sentenze di assoluzione Il fatto non costituisce più reato
Insussistenza del fatto
Procedimenti archiviati

Procedimenti in corso[modifica | modifica wikitesto]

Fase processuale Procedimenti e capi di imputazione
Secondo grado
Primo grado
Udienza preliminare
  • Processo escort
    Induzione a rendere dichiarazioni mendaci all’autorità giudiziaria
Fasi preliminari
  • Inchiesta Ruby Ter
    Corruzione in atti giudiziari in riferimento alle testimonianze rese nel procedimento "Ruby" principale

Il 16 aprile 2014, inoltre, la procura di Napoli (nella persona del PM Henry John Woodcock), deposita nuovi documenti nei quali Berlusconi è indagato per il reato di finanziamento illecito ai partiti a causa di finanziamenti che sarebbero stati erogati negli anni scorsi al Movimento Italiani nel Mondo. Attualmente questo procedimento si trova in fase di istruttoria.[4]

Dettagli sui procedimenti[modifica | modifica wikitesto]

Procedimenti conclusi[modifica | modifica wikitesto]

Sentenze di condanna[modifica | modifica wikitesto]

Processo Mediaset[modifica | modifica wikitesto]

I PM Alfredo Robledo e Fabio De Pasquale, che hanno collezionato 500 000 pagine di atti con rogatorie in vari paesi, il 22 aprile 2005 (ma la notizia resterà riservata fino al 26),[5] hanno richiesto il rinvio a giudizio per 14 indagati[6][7]:

Oltre a queste sono state stralciate (cioè verranno contestate in procedimento separato) le posizioni di Marina Berlusconi (assurta a presidente Fininvest) e Piersilvio Berlusconi, accusati di riciclaggio di denaro.

Dall'indagine All Iberian nasce questo filone d'inchiesta su due società estere collegate alla Silvio Berlusconi Finanziaria (società lussemburghese), la Century One e la Universal One. Sui conti di tali società hanno lasciato l'ultima traccia i fondi neri «distratti su conti bancari in Svizzera, Bahamas e Montecarlo [...] nella disponibilità degli indagati [...] e gestiti da fiduciari di Berlusconi». La cresta sulla compravendita dei diritti di film made in USA avveniva, secondo l'ipotesi accusatoria, in modo illegale: Mediaset non li comprava direttamente ma da società offshore (Century One e Universal One e altre come la Wiltshire Trading e la Harmony Gold) che a loro volta li cedevano ad altre società gemelle, facendo lievitare il prezzo ad ogni passaggio. La differenza tra il valore reale e quello finale consentiva di mettere da parte fondi neri.

Berlusconi avrebbe intascato fondi neri (280 milioni di euro in dollari, lire, franchi francesi e svizzeri e fiorini olandesi) in nero, senza pagarvi le tasse e frodando i propri azionisti (falso in bilancio). Ma la difficoltà maggiore per i PM è stato capire come avvenivano tali operazioni, considerato che l'ex premier ha lasciato tutte le cariche sociali nel 1993. Berlusconi avrebbe continuato a occuparsi delle società tramite prestanome. L'ipotesi accusatoria è suffragata dalle testimonianze di Carlo Bernasconi (capo della Silvio Berlusconi Communications), Oliver Novick (responsabile della Direzione Corporate Development) e Marina Camana (segretaria di Bernasconi che, secondo le rivelazioni dell'Espresso, ha raccontato proprio che le indicazioni per gli acquisti venivano da Arcore).

Il 18 giugno 2012 i PM Fabio De Pasquale e Sergio Spadaro chiedono al giudice una condanna di 3 anni e 8 mesi per frode fiscale di 7,3 milioni di euro.[8]

Il 26 ottobre 2012 i giudici del Tribunale di Milano hanno condannato Silvio Berlusconi a quattro anni di reclusione, una pena più dura di quella chiesta dalla pubblica accusa. Tre anni al produttore cinematografico Frank Agrama mentre il presidente di Mediaset, Fedele Confalonieri, è stato assolto per "non aver commesso il fatto". Ai manager Daniele Lorenzano e Gabriella Galetto sono state inflitte, rispettivamente le condanne a tre anni e otto mesi e un anno e due mesi di reclusione. Le pene sono condonate nella misura di tre anni per via dell'indulto del 2006[9]. Per l'ex presidente del Consiglio i giudici hanno stabilito come pena accessoria l'interdizione per cinque anni dai pubblici uffici e l'interdizione per tre anni a contrattare con la pubblica amministrazione. Agli imputati, in totale undici, veniva contestata la frode fiscale. I giudici hanno disposto un versamento a titolo di provvisionale di 10 milioni di euro da parte degli imputati condannati all'Agenzia delle Entrate. Per Paolo Del Bue (Banca Arner) è stato dichiarato il non luogo procedere per intervenuta prescrizione. Gli altri imputati sono stati assolti o si sono visti riconoscere la prescrizione del reato.[10][11]

Il 9 novembre 2012 Silvio Berlusconi, tramite i suoi legali, ha depositato il ricorso in appello.[12]

L'8 maggio 2013 la Corte d'Appello di Milano conferma la condanna di 4 anni di reclusione, 5 anni di interdizione dai pubblici uffici e 3 anni dagli uffici direttivi.[13]

Il 1º agosto 2013 la sezione feriale della Corte di Cassazione, presieduta da Antonio Esposito, conferma la condanna a 4 anni di detenzione per frode fiscale a carico di Berlusconi (e degli altri tre imputati che avevano presentato il ricorso: Daniele Lorenzano, Gabriella Galetto e Frank Agrama), di cui 3 da non scontare grazie all'indulto del 2006, disponendo tuttavia il rinvio alla corte d'appello di Milano per la rideterminazione della pena accessoria dell'interdizione dai pubblici uffici.[14]

Il 4 ottobre 2013 la Giunta delle elezioni e delle immunità parlamentari presieduta da Dario Stefano si è dichiarata favorevole alla decadenza di Silvio Berlusconi da senatore in base alla legge Severino che prevede l'incandidabilità per persone condannate a pene superiori a due anni.[15]. Sempre per effetto di tale legge, l'ex senatore risulta incandidabile fino al 2019[16].

Il 19 ottobre dello stesso anno, la Corte d'Appello di Milano, così come disposto dalla Corte di Cassazione, condanna Berlusconi alla pena accessoria di due anni di interdizione dai pubblici uffici.[17]

Il 27 novembre 2013 il Senato vota a favore della decadenza da senatore di Silvio Berlusconi che dunque perde la carica di parlamentare.[18]

Il 18 marzo 2014 la Corte di Cassazione conferma la pena accessoria di due anni di interdizione dai pubblici uffici, così come inflitta dalla Corte d'Appello di Milano, rendendola così definitiva.[19]

Il 10 aprile 2014 viene confermata la proposta di affidare il condannato in prova ai servizi sociali.[20]

Sentenze di non doversi procedere per prescrizione[modifica | modifica wikitesto]

Lodo Mondadori[modifica | modifica wikitesto]
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Lodo Mondadori.

Berlusconi era accusato (assieme a Cesare Previti, Attilio Pacifico, Giovanni Acampora e Vittorio Metta) di concorso in corruzione in atti giudiziari (art. 319 ter del codice penale), per aver pagato i giudici di Roma in modo da ottenere una decisione a suo favore nel giudizio di impugnazione per nullità del Lodo Mondadori, dal cui esito dipendeva la proprietà della casa editrice.

La posizione di Silvio Berlusconi è stata stralciata in seguito alla sua nomina a Presidente del Consiglio e ad interminabili contrasti tra il Tribunale di Milano, la Procura della Repubblica presso lo stesso Tribunale e la Presidenza del Consiglio, che hanno portato anche all'intervento della Corte Costituzionale in sede di soluzione di conflitti di attribuzione tra poteri dello Stato.

Il giudice dell'udienza preliminare Rosario Lupo ha deciso l'archiviazione del caso, concludendo che la corruzione pluriaggravata ipotizzata dal Pool per il caso Mondadori «non sussiste».[21]. La Corte d'appello, su ricorso della procura, decide nel giugno 2001 che per Berlusconi è ipotizzabile il reato di corruzione semplice, e non quello più grave di concorso in corruzione in atti giudiziari in quanto non sono stati provati i provvedimenti giudiziari oggetto della corruzione; in primo grado Cesare Previti è stato condannato, mentre per questo stesso episodio Berlusconi, grazie alla concessione delle attenuanti generiche, ha ottenuto la prescrizione del reato di corruzione semplice (poiché risale al 1991 e la prescrizione, con le attenuanti generiche, scatta dopo 7 anni e mezzo) ed ha evitato una eventuale condanna. La sentenza di appello del processo Mondadori a carico di Previti, confermata dalla Cassazione, dice esplicitamente che il Cavaliere aveva "la piena consapevolezza che la sentenza era stata oggetto di mercimonio".

Del resto la sentenza afferma che "la retribuzione del giudice corrotto è fatta nell'interesse e su incarico del corruttore", cioè di Previti (che è il corruttore secondo la sentenza). La Corte Suprema di Cassazione ha infine confermato la sentenza d'appello.[22][23] La sentenza di primo grado a carattere esecutivo del Tribunale di Milano, depositata il 3 ottobre 2009, nella causa civile promossa da Cir contro Fininvest, stabilisce che la Fininvest di Silvio Berlusconi deve risarcire circa 750 milioni di euro (749 955 611,93 €) alla Cir di Carlo De Benedetti per il danno causato dalla corruzione giudiziaria nella vicenda del lodo Mondadori.[24]

Nei giorni immediatamente successivi, Canale 5 ha prodotto un servizio sul giudice Mesiano, autore della sentenza di risarcimento, consistente in un pedinamento commentato. In tale servizio venivano evidenziate quali "stravaganze" il fatto che il giudice fumasse e passeggiasse aspettando il suo turno dal barbiere, ed il colore dei suoi calzini. Gli ordini giornalistici hanno ritenuto ignominiosa la condotta della testata, la Federazione della Stampa ha chiamato "pestaggio mediatico" tale servizio[25].

Il giudice del processo d'appello, il 9 luglio 2011, ha stabilito che il risarcimento che la Fininvest dovrà pagare alla Cir è di circa 540 milioni di euro (540 141 059,32 €), ai quali si aggiungono tre quarti delle spese processuali dei primi due gradi effettuate dalla Cir (rispettivamente 3 296 000 € per il primo grado e 3 940 000 € per il secondo) ed il pagamento del 12,5% delle spese generali del processo, per un totale di 564 milioni di euro.[26][27] Dopo il ricorso della Fininvest, il 17 settembre 2013 la Cassazione ha stabilito che la somma definitiva di cui la Cir dovrà essere risarcita è di 494 000 000 €.[28]

All Iberian 1 (finanziamento illecito al PSI)[modifica | modifica wikitesto]

Il 12 luglio 1996 Silvio Berlusconi viene rinviato a giudizio per i reati di finanziamento illecito a un partito politico e falso in bilancio aggravato.[29] Secondo la prima accusa, Silvio Berlusconi avrebbe versato illecitamente 22 miliardi di lire, tra il gennaio 1991 e il novembre 1992, al Partito Socialista Italiano guidato da Bettino Craxi (coimputato nel processo per il medesimo reato). Il denaro sarebbe partito da fondi occulti della società berlusconiana Fininvest per finire nei conti svizzeri del PSI.

Quanto al falso in bilancio Fininvest, Berlusconi avrebbe perpetrato questo reato a partire dal 1989 fino al 1996, mediante il controllo di una serie di operazioni volte a trasferire ingenti somme di denaro (migliaia di miliardi di lire) all'estero attraverso l'utilizzo di numerosissime società offshore, con lo scopo, talvolta, di reimpiegare detto denaro in altre attività illecite.[30]

Il processo All Iberian, dal nome della società dietro cui alcuni testimoni d'accusa hanno sostenuto si celasse Fininvest, ebbe inizio il 21 novembre 1996.[31] Tuttavia, per una violazione di legge operata dalla magistratura requirente, che non aveva reso possibile alla società Fininvest di partecipare al processo in qualità di parte offesa, il 17 giugno 1998, circa un mese prima della prevedibile emissione della sentenza di primo grado, il processo fu diviso in due tronconi:[32] da una parte sarebbe proseguito il giudizio sulla presunta violazione della legge sul finanziamento dei partiti politici (cosiddetto processo All Iberian 1); dall'altra, la violazione procedurale ha comportato l'azzeramento del processo per la parte relativa al falso in bilancio, che è pertanto ricominciato nel gennaio 1999 (cosiddetto processo All Iberian 2).[33]

Finché il processo All Iberian è stato trattato unitariamente, il reato asseritamente commesso fino al 1992 era ancorato al falso in bilancio contestato fino al 1996; ciò tuttavia non modificava l'aspetto relativo alla possibile estinzione per prescrizione, in quanto essa decorre autonomamente per ciascun reato, salva la contestazione (secondo la normativa all'epoca in vigore) della continuazione (art. 81 c.p.). Avvenuta la separazione dei processi, il finanziamento illecito fu perseguito da solo, con la conseguenza che il termine prescrizionale di sette anni e mezzo sarebbe decorso dal 1992, mettendo in pericolo la pronuncia di una sentenza definitiva di merito.

Nel processo di primo grado, concluso il 13 luglio del 1998, il proscioglimento per prescrizione era stato dichiarato solo per il versamento di 10 dei 22 miliardi di lire contestati; per la restante parte dell'accusa Berlusconi era stato condannato a 2 anni e 4 mesi di reclusione e al pagamento di una multa di 10 miliardi di lire.[34]

Il processo All Iberian si è concluso il 22 novembre 2000, quando la Corte di Cassazione, confermando la sentenza d'Appello emessa il 26 ottobre 1999,[35] ha dichiarato il proscioglimento dell'imputato per intervenuta prescrizione del reato. La Corte non ha ritenuto di assolvere l'imputato nel merito in quanto «la prova della innocenza era incompleta ed erano necessari ulteriori attività istruttorie»; attività che non sono consentite in sede di giudizio di legittimità.[36]

Consolidato Fininvest[modifica | modifica wikitesto]

Il 29 gennaio 2001 il PM Francesco Greco compie un'indagine nella quale sono presenti 26 indagati tra cui Silvio Berlusconi con l'accusa di falso in bilancio. Secondo il giudice il gruppo Fininvest ha utilizzato, nel periodo che va dal 1989 al 1996, 65 società estere per movimentare e accantonare, fuori bilancio, circa 1550 miliardi di lire.

I soldi sarebbero stati utilizzati per finanziare con 644 miliardi finti soci di Telepiù per celarne il controllo in violazione della legge Mammì, avrebbe inoltre fatto lo stesso in Spagna per Telecinco con 456 miliardi. Secondo il giudice parte dei fondi neri sarebbero stati utilizzati per operare in Borsa sui titoli Rinascente, Standa, Mondadori e Sbe aggirando gli obblighi di informativa all'autorità di controllo. Avrebbe coperto perdite del Milan con 57 milioni di dollari nel periodo che va dal 1992 al 1994 e si è accollato 122 miliardi di compensi in nero ai calciatori e anche ai giocatori di rugby, hockey e pallavolo. Berlusconi avrebbe inoltre utilizzato parte dei 1550 miliardi per liquidare pagamenti riservati a Craxi, Previti e Squillante. Avrebbe infine utilizzato i fondi neri per corrompere con 5 miliardi due dirigenti dell'Isveimer (istituto creato per facilitare le imprese del Mezzogiorno) per far sì che la Fininvest ottenesse 450 miliardi di finanziamenti bancari. Parte dei fondi bancari, secondo il PM Francesco Greco, sarebbero stati trasferiti alle Bahamas presso la Finter Bank di Nassau.[37][38]

Il 30 giugno 2001 viene chiesto il rinvio a giudizio[39] ma la data dell'udienza preliminare non viene mai fissata dato che il 14 febbraio 2003 il giudice per le indagini preliminari deposita la sentenza dichiarando il non luogo a procedere per prescrizione del reato di falso in bilancio.[40][41] La prescrizione è avvenuta anche grazie al decreto legislativo approvato dal governo presieduto dallo stesso Berlusconi che depenalizza il falso in bilancio.[42][43]

Il 4 marzo 2003 la procura decide di ricorrere in cassazione perché, sostiene Greco, la mancata udienza preliminare gli ha impedito di sollevare un'eccezione d'incostituzionalità e di incompatibilità con le direttive comunitarie delle nuove norme sui reati societari e con il trattato dell'Ocse.[44][45] La Corte di Cassazione il 14 aprile 2004 respinge il ricorso del PM e conferma la sentenza di prescrizione.[46][47]

Bilanci Fininvest 1988-1992[modifica | modifica wikitesto]

Silvio Berlusconi è stato accusato insieme al fratello Paolo di falso in bilancio e appropriazione indebita relativi ai bilanci Fininvest dal 1988 al 1992. Nei bilanci della società della famiglia Berlusconi l'acquisto di diritti tv sarebbe stato esposto a valori superiori al reale per creare fondi neri. Il 25 ottobre 2004 Berlusconi è stato prosciolto per intervenuta prescrizione del reato.[48][49]

Processo Lentini (falso in bilancio)[modifica | modifica wikitesto]

Nel gennaio del 1995 Silvio Berlusconi è stato indagato per il reato di falso in bilancio, perpetrato attraverso il versamento "in nero" di una decina di miliardi di lire dalle casse della squadra di calcio del Milan a quelle del Torino per l'acquisto del giocatore Gianluigi Lentini.[50] Secondo l'accusa, in particolare, i bilanci della società Milan sarebbero stati «fraudolentemente falsificati» negli anni 1993 e 1994; successivamente, inoltre, la magistratura inquirente ha ritenuto di estendere le accuse di irregolarità dei bilanci al periodo compreso tra il 1991 e il 1997. Il 28 maggio 1998 Berlusconi venne rinviato a giudizio presso il Tribunale di Milano.[51]

Il 5 novembre 2002 il processo si concluse definitivamente con il proscioglimento di Berlusconi per intervenuta prescrizione del reato.[52] Il proscioglimento di Berlusconi è stato ed è tuttora un argomento di polemica politica. Il processo, infatti, si è interrotto quando ancora il dibattimento era in pieno svolgimento ed una sentenza di primo grado dunque era ben lungi dall'essere emanata.[53] Tale conclusione anticipata è dovuta al fatto che nel gennaio 2002 il Consiglio dei ministri del governo presieduto da Berlusconi approvò, rendendole immediatamente operative, le nuove norme in materia di riforma del diritto societario, in ossequio alla legge delega approvata dal Parlamento nell'ottobre 2001 che imponeva al governo di adottare le nuove misure entro il 3 ottobre del 2002.[54]

La riforma del diritto societario ha comportato una diversa valutazione del reato di falso in bilancio, con modifiche incidenti anche in materia di prescrizione. Se dunque prima della riforma il reato contestato a Berlusconi si sarebbe prescritto nel 2004 (dopo sette anni e mezzo dalla supposta commissione), a quel punto i termini si sarebbero ridotti a tre anni.[55] Pertanto, il Tribunale non poté che adempiere all'obbligo, contenuto nell'articolo 129 del Codice di procedura penale, di dichiarare la presenza di una causa di estinzione del reato in ogni stato e grado del processo.[56] Per tale ragione, il governo fu accusato di aver approvato una legge ad personam.

Corruzione dell'avvocato David Mills[modifica | modifica wikitesto]

Silvio Berlusconi è stato accusato di corruzione in atti giudiziari per aver pagato la falsa testimonianza di David Mills nei processi sulle tangenti alla Guardia di Finanza e All Iberian, in particolare durante i processi, secondo l'accusa Mills

« ometteva di dichiarare quanto a sua conoscenza in ordine alla proprietà e al controllo delle società offshore del Fininvest B group e di conseguenza non rivelava che delle stesse erano beneficiari Silvio Berlusconi, Carlo Bernasconi e Livio Gironi, e che il controllo sulle stesse era esercitato da fiduciari della famiglia Berlusconi »

e inoltre

« ometteva di riferire la circostanza del colloquio telefonico intercorso nella notte del 24 novembre 1995 con Silvio Berlusconi in ordine alla società All Iberian e al finanziamento da 10 miliardi di lire erogato tramite All Iberian a Bettino Craxi »

le false testimonianze di Mills sarebbero state pagate 600 000 dollari da parte di Berlusconi.[57]

Nell'agosto del 2008 venne promulgato dal Parlamento il lodo Alfano, tale legge imponeva la sospensione dei processi penali nei confronti delle quattro più alte cariche dello Stato. Il processo nei confronti di Berlusconi, dunque, venne sospeso fino al 7 ottobre 2009, quando la Corte costituzionale dichiarò il lodo Alfano incostituzionale, il processo nei confronti di Mills proseguì regolarmente.

Il 17 febbraio 2009 Mills è stato condannato dal tribunale di Milano a 4 anni e 6 mesi per aver ricevuto i 600 000 dollari e per aver testimoniato due volte il falso nell'ambito dei suddetti procedimenti giudiziari.[58][59] Il legale è stato inoltre interdetto per 5 anni dall'esercizio dei pubblici uffici e dovrà risarcire 250 000 euro alla presidenza del consiglio, costituita parte civile.[58]

Il 27 ottobre 2009 la corte d'appello ha confermato la sentenza di primo grado, ovvero la condanna a 4 anni e 6 mesi a Mills per aver ricevuto 600 000 dollari da Silvio Berlusconi per testimoniare il falso in 2 processi, quello su All Iberian e quello sulle tangenti alla Guardia di Finanza.[60]

Il 25 febbraio 2010 la corte di cassazione ha dichiarato prescritto il reato di Mills ritenendo però "verificata la sussistenza degli estremi del reato di corruzione in atti giudiziari" e condannando Mills al pagamento del risarcimento di 250 000 euro per danno all'immagine dello Stato e 10 000 euro per le spese processuali.[61][62]

Il 25 febbraio 2012 Silvio Berlusconi è stato prosciolto dal reato ascritto per intervenuta prescrizione. Dal momento che i giudici hanno l'obbligo di scegliere la formula più favorevole, non è stato possibile trovare le condizioni per assolvere l'imputato.[63] Secondo le motivazioni del dispositivo, le prove presentate dall'accusa sarebbero comunque state insufficienti per conseguire una sentenza di condanna nei confronti dell'imputato e non si sarebbe raggiunta in ogni caso alcuna verità processuale, ritenendo altresì inutilizzabili ai fini del giudizio le confessioni rese per iscritto dall'avvocato inglese David Mills.[64]

Unipol[modifica | modifica wikitesto]

Il 7 febbraio 2012 Silvio Berlusconi viene rinviato a giudizio con l'accusa di avere divulgato intercettazioni protette dal segreto d'ufficio effettuate durante le indagini riguardanti la scalata alla Banca Nazionale del Lavoro tentata nel 2005 dall'Unipol, gruppo assicurativo guidato in quel periodo da Giovanni Consorte, poi dimessosi da tutti gli incarichi societari per il suo coinvolgimento nella vicenda bancopoli. Le trascrizioni di queste intercettazioni riportano, in particolare, una conversazione avvenuta il 17 luglio 2005 tra Consorte e l'allora segretario dei Democratici di Sinistra Piero Fassino il quale nella telefonata sembrava fare intendere che la scalata era stata appoggiata anche politicamente dal suo partito.[65][66]

Il 20 dicembre seguente il procuratore aggiunto di Milano Maurizio Romanelli ha chiesto un anno di reclusione per Silvio Berlusconi con l'accusa di rivelazione di segreto d'ufficio, mentre per il fratello Paolo tre anni e tre mesi per concorso in rivelazione di segreto d'ufficio e ricettazione[67]; sempre nello stesso giorno Piero Fassino ha chiesto un milione di euro di risarcimento.[68]

La sentenza di primo grado, emessa il 7 marzo 2013, lo condanna ad un anno di reclusione[69] ed al pagamento in solido di 80 000 euro, assieme al fratello Paolo Berlusconi, quale risarcimento danni in favore di Piero Fassino a cui si aggiungono le spese processuali di 10 000 euro.[69][70]

Il 31 marzo 2014 la Seconda Corte d'Appello di Milano ha dichiarato la prescrizione del reato, confermando il risarcimento di 80 000 euro a Piero Fassino.[71]

Sentenze di non doversi procedere per intervenuta amnistia[modifica | modifica wikitesto]

Falso in bilancio nell'acquisto dei terreni di Macherio[modifica | modifica wikitesto]

Nel gennaio del 1999 Berlusconi è stato accusato di appropriazione indebita, frode fiscale e falso in bilancio per l'acquisto di terreni intorno alla sua villa di Macherio.[72] In primo grado è stato assolto dai reati di appropriazione indebita e di frode fiscale, mentre per le due imputazioni di falso in bilancio contestate dal PM Francesco Saverio Borrelli è scattata la prescrizione. In appello, in data 29 ottobre 1999, è stata confermata l'assoluzione per il reato di frode fiscale e per uno dei due falsi in bilancio; per l'altro invece è stata concessa l'amnistia come conseguenza del condono fiscale del 1992.[73]

Falsa testimonianza[modifica | modifica wikitesto]

Nel corso di un processo penale per diffamazione, avviato da una querela di Berlusconi per via di un articolo comparso sulla rivista Epoca nel 1987, il querelante riferì all'Autorità giudiziaria, sotto giuramento, di non aver corrisposto alcunché a Licio Gelli all'atto di iscriversi alla Loggia P2, nel 1981.[74][75] Berlusconi aveva detto infatti: «Non ricordo la data esatta della mia iscrizione alla P2, ricordo comunque che è di poco anteriore allo scandalo [...] Non ho mai pagato una quota di iscrizione, né mai mi è stata richiesta».

I giornalisti imputati, tutti assolti, a loro volta presentarono un esposto presso la Pretura di Verona contro Berlusconi, affinché nei confronti di quest'ultimo fosse avviato un procedimento penale per falsa testimonianza. Il 22 luglio del 1989 il pretore Gabriele Nigro firmò una sentenza istruttoria di non doversi procedere perché il fatto non costituisce reato. Tale decisione venne impugnata presso la Sezione istruttoria della Corte d'Appello di Venezia la quale nel 1990, pur ritenendo che Berlusconi avesse commesso il reato testimoniando il falso e dunque dovesse effettivamente essere processato per il reato di falsa testimonianza, poiché era stata varata un'amnistia nei primi mesi di quello stesso anno dichiarò il reato estinto a causa del suddetto provvedimento parlamentare, archiviando così definitivamente l'indagine.[75][76][77][78]

Sentenze di assoluzione perché il fatto non costituisce più reato[modifica | modifica wikitesto]

All Iberian 2 (falso in bilancio aggravato)[modifica | modifica wikitesto]

Oltre a dover ricominciare da zero per un vizio procedurale, come deciso dai giudici nel giugno del 1998, la seconda tranche del processo All Iberian dovette una seconda volta essere azzerata in quanto, il 12 marzo 1999, il tribunale, accogliendo un'eccezione relativa alla «totale indeterminatezza dei fatti» contestati, dichiarò nullo il precedente rinvio a giudizio per una «sostanziale equivocità dell'imputazione», rinviando il procedimento alla fase dell'udienza preliminare.[79]

Il nuovo rinvio a giudizio portava la data del 23 novembre 1999, e fissava l'inizio del processo di primo grado al 7 aprile 2000.[80] Ma una pronuncia della Cassazione del 9 febbraio 2001, rilevata l'incompatibilità di un giudice con il processo,[81] riportò nuovamente il giudizio all'apertura del dibattimento. Il dibattimento riprese davanti ad un nuovo giudice il 22 febbraio dello stesso anno.

Il processo All Iberian 2 si è definitivamente concluso con l'assoluzione di Silvio Berlusconi (con formula perché il fatto non costituisce più reato in seguito alla riforma del diritto societario del Governo Berlusconi[42]) emessa dal Tribunale di Milano il 26 settembre 2005. Il processo All Iberian 2 è stato ed è tuttora un argomento di polemica politica. Lo schieramento del centrosinistra (e con esso i suoi sostenitori), infatti, ha accusato il Parlamento di aver approvato delle leggi ad personam, ossia delle norme che sarebbero state emanate al solo scopo di influire sui processi pendenti nei confronti dell'allora presidente del Consiglio Berlusconi.

Le polemiche cominciarono già a seguito dell'emanazione della legge 367 del 2001 sulle rogatorie internazionali, che si diceva avrebbe portato alla conclusione anticipata del processo per sopravvenuta inutilizzabilità di alcuni documenti, ritenuti decisivi dall'accusa, provenienti dalla Svizzera. La polemica trovò conferma nei fatti: Berlusconi grazie alla modifica delle legge, non fu condannato come invece avrebbe previsto la norma precedente alla modifica ad personam. Successivamente alla riforma del diritto societario, approvata dal Parlamento sotto il governo presieduto da Berlusconi, i critici del centrodestra rinnovarono la loro accusa al Parlamento, reo, a loro dire, di aver legiferato così da venire incontro ai desiderata giudiziari di Silvio Berlusconi.

L'applicazione della nuova normativa in materia di falso in bilancio, infatti, ed in particolare dei riformulati articoli 2621 e 2622 del codice civile, ha reso la condotta imputata a Berlusconi non più perseguibile penalmente. La norma infatti prevede la perseguibilità del reato a querela di parte, querela che non era stata presentata a suo tempo e che avrebbe costretto i giudici a prosciogliere l'imputato per difetto di causa di procedibilità. Il Tribunale, invece, ritenne di accogliere le richieste della difesa – l'accusa aveva chiesto che Berlusconi venisse prosciolto per prescrizione del reato[82] – volte ad ottenere la più ampia formula di proscioglimento (la citata il fatto non costituisce più reato). Con la riforma, infatti, il reato di falso in bilancio, che vedeva ridursi i termini prescrizionali, è diventato perseguibile solo quando l'entità della falsa dichiarazione sia tale da aver creato degli effetti nocivi, non bastando che questi effetti rimangano potenziali.[83]

Processo SME[modifica | modifica wikitesto]
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Processo SME e Vicenda SME.

Nel 1985 l'allora presidente dell'IRI, Romano Prodi raggiunse un accordo con Carlo De Benedetti per la vendita della partecipazione azionaria della Società Meridionale di Elettricità (SME) posseduta dall'IRI. L'accordo fece sorgere delle polemiche all'interno del Partito Socialista Italiano di Bettino Craxi, l'allora presidente del Consiglio, che spinse per la riapertura delle trattative. Comparvero allora altre tre offerte tra le quali una da parte di Barilla, Ferrero e la Fininvest di Silvio Berlusconi. Il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Giuliano Amato, e lo stesso Prodi dichiararono che l'accordo stipulato con De Benedetti non era vincolante e successivamente, il 15 giugno 1985 il ministro delle Partecipazioni statali, Clelio Darida annuncia la mancata vendita della SME. De Benedetti fa causa all'IRI chiedendo di ripristinare l'accordo originario ma il tribunale civile di Roma presieduto dal giudice Filippo Verde respinge il ricorso.[84]

Nel maggio del 1998 iniziarono le indagini nei confronti di Silvio Berlusconi e altri imputati con l'accusa di aver concorso per aggiustare la sentenza del tribunale civile di Roma.[85]

Il 9 marzo 2000 iniziò il processo[86], le accuse erano divise in due capi:[87]

  • Capo A): Berlusconi venne accusato di aver corrotto l'allora Presidente della Sezione Gip del Tribunale di Roma, Renato Squillante, con due versamenti di 100 e 500 milioni di lire.
  • Capo B): Berlusconi venne accusato di aver corrotto il giudice Verde con un versamento di 750 milioni di lire.

Nel giugno 2003 venne approvata dal parlamento la legge chiamata "lodo Schifani", essa ha imposto l'impossibilità di processare le cinque più alte cariche dello Stato, tra cui l'allora presidente del Consiglio dei ministri, Silvio Berlusconi. Si dovette quindi sospendere il processo SME nei confronti di Berlusconi (si proseguì però nel processare gli altri imputati). Tre mesi dopo la corte costituzionale dichiarò incostituzionale il lodo Schifani e dunque il processo SME poté proseguire anche per Berlusconi.

Il 10 dicembre 2004 il Tribunale di Milano emise la sentenza di primo grado dichiarando Berlusconi assolto dai fatti contestati al capo B) perché il fatto non sussiste e, concedendo le attenuanti generiche, dichiarò prescritto il reato inerente al bonifico di 500 milioni di lire contestato al capo A) e assolse Berlusconi dagli altri fatti di corruzione contestati nel capo A) per non aver commesso il fatto.[87]

Il 28 aprile 2007 i giudici della seconda corte d'appello di Milano dichiararono assolto Berlusconi da tutti i reati contestati nel capo A) per non aver commesso il fatto e confermarono l'assoluzione dai fatti contestati al capo B) perché il fatto non sussiste.[88]

Il 26 ottobre 2007 la corte di cassazione confermò la sentenza di secondo grado assolvendo Berlusconi da tutti i reati contestati.[89]

Il 30 gennaio 2008 Silvio Berlusconi è stato prosciolto dalla I sezione penale del Tribunale di Milano per l'accusa di falso in bilancio nel processo SME, in quanto il fatto per il quale è stato imputato, a seguito della riforma promossa dal governo Berlusconi II, non costituisce più reato.[42][90]

Sentenze di assoluzione per insussistenza del fatto[modifica | modifica wikitesto]

Processo SME[modifica | modifica wikitesto]

vedi sopra

Tangenti alla Guardia di Finanza[modifica | modifica wikitesto]

Silvio Berlusconi è stato accusato di concorso in corruzione, reato che sarebbe stato perpetrato mediante il versamento su conti correnti aperti in una banca di New York, di alcune tangenti ad ufficiali della Guardia di Finanza impegnati in verifiche fiscali presso quattro aziende dell'imprenditore milanese. Gli episodi contestati sarebbero risaliti, secondo quanto prospettato dall'accusa, al 1989 (tangente per Videotime), al 1991 (Arnoldo Mondadori Editore), al 1992 (Mediolanum) e al 1994 (TELE+). Il rinvio a giudizio di Silvio Berlusconi, che aveva ricevuto un invito a comparire presso la Procura di Milano per il 22 novembre 1994 davanti al PM Antonio Di Pietro[91], è datato 14 ottobre 1995.[92]

In primo grado il processo, cominciato il 17 gennaio 1996,[93] si era concluso, il 7 luglio del 1998, con una condanna, per tutti i capi d'accusa, a 2 anni e 9 mesi di reclusione complessivi.[94] Il giudizio di Appello, emesso il 9 maggio del 2000, aveva ribaltato la sentenza di primo grado, assolvendo Berlusconi (con la formula per non aver commesso il fatto) per la vicenda TELE+ e prosciogliendolo con riguardo ai tre residui capi d'imputazione (per intervenuta prescrizione dovuta alla concessione delle attenuanti generiche).[95]

Il 19 ottobre 2001 la Corte di Cassazione assolve l'imputato per tutti e quattro i capi d'accusa (con la formula per non aver commesso il fatto).[96] Il 25 febbraio 2010 la corte di cassazione emette una sentenza nell'ambito del processo Mills dichiarando che l'avvocato David Mills fu corrotto per testimoniare il falso nel processo sulle tangenti alla Guardia di Finanza[97], favorendo così l'assoluzione di Berlusconi.[3]

Telecinco (Spagna)[modifica | modifica wikitesto]

In Spagna Silvio Berlusconi, insieme ad altri manager Fininvest, è stato accusato di violazione della legge antitrust, frode fiscale e reati vari (quali riciclaggio di denaro) a favore dell'emittente Telecinco da lui fondata. Il processo è stato sospeso dal 1999 al 2006 per l'immunità di cui Berlusconi godeva nel paese in qualità di eurodeputato prima e di capo di un governo estero poi; nell'aprile del 2006, anno in cui è subentrato al terzo mandato di Berlusconi il secondo di Prodi, il giudice Baltasar Garzón che per primo aveva avviato il procedimento ha riaperto il fascicolo a suo carico. Nel 2008 l'avvocato Niccolò Ghedini annuncia l'assoluzione del suo assistito.[98]

Medusa cinematografica[modifica | modifica wikitesto]

Berlusconi è accusato di comportamenti illeciti nelle operazioni d'acquisto della società Medusa cinematografica per non aver messo a bilancio 10 miliardi. In primo grado è condannato a 1 anno e 4 mesi per falso in bilancio, poi condonati. Assoluzione nel giudizio di appello,[99] con sentenza confermata dalla Cassazione[100] in quanto per la sua ricchezza potrebbe non essere stato al corrente dei fatti contestati.[101]

Acquisto dei terreni di Macherio[modifica | modifica wikitesto]

vedi sopra

Mediatrade[modifica | modifica wikitesto]

Questo procedimento inchiesta è un filone del processo Mediaset.

Il 14 ottobre 2005 la Guardia di Finanza ha perquisito gli uffici della Mediatrade spa, cioè la società controllata dal Gruppo Berlusconi che ha preso il posto, a partire dal febbraio 1999, di Mediaset e la Maltese Ims nell'acquisto dei diritti TV. La procura avrebbe scoperto massicci trasferimenti di denaro della Wiltshire Trading (società intestata ad Agrama) a favore di conti svizzeri di personaggi Mediaset (denominati "Leonardo", "Trattino", "Teleologico", "Litoraneo", "Sorsio", "Clock" e "Pache"). Questo nuovo filone nasce dalla testimonianza di un ex dirigente Paramount, Bruce Gordon, che definisce Agrama come «agente di Berlusconi» e «rappresentante Fininvest». Farouk Mohamed Agrama, detto Frank, è considerato l'interfaccia di Lorenzano (ex capoacquisti di Mediaset) negli USA.[102]

Secondo la procura l'accumulazione dei fondi neri sarebbe continuata anche oltre il 1999, fino al 2002 cioè quando Berlusconi era già Presidente del consiglio.

L'8 aprile 2010 viene chiesto il rinvio a giudizio per appropriazione indebita e frode fiscale.[103]

Il 18 ottobre 2011 il GUP di Milano ha prosciolto Silvio Berlusconi da tutte le accuse con la formula "per non avere commesso il fatto".[104][105]

Il 18 maggio 2012 la Seconda sezione penale della Cassazione ha confermato il proscioglimento per Berlusconi, come deciso dal Gup di Milano il 18 ottobre 2011.[106]

Il 22 maggio 2014 il PM De Pasquale chiede 3 anni e 2 mesi di carcere per Pier Silvio Berlusconi, 3 anni e 4 mesi per Confalonieri, 3 anni e 8 mesi per Agrama e 3 anni e 2 mesi anche per Lorenzano,[107] 4 anni per Giovanni Stabilini, 3 anni per Gabriella Ballabio, 2 anni per Giorgio Dal Negro, 3 anni per Paolo del Bue oltre alla confisca di 134 milioni di euro, 5 anni per Paddy Chan Mei-You e 4 anni per Catherine Hsu May-Chun, due cittadine di Hong Kong.

Già l'8 luglio seguente Pier Silvio Berlusconi e Confalonieri vengono prescritti per i fatti del 2005 e assolti per quelli del 2006, 2007 e 2008 "perché il fatto non costituisce reato". Escono impuniti dal processo anche tutti gli altri imputati, compreso Agrama.[108][109]

Inchiesta Mediatrade di Roma[modifica | modifica wikitesto]

Nell'ottobre 2010 Silvio Berlusconi venne indagato a Roma con l'ipotesi di evasione fiscale e reati tributari compiuti negli anni 2003 e 2004. Le notizie di reato nacquero dall'inchiesta milanese Mediatrade sulla compravendita dei diritti tv e cinematografici Mediaset in cui furono coinvolti anche Piersilvio Berlusconi ed altri dirigenti del gruppo televisivo milanese.[110]

Il 30 luglio 2011 i PM romani conclusero le indagini[111] ed il 16 febbraio 2012 chiesero il rinvio a giudizio sia di Silvio Berlusconi sia di Piersilvio Berlusconi sia di altri manager di Mediaset.[112] Il 27 giugno 2012 il giudice dell'udienza preliminare Pierluigi Balestrieri emise una sentenza di non luogo a procedere nei confronti di tutti gli imputati per prescrizione (evasione fiscale e violazione delle norme tributarie) per i fatti del 2003 e "perché il fatto non sussiste" per quelli del 2004.[113] Secondo le motivazioni del dispositivo, Frank Agrama non era (come invece ritenuto dai PM) "socio occulto" di Silvio Berlusconi.[114]

Il 15 ottobre 2012 la procura di Roma fece ricorso in Cassazione contro la sentenza del GUP ritenendo che quest'ultimo non aveva il materiale necessario per poter emettere tale sentenza.[115]

Nella mattina del 6 marzo 2013 il sostituto Procuratore generale di Cassazione, Gioacchino Izzo, chiese l'inammissibilità o, in subordine, il rigetto del ricorso presentato in Cassazione dalla Procura di Roma contro la sentenza del GUP, ovvero va confermato il non luogo a procedere "perché il fatto non sussiste" per tutti gli imputati (tra cui anche Piersilvio Berlusconi).[116][117] Il giorno stesso però la Terza sezione penale della Cassazione, presieduta da Alfredo Teresi, rigettò la richiesta di ricorso della Procura di Roma archiviando il procedimento.[118]

Procedimenti archiviati[modifica | modifica wikitesto]

Spartizione pubblicitaria Rai-Fininvest[modifica | modifica wikitesto]

Berlusconi era accusato di aver indotto la RAI, da presidente del Consiglio dei ministri, a concordare con la Fininvest i tetti pubblicitari, per ammorbidire la concorrenza. La Procura di Roma, non avendo raccolto prove a sufficienza per il reato di concussione, ha chiesto l'archiviazione, accolta dal Giudice dell'udienza preliminare.[119]

Traffico di droga[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1983 i telefoni di Berlusconi furono messi sotto controllo dalla Guardia di Finanza, nell'ambito di un'inchiesta su un traffico di stupefacenti. L'indagine fu archiviata dal comandante di zona lombarda della Guardia di Finanza con sede a Milano nel 1991.[120][121]

Tangenti fiscali sulle pay-tv[modifica | modifica wikitesto]

Berlusconi era accusato di aver pagato tangenti a dirigenti e funzionari del ministero delle Finanze per ridurre l'Iva dal 19 al 4 per cento sulle pay tv e per ottenere rimborsi di favore. La Procura di Roma ha chiesto l'archiviazione, accolta dal Giudice dell'udienza preliminare.[122]

Stragi del 1992-1993[modifica | modifica wikitesto]

La Procura di Firenze ha indagato per molti anni (fino all'agosto 1998) sui mandanti a volto coperto delle stragi:

La procura di Firenze iscrisse nel registro degli indagati Silvio Berlusconi e Marcello Dell'Utri (con il soprannome AUTORE 1 e AUTORE 2), considerati mandanti delle suddette stragi. Il Pm di Firenze chiese l'archiviazione del procedimento al termine delle indagini preliminari, accolta dal giudice per le indagini preliminari competente, in quanto non si era potuta trovare la conferma delle chiamate "de relato" e delle intuizioni logiche, sebbene si evidenziasse nel decreto di archiviazione che vi era «un'obiettiva convergenza degli interessi politici di Cosa Nostra rispetto ad alcune qualificate linee programmatiche della nuova formazione» (ovvero Forza Italia) e che durante le indagini «l'ipotesi iniziale abbia mantenuto e semmai incrementato la sua plausibilità».[123]

A Caltanissetta Berlusconi e Dell'Utri furono iscritti nel registro degli indagati come mandanti delle stragi di Via D'Amelio (Paolo Borsellino) e Capaci (Giovanni Falcone). Le indagini sono partite da:

Il 3 maggio 2002 il fascicolo viene archiviato, su richiesta dello stesso PM, perché il quadro indiziario risulta friabile. Il gip tuttavia, nel decreto di archiviazione, lascia alla valutazione dei pubblici ministeri di effettuare ulteriori indagini su «piste investigative diverse da quelle sinora perseguite» ritenendo che «tali accertati rapporti di società facenti capo al gruppo Fininvest con personaggi in varia posizione collegati all'organizzazione Cosa nostra, costituiscono dati oggettivi che rendono quantomeno non del tutto implausibili né peregrine le ricostruzioni offerte dai diversi collaboratori di giustizia». Oltre a questo viene evidenziato anche che «gli atti del fascicolo hanno ampiamente dimostrato la sussistenza di varie possibilità di contatto tra gli uomini appartenenti a Cosa Nostra ed esponenti e gruppi societari controllati in vario modo dagli odierni indagati». Ma conclude affermando che «Occorre tuttavia verificare se effettivamente tali contatti vi siano stati e che esito abbiano avuto. Orbene le dichiarazioni dei collaboratori di giustizia che dovrebbero riscontrare tale ipotesi sono tutte "de relato" e, come si è visto, il più delle volte generiche ed incerte nei contenuti».[124] Tale richiesta di archiviazione, tuttavia, non fu sottoscritta dall'altro pm che si era occupato delle inchieste e dei processi sulle stragi, Luca Tescaroli, contrario alle impostazioni della richiesta di archiviazione, soprattutto nella parte in cui si sostiene che le dichiarazioni dei principali pentiti della strage, Cancemi e Brusca, erano contrastanti.[125] Una tesi che è stata confermata anche nella sentenza d'appello della strage di Capaci dove i giudici scrissero tra l'altro che le dichiarazioni di Brusca e Cancemi erano convergenti e che era necessario indagare ancora «nelle opportune direzioni per individuare i convergenti interessi di chi era in rapporto di reciproco scambio con i vertici di Cosa nostra».[125]

Concorso esterno in associazione mafiosa[modifica | modifica wikitesto]

La procura di Palermo ha indagato su Silvio Berlusconi e su Marcello Dell'Utri per concorso esterno in associazione mafiosa e riciclaggio di denaro sporco. Il 31 marzo 1997 l'inchiesta su Berlusconi è stata archiviata al termine delle indagini preliminari, che erano state prorogate per la massima durata prevista dalla legge.[126]

Caso Saccà[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2007, Silvio Berlusconi è stato indagato dalla procura di Napoli con l'accusa di aver corrotto l'allora presidente di RaiFiction Agostino Saccà e di aver istigato alla corruzione il senatore Nino Randazzo e altri senatori della Repubblica «in altri episodi non ancora identificati».[127][128] L'accusa era basata essenzialmente su una decina di registrazioni telefoniche effettuate tra i mesi di giugno e novembre 2007.[129] Secondo la Procura di Napoli, Saccà aveva il compito di piazzare in Rai le attrici raccomandate da Berlusconi, in cambio di un aiuto nella sua futura attività privata («Agostino, ti contraccambierò quando sarai imprenditore»); nell'ipotesi d'accusa Berlusconi avrebbe segnalato un nome vicino ad un senatore del centro-sinistra (allora al governo con una maggioranza risicata in Senato), in modo da accattivarsi la sua simpatia e convincerlo a passare nella formazione di centro-destra e, di conseguenza, a causare la caduta del governo Prodi.[130]

Nel luglio 2008, su richiesta dei difensori di Silvio Berlusconi, gli atti del procedimento sono stati trasferiti a Roma a causa dell'incompetenza territoriale del tribunale di Napoli (dato che le telefonate "cruciali" per il reato contestato al Cavaliere erano avvenute mentre i due interlocutori erano a Roma).[131]

Il 17 aprile 2009 il gip Pierfrancesco De Angelis ha archiviato il caso, poiché Saccà «non era da considerare un incaricato di pubblico servizio».[132] Pochi giorni dopo, il 24 aprile 2009, sono state distrutte le intercettazioni raccolte a Napoli sul caso Saccà-Berlusconi.[133] Trascrizioni di queste conversazioni sono tuttavia ancora reperibili on-line.[134]

Voli di Stato[modifica | modifica wikitesto]

Il 3 giugno 2009 Silvio Berlusconi è stato iscritto nel registro degli indagati con l'accusa di abuso d'ufficio[135] da Giovanni Ferrara, il procuratore della Repubblica di Roma. Le indagini si riferiscono ad un presunto abuso nell'utilizzo degli aerei del 31º stormo dell'Aeronautica militare di stanza a Ciampino, finalizzato al trasporto del Presidente del Consiglio e di altre persone (tra cui Mariano Apicella) ad una serata di intrattenimento tenutasi in Sardegna, a Villa Certosa.

Il 16 giugno 2009 la Procura ha richiesto l'archiviazione delle indagini dopo aver accertato che su tutti i voli era presente almeno una persona autorizzata ad usufruirne (Berlusconi), constatando che per il resto «l'utilizzo della flotta non è disciplinato da alcuna disposizione di legge o regolamento, ma soltanto da direttive della Presidenza del consiglio dei ministri». Anche l'ipotesi di peculato, avanzata in un primo tempo, è stata scartata (appoggiandosi su una sentenza della Cassazione risalente al 2007).[136]

Diffamazione aggravata dall'uso del mezzo televisivo[modifica | modifica wikitesto]

Silvio Berlusconi è stato indagato dalla procura di Roma per diffamazione aggravata dall'uso del mezzo televisivo, in relazione alla vicenda delle dichiarazioni dell'allora Premier in merito alle relazioni tra le cosiddette cooperative rosse e camorra durante una intervista rilasciata il 3 febbraio 2006 ad una emittente nazionale. L'iscrizione è avvenuta in seguito alla querela presentata dal presidente della Lega Nazionale delle Cooperative Poletti.[137]

Il 22 marzo 2007 la Procura di Roma ha chiesto l'archiviazione del fascicolo.[138]

Inchiesta di Trani[modifica | modifica wikitesto]

Nel marzo 2010 Silvio Berlusconi ed il commissario dell'Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni Giancarlo Innocenzi sono stati formalmente iscritti nel registro degli indagati della procura di Trani. Secondo il pm Michele Ruggiero, Berlusconi avrebbe esercitato «pressioni sull'Agcom per arrivare alla chiusura di Annozero». In altre intercettazioni della Guardia di finanza di Bari, invece, il premier si lamenterebbe anche di Ballarò e Parla con me.[139]

Il 19 luglio 2011 la Procura di Roma, che si occupava dell'inchiesta, fece decadere le ipotesi di concussione e minacce. Il reato per cui Silvio Berlusconi risultava indagato era dunque abuso d'ufficio insieme a Giancarlo Innocenzi e a Mauro Masi, quest'ultimo già direttore generale della RAI.[140]

Il 27 ottobre 2011 la Procura di Roma, dopo ulteriori approfondimenti investigativi, chiese che l'inchiesta venisse conclusa con l'archiviazione per tutti gli indagati. Alla base della richiesta di archiviazione vi era la mancanza di una violazione di legge e l'inesistenza di un danno certo.[141][142][143]

Il 31 gennaio 2013 il presidente dei Gip di Roma Carlo Figliolia accolse la richiesta dei procuratori disponendo l'archiviazione per le posizioni di Silvio Berlusconi e degli altri indagati.[144]

Procedimenti in corso[modifica | modifica wikitesto]

Secondo grado[modifica | modifica wikitesto]

Il caso Ruby[modifica | modifica wikitesto]

Le accuse sono conseguenti alla vicenda della allora diciassettenne marocchina Karima El Mahroug (Fkih Ben Salah, 1º novembre 1992), detta Ruby Rubacuori, accompagnata, nella serata del 27 maggio 2010, presso la Questura di Milano di via Fatebenefratelli per identificazione, in quanto sospettata di furto e priva di documenti di riconoscimento.[145] La prostituta brasiliana Michelle Conceicao, che ospitava Ruby nella sua casa[146], decise di telefonare all'allora Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi per avvertirlo. Berlusconi, quindi, telefonò al Capo di Gabinetto della Questura, dottor Pietro Ostuni, per chiedere che Ruby fosse affidata a Nicole Minetti (consigliere regionale del PdL), invece che a una comunità per minorenni. La questura affidò dunque la minorenne Ruby alla consigliera regionale.[147]

Il 21 dicembre 2010 Silvio Berlusconi venne indagato dalla Procura di Milano per concussione, in quanto, secondo l'accusa, abusò della sua "qualità" di Presidente del Consiglio per esercitare una indebita pressione sui funzionari della Questura di Milano per il rilascio di Ruby, al fine di coprire il più grave reato di prostituzione minorile. Dalle successive indagini, infatti, sarebbe emerso che, nella sua residenza di Arcore, si sarebbero svolti in più occasioni, tra febbraio e maggio 2010, dei "festini a luci rosse", a cui avrebbero partecipato diverse ragazze dello spettacolo, tra le quali la stessa consigliera regionale Nicole Minetti e l'allora minorenne Ruby, che avrebbero fornito prestazioni sessuali in cambio di denaro e favori[148].

La difesa sostenne che la telefonata alla questura di Milano era stata fatta perché Berlusconi credeva che Karima El Mahroug fosse la nipote dell'allora presidente egiziano Hosni Mubarak e dunque il presidente del consiglio avesse voluto evitare un incidente diplomatico con l'Egitto.[147]

Il 14 gennaio 2011 il procuratore Edmondo Bruti Liberati fa pervenire al parlamento la domanda di autorizzazione a procedere con le perquisizioni negli uffici del dottor Giuseppe Spinelli, ragioniere personale di Berlusconi.[149][150] Il 3 febbraio 2011 la Camera respinge la richiesta di autorizzazione alle perquisizioni.[151]

Il 15 febbraio 2011 Silvio Berlusconi viene rinviato a giudizio con rito immediato con un decreto depositato dal giudice per le indagini preliminari Cristina Di Censo.[152][153]

Il 5 aprile 2011 la Camera vota a favore della richiesta di sollevare un conflitto di attribuzione tra i poteri dello Stato davanti alla Corte Costituzionale nei confronti del premier Berlusconi, asserendo che il reato di concussione è di competenza del Tribunale dei Ministri, in quanto Berlusconi agì nelle sue funzioni di premier per far rilasciare la presunta nipote di Mubarak dalla Questura di Milano, al fine di evitare così un possibile incidente diplomatico con l'Egitto. Il reato di prostituzione minorile dovrebbe essere di competenza della Procura di Monza, in quanto i presunti festini sarebbero avvenuti ad Arcore, zona di competenza della Procura di Monza[154]. Il 14 settembre 2011 anche il Senato approva il medesimo conflitto di attribuzione.[155]

Il 3 ottobre 2011 nell'ambito della stessa vicenda, ma in un procedimento penale separato, sono stati rinviati a giudizio Nicole Minetti, l'allora direttore del TG4 Emilio Fede e il manager e talent scout Lele Mora, imputati per induzione e favoreggiamento della prostizione minorile.[156][157]

Il 14 febbraio 2012 la Corte Costituzionale rigetta le richieste di Camera e Senato. La Corte ha ritenuto tale conflitto "simile" a quello dell'inchiesta sull'ex Guardasigilli del Governo Prodi Clemente Mastella sostenuto del Senato che aveva affermato l'illegittimità degli atti delle procure di Santa Maria Capua Vetere e di Napoli, chiedendo la trasmissione degli atti al Tribunale dei ministri. Dopo la decisione il processo va avanti mantenendo la propria sede al Tribunale di Milano.[158] Il 13 maggio 2013 l'accusa ha chiesto una condanna di sei anni di reclusione e l'interdizione perpetua dai pubblici uffici.[159]

Il 24 giugno 2013 Berlusconi è stato condannato in primo grado, dal Tribunale di Milano, a 7 anni di carcere per i reati di prostituzione minorile e concussione (per costrizione invece che per induzione come ipotizzato dall'accusa), nonché all'interdizione perpetua dai pubblici uffici, oltre al pagamento delle spese processuali.[160][161]

Il 2 gennaio 2014 Silvio Berlusconi deposita tramite i suoi avvocati il ricorso in appello contro la sentenza, chiedendo la completa assoluzione.[162]

Il processo d'appello, iniziato il 20 giugno 2014[163], emette la sentenza il 18 luglio: Berlusconi viene assolto con formula piena perché, per quanto riguarda l'accusa di concussione, "il fatto non sussiste" e perché, in riferimento all'accusa di prostituzione minorile, "il fatto non costituisce reato"[164][165][166]. Le motivazioni[167] chiariranno che nessuna prova è stata accertata sul fatto che Berlusconi avesse esercitato un atteggiamento intimidatorio o quanto meno un'induzione indebita nei confronti del responsabile della questura milanese affinché rilasciasse la minorenne marocchina, né che fosse a conoscenza dell'età della ragazza all'epoca dei rapporti sessuali[168].

Udienza preliminare[modifica | modifica wikitesto]

Laurea di Antonio Di Pietro[modifica | modifica wikitesto]

Berlusconi ha più volte messo in dubbio la legittimità della laurea dell'ex magistrato Antonio Di Pietro, affermando durante un comizio e in una puntata del talk show Porta a Porta che Di Pietro aveva ottenuto il suo titolo di studio non superando i relativi esami ma con la complicità dei servizi segreti deviati, allo scopo di avere un magistrato in grado di rovesciare i partiti della cosiddetta prima Repubblica. Di Pietro ha querelato Berlusconi per diffamazione aggravata. Il 5 ottobre 2010 il tribunale di Viterbo ha ritenuto Berlusconi non punibile, ma il 19 gennaio 2012 tale sentenza è stata annullata dalla Cassazione, che ha ordinato un nuovo processo.[169][170]

Il 10 gennaio 2013, il tribunale di Viterbo ha deciso di trasferire il caso al giudizio direttamente alla Corte Costituzionale. Nel giugno 2013 la Corte costituzionale ha stabilito Berlusconi non è coperto da immunità per le parole pronunciate durante le campagne elettorali, così il suo caso giudiziario in precedenza arrestato è stato riaperto dalla Corte Costituzionale per giudicare i meriti del caso.[171][172] Il caso è stato sospeso a motivo del caso affiliato contro la Camera dei Deputati, dove due giudici hanno chiesto l'annullamento del suo decreto del 22 Settembre 2010 di concessione a Berlusconi dell'immunità parlamentare assoluta.[173][174][175] Il 18 luglio 2014, la Corte Costituzionale ha stabilito che il decreto era incostituzionale e lo ha annullato, il che significa che il procedimento giudiziario civile contro Berlusconi ora può continuare.[176][177]

Processo escort[modifica | modifica wikitesto]

Secondo il procuratore aggiunto di Bari, Pasquale Drago, il leader di Forza Italia avrebbe pagato Tarantini, tramite Lavitola, perché nascondesse dinanzi ai magistrati baresi la verità sulle escort portate alle feste organizzate nelle abitazioni dell’ex premier. In particolare, Berlusconi avrebbe indotto Tarantini a tacere parte delle informazioni di cui era a conoscenza e a mentire nel corso degli interrogatori cui è stato sottoposto dai magistrati baresi tra luglio e novembre 2009.[178][179]

Secondo l’accusa, Tarantini avrebbe mentito, tra l’altro, negando che Berlusconi fosse a conoscenza che le donne che reclutava per le sue feste fossero pagate. L’udienza preliminare è stata fissata per il 14 novembre 2014.[180][181]

Fasi preliminari[modifica | modifica wikitesto]

Corruzione del senatore De Gregorio[modifica | modifica wikitesto]

Nel febbraio 2013 Silvio Berlusconi viene indagato per corruzione e finanziamento illecito ai partiti dalla Procura di Napoli, nelle figure dei pm Vincenzo Piscitelli, Henry John Woodcock, Francesco Curcio, Alessandro Milita e Fabrizio Vanorio. L'accusa è di aver corrotto nel 2006, con 3 milioni di euro (di cui 1 milione dichiarato al fisco e 2 milioni in nero), il senatore Sergio De Gregorio per favorire il suo passaggio tra le fila del Popolo delle Libertà. Insieme a Berlusconi sono stati indagati anche Valter Lavitola e Sergio De Gregorio (reo confesso).[182]

Il 23 ottobre 2013 Silvio Berlusconi e Valter Lavitola vengono rinviati a giudizio dal giudice per le udienze preliminari Amelia Primavera. Per il senatore De Gregorio invece il processo è già chiuso in sede di udienza preliminare poiché egli stesso, reo confesso, ha patteggiato una pena di 20 mesi di carcere.[183][184]

L'11 aprile 2014 è iniziato il processo di primo grado davanti al Tribunale di Napoli, il dibattimento prosegue il 17 settembre 2014.[185]

Indagine su rapporti con società svizzere[modifica | modifica wikitesto]

Il 12 novembre 1979 Silvio Berlusconi riceve la visita di tre ufficiali della Guardia di Finanza nella sede dell'"Edilnord Cantieri Residenziali" s.a.s, società intestata ad Umberto Previti, ma di cui Berlusconi era proprietario unico.[186] Nonostante ciò, agli agenti risponde di essere «un semplice consulente esterno» addetto alla progettazione di Milano 2[187]; i militari, pur avendo riscontrato più di un'anomalia nei rapporti tra lo stesso Berlusconi e misteriosi soci svizzeri, chiudono così l'ispezione.

I finanzieri si chiamano Massimo Maria Berruti, Salvatore Gallo (iscritto alla loggia massonica P2 insieme a Berlusconi) e Alberto Corrado. Tutti e tre faranno carriera: Berruti, il capo-pattuglia, lascia le Fiamme Gialle pochi mesi dopo per andare a lavorare alla Fininvest come avvocato d'affari. Arrestato nel 1985 per lo scandalo "Icomec" (e poi assolto), torna in carcere nel 1994 insieme a Corrado per i depistaggi nell'inchiesta sulle mazzette alla Guardia di Finanza. In seguito viene eletto deputato di Forza Italia e del PdL e poi condannato in via definitiva a 8 mesi di reclusione per favoreggiamento.[188]

Opinioni[modifica | modifica wikitesto]

Silvio Berlusconi, in diverse dichiarazioni rilasciate alla stampa, si è detto certo che i processi penali a cui è stato sottoposto a più riprese costituirebbero una manifesta persecuzione giudiziaria orchestrata da quelle che lui definisce "toghe rosse", cioè da magistrati vicini ai partiti e alle ideologie di sinistra (vedi Magistratura democratica), che utilizzerebbero illegittimamente la giustizia a fini di lotta politica,[189][190] nonostante le prime indagini siano di gran lunga precedenti (1979) alla "discesa in campo" di Silvio Berlusconi (1994). Silvio Berlusconi ha però più volte ribadito che le indagini hanno seguito la sua discesa in campo e ha denunciato i magistrati milanesi, presso la procura di Brescia, per il reato di attentato ad organo costituzionale. La denuncia è stata archiviata, e nelle motivazioni si legge:

« Risulta dall'esame degli atti che, contrariamente a quanto si desume dalle prospettazioni del denunciante, le iniziative giudiziarie [...] avevano preceduto e non seguito la decisione di "scendere in campo" »
(Carlo Bianchetti, giudice per le udienze preliminari di Brescia, ordinanza di archiviazione della denuncia, 15 maggio 2001)

Altri commentatori affermano invece che la fondazione fulminea di un nuovo partito, Forza Italia, sarebbe stata solo un metodo per evitare la bancarotta o addirittura il carcere[191] grazie alle cosiddette leggi ad personam varate dai governi da lui presieduti. Affermano inoltre che, sebbene sia vero che Berlusconi non avesse mai subito una condanna definitiva (fino al 1 agosto 2013) nei processi che lo riguardano, di fatto in alcuni casi gli sarebbe stata addebitata la responsabilità dei reati contestatigli e che solamente il sopraggiungere della prescrizione, di un'amnistia o di norme più favorevoli, redatte ad hoc dai suoi avvocati difensori (principalmente Niccolò Ghedini e Piero Longo, membri del Parlamento eletti con Forza Italia, il PdL, e di nuovo Forza Italia) e approvate dalla sua maggioranza parlamentare, lo avrebbe salvato da una sicura condanna. Riguardo all'accusa sulle "toghe rosse", essi sostengono infine che Berlusconi abbia, in virtù della rilevanza sociale che gli è derivata dalla nomina a Presidente del Consiglio, al contrario tratto giovamento dal riconoscimento, da parte dei giudici, delle attenuanti generiche rispetto ad altri imputati, tra cui Cesare Previti.[192]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dal rinvio a giudizio con Mister B. alla prescrizione l'avventuroso processo all'avvocato Mills in la Repubblica, 25 febbraio 2010. URL consultato il 7 ottobre 2011.
  2. ^ Cassazione: Mills fu reticente e favorì Berlusconi nei processi in Corriere della Sera, 21 aprile 2011. URL consultato l'11 ottobre 2011.
  3. ^ a b Cassazione, Mills fu teste reticente in ANSA, 21 aprile 2011. URL consultato il 7 ottobre 2011 (archiviato il 19 marzo 2013).
  4. ^ Napoli, pm chiede nuove indagini su Silvio Berlusconi - IlGiornale.it
  5. ^ Paolo Colonnello, Indagine Mediaset - I PM: «Processate Silvio Berlusconi» in La Stampa, 27 aprile 2005, p. 6. URL consultato il 3 agosto 2013.
  6. ^ Milano, chiusa l'indagine Mediaset. Berlusconi verso il rinvio a giudizio in la Repubblica, 19 febbraio 2005. URL consultato il 6 ottobre 2011.
  7. ^ Chiesto il rinvio a giudizio per Berlusconi in Corriere della Sera, 27 aprile 2005. URL consultato l'8 ottobre 2011.
  8. ^ Luigi Ferrarella, I pm: 3 anni e 8 mesi di carcere a Berlusconi in Corriere della Sera, 19 giugno 2012, p. 22. URL consultato il 27 giugno 2012.
  9. ^ Legge 31 luglio 2006, n. 241
  10. ^ Processo Mediaset, Berlusconi condannato. 4 anni di reclusione per frode fiscale in la Repubblica, 26 ottobre 2012. URL consultato il 26 ottobre 2012.
  11. ^ Processo Mediaset, 4 anni a Berlusconi. Replica in tv : «Giudici da paese incivile» in il Corriere della Sera, 26 ottobre 2012. URL consultato il 26 ottobre 2012.
  12. ^ Processo Mediaset Depositato il ricorso "Pregiudizi contro Berlusconi" in Il Giorno, 9 novembre 2012. (archiviato il 4 dicembre 2012).
  13. ^ Processo diritti tv Mediaset: Berlusconi condannato a 4 anni anche in appello in Corriere della Sera, 8 maggio 2013. URL consultato l'8 maggio 2013 (archiviato l'8 maggio 2013).
  14. ^ Sentenza Mediaset, Berlusconi condannato. Rinvio in Appello per ridefinire l'interdizione in la Repubblica, 1º agosto 2013. URL consultato il 2 agosto 2013.
  15. ^ Decadenza Berlusconi, Giunta vota sì. Il Pdl: “Resterà comunque leader”
  16. ^ Candidato alle europee: la corsa a ostacoli di Silvio tra Cassazione, Severino e Tar - Libero Quotidiano
  17. ^ Diritti Tv, Berlusconi condannato a due anni di interdizione in la Repubblica, 19 ottobre 2013. URL consultato il 19 ottobre 2013.
  18. ^ Aldo Cazzullo, Berlusconi fuori dal Senato: mi batterò ancora in Corriere della Sera, 28 novembre 2013, p. 1. URL consultato il 29 novembre 2013.
  19. ^ Diritti tv, Cassazione conferma 2 anni di interdizione per Silvio Berlusconi in Il Sole 24 ORE, 18 marzo 2014. URL consultato il 19 marzo 2014 (archiviato il 19 marzo 2014).
  20. ^ Berlusconi ai servizi sociali, udienza in Tribunale. E il pg di Milano dice sì in Il Fatto Quotidiano, 10 aprile 2014. URL consultato il 12 aprile 2014.
  21. ^ Luigi Ferrarella, Roberto Bagnoli, Mondadori, prosciolti Berlusconi e Previti in Corriere della Sera, 20 giugno 2000, p. 5. URL consultato l'8 ottobre 2011.
  22. ^ Mondadori, Berlusconi prescritto a giudizio Previti e gli altri in la Repubblica, 25 giugno 2001. URL consultato l'8 ottobre 2011.
  23. ^ Felice Froio, Il cavaliere incantatore: chi è veramente Berlusconi, Bari, Edizioni Dedalo, 2003, p. 208, ISBN 88-220-6266-3. URL consultato l'8 ottobre 2011.
  24. ^ Cir: maxi risarcimento da Fininvest. De Benedetti: sentenza fa giustizia in la Repubblica, 3 ottobre 2009. URL consultato l'8 ottobre 2011.
  25. ^ Canale 5 pedina il giudice Mesiano, la Repubblica, 16 ottobre 2009. URL consultato l'8 ottobre 2011.
  26. ^ Emilio Randacio, Lodo Mondadori, Fininvest condannata: dovrà pagare 560 milioni alla Cir in la Repubblica, 9 luglio 2011. URL consultato il 9 luglio 2011.
  27. ^ Lodo Mondadori: il Pg chiede una lieve riduzione del risarcimento a De Benedetti. Balzo di Mediaset (+7,8%), Il Sole 24 ORE, 27 giugno 2013. URL consultato il 2 luglio 2013.
    «[...] nel luglio 2011, la Corte d'appello di Milano stabilì un risarcimento di 564 milioni di euro a favore della Cir di Carlo De Benedetti».
  28. ^ Lodo Mondadori, no al ricorso Fininvest. Berlusconi dovrà pagare 494 milioni alla Cir, il Corriere della Sera, 17 settembre 2013. URL consultato il 27 novembre 2013.
  29. ^ Luca Fazzo, Berlusconi e Craxi alla sbarra in la Repubblica, 13 luglio 1996, p. 7. URL consultato il 7 ottobre 2011.
  30. ^ Luca Fazzo, Proprietà occultate nei paradisi fiscali in la Repubblica, 30 gennaio 2001, p. 11. URL consultato il 7 ottobre 2011.
  31. ^ Anja Pieroni: riprese vietate ai minori in la Repubblica, 22 novembre 1996, p. 10. URL consultato il 7 ottobre 2011.
  32. ^ All Iberian, diviso il processo in la Repubblica, 18 giugno 1998, p. 10. URL consultato il 7 ottobre 2011.
  33. ^ Tv, nuove accuse alla Fininvest in la Repubblica, 13 gennaio 1999, p. 16. URL consultato il 7 ottobre 2011.
  34. ^ Luca Fazzo, Craxi e Berlusconi condannati insieme in la Repubblica, 14 luglio 1998, p. 2. URL consultato il 7 ottobre 2011.
  35. ^ Luca Fazzo, All Iberian, è prescrizione in la Repubblica, 7 ottobre 2011, p. 4. URL consultato il 7 ottobre 2011.
  36. ^ Pier Francesco Fedrizzi, Berlusconi innocente a metà in la Repubblica, 20 dicembre 2000, p. 28. URL consultato l'8 ottobre 2011.
  37. ^ Pier Francesco Fedrizzi, Fondi riservati Fininvest indagato anche Berlusconi in la Repubblica, 30 gennaio 2011, p. 11. URL consultato il 9 ottobre 2011.
  38. ^ Paolo Biondani, Luigi Ferrarella, Conti Fininvest, Berlusconi verso il processo in Corriere della Sera, 30 gennaio 2011, p. 11. URL consultato il 9 ottobre 2011.
  39. ^ Fininvest, nell'inchiesta giro da 1.500 miliardi in la Repubblica, 30 giugno 2001. URL consultato il 9 ottobre 2011.
  40. ^ Paolo Biondaini, Fondi neri Fininvest: reati prescritti, processo inutile in Corriere della Sera, 14 febbraio 2003, p. 15. URL consultato l'11 ottobre 2011.
  41. ^ Fondi neri Fininvest: Berlusconi prosciolto in la Repubblica, 14 febbraio 2003. URL consultato l'11 ottobre 2011.
  42. ^ a b c Decreto legislativo 11 aprile 2002, n. 61, in materia di "Disciplina degli illeciti penali e amministrativi riguardanti le societa' commerciali, a norma dell'articolo 11 della legge 3 ottobre 2001, n. 366"
  43. ^ Pier Francesco Fedrizzi, Con il nuovo falso in bilancio finisce il processo Fininvest in la Repubblica, 15 gennaio 2002, p. 6. URL consultato il 9 ottobre 2011.
  44. ^ Dossier Berlusconi in l'Unità, 13 luglio 2003, p. 6. URL consultato il 10 ottobre 2011.
  45. ^ Fondi Fininvest, la Procura ricorre in Cassazione in la Repubblica, 5 marzo 2003, p. 20. URL consultato il 10 ottobre 2011.
  46. ^ Marco Travaglio, Lodo Castellano in l'Unità, 17 aprile 2004, p. 12. URL consultato il 10 ottobre 2011.
  47. ^ Cassazione, conti Fininvest: reati estinti per il premier in Corriere della Sera, 15 aprile 2004, p. 15. URL consultato il 10 ottobre 2011.
  48. ^ Luigi Ferrarella, Caso Sme verso la sentenza in Corriere della Sera, 26 ottobre 2004, p. 16. URL consultato il 9 ottobre 2011.
    «[...] Che ieri [Berlusconi], in un altro processo, ha guadagnato l'assoluzione per prescrizione dell'ipotesi di reato di falso nei bilanci d'esercizio Fininvest tra il 1988 e il 1992 [...]».
  49. ^ Gomez, Travaglio, p. 2277
  50. ^ Luca Fazzo, Fondi neri, indagati i Berlusconi in la Repubblica, 1º febbraio 1995, p. 6. URL consultato l'8 ottobre 2011.
  51. ^ Luca Fazzo, A processo per Lentini in la Repubblica, 29 maggio 1998, p. 6. URL consultato l'8 ottobre 2011.
  52. ^ Pier Francesco Fedrizzi, Caso Lentini, prosciolti Berlusconi e Galliani in la Repubblica, 6 novembre 2002, p. 9. URL consultato il 9 ottobre 2011.
  53. ^ Falso in bilancio depenalizzato processo Lentini verso la conclusione in la Repubblica, 12 marzo 2002, p. 20. URL consultato l'8 ottobre 2011.
  54. ^ Legge 3 ottobre 2001, n. 366, in materia di "Delega al Governo per la riforma del diritto societario"
  55. ^ Caso Lentini, reati prescritti in la Repubblica, 5 luglio 2002, p. 22. URL consultato l'8 ottobre 2011.
  56. ^
    « In ogni stato e grado del processo, il giudice, il quale riconosce che il fatto non sussiste o che l'imputato non lo ha commesso o che il fatto non costituisce reato o non è previsto dalla legge come reato ovvero che il reato è estinto o che manca una condizione di procedibilità, lo dichiara di ufficio con sentenza. »
    (Codice di procedura penale, art. 129)
  57. ^ Luca Fazzo, "Corruzione, Berlusconi a processo". I pm: "Pagò il silenzio di Mills" in la Repubblica, 17 febbraio 2006. URL consultato l'8 ottobre 2011.
  58. ^ a b Milano, «David Mills fu corrotto». Condannato a 4 anni e 6 mesi in Corriere della Sera, 17 febbraio 2009. URL consultato l'8 ottobre 2011.
  59. ^  Italia dei Valori. David Mills condannato a 4 anni e 6 mesi. YouTube, 17 febbraio 2009. URL consultato in data 8 ottobre 2011.
  60. ^ Mills condannato in appello: "Fu corrotto da Berlusconi" in la Repubblica, 27 ottobre 2009. URL consultato l'8 ottobre 2011.
  61. ^ Cassazione, prescrizione per Mills in Corriere della Sera, 25 febbraio 2010. URL consultato l'8 ottobre 2011.
  62. ^ Cassazione penale SS.UU. 15208/2010, Testo della sentenza, www.diritto-in-rete.com, 21 aprile 2010. URL consultato l'8 ottobre 2011 (archiviato il 27 dicembre 2012).
  63. ^ Processo Mills, Silvio Berlusconi prosciolto per prescrizione in Corriere della Sera, 25 febbraio 2012. URL consultato il 25 febbraio 2012.
  64. ^ Luigi Ferrarella, Mills, la lettera-confessione non vale contro Berlusconi in Corriere della Sera, 15 maggio 2012, p. 22. URL consultato il 19 maggio 2012.
  65. ^ Unipol, Berlusconi va a processo in Corriere della Sera, 7 febbraio 2012. URL consultato il 7 febbraio 2012.
  66. ^ Sergio Bocconi, La rivincita di Cimbri e delle polizze Coop. Niente Bnl, ora il bis con la compagnia in Corriere della sera, 14 gennaio 2012, pp. 50-51. URL consultato il 27 febbraio 2012.
  67. ^ Caso Unipol, chiesto un anno per Silvio Berlusconi in la repubblica, 20 dicembre 2012. URL consultato il 14 gennaio 2013.
  68. ^ Unipol: Fassino chiede 1mln a Berlusconi in ANSA, 20 dicembre 2012. URL consultato il 14 gennaio 2013 (archiviato il 14 gennaio 2013).
  69. ^ a b Processo Unipol, Silvio Berlusconi condannato a un anno. A Fassino 80mila euro di risarcimento, Il Sole 24 ORE, 7 marzo 2013. URL consultato il 7 marzo 2013 (archiviato il 7 marzo 2013).
  70. ^ Unipol, 1 anno a Berlusconi. A Fassino risarcimento da 80mila euro, TM News, 7 marzo 2013. URL consultato il 7 marzo 2013 (archiviato il 7 marzo 2013).
  71. ^ Unipol: prescrizione del reato per Silvio e Paolo Berlusconi in repubblica.it, 31 marzo 2014. URL consultato il 1º aprile 2014 (archiviato il 1º aprile 2014).
  72. ^ Paolo Biondani, I terreni di Macherio. Chiesti sedici mesi per Silvio Berlusconi in Corriere della Sera, 22 gennaio 1999, p. 14. URL consultato l'8 ottobre 2011.
  73. ^ Paolo Biondani, Berlusconi, nuova assoluzione in appello in Corriere della Sera, 29 ottobre 1999, p. 7. URL consultato l'8 ottobre 2011.
  74. ^ Berlusconi dal giudice per un interrogatorio sull'iscrizione alla P2 in la Repubblica, 14 febbraio 1990, p. 12. URL consultato il 7 ottobre 2011.
  75. ^ a b Antonino Caponnetto, Quando Berlusconi testimoniò sulla P2 in la Repubblica, 21 aprile 1998, p. 11. URL consultato il 7 ottobre 2011.
  76. ^ Falsa testimonianza, amnistiato Berlusconi in la Repubblica, 11 novembre 1990, p. 14. URL consultato l'11 ottobre 2011.
  77. ^ Giovanni Ruggeri, Mario Guarino, Berlusconi: inchiesta sul signor TV, Milano, Kaos edizioni, 1994, ISBN 88-7953-034-8. URL consultato il 7 ottobre 2011.
  78. ^ Mario Guarino, L'orgia del potere: testimonianze, scandali e rivelazioni su Silvio Berlusconi, Bari, Edizioni Dedalo, 2005, ISBN 88-220-5349-4.
  79. ^ Luca Fazzo, All Iberian, bocciato il pool in la Repubblica, 13 marzo 1999, p. 6. URL consultato l'8 ottobre 2011.
  80. ^ Luca Fazzo, All Iberian, Berlusconi a giudizio in la Repubblica, 24 novembre 1999, p. 7.
  81. ^ Marco Mensurati, All Iberian, tutto da rifare in la Repubblica, 10 febbraio 2001, p. 4. URL consultato l'8 ottobre 2011.
  82. ^ All Iberian, anche il pm dice sì alla prescrizione in la Repubblica, 20 luglio 2002, p. 21. URL consultato l'8 ottobre 2011.
  83. ^ Luca Fazio, Quel reato non esiste più All Iberian, Berlusconi assolto in la Repubblica, 27 settembre 2005, p. 2. URL consultato l'8 ottobre 2011.
  84. ^ Vittorio Malagutti, Sme, una storia di cordate e di processi Il grande dilemma del prezzo contestato in Corriere della Sera, 5 maggio 2003, p. 6. URL consultato il 18 marzo 2013.
  85. ^ La vicenda Sme Dall'Iri a Berlusconi in la Repubblica, 5 maggio 2003. URL consultato il 18 marzo 2013.
  86. ^ Sme, storia di un processo, Corriere della Sera. URL consultato il 18 marzo 2013.
  87. ^ a b Sentenza numero 5275/03 del Tribunale di Milano
  88. ^ Processo Sme, Berlusconi assolto in Corriere della Sera, 28 aprile 2007. URL consultato il 19 marzo 2013.
  89. ^ Sme, la Cassazione assolve Berlusconi in Corriere della Sera, 27 ottobre 2007. URL consultato il 19 marzo 2013.
  90. ^ Processo Sme, Berlusconi assolto "Il falso in bilancio non è più reato" in la Repubblica, 30 gennaio 2008. URL consultato l'8 ottobre 2011.
  91. ^ Piero Colaprico, Luca Fazzo, 'Presidente, l'accusiamo...' in la Repubblica, 23 novembre 1994, p. 2. URL consultato il 7 ottobre 2011.
  92. ^ Giovanni Valentini, Un passo indietro obbligatorio in la Repubblica, 15 ottobre 1995, p. 1. URL consultato il 7 ottobre 2011.
  93. ^ Processo Berlusconi, ressa di TV in la Repubblica, 16 gennaio 1996, p. 5. URL consultato il 7 ottobre 2011.
  94. ^ Luca Fazzo, Berlusconi è colpevole in la Repubblica, 8 luglio 1998, p. 2. URL consultato il 7 ottobre 2011.
  95. ^ Tangenti alle Fiamme Gialle. Berlusconi assolto in appello in la Repubblica, 9 maggio 2000. URL consultato il 7 ottobre 2011.
  96. ^ Tangenti alle Fiamme Gialle. Assolto Silvio Berlusconi in la Repubblica, 19 ottobre 2001. URL consultato il 7 ottobre 2011.
  97. ^ Il processo veniva chiamato anche "processo Arces" dal nome del maresciallo della Guardia di Finanza, Antonio Arces
    Processo Berlusconi, ressa di TV in la Repubblica, 16 gennaio 1996, p. 5. URL consultato il 7 ottobre 2011.
    «Quello che nei giornali viene chiamato "processo Berlusconi" per la giustizia è infatti il processo "Arces più dieci", dal nome del maresciallo della Finanza Antonio Arces, primo nell' ordine alfabetico».
  98. ^ Berlusconi assolto per il caso Telecinco in Corriere della Sera, 18 ottobre 2008, p. 25. URL consultato l'8 ottobre 2011.
  99. ^ Giustizia. Berlusconi assolto nel processo Medusa in Rainews 24, 9 febbraio 2000. URL consultato l'8 ottobre 2011 (archiviato il 14 luglio 2011).
  100. ^ Caso Medusa. La Cassazione assolve definitivamente Berlusconi in Rainews 24, 1º ottobre 2001. URL consultato l'8 ottobre 2011 (archiviato il 9 giugno 2011).
  101. ^ Patrimonio ingente, Berlusconi non sapeva in Corriere della Sera, 11 luglio 2000. URL consultato il 7 ottobre 2011.
  102. ^ Marco Mensurati, Diritti tv, perquisizione a Mediaset in la Repubblica, 15 ottobre 2005, p. 25. URL consultato l'8 ottobre 2011.
  103. ^ Luigi Ferrarella, Frode sui diritti tv, per Berlusconi richiesta di rinvio a giudizio in Corriere della Sera, 9 aprile 2010. URL consultato il 9 ottobre 2011.
  104. ^ Caso Mediatrade, prosciolto Berlusconi in Corriere della Sera, 18 ottobre 2011. URL consultato il 18 ottobre 2011.
  105. ^ Mediatrade,prosciolto Berlusconi,a giudizio P.Silvio, Confalonieri in Reuters, 18 ottobre 2011. URL consultato il 18 ottobre 2011.
  106. ^ Mediatrade, Berlusconi prosciolto. Respinto il ricorso dei pm di Milano in IlFattoQuotidiano.it, 18 maggio 2012. URL consultato il 19 maggio 2012.
  107. ^ Caso Mediatrade, Pm chiedono condanne per Pier Silvio Berlusconi e Fedele Confalonieri, rainews.it, 22 maggio 2014. URL consultato il 20 luglio 2014.
  108. ^ Mediatrade, Pier Silvio Berlusconi e Fedele Confalonieri assolti e prescritti, ilfattoquotidiano.it, 8 luglio 2014. URL consultato il 20 luglio 2014.
  109. ^ Mediatrade, assolti Pier Silvio Berlusconi e Confalonieri, ilgiornale.it, 8 luglio 2014. URL consultato il 20 luglio 2014.
  110. ^ Berlusconi indagato anche a Roma. "Ipotesi evasione fiscale e reati tributari" in la Repubblica, 15 ottobre 2010. URL consultato l'8 ottobre 2011.
  111. ^ Sacchettoni Ilaria, Mediatrade, Berlusconi rischia il processo in Corriere della Sera, 1º luglio 2011, p. 11. URL consultato l'11 ottobre 2011.
  112. ^ Haver Flavio, Inchiesta Mediatrade Il pm: Berlusconi a processo per frode in Corriere della Sera, 17 febbraio 2012, p. 25. URL consultato l'11 marzo 2012.
  113. ^ Diritti tv, Berlusconi prescritto e assolto in Corriere della Sera, 27 giugno 2012. URL consultato il 27 giugno 2012.
  114. ^ Ferrarella Luigi, "Agrama non era socio occulto di Berlusconi" in Corriere della Sera, 1º agosto 2012, p. 19. URL consultato l'11 agosto 2012.
  115. ^ Mediatrade/ Pm Roma in Cassazione contro assoluzione Berlusconi in TM News, 15 ottobre 2012. URL consultato il 28 ottobre 2012 (archiviato il 28 ottobre 2012).
  116. ^ Luca Romano, Mediatrade, il Pg della Cassazione chiede il proscioglimento del Cav in il Giornale, 6 marzo 2013. URL consultato il 6 marzo 2013.
  117. ^ Mediatrade, il pg della Cassazione: sì al proscioglimento di Berlusconi in Corriere della Sera, 6 marzo 2013. URL consultato il 6 marzo 2013.
  118. ^ Mediatrade, prosciolto Berlusconi in Corriere della Sera, 7 marzo 2013. URL consultato il 7 marzo 2013.
  119. ^ Paolo Biondani, Per il Cavaliere un'archiviazione e forse nuova indagine in Corriere della Sera, 7 aprile 1995, p. 2. URL consultato il 1º novembre 2013 (archiviato il 1º novembre 2013).
  120. ^ Marco Travaglio, Peter Gomez, Berlusconi, Gianni Vattimo, 2003. (archiviato il 18 gennaio 2012).
  121. ^ Peter Gomez, Marco Travaglio, Le mille balle blu, Rizzoli, marzo 2006, p. 9, ISBN 88-17-00943-1.
  122. ^ Flavio Haver, Berlusconi prosciolto per le tangenti a dirigenti delle Finanze in Corriere della Sera, 8 settembre 2000, p. 15. URL consultato il 1º novembre 2013 (archiviato il 1º novembre 2013).
  123. ^ La storia di un'inchiesta e dei suoi due imputati eccellenti in La Nuova Sardegna, 10 dicembre 2003, p. 43. URL consultato l'8 ottobre 2011.
  124. ^ Tribunale di Caltanissetta, Decreto di archiviazione (N. 1370/98 R.G.N.R.) (N. 908/99 R.G.I.P.) (PDF), 3 maggio 2002. URL consultato l'8 ottobre 2011 (archiviato il 28 dicembre 2012).
  125. ^ a b Francesco Viviano, Stragi di Capaci e via D'Amelio archiviazione per Berlusconi in la Repubblica, 4 maggio 2002. URL consultato l'8 ottobre 2011.
  126. ^ Francesco Viviano, Mafia, il giudice archivia l'inchiesta su Berlusconi in la Repubblica, 1º aprile 1997, p. 12. URL consultato l'11 ottobre 2011.
  127. ^ Giuseppe D'Avanzo, Tv e mercato dei voti, Berlusconi indagato per corruzione in la Repubblica, 12 dicembre 2007, p. 1. URL consultato l'8 ottobre 2011.
  128. ^ Berlusconi indagato per corruzione in Corriere della Sera, 12 dicembre 2007. URL consultato l'8 ottobre 2011.
  129. ^ Pronto Silvio?, L'Espresso, 26 giugno 2008. URL consultato l'8 ottobre 2011.
  130. ^ Telefonate Berlusconi-Saccà. Inchiesta trasferita a Roma in la Repubblica, 7 luglio 2008. URL consultato l'8 ottobre 2011.
  131. ^ Dario Del Porto, Intercettazioni Berlusconi-Saccà il gip sposta l' inchiesta a Roma in la Repubblica, 8 luglio 2008, p. 6. URL consultato il 19 marzo 2013.
  132. ^ Raifiction, archiviato il caso Berlusconi-Saccà in la Repubblica, 20 aprile 2009. URL consultato l'8 ottobre 2011.
  133. ^ Caso Berlusconi-Saccà: distrutte le intercettazioni in Il Giornale, 24 aprile 2009. URL consultato l'8 ottobre 2011 (archiviato il 3 agosto 2012).
  134. ^ Pronto Silvio, sono Saccà in l'Espresso, 20 dicembre 2007. URL consultato il 15 gennaio 2012.
  135. ^ Carlo Bonini, Elsa Vinci, Voli di Stato, Berlusconi indagato gli atti al Tribunale dei ministri in la Repubblica, 4 giugno 2009, p. 2. URL consultato l'8 ottobre 2011.
  136. ^ Marino Bisso, La Procura chiede l'archiviazione per i voli di Stato in Sardegna in la Repubblica, 17 giugno 2009, p. 6. URL consultato l'8 ottobre 2011.
  137. ^ «Diffamate le Coop», Berlusconi indagato in Corriere della Sera, 11 febbraio 2006. URL consultato l'8 ottobre 2011.
  138. ^ Berlusconi diffamò le Coop, ma non va processato in Corriere della Sera, 22 marzo 2007, p. 27. URL consultato il 9 ottobre 2011.
  139. ^ Berlusconi indagato per "Annozero" in La Stampa, 12 marzo 2010. URL consultato l'8 ottobre 2011.
  140. ^ Maria Elena Vincenzi, Pressioni contro Santoro, indagato Berlusconi in la Repubblica, 20 luglio 2011, p. 4. URL consultato l'11 ottobre 2011.
  141. ^ Pressioni Berlusconi contro Annozero, procura Roma chiede archiviazione in Il Messaggero, 27 ottobre 2011. URL consultato il 29 ottobre 2011.
  142. ^ Pressioni di Berlusconi per chiudere Annozero, la procura chiede l'archiviazione in Il Fatto Quotidiano, 27 ottobre 2011. URL consultato il 29 ottobre 2011.
  143. ^ Pm: archiviare posizione Berlusconi, stesse richieste per Masi e Innocenzi in la Repubblica, 27 ottobre 2011. URL consultato il 29 ottobre 2011.
  144. ^ Caso Santoro, archiviate le posizioni di Berlusconi, Masi e Innocenzi in la Repubblica, 31 gennaio 2012. URL consultato il 31 gennaio 2012.
  145. ^ Piero Colaprico, Giuseppe D'Avanzo, Ruby, le feste e il Cavaliere "La mia verità sulle notti ad Arcore" in la Repubblica, 28 ottobre 2010. URL consultato il 20 marzo 2013.
  146. ^ Gianni Santucci, L'amica brasiliana davanti al pm: banconote da 500 per pagare al bar, 15 gennaio 2011, p. 9. URL consultato il 20 marzo 2013.
    «Michelle Conceicao, brasiliana, la ragazza che ospitava Ruby nella sua casa milanese proprio nei giorni in cui la giovane marocchina venne portata in questura».
  147. ^ a b Giuseppe Guastella, Ruby, le telefonate, i bonifici in Corriere della Sera, 17 febbraio 2011. URL consultato il 20 marzo 2013.
  148. ^ Berlusconi indagato sul caso Ruby. «Non vedo l'ora di difendermi» in Il Sole 24 ORE, 14 gennaio 2010. URL consultato il 20 marzo 2013 (archiviato il 20 marzo 2013).
  149. ^ Caso Ruby, gli atti alla Camera: «Tante giovani donne si prostituivano» in Corriere della Sera, 17 gennaio 2011. URL consultato il 20 marzo 2013.
  150. ^ Domanda di autorizzazione ad eseguire perquisizioni domiciliari.
  151. ^ Caso Ruby, vince la maggioranza Gli atti rimandati alla procura di Milano in Corriere della Sera, 3 febbraio 2011. URL consultato il 20 marzo 2013.
  152. ^ Caso Ruby, premier a processo il 6 aprile in Corriere della Sera, 16 febbraio 2011. URL consultato il 20 marzo 2013.
  153. ^ Cristina Di Censo, Decreto di giudizio immediato (N. 5657/11 R.G.N.R.) (N. 1297/11 R.G.G.I.P.) (PDF), Archivio Penale, 15 febbraio 2011. URL consultato il 17 gennaio 2013 (archiviato il 28 dicembre 2012).
  154. ^ Caso Ruby, la maggioranza tiene. «Il processo via da Milano» in Corriere della Sera, 5 aprile 2011. URL consultato il 16 gennaio 2013.
  155. ^ Alessandro Trocino, Ruby, dal Senato sì al conflitto di attribuzione Scontro in Aula in Corriere della Sera, 15 settembre 2011. URL consultato il 20 marzo 2013.
  156. ^ Ruby, i pm: "Da Fede, Mora e Minetti sistema per fornire prostitute a Berlusconi" in Il Fatto Quotidiano, 3 ottobre 2011. URL consultato il 27 ottobre 2012.
  157. ^ Ruby 2: Fede, Mora e Minetti a giudizio in Corriere della Sera, 3 ottobre 2011. URL consultato il 27 ottobre 2012.
  158. ^ Ruby, Consulta dà via libera a processo Respinto ricorso di Camera e Senato in Corriere della Sera, 14 febbraio 2012. URL consultato il 14 gennaio 2013.
  159. ^ Ruby, Boccassini chiede 6 anni per Berlusconi. L'ex premier: "Solo odio e falsità, povera Italia", la Repubblica, 13 maggio 2013. URL consultato il 13 maggio 2013.
  160. ^ Processo Ruby, Berlusconi condannato a sette anni. Interdizione per sempre dai pubblici uffici, ANSA, 24 giugno 2013. URL consultato il 24 giugno 2013 (archiviato dall'url originale il 24 giugno 2013).
  161. ^ Processo Ruby, condannato Silvio Berlusconi. 7 anni e interdizione perpetua dai pubblici uffici, la Repubblica, 24 giugno 2013. URL consultato il 24 giugno 2013.
  162. ^ Processo Ruby, Silvio Berlusconi deposita appello e chiede assoluzione, Il Fatto Quotidiano, 2 gennaio 2014. URL consultato il 30 gennaio 2014.
  163. ^ Caso Ruby, appello al via: per la prima volta Berlusconi è senza lo status di parlamentare, La Repubblica, 20 giugno 2014. URL consultato il 20 giugno 2014.
  164. ^ Processo Ruby, Berlusconi assolto in appello, Rai News, 18 luglio 2014.
  165. ^ Caso Ruby, clamorosa sentenza in appello: Berlusconi assolto da tutti i reati in la Repubblica, 18 luglio 2014. URL consultato il 18 luglio 2014.
  166. ^ Processo Ruby, Berlusconi assolto in appello, ilpost.it, 18 luglio 2014. URL consultato il 20 luglio 2014.
  167. ^ Registro generale appelli n. 970/2014 (PDF) in giustiziami.it, Corte d'appello di Milano, sezione seconda penale, 16 ottobre 2014. URL consultato il 18 ottobre 2014.
  168. ^ Luigi Ferrarella e Giuseppe Guastella, Appello «Ruby», ecco perché Berlusconi è stato assolto, Corriere della Sera, 16 ottobre 2014.
  169. ^ Cassazione: Berlusconi accusato di diffamazione a Di Pietro, si riparte da zero in Adnkronos, 19 gennaio 2012. URL consultato il 23 maggio 2012 (archiviato il 16 febbraio 2013).
  170. ^ Cassazione: Berlusconi accusato di diffamazione a Di Pietro, si riparte da zero in LiberoQuotidiano.it, 19 gennaio 2012. URL consultato il 23 maggio 2012 (archiviato il 4 agosto 2012).
  171. ^ Diffamazione Berlusconi-Di Pietro, Atti alla Corte Costituzionale, TusciaWeb, 10 gennaio 2013.
  172. ^ Consulta: sì un ricorso di Di Pietro Contro Berlusconi, L'Unità, 20 giugno 2013.
  173. ^ Reg. conf. Poteri n.13 del 2011 pubbl. su G.U. del 29/08/2012 n.34 (Ricorrente: Tribunale di Roma - Sezione 1.a civile; Convenuto: Camera dei Deputati) in Corte Costituzionale, 29 agosto 2012.
  174. ^ Reg. conf. Poteri n.3 del 2013 pubbl. su G.U. del 28/08/2013 n.35 (Ricorrente: Giudice di Pace di Viterbo, Convenuto: Camera dei Deputati) in Corte Costituzionale, 28 agosto 2013.
  175. ^ Public all'udienza dell'8 luglio 2014 (caso 10+11): Video in Corte costituzionale, 8 luglio 2014.
  176. ^ Sentenza 221/2014 del 2014/09/07 in Corte Costituzionale, 18 luglio 2014.
  177. ^ Sentenza 222/2014 del 2014/09/07 in Corte Costituzionale, 18 luglio 2014.
  178. ^ Processo escort, chiesto il rinvio a giudizio per Silvio Berlusconi e Valter Lavitola in Corriere del Mezzogiorno, 12 luglio 2014. URL consultato il 9 settembre 2014.
  179. ^ Silvio Berlusconi, come finiranno gli altri processi in Libero, 21 luglio 2014. URL consultato il 9 settembre 2014.
  180. ^ Processo escort, chiesto il rinvio a giudizio per Silvio Berlusconi e Valter Lavitola in Corriere del Mezzogiorno, 12 luglio 2014. URL consultato il 9 settembre 2014.
  181. ^ Silvio Berlusconi, come finiranno gli altri processi in Libero, 21 luglio 2014. URL consultato il 9 settembre 2014.
  182. ^ Dario Del Porto, Conchita Sannino, Berlusconi indagato a Napoli per compravendita di senatori in la Repubblica, 28 febbraio 2013. URL consultato il 28 febbraio 2013.
  183. ^ Compravendita senatori, Berlusconi e Lavitola rinviati a giudizio in ANSA, 23 ottobre 2013. URL consultato il 23 ottobre 2013 (archiviato dall'url originale il 23 ottobre 2013).
  184. ^ Compravendita senatori, Berlusconi a processo a Napoli in AGI, 23 ottobre 2013. URL consultato il 23 ottobre 2013 (archiviato il 23 ottobre 2013).
  185. ^ Berlusconi indagato a Napoli per compravendita di senatori in Libero, 21 luglio 2014. URL consultato il 9 settembre 2014.
  186. ^ Biondani Paolo, Berruti, da inquisitore a dipendente in Corriere della Sera, 2 giugno 2005. URL consultato il 7 ottobre 2011.
  187. ^ Max Parisi, Un impero di prestanome in La Padania, 8 luglio 1998, pp. 2-3. URL consultato il 7 ottobre 2011 (archiviato dall'url originale il 9 dicembre 2000).
  188. ^ Marco Travaglio, Berlusconi, storia dell’evasore-corruttore da Craxi a Mills in Il Fatto Quotidiano, 8 agosto 2013. URL consultato il 9 agosto 2013.
  189. ^ Bruno Vespa, La scossa : il cambiamento italiano nel mondo che trema, Milano, Arnoldo Mondadori Editore, 2001, ISBN 88-04-48952-9.
  190. ^ Gomez, Travaglio, pp. 73, 77-79, 87
  191. ^ Curzio Maltese, Sinistra, giudici, Rai ora basta con le guerre in la Repubblica, 25 giugno 2000, p. 11. URL consultato l'8 ottobre 2011.
  192. ^ Gomez, Travaglio, pp. 463-464

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]