El Mundo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
El Mundo
(El Mundo del Siglo Veintiuno)
Stato Spagna Spagna
Lingua Spagnolo
Periodicità Quotidiano
Genere Stampa nazionale
Formato Tabloid
Fondatore Alfonso de Salas, Pedro J. Ramírez, Balbino Fraga e Juan González
Fondazione 23 ottobre 1989
Sede Madrid
Editore Unidad Editorial
Direttore Casimiro García-Abadillo
Sito web [1]
 

El Mundo è un quotidiano spagnolo fondato il 23 ottobre del 1989 da Alfonso de Salas, Pedro J. Ramírez, Balbino Fraga e Juan González, con sede a Madrid.

Nel 2004 ha venduto oltre 300.000 copie giornaliere in Spagna[1], superato solo da El País (470.000).

È un quotidiano nazionale che pubblica diverse edizioni locali, fra queste: Andalusia, Valencia, Castiglia-La Mancia, Castiglia e León, Isole Baleari e Bilbao.

El Mundo è stato essenziale nella scoperta di vari scandali. Uno di questi fu la malversazione del comandante della Guardia Civil Luis Roldán, e il direttore del Banco de España Mariano Rubio, che fu accusato di negoziare con informazioni privilegiate ed evasione fiscale. El Mundo ha inoltre scoperto le connessioni fra i terroristi dei Grupos Antiterroristas de Liberación (GAL) e l'amministrazione socialista di Felipe González, una serie di notizie che contribuirono alla caduta del PSOE nelle elezioni del 1996.

Il quotidiano è di proprietà dal 1992 del gruppo italiano RCS (Rizzoli Corriere della Sera), che possiede la maggior quota di capitale della società editrice Unidad Editorial.

Il suo sito internet è il più visitato fra quelli di tutti i mezzi di comunicazione europei in lingua spagnola.

In ogni prima pagina, compare un aforisma di un personaggio famoso.

Linea editoriale[modifica | modifica wikitesto]

El Mundo è attualmente un quotidiano di orientamento conservatore, vicino alle posizioni del centrodestra del Partito Popolare.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (ES) Tiratura e circolazione a cura di Información y Control de Publicaciones.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]