Banco de España

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La sede centrale del Banco de España con, a sinistra, il Palacio de Comunicaciones

Il Banco de España è la banca centrale spagnola. Fa parte integrante del sistema europeo delle banche centrali. A partire dal 1999, anno in cui la Spagna adottò l'Euro come moneta nazionale, non è più responsabile della politica monetaria nazionale.

Edificio[modifica | modifica wikitesto]

L'angolo sudoccidentale della piazza è presieduto dalla sede centrale del Banco de España, inaugurata nel 1891, nove anni dopo che il re Alfonso XII di Spagna collocasse la prima pietra. L'edificio fu progettato da Eduardo Adaro e Severiano Sainz de la Lastra, che contarono su di un budget a disposizione di circa 15.300.000 pesetas. Parteciparono ai lavori anche Aníbal Álvarez Bouquel, Alejandro Herrero e Bernardo Asins, tra gli altri. Quest'ultimo fu l'autore della porte di ferro.

Durante il XX secolo, vennero effettuati tre ampliamenti. Il primo de essi avvenne tra il 1930 e il 1934 e il secondo tra il 1969 e il 1975. Il più recente, terminato nell'anno 2006, fu progettato da Rafael Moneo. Tutti questi interventi hanno rispettato i confini originali dell'edificio.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]