Bank Indonesia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Bank Indonesia
Stato Indonesia Indonesia
Fondazione 1º luglio 1953
Sede principale Giacarta
Sito web www.bi.go.id/

La Bank Indonesia è la banca centrale dell'Indonesia. Essa opera con 37 uffici in Indonesia e quattro uffici di rappresentanza a New York, Londra, Tokyo e Singapore. È attualmente governata ad interim da Darmin Nasution; l'ultimo governatore, Boediono, ha rassegnato le dimissioni essendosi candidato alla vicepresidenza dello stato nelle elezioni del 2009 e il suo successore deve essere ancora nominato dal presidente Susilo Bambang Yudhoyono.

Il ministro delle finanze Sri Mulyani Indrawati è stato proposto come candidato precedentemente nel 2009, ma probabilmente rimarrà nel consiglio dei ministri di Yudhoyono[1].


Storia[modifica | modifica wikitesto]

La Bank Indonesia fu fondata il primo Luglio 1953 dalla nazionalizzazione della De Javasche Bank, una banca olandese risalente al periodo coloniale.[2]

Per i successivi 15 anni, la Bank Indonesia continuò a portare avanti attività commerciali ed allo stesso tempo ad agire come banca nazionale.

Questo finì con la legge sulla banca centrale n.13/1968, successivamente sostituita dalla legge n.23/1999, che affrancò la banca dalle interferenze governative.

Di conseguenza, la banca fece capo al People's Representative Council invece che al presidente, e il governatore della banca non fu più un membro del gabinetto.


Organizzazione[modifica | modifica wikitesto]

La banca è condotta da un consiglio di amministrazione, che comprende un presidente, un vice presidente e tra quattro e 7 vice-amministratori. Il presidente e i vice-amministratori rimangono in carica cinque anni, e sono rieleggibili per un massimo di due mandati. Gli amministratori sono nominati e designati dal presidente, con l'approvazione del People's Representative Council. Il presidente non ha il potere di dimettere un membro del consiglio di amministrazione, eccetto quando uno di essi decide volontariamente di dimettersi, subisce permanentemente un handicap, o è dimostrato colpevole di un reato penale.

Il Consiglio di amministrazione prende le decisioni più importanti della banca. È tenuto una volta al mese a decidere sulla politica generale degli affari, e almeno una volta la settimana valuta l'attuazione delle politiche generali o decide su altre politiche strategiche.

Obiettivi strategici[modifica | modifica wikitesto]

Gli obiettivi della banca, come descritti dal sito web sono::

  1. Mantenere la stabilità monetaria
  2. Mantenere la sostenibilità finanziaria della Bank of Indonesia
  3. Rafforzare l'efficienza della gestione monetaria
  4. Creare una solida ed efficiente stabilità del sistema bancario e finanziario
  5. Mantenere la sicurezza e l'efficienza del sistema di pagamento
  6. Aumentare l'efficacia dell'implementazione di una buon governo
  7. Rafforzare l'organizzazione e formare risorse umane altamente competenti con il supporto di una cultura del lavoro knowledge-based
  8. Integrare la trasformazione della Bank of Indonesia secondo l'orientamento di Bank Indonesia del 2008

Lista di governatori[modifica | modifica wikitesto]

No. Nome Incarico
1. Radius Prawiro 1966-1973
2. Rachmat Saleh 1973-1983
3. Arifin Siregar 1983-1988
4. Adrianus Mooy 1988-1993
5. J. Soedradjad Djiwandono 1993-1998
6. Syahril Sabirin 1998-2003
7. Burhanuddin Abdullah 2003-2008
8. Boediono 2008-2009
9. Darmin Nasution 2009-

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Tempointeraktif.com - Sri Mulyani Not to Be Candidate for Central Bank Governor
  2. ^ Robert Cribb e Audrey Kahin, Historical Dictionary of Indonesia, Historical dictionaries of Asia, Oceania, and the Middle East, 2nd, Lanham, MD, Scarecrow Press, 2004, pp. 45–46, ISBN 978-0-8108-4935-8.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]