Marcello Dell'Utri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
sen. Marcello Dell'Utri
Bandiera italiana
Parlamento italiano
Senato della Repubblica
Marcello Dell'Utri
Luogo nascita Palermo
Data nascita 11 settembre 1941
Titolo di studio laurea in giurisprudenza
Professione Dirigente d'azienda
Partito Forza Italia (1994-2009), PdL (2009-2013)
Legislatura XIV; XV; XVI
Gruppo Forza Italia (2001-2008), Il Popolo della Libertà (2008-2013)
Coalizione CdL (2001, 2006), PdL-Lega Nord-MpA
Circoscrizione Lombardia
Incarichi parlamentari

XVI Legislatura:

  • Membro e in seguito Presidente della Commissione per la biblioteca e per l'archivio storico;
  • Membro della VIIª Commissione permanente (Istruzione pubblica, beni culturali);
  • Membro della XIIIª Commissione permanente (Territorio, Ambiente, Beni Ambientali);
  • Membro Supplente della Delegazione parlamentare italiana presso l'Assemblea del Consiglio d'Europa;
  • Membro Supplente della Delegazione parlamentare italiana presso l'Assemblea dell'Unione dell'Europa occidentale.
Pagina istituzionale
on. Marcello Dell'Utri
Bandiera italiana
Parlamento italiano
Camera dei deputati
Partito Forza Italia (1994-2009)
Legislatura XIII
Gruppo Forza Italia (1996-2001)
Circoscrizione Lombardia 3
Incarichi parlamentari
  • Componente della XIII Commissione permanente (Agricoltura)
Pagina istituzionale
Marcello Dell'Utri
Monogramma del Parlamento Europeo
Unione europea
Parlamento europeo
Partito Partito Popolare Europeo
Legislatura V
Gruppo Gruppo del Partito Popolare Europeo (1999-2004)
Circoscrizione Italia insulare

Marcello Dell'Utri (Palermo, 11 settembre 1941) è un politico e dirigente d'azienda italiano, già senatore[1] per Il Popolo della Libertà e prima di Forza Italia. Stretto collaboratore di Silvio Berlusconi fin dagli anni settanta, socio in Publitalia '80 e dirigente Fininvest, nel 1993 fondò con lui Forza Italia. Il 25 marzo 2013 la terza sezione della corte di Appello di Palermo ha condannato Dell'Utri in secondo grado di giudizio con pena di 7 anni di reclusione per concorso esterno in associazione mafiosa. La sentenza considera Marcello Dell'Utri il tramite intermediario tra la mafia e Silvio Berlusconi[2]. Espatriato poco prima che venisse spiccato nei suoi confronti un provvedimento di arresto, è stato rintracciato ed arrestato il 12 aprile 2014 a Beirut dalle forze dell'ordine libanesi. Il 9 maggio 2014 la Corte di Cassazione, dopo quattro ore di camera di consiglio, ha confermato in via definitiva la sentenza d'appello bis[3]. Il 13 giugno 2014 viene estradato in Italia e tradotto presso la casa circondariale di Parma.

Indice

Studi e attività di dirigente sportivo a Roma e bancario a Palermo[modifica | modifica wikitesto]

Conseguita la maturità classica a Palermo, compie dal 1961 a Milano gli studi universitari laureandosi in giurisprudenza presso l'Università Statale, dove conosce Silvio Berlusconi. Nel 1964, a 23 anni, lavora come segretario per Berlusconi, che sponsorizza il Torrescalla, piccola squadra di calcio di cui Dell'Utri è allenatore.

Successivamente (1965) si trasferisce a Roma, dove dirige per un paio di anni il Gruppo Sportivo ELIS nel quartiere Tiburtino - Casal Bruciato, presso il Centro Internazionale per la Gioventù Lavoratrice, gestito dall'Opus Dei. Torna poi (1967) a Palermo, dove opera di nuovo come direttore sportivo, presso l'Athletic Club Bacigalupo; durante questa esperienza, per sua esplicita ammissione, conosce Vittorio Mangano e Gaetano Cinà, mafiosi appartenenti a Cosa Nostra.

Dopo tre anni (1970) inizia a lavorare per la Cassa di Risparmio delle Province Siciliane a Catania e l'anno seguente (1971) viene trasferito alla filiale di Belmonte Mezzagno. Dopo due anni (1973) viene promosso alla direzione generale della Sicilcassa a Palermo, servizio di credito agrario.

Presso Edilnord di Berlusconi a Milano, segretario personale[modifica | modifica wikitesto]

L'anno seguente (1974) torna a Milano per lavorare presso l'Edilnord su richiesta di Silvio Berlusconi, per il quale svolge anche la mansione di segretario; segue in particolare i lavori di ristrutturazione della villa di Arcore dopo che Berlusconi l'ha acquistata ad un prezzo di favore dalla marchesina Annamaria Casati Stampa (di cui Cesare Previti era il tutore legale)[4].

Rapporti con Vittorio Mangano ad Arcore[modifica | modifica wikitesto]

Il 7 luglio porta nella villa di Arcore Vittorio Mangano che, secondo il Tribunale di Palermo[5], viene assunto da Berlusconi come "responsabile" per evitare che i familiari dell'imprenditore fossero vittima di sequestro di persona (e non come "stalliere", come affermato). Mangano è un giovane mafioso, divenuto successivamente esponente di spicco del clan di Porta Nuova a Palermo, e in quel periodo ha già a suo carico tre arresti e varie denunce e condanne, nonché una diffida risalente al 1967 come "persona pericolosa".

Dopo l'arresto di Mangano sia Berlusconi sia Dell'Utri hanno dichiarato ai carabinieri di non essere stati a conoscenza delle sue attività criminali, ma il Tribunale di Palermo ha affermato che Dell'Utri conosceva lo "spessore delinquenziale" di Mangano, e anzi, lo avrebbe scelto proprio per tale "qualità" (riferito alla mansione occulta di "protezione" personale di Silvio Berlusconi e della sua famiglia a seguito di esplicite minacce di morte da questi ricevute nel caso in cui non avesse dato seguito alle richieste della mafia).[5] Il 24 ottobre 1976 Dell'Utri si trova insieme a Vittorio Mangano e ad altri mafiosi alla festa di compleanno del boss catanese Antonino Calderone, al ristorante "Le Colline Pistoiesi" di Milano.[6]

Presso INIM e Bresciano Costruzioni[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1977 si dimette da Edilnord e viene assunto alla Inim di Filippo Alberto Rapisarda, che ha relazioni con personalità di spicco della mafia quali Ciancimino, Francesco Paolo Alamia e i Cuntrera-Caruana. In un rapporto della Criminalpol del 1981 la società Inim è definita, assieme alla consorella Raca, "società commerciale gestita dalla mafia di cui la mafia si serve per riciclare il denaro sporco provento di illeciti".[7] Dell'Utri diventa poi amministratore delegato della Bresciano Costruzioni, che dopo pochi anni va in bancarotta fraudolenta. Il 19 aprile dello stesso anno è a Londra, dove partecipa al matrimonio di Girolamo Maria Fauci, più comunemente chiamato Jimmy Fauci, boss mafioso che gestisce il traffico di droga fra Italia, Gran Bretagna e Canada.

Carriera in Publitalia e Fininvest[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1982 inizia come dirigente la sua attività in Publitalia '80, la società per la raccolta pubblicitaria della Fininvest fondata nel 1979 da Silvio Berlusconi, di cui diventa Presidente e Amministratore Delegato. Un anno dopo (1983), nell'ambito di un blitz di arresti compiuti a Milano contro la mafia dei casinò, viene trovato nella residenza del boss mafioso catanese Gaetano Corallo.[6] Nel 1984 viene promosso ad amministratore delegato del gruppo Fininvest. Nel 1990 fu fondata per sua proposta la Silvio Berlusconi Editore, di cui seguì personalmente la produzione fino al 1993.[8]

Nel 1992 (gennaio-febbraio) Vincenzo Garraffa, ex senatore del Partito Repubblicano Italiano e presidente della Pallacanestro Trapani, riceve la visita del boss trapanese Vincenzo Virga (poi latitante e condannato per omicidio, oggi in carcere): «Mi manda Dell'Utri», dice il boss venuto a riscuotere un presunto credito in nero preteso da Dell'Utri. L'episodio, denunciato da Garraffa, è stato accertato dal tribunale di Milano, che nel maggio 2004 ha condannato Dell'Utri e Virga a due anni per tentata estorsione in primo grado, confermando la condanna in appello nel 2007.

Fondazione di Forza Italia e carriera politica[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1993 fonda Forza Italia insieme a Silvio Berlusconi, lasciando la carica di presidente di Publitalia '80. Nel 1995 viene arrestato a Torino con l'accusa di aver inquinato le prove nell'inchiesta sui fondi neri di Publitalia '80. Nel 1996 è deputato al Parlamento nazionale, dal 1999 è parlamentare europeo e nelle elezioni politiche del 2001 viene eletto Senatore della Repubblica.

Deputato di Forza Italia (1996-2001)[modifica | modifica wikitesto]

Nel gennaio 1996, mentre è imputato a Torino per false fatture e frode fiscale e indagato a Palermo per Mafia, Dell'Utri diventa deputato di Forza Italia in Parlamento[9]. A proposito dell'inizio della sua carriera politica e della relazione tra questa e i suoi procedimenti giudiziari, Dell'Utri ha commentato nel 2010[10]:

« Io sono politico per legittima difesa. A me della politica non frega niente. Mi difendo con la politica, sono costretto. Mi candidai nel 1996 per proteggermi. Infatti subito dopo mi arrivò il mandato di arresto [...] Mi difendo anche fuori [dal Parlamento], ma non sono mica cretino. Quelli mi arrestano". »

Nei cinque anni di attività alla Camera, ha presentato due DDL: una riforma della normativa sull'industria dei latticini, e delle modifiche sulla tutela dei minori vittime di abusi o di violenze[9]. Nel 1999 patteggia una pena di due anni e tre mesi di reclusione per i reati di frode fiscale e false fatture.

Eurodeputato di Forza Italia (1999-2004)[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1999 viene eletto parlamentare europeo per Forza Italia[11]. In cinque anni, è stato co-firmatario di tre proposte di risoluzioni[12] e di 9 interrogazioni parlamentari[13], di cui una sola come primo firmatario[14]

Senatore di Forza Italia (2001-08) e del PdL (2008)[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2001 è eletto Senatore della Repubblica nel collegio 1 di Milano[15]. Come senatore ha ricoperto, tra le altre, la carica di Presidente della Commissione per la Biblioteca del Senato. È stato riconfermato nel 2006[16]. Nel 2007 è stato il senatore più assente: 673 assenze su 1637 (41,1%). Nel 2008 è stato ricandidato al Senato, ed eletto, nel PdL[17] nonostante nel frattempo sia stato condannato, seppure in primo grado, per concorso esterno in associazione di tipo mafioso.

In dieci anni di attività parlamentare al Senato, non ha mai presentato un disegno di legge come primo firmatario[18][19][20]. Il 10 febbraio 2010 Dell'Utri rilascia un'intervista a Beatrice Borromeo, per Il Fatto Quotidiano, in cui afferma di usare la politica per potersi difendere dai suoi guai giudiziari. Ribadisce inoltre che non si dimetterebbe nemmeno a seguito di una condanna in appello[21][22].

Ritiro dalla scena politica[modifica | modifica wikitesto]

Il 19 gennaio 2013, dopo che il procuratore generale di Palermo ha richiesto sette anni di carcere per Dell'Utri, il senatore in un'intervista a Beatrice Borromeo de Il Fatto Quotidiano dichiara di volersi ritirare dalla scena politica in vista delle nuove Elezioni politiche di febbraio nonostante le difficili trattative con Silvio Berlusconi e i messaggi lanciati anche a mezzo stampa per la sua ricandidabilità. Infatti se fosse condannato per mafia a Palermo, lo "scudo" parlamentare non gli eviterebbe comunque il carcere.[23]

Latitanza e arresto[modifica | modifica wikitesto]

L'11 aprile 2014 la Corte d'appello di Palermo ha dichiarato Marcello Dell'Utri latitante.[24] Dell'Utri si era già reso irreperibile a partire dalla seconda metá del mese di marzo in base a quanto dichiarato dalla Direzione Investigativa Antimafia di Palermo, alla quale era stata delegata la notifica dell'ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti dello stesso emessa dalla terza sezione penale della Corte d'Appello di Palermo.[25]

La cattura in Libano[modifica | modifica wikitesto]

Constatata la latitanza viene esteso dagli organi di polizia italiani un mandato di cattura internazionale presso l'Interpol e attraverso il coordinamento dei servizi della Direzione Investigativa Antimafia, viene localizzato sul territorio libanese per mezzo dell'incrocio delle informazioni relative ai tabulati telefonici[26] e alle risultanze di una carta di credito in suo possesso utilizzata per i pagamenti e conseguentemente arrestato all'interno di un albergo di Beirut, in Libano, il 12 aprile 2014.[27] L'operazione è stata condotta localmente dall'intelligence libanese che ha fermato Dell'Utri all'interno dell'Intercontinental Phoenicia. In base alle informazioni rilasciate dalla Direzione Investigativa Antimafia di Palermo, Dell'Utri aveva lasciato l'Italia rendendosi irreperibile «sin dalla seconda metà del mese di marzo»[28] e in data 24 Marzo 2014 si era imbarcato su di un volo con destinazione Beirut in Libano in transito dalla Francia. Al momento dell'arresto era in possesso di due passaporti di cui uno diplomatico (scaduto) e di una somma di denaro contante pari a 30.000 euro in banconote da 50.[29][26]

Estradizione in Italia[modifica | modifica wikitesto]

A seguito della cattura è stata disposta l'attivazione della procedura di estradizione che prevede il trasferimento del detenuto.[30] In data 9 maggio 2014 giunge il pronunciamento finale della Corte di Cassazione che conferma in via definitiva la condanna a sette anni di reclusione. A seguito della pronuncia della Cassazione, la Procura generale ha notificato l'ordine di carcerazione in esecuzione della pena per i reati ascritti a carico del fuggiasco che va a completare la documentazione trasmessa all'autoritá giudiziaria libanese ai fini dell'estradizione del detenuto in Italia.[31][32]Il 24 maggio 2014 Il presidente libanese Michel Suleiman, nell'ultimo giorno del suo mandato, firma l'estradizione in Italia[33] per Marcello Dell'Utri. Il 13 giugno 2014 viene estradato in Italia e tradotto presso la casa circondariale di Parma.

Attività culturali ed editoriali[modifica | modifica wikitesto]

È presidente della Fondazione Biblioteca di via Senato e della Fondazione Il Circolo del Buon Governo. È il fondatore del Circolo dell'Utri di Milano presso il quale ospita numerosi convegni culturali. Nel 2001 è membro del comitato scientifico che organizza la settima edizione della "Città del libro", rassegna nazionale degli editori, a Campi Salentina (Lecce). Nel 2002 fonda il settimanale di cultura Il Domenicale, direttore Angelo Crespi, di cui è tuttora l'editore. L'8 febbraio 2007 il sindaco di Milano, Letizia Moratti lo nomina direttore artistico del prestigioso Teatro Lirico.

Il 10 settembre 2007 entra nel consiglio d'amministrazione del gruppo editoriale E Polis, che pubblica 15 quotidiani free-press in tutta Italia e diventa presidente della concessionaria di pubblicità, denominata Publiepolis spa. Nel febbraio 2008 dopo appena cinque mesi, si dimette[34] in maniera irrevocabile da entrambi gli incarichi. Nel febbraio 2010 Dell'Utri dichiara di aver letto un capitolo scomparso di Petrolio, ultimo e incompiuto romanzo di Pier Paolo Pasolini, rubato dopo la morte del poeta, annunciandone l'esposizione alla XXI mostra del libro antico di Milano. Il capitolo non è stato mai presentato alla mostra[35].

Procedimenti giudiziari[modifica | modifica wikitesto]

Marcello Dell'Utri

Su 9 procedimenti 2 volte è stato assolto in cassazione (tentata estorsione e calunnia aggravata), 1 volta ha patteggiato (fatture false e frode fiscale); ha poi subito una condanna definitiva a 7 anni di reclusione (concorso esterno in associazione mafiosa), 1 altra condanna a 8 mesi in appello (abusivismo), oltre a due procedimenti in cui è rinviato a giudizio (Trattativa tra Stato e mafia e P3) e infine in altri 2 le indagini sono ancora in corso (estorsione e tangente).

Concorso esterno in associazione mafiosa[modifica | modifica wikitesto]

Le indagini su Dell'Utri iniziano nel 1994, l'anno dell'entrata in politica, con le prime rivelazioni che confluiscono nel fascicolo 6031/94 della Procura di Palermo.

Primo grado: 9 anni di reclusione (2004)[modifica | modifica wikitesto]

Il 2 gennaio 1996 viene messo sotto accusa; nell'ottobre dello stesso anno il gip di Palermo lo rinvia a giudizio, e il processo inizia il 5 novembre 1997. In data 11 dicembre 2004, il tribunale di Palermo condanna Marcello Dell'Utri a nove anni di reclusione con l'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa. Il senatore è anche condannato a due anni di libertà vigilata, oltre all'interdizione perpetua dai pubblici uffici e il risarcimento dei danni (per un totale di 70.000 euro) alle parti civili, il Comune e la Provincia di Palermo[31][36].

Nel testo che motiva la sentenza[31][36] si legge:

« La pluralità dell'attività posta in essere da Dell'Utri, per la rilevanza causale espressa, ha costituito un concreto, volontario, consapevole, specifico e prezioso contributo al mantenimento, consolidamento e rafforzamento di Cosa nostra, alla quale è stata, tra l'altro offerta l'opportunità, sempre con la mediazione di Dell'Utri, di entrare in contatto con importanti ambienti dell'economia e della finanza, così agevolandola nel perseguimento dei suoi fini illeciti, sia meramente economici che politici. »

Inoltre:[36][37]

« Vi è la prova che Dell’Utri aveva promesso alla mafia precisi vantaggi in campo politico e, di contro, vi è la prova che la mafia, in esecuzione di quella promessa, si era vieppiù orientata a votare per Forza Italia nella prima competizione elettorale utile e, ancora dopo, si era impegnata a sostenere elettoralmente l’imputato in occasione della sua candidatura al Parlamento Europeo nelle file dello stesso partito, mentre aveva grossi problemi da risolvere con la giustizia perché era in corso il dibattimento di questo processo penale. »

Appello: 7 anni di reclusione (2012)[modifica | modifica wikitesto]

Il processo di secondo grado si è svolto alla Corte di Appello di Palermo. Il 16 aprile 2010 il procuratore generale di Palermo Nino Gatto ha chiesto la condanna a 11 anni di carcere per Dell'Utri.[38][39] In vista del processo aveva affermato di essere entrato in politica e fare il parlamentare solo per difendersi dai processi, e di essere quindi pronto a lasciare l'incarico parlamentare qualora le accuse cadessero[40][41]. La sentenza era attesa per il 25 giugno[42] ma è arrivata il 29 giugno al quinto giorno di camera di consiglio[43][44].

La Corte d'appello di Palermo, presieduta da Claudio Dall'Acqua, condanna a sette anni di carcere l'imputato[43][44] per concorso esterno in associazione mafiosa per i fatti accaduti sino al 1992. La Corte d'appello, con questa sentenza, ha ritenuto che Dell'Utri intrattenne stretti rapporti con le vecchie organizzazioni mafiose di Stefano Bontade, Totò Riina e Bernardo Provenzano sino alla stagione delle stragi di Falcone e Borsellino[43][45] facendo da intermediario fra le organizzazioni malavitose e Silvio Berlusconi[45].

Una vicenda che accerterebbe la colpevolezza dell'imputato sarebbe la mediazione per l'assunzione del boss palermitano Vittorio Mangano come stalliere nella villa di Arcore di Silvio Berlusconi; Mangano avrebbe assicurato protezione contro l'escalation dei sequestri a Milano[43][45]. Marcello Dell'Utri avrebbe, sino al 1980, fatto da intermediario per gli investimenti a Milano di Stefano Bontade, che aveva bisogno di riciclare denaro sporco, frutto del traffico di droga, in aziende del nord Italia[43]. La corte ha assolto Dell'Utri per i fatti contestati successivi al 1992 perché «il fatto non sussiste»[44] portando la pena detentiva da 9 a 7 anni.[46] Il 4 gennaio 2011 il Procuratore Generale di Palermo Antonino Gatto ha depositato ricorso in Cassazione in merito all'assoluzione per i fatti successivi al 1992[47].

Rinvio in Cassazione (2012)[modifica | modifica wikitesto]

Il 9 marzo 2012 la quinta sezione penale della Corte di Cassazione ha annullato con rinvio la sentenza d'appello, accogliendo così il ricorso della difesa avverso alla condanna a sette anni.[48][49] La Cassazione inoltre ha dichiarato inammissibile il ricorso con cui la procura generale di Palermo chiedeva un aggravio di pena per il senatore del Pdl sostenendo che il reato è proseguito anche dopo il 1992.[50] Il 24 aprile la Corte di Cassazione ha depositato le Motivazioni della sentenza di annullamento del processo d'appello. In esse la quinta sezione penale della Cassazione presieduta da Aldo Grassi scrive che è “probatoriamente dimostrato” che Marcello Dell’Utri “ha tenuto un comportamento di rafforzamento dell’associazione mafiosa fino a una certa data, favorendo i pagamenti a Cosa nostra di somme non dovute da parte di Fininvest.

Tuttavia va dimostrata l’accusa di concorso esterno per il periodo in cui il senatore di Forza Italia lasciò Fininvest per andare a lavorare per Filippo Alberto Rapisarda, tra il 1977 e il 1982″.[51] Sul punto, la sentenza afferma in particolare che "i giudici dell'appello non hanno tenuto conto o comunque non hanno motivato sulle ragioni in base alle quali una prima fase di cessazione [della condotta illecita] non possa essere individuata nel periodo 1978-1982 durante il quale Dell'Utri non era rimasto più alle dipendenze dell'imprenditore in favore del quale il patto di mafia era stato stipulato".

La suprema Corte scrive che il giudice del rinvio dovrà “nuovamente esaminare e motivare se il concorso esterno contestato sia oggettivamente e soggettivamente configurabile a carico di Dell’Utri, anche nel periodo di assenza dell’imputato dall’area imprenditoriale Fininvest e società collegate". Il vuoto argomentativo", si legge ancora, "si traduce in un evidente vizio della motivazione che la difesa, sostenuta poi dal Procuratore Generale di udienza, ha denunciato fondatamente: un vuoto che necessita di essere colmato, ove ne ricorrano gli elementi, con specifiche indicazioni di quale sia stato il comportamento, nel periodo, da parte di Dell'Utri, non potendo darsi ingresso a presunzioni basate sulla bontà dei rapporti di amicizia con Berlusconi: rapporti che da soli non provano il perdurare della intromissione di Dell'Utri in affari penetranti per la vita individuale dell'imprenditore dal quale si era allontanato, atteso che di ciò non risultano esplicitate neppure la ragione e le modalità concrete del concorso nei versamenti che si dicono comunque avvenuti, materialmente dunque anche ad opera di terzi, a partire dal 1978" (pag. 118).[51]

Nelle motivazioni è citato anche la presunta estorsione di Dell’Utri denunciata dall’imprenditore trapanese Vincenzo Garraffa a proposito della sponsorizzazione di Publitalia alla sua squadra di pallacanestro. Una vicenda non ancora conclusa dopo un tortuoso iter giudiziario, e che dunque non può essere utilizzata come prova al processo. Ma, secondo i giudici di Cassazione, vale come “indicatore dei rapporti che Dell’Utri”, ancora nei primi anni Novanta, “intratteneva con personaggi di caratura mafiosa per risolvere, con o senza iniziative intimidatorie, questioni di interesse patrimoniale”.[51]

La Cassazione ritiene pienamente confermato l’incontro del 1974 tra Berlusconi, Dell’Utri e i capimafia Francesco Di Carlo, Stefano Bontate e Mimmo Teresi, raccontato tra l’altro dallo stesso Di Carlo, collaboratore di giustizia. In uno degli uffici del futuro presidente del consiglio, in foro Bonaparte a Milano, fu presa la “contestuale decisione di far seguire l’arrivo di Vittorio Mangano presso l’abitazione di Berlusconi in esecuzione dell’accordo” sulla protezione ad Arcore. I giudici di merito hanno trovato un “preciso riscontro nelle dichiarazioni di altro collaboratore, il Galliano, il quale aveva riferito di avere appreso i dettagli di quello stesso incontro e del suo scopo, forniti da Cinà nel corso di un pranzo con altri esponenti mafiosi nel 1986”.[51] La quinta sezione penale scrive che “la motivazione della sentenza impugnata si è giovata correttamente delle convergenti dichiarazioni di più collaboratori a vario titolo gravitanti sul o nel sodalizio mafioso Cosa nostra – tra i quali Di Carlo, Galliano e Cocuzza- approfonditamente e congruamente analizzate dal punto di vista dell’attendebilità soggettiva”.[51]

Pienamente riscontrato anche “il tema dell’assunzione -per il tramite di Dell’Utri- di Mangano ad Arcore come la risultante di convergenti interessi di Berlusconi e di Cosa nostra” e “il tema della non gratuità dell’accordo protettivo, in cambio del quale sono state versate cospicue somme da parte di Berlusconi in favore del sodalizio mafioso che aveva curato l’esecuzione di quell’accordo, essendosi posto anche come garante del risultato”.[51] Nelle 146 pagine di motivazioni, la suprema Corte parla “senza possibilità di valide alternative di un accordo di natura protettiva e collaborativa raggiunto da Berlusconi con la mafia per il tramite di Dell’Utri che, di quella assunzione, è stato l’artefice grazie anche all’impegno specifico profuso da Cinà”.[51]

Conferma in Appello : 7 anni di carcere (2013)[modifica | modifica wikitesto]

Facendo seguito al rinvio in Appello disposto dalla Cassazione, il 18 gennaio 2013 la procura generale di Palermo richiede sette anni di carcere per Dell'Utri. Secondo la Cassazione, che aveva annullato la precedente sentenza in appello rinviandola alla corte, sono provati i rapporti di Dell’Utri con Cosa nostra dal 1974 fino al 1977, invece secondo il pg i rapporti non si sarebbero mai interrotti.[52] Il 25 marzo la Corte d'Appello ha accolto la richiesta dell'accusa, confermando la condanna a sette anni di reclusione.[2] La Corte ha altresì condannato l'ex senatore a risarcire le spese legali delle parti civili che si erano costituite contro di lui, il Comune con 7.800 euro e la Provincia di Palermo con 3.500 euro.[53]

Conferma definitiva in Cassazione : 7 anni di carcere (2014)[modifica | modifica wikitesto]

Il 9 maggio 2014, dopo una lunga udienza (durata dalle 14:00 fino a sera) e dopo quattro ore di camera di consiglio, la I sezione penale della Corte di Cassazione ha respinto il ricorso degli avvocati di Dell'Utri, confermando quindi in via definitiva la condanna inflitta il 25 marzo 2013 dalla Corte d'Appello di Palermo. A seguito della pronuncia della Cassazione, la Procura generale presso la Corte d'Appello di Palermo ha emesso un mandato di cattura a carico di Dell'Utri, che va ad unirsi agli altri documenti trasmessi al governo libanese ai fini dell'estradizione[31][32].

Trattativa Stato-mafia (2012-)[modifica | modifica wikitesto]

Indagini[modifica | modifica wikitesto]

È stato indagato nell'inchiesta sulla trattativa tra Stato e mafia.[54] Il 14 giugno 2012 la procura di Palermo chiude le indagini sulla trattativa.[55]

Rinvio a giudizio (2012-2013)[modifica | modifica wikitesto]

Il 24 luglio 2012 la procura di Palermo chiede il rinvio a giudizio per 12 persone, tra cui Marcello Dell'Utri, accusato di violenza o minaccia a corpo politico dello Stato (art. 338 cpp.).[56][57] Il 10 gennaio 2013 la richiesta viene poi accolta.[58]

Estorsione ai danni di Silvio Berlusconi (2012-)[modifica | modifica wikitesto]

Riguardo alla trattativa Stato-mafia, i pm pensano che Dell'Utri, nel corso degli anni, possa aver estorto denaro a Silvio Berlusconi per ottenere il suo silenzio riguardo ai presunti rapporti di questo con gli esponenti di Cosa Nostra.[59] Il 18 luglio 2012 viene dunque iscritto nel registro degli indagati della Procura della Repubblica di Palermo per una presunta estorsione ai danni di Silvio Berlusconi.[59][60] Su richiesta di Niccolò Ghedini (legale di Silvio Berlusconi), la procura generale della Cassazione con parere favorevole della DNA trasferisce gli atti dalla DDA di Palermo alla DDA di Milano. L'inchiesta sarà seguita dal procuratore aggiunto Ilda Boccassini.[61]

False fatture e frode fiscale: patteggiamento di due anni e tre mesi di reclusione (1999)[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1999 ha patteggiato la pena di due anni e tre mesi di reclusione per false fatture e frode fiscale nell'ambito della gestione di Publitalia '80 a Torino[62][63].

Tentata estorsione: assolto in Cassazione (1992-2012)[modifica | modifica wikitesto]

È stato condannato in primo grado a Milano a due anni di reclusione per tentata estorsione ai danni di Vincenzo Garraffa (imprenditore trapanese), con la complicità del boss Vincenzo Virga (trapanese anche lui). L'ex presidente della Pallacanestro Trapani Vincenzo Garraffa aveva ottenuto dalla Birra Messina (Heineken) una sponsorizzazione di 1,5 miliardi di lire, ma - secondo l' accusa - esponenti di Publitalia (la società di cui Dell'Utri era amministratore delegato) gli avevano poi chiesto la retrocessione «in nero» di metà dei soldi, «per creare fondi occulti». La sentenza di condanna afferma che, al rifiuto di Garraffa, Dell'Utri lo avrebbe minacciato prima a parole («Le consiglio di ripensarci, abbiamo uomini e mezzi che la possono convincere a cambiare opinione»), poi con la visita del boss Virga in ospedale a parlargli del debito[64].

Il 15 maggio 2007 la terza Corte d'appello di Milano conferma la condanna a due anni.[65].

« (...). È significativo che Dell'Utri, anziché astenersi dal trattare con la mafia (come la sua autonomia decisionale dal proprietario ed il suo livello culturale avrebbero potuto consentirgli, sempre nell'indimostrata ipotesi che fosse stato lo stesso Berlusconi a chiederglielo), ha scelto, nella piena consapevolezza di tutte le possibili conseguenze, di mediare tra gli interessi di Cosa nostra e gli interessi imprenditoriali di Berlusconi (un industriale, come si è visto, disposto a pagare pur di stare tranquillo) »

Il 10 aprile 2008 il PG della Cassazione ha chiesto l'annullamento, con rinvio, della condanna a due anni inflitta al parlamentare Marcello Dell'Utri, ritenendo "inutilizzabili" alcune dichiarazioni accusatorie.La Corte di Cassazione, II sezione penale, accoglie la richiesta, annullando la sentenza di appello con rinvio ad altra sezione[66]. Il 14 aprile 2009 I giudici della quarta Corte d'Appello di Milano hanno derubricato il reato da tentata estorsione a minaccia (la cosiddetta «desistenza volontaria» -articolo 56 comma 3 c.p.) e hanno dichiarato quindi il «non doversi procedere», nei confronti di Dell'Utri e anche del boss mafioso Vincenzo Virga, prosciogliendoli per intervenuta prescrizione del reato.[64][67] Contro la sentenza di annullamento per prescrizione hanno fatto in seguito appello, oltre al procuratore generale di Milano e a Vincenzo Garraffa, lo stesso Marcello Dell'Utri, motivato dalla volontà di ottenere un'assoluzione nel merito.

Il 28 maggio 2010 la Corte di Cassazione ha annullato la sentenza di appello, riconoscendo come contraddittorie le conclusioni della Corte d'Appello milanese, in quanto le minacce riscontrate da tutte le precedenti sentenze confermano un tentativo di estorsione che non può venir meno a causa di una successiva desistenza da parte di chi le ha effettuate. La Suprema Corte ha così rinviato il processo davanti alla Corte d'Appello di Milano[68]. Il 20 maggio 2011 i giudici della Corte d'Appello di Milano hanno assolto Marcello Dell'Utri dall'accusa di tentata estorsione aggravata dalle finalità mafiose in quanto "il fatto non sussiste".[69][70] Il 20 giugno 2012 la Seconda sezione penale della Cassazione ha respinto il ricorso della Procura di Milano contro il proscioglimento emesso il 20 maggio 2011. Diviene quindi definitiva l'assoluzione di Dell'Utri dall'accusa di tentata estorsione nei confronti dell’imprenditore Vincenzo Garraffa.[71]

Istigazione alla calunnia pluriaggravata: assolto in Cassazione (1999-2012)[modifica | modifica wikitesto]

Imputato a Palermo per istigazione alla calunnia aggravata ai danni di alcuni pentiti. Secondo l'accusa Dell'Utri avrebbe organizzato un complotto con falsi pentiti per screditare dei veri pentiti che accusavano lui ed altri imputati. Per questa accusa, il gip di Palermo dispose l'arresto di Dell'Utri nel 1999, ma il Parlamento lo bloccò[72]. Successivamente, il Tribunale di Palermo, sezione V, ha assolto Dell'Utri «per non avere commesso il fatto» in base all'art. 530, secondo comma del codice di procedura penale.

Il 31 marzo 2011 la prima sezione della corte d’appello di Palermo ha confermato l’assoluzione per il senatore del Pdl Marcello Dell’Utri accusato di istigazione alla calunnia aggravata. La procura generale aveva chiesto 6 anni.[73] Il 16 maggio 2012 la Cassazione ha confermato l'assoluzione del senatore Marcello Dell'Utri dall'accusa di istigazione alla calunnia ai danni di tre pentiti di mafia. È stato così respinto il ricorso della procura generale di Palermo.[74]

Inchiesta P3: rinviato a giudizio (2010-)[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi P3 (inchiesta).

Marcello Dell'Utri è stato raggiunto da un avviso di garanzia nel luglio 2010, nell'ambito delle indagini condotte dai magistrati romani intorno all'intreccio occulto tra alte personalità dello stato e altri individui a queste connessi, i quali si sarebbero riuniti secondo la Procura in una «nuova P2». Questa «struttura riservata» sarebbe stata «costituita e partecipata da Flavio Carboni, da Arcangelo Martino e da Pasquale Lombardi», secondo quanto riportato nell'informativa del 18 giugno scorso dei carabinieri di Roma, e avrebbe svolto «in maniera sistematica e pianificata un'intensa, riservata ed indebita attività di interferenza sull'esercizio delle funzioni di organi costituzionali, di amministrazioni pubbliche, allo scopo di ottenere vantaggi economici o di altro tipo».[75] L'organizzazione, definita "massonica" dalla Procura di Roma, avrebbe agito, sempre secondo i carabinieri, in particolare allo scopo di influenzare la decisione della Consulta in merito al pronunciamento sulla legittimità costituzionale del "lodo Alfano".

Tale operazione sarebbe stata pianificata e discussa in una cena tenuta presso l'abitazione del coordinatore del Pdl Denis Verdini e alla quale avrebbero preso parte Dell'Utri, Flavio Carboni, Arcangelo Martino e Raffaele Lombardi ed alti funzionari dello Stato.[76], per aver sostenuto la riammissione della lista civica regionale "Per la Lombardia" (che appoggiava il candidato di centrodestra per le elezioni regionali del 2010 e attuale governatore della regione Lombardia Roberto Formigoni) e, infine, per aver favorito la nomina a presidente della Corte d'appello di Milano del pm Alfonso Marra (poi, effettivamente, nominato a questa carica.

Il 27 luglio 2010 Dell'Utri, chiamato a Roma come indagato sulla P3, si avvale della facoltà di non rispondere; motiva tale scelta ricordando che, dopo essere stato interrogato per 17 ore a seguito delle indagini per mafia che lo imputavano a Palermo, egli fu rinviato a giudizio.[77][78] Il 7 agosto 2011 la procura di Roma chiude le indagini sull'inchiesta P3.[79] Il 3 gennaio 2012 la procura di Roma chiede il rinvio a giudizio per 20 persone. Tra i destinatari della richiesta del Procuratore aggiunto Giancarlo Capaldo e del sostituto Rodolfo Sabelli, il coordinatore del Pdl Denis Verdini e il senatore Marcello dell'Utri.[80] Il 5 novembre 2014 vengono rinviati a giudizio Verdini e Cosentino ma la posizione di Dell'Utri viene ancora stralciata.[81]

Indagine su impianto solare (2012-)[modifica | modifica wikitesto]

Dell'Utri è indagato dalla procura di Firenze per corruzione. I pm fiorentini ipotizzano che per ottenere il via libera delle autorità (per la costruzione di un impianto solare) sia stato chiesto l’intervento di Dell’Utri con il versamento di una tangente.[82] L'indagine è condotta dai ROS.

Abusivismo: 8 mesi in appello (2013-)[modifica | modifica wikitesto]

Per aver fatto costruire una casa sull'albero di tre piani nella sua villa a Torno sul lago di Como poi venduta a Berlusconi, viene rinviato con l'accusa di abusivismo e deturpazione della bellezza del posto. La vicenda risale al 2009 quando, in seguito a una segnalazione anonima, il Comune fa dei controlli, scopre la casetta e ne ordina la demolizione. Per l'accusa sono illegittimi i permessi concessi dalla Sovrintendenza e dal Comune di Torno. Nel marzo 2013 viene condannato a 9 mesi (pena sospesa) e a pagare una multa pari a 10.500 euro. Il 28 gennaio 2014 in appello ottiene uno sconto di un mese.[83]

Prese di posizione e controversie[modifica | modifica wikitesto]

Su Vittorio Mangano[modifica | modifica wikitesto]

A pochi giorni dalle elezioni politiche del 2008, in un'intervista rilasciata a Klaus Davi, afferma che Vittorio Mangano è stato «un eroe, a modo suo» perché, a suo dire, mentre era in carcere (dal 1995 al 2000 - anno di morte - per molteplici reati[84]) avrebbe rifiutato di fare dichiarazioni contro di lui e Silvio Berlusconi in cambio della scarcerazione finanche negli ultimi mesi di vita, quando era malato terminale di cancro[85]. Dell'Utri ha confermato le sue parole in occasione della conferenza stampa tenuta a séguito della sua condanna per concorso esterno in associazione mafiosa il 29 giugno 2010 aggiungendo: «Mangano resta il mio eroe: non so se io, trovandomi al suo posto in carcere, riuscirei a resistere senza fare nomi»[86].

Tenendo presente quanto dichiarato da Ezio Cartotto, collaboratore di Dell'Utri, che affermò davanti ai giudici di Caltanissetta e di Palermo riferendosi al senatore siciliano: «Ogni tanto sbottava contro Berlusconi, e una volta mi disse "Silvio non capisce che mi deve ringraziare, perché se dovessi aprire bocca io …»[87][88][89][90], queste parole sono state interpretate da taluni giornalisti critici, tra cui Marco Travaglio, come una sorta di minaccia nei confronti di Berlusconi per sollecitarlo a trovare soluzioni di tipo legislativo prima della sentenza di Cassazione.[91]

Su Mussolini e il fascismo[modifica | modifica wikitesto]

Nel corso degli anni non ha mai nascosto le sue simpatie per il regime del ventennio fascista e all'inizio del maggio 2009, in un'intervista al giornalista Klaus Davi, ha dichiarato:

« Mussolini ha perso la guerra perché era troppo buono. Non era affatto un dittatore spietato e sanguinario come poteva essere Stalin.[92] »

Ha dichiarato inoltre l'intenzione di avviare la revisione dei libri di storia, «ancora oggi condizionati dalla retorica della Resistenza»[93].

I presunti diari segreti di Mussolini[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Diari di Mussolini#Falso del 2007.

L'11 febbraio 2007 Dell'Utri annuncia di aver ricevuto dai figli di un partigiano deceduto (di cui si rifiuta di rivelare il nome) cinque presunti diari manoscritti da Benito Mussolini, contenenti appunti dal 1935 al 1939. Alcuni storici come Francesco Perfetti inizialmente si dimostrano possibilisti, altri come Giovanni Sabbatucci, Valerio Castronovo, Emilio Gentile e Denis Mack Smith si esprimono al riguardo con grande scetticismo. Pochi giorni più tardi L'Espresso annuncia che uno studio smentisce incontrovertibilmente l'autenticità dei diari, che del resto vennero già smascherati come falsi dal Times di Londra nel 1980 e da Sotheby's negli anni novanta.

Infatti, dopo diversi mesi di attenti studi condotti da uno dei più autorevoli storici del fascismo Emilio Gentile ed il presidente dei grafologi italiani Roberto Travaglini, sono state constatate delle macroscopiche discrepanze storiche ed una grafia non riconducibile a Mussolini. Nel 2011 lo storico ed esperto di carte d'archivio, Mimmo Franzinelli ha pubblicato con Bollati Boringhieri il libro Autopsia di un falso: i diari di Mussolini e la manipolazione della storia[94], che mette ulteriormente in evidenza le numerose incongruenze, gli anacronismi e gli errori che ne caratterizzano il contenuto e ne dimostra la completa inverosimiglianza.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La pagina di Marcello Dell'Utri nel sito web del Senato della Repubblica
  2. ^ a b Dell'Utri, associazione mafiosa: condannato a sette anni in la Repubblica, 25 marzo 2013. URL consultato il 25 marzo 2013.
  3. ^ Dell'Utri, la Cassazione conferma la condanna a 7 anni in la Repubblica, 9 maggio 2014. URL consultato il 9 maggio 2014.
  4. ^ La Grande Truffa, 1998.
  5. ^ a b Sentenza del tribunale di Palermo, Narcomafie, 11 dicembre 2004, pp. 1761-1762. URL consultato il 3 dicembre 2008.
  6. ^ a b Marco Travaglio, L'amico degli amici in zam.it. URL consultato il 19 febbraio 2010.
  7. ^ Travaglio e Veltri 2001, pp. 56-57
  8. ^ Silvio Berlusconi Editore (1990 -), lombardiabeniculturali.it. URL consultato il 21 giugno 2013.
  9. ^ a b Scheda su Camera.it, XIII Legislatura
  10. ^ intervista di Beatrice Borromeo su Il Fatto Quotidiano, 10 febbraio 2010, citato in JulieNews.it
  11. ^ Scheda del Parlamento Europeo
  12. ^ Proposte di Risoluzione del Parlamento Europeo a firma di Marcello Dell'Utri
  13. ^ Interrogazioni parlamentari al Parlamento Europeo a firma di Marcello Dell'Utri
  14. ^ INTERROGAZIONE SCRITTA di Marcello Dell'Utri (PPE-DE) alla Commissione, Oggetto: Utilizzazione delle strutture di informazione ai cittadini, 1º ottobre 1999
  15. ^ Scheda su Senato.it, XIV Legislatura
  16. ^ Scheda su Senato.it, XV Legislatura
  17. ^ Scheda su Senato.it, XVI Legislatura
  18. ^ Iniziativa legislativa, XVI Legislatura
  19. ^ Iniziativa legislativa, XV Legislatura
  20. ^ Iniziativa legislativa, XVI Legislatura
  21. ^ Beatrice Borromeo, Marcello Dell'Utri: Io senatore, per non finire in galera in Il Fatto Quotidiano, 10 febbraio 2010. URL consultato il 29 giugno 2010.
    « Io sono un politico per legittima difesa. A me della politica non frega niente. Mi difendo con la politica, sono costretto. Quando nel 1994 si fondò Forza Italia e si fecero le prime elezioni, le candidature le feci io: non mi sono candidato perché non avevo interesse a fare il deputato. »
  22. ^ Il dovere del verbo, Barbara Spinelli, La Stampa, 18 aprile 2010.
  23. ^ Elezioni, Dell’Utri rinuncia a candidarsi: “L’immunità? Ormai non mi serve più” ilfattoquotidiano.it, 20 gennaio 2013
  24. ^ La Stampa - “Arresto per Dell’Utri”, ma è latitante
  25. ^ http://www.ansa.it/legalita/rubriche/cronaca/2014/04/11/mafia-dellutri-latitante-in-libano_e267aca6-1cbf-4221-a316-6508525f5805.html.
  26. ^ a b Nel giallo libanese c'è un biglietto aereo di ritorno per Parigi - la Repubblica.it
  27. ^ Francesco Viviano e Alessandra Ziniti, Mafia, fine della latitanza per Dell'Utri: arrestato in un lussuoso albergo di Beirut in Repubblica.it, 12 aprile 2014. URL consultato il 12 aprile 2014.
  28. ^ http://www.gds.it/gds/sezioni/cronache/dettaglio/articolo/gdsid/336283/.
  29. ^ Dell'Utri, la Cassazione verso il rinvio - CRONACA
  30. ^ Estradizione Libano-Italia regolata da una convenzione ratificata nel 1974 - Il Sole 24 ORE
  31. ^ a b c d Dell'Utri, Cassazione conferma condanna a sette anni Ansa.it, 9 maggio 2014
  32. ^ a b Dell'Utri, condanna definitiva a 7 anni. La Cassazione conferma la sentenza La Stampa.it, 9 maggio 2014
  33. ^ Marcello Dell'Utri: presidente libanese Suleiman firma estradizione - il testo - Il Fatto Quotidiano
  34. ^ Quo Media, le dimissioni da E Polis
  35. ^ Maria Elena Tanca, Milano: la Mostra del libro antico inaugurata senza il Pasolini scomparso in newnotizie.it, 12 marzo 2010. URL consultato il 14 giugno 2010.
  36. ^ a b c Redazione online, Mafia: processo Marcello Dell'Utri, quinto giorno di camera di consiglio in Tiscali, 28 giugno 2010. URL consultato il 29 giugno 2010.
  37. ^ Testo integrale della sentenza (p. 1555).
  38. ^ Mafia, chiesti 11 anni per Dell'Utri in ANSA, 16 aprile 2010. URL consultato il 29 giugno 2010.
  39. ^ Mafia: PG chiede 11 anni per dell'Utri in AGI, 16 aprile 2010. URL consultato il 29 giugno 2010.
  40. ^ Dell'Utri, chiesti 11 anni di carcere - dell'utri, mafia, condanna - liberoquotidiano.it
  41. ^ Salvo Palazzolo, "Dell'Utri il tramite della mafia" Il pm chiede 11 anni di carcere in La Repubblica, 16 aprile 2010. URL consultato il 14 giugno 2010.
  42. ^ Mafia: Processo Dell'Utri, La sentenza forse il 25 giugno in Adnkronos, 21 maggio 2010. URL consultato il 14 giugno 2010.
  43. ^ a b c d e Salvo Palazzolo, Mafia, Dell'Utri condannato a sette anni riconosciuti i suoi rapporti con Cosa nostra in la Repubblica, 29 giugno 2010. URL consultato il 29 giugno 2010.
  44. ^ a b c Redazione online, Mafia, sette anni a Dell'Utri in Corriere della Sera, 29 giugno 2010. URL consultato il 29 giugno 2010.
  45. ^ a b c Redazione online, I giudici: «Dell'Utri mediatore tra i boss mafiosi e Berlusconi» in Corriere della Sera, 19 novembre 2010. URL consultato il 19 novembre 2010.
  46. ^ Mafia, sette anni a Dell'Utri. Il senatore: «Sentenza pilatesca» in Corriere della Sera, 29 giugno 2010. URL consultato il 29 giugno 2010.
  47. ^ Mafia: processo Dell'Utri, Pg Palermo ricorre in Cassazione in La Repubblica, 4 gennaio 2011. URL consultato il 16 gennaio 2011.
  48. ^ Il processo a Dell'Utri è da rifare. in Corriere della Sera, 10 marzo 2012. URL consultato il 15 marzo 2012.
  49. ^ Cassazione annulla appello, "Da rifare il processo Dell'Utri" in La Repubblica, 9 marzo 2012. URL consultato il 9 marzo 2012.
  50. ^ Ha vinto Dell'Utri, il processo è da rifare in Il Giornale, 09 marzo 2012. URL consultato il 9 marzo 2012.
  51. ^ a b c d e f g La sentenza della Cassazione sul caso Dell'Utri: una prima guida alla lettura, Diritto Penale Contemporaneo, 7 maggio 2012. URL consultato l'11 settembre 2012.
  52. ^ Mafia, il pg di Palermo: “Sette anni per Marcello Dell’Utri” ilfattoquotidiano.it, 18 gennaio 2013
  53. ^ Redazione Online, Mafia, Dell'Utri condannato in appello L'ex senatore: «Inventato romanzo criminale» in Corriere della Sera. URL consultato il 12 aprile 2014.
  54. ^ Trattativa Stato-mafia: indagato Dell'Utri in Corriere della Sera, 24 novembre 2011. URL consultato il 18 luglio 2012.
  55. ^ Trattativa Stato-mafia, chiuse le indagini. Dodici indagati in Sky Tg24, 14 giugno 2012. URL consultato l'11 aprile 2014.
  56. ^ Trattativa Stato-mafia, rinviati a giudizio 12 indagati - IlGiornale.it
  57. ^ Trattativa Stato-mafia/ Dai politici ai boss. Ecco chi sono i 12 indagati dalla Procura di Palermo. LA SCHEDA - Affaritaliani.it
  58. ^ Richieste per Dell'Utri, Mannino, Mancino in Corriere della Sera, 11 gennaio 2013, p. 2.
  59. ^ a b Dell'Utri indagato per estorsione ai danni di Berlusconi, Sky TG 24, 18 luglio 2012. URL consultato il 18 luglio 2012.
  60. ^ Dell'Utri indagato, i pm: «Ricattava Berlusconi» in l'Unità, 18 luglio 2012. URL consultato il 18 luglio 2012.
  61. ^ Dell'Utri e presunta estorsione a Berlusconi, la Cassazione ha deciso: «Competente Milano».
  62. ^ Berlusconi assolto Dell'Utri patteggia in La Repubblica, 28 ottobre 1999. URL consultato il 30 novembre 2009.
  63. ^ Silenzio, si mafia - di Marco Travaglio L'Unità, 17 maggio 2007
  64. ^ a b Dell' Utri, prescrizione: «Sentenza pilatesca» in Corriere della Sera, 15 aprile 2009, p. 4. URL consultato il 18 ottobre 2009.
  65. ^ Confermata in appello condanna Dell'Utri per tentata estorsione su Reuters.it - 15 maggio 2007
  66. ^ Dell'Utri, processo da rifare
  67. ^ http://www.ilmessaggero.it/articolo.php?id=54456&sez=HOME_INITALIA Il Messaggero, 14 aprile 2009
  68. ^ Dell'Utri ancora a processo sulla vicenda pallacanestro Trapani in Il Sole 24 Ore, 28 maggio 2010. URL consultato il 12 giugno 2010.
  69. ^ GRR - GR1 del 21/05/2011 08:00
  70. ^ Mafia, assoluzione per Dell’Utri. Dopo 12 anni - Interni - ilGiornale.it
  71. ^ Caso Garraffa, confermata l’assoluzione per il senatore Marcello Dell’Utri - Il Fatto Quotidiano
  72. ^ Doc. IV, n. 18-A richiesta dell'On. Giovanni Meloni di intercettare telefonicamente Dell'Utri, 6 aprile 1999
  73. ^ Calunnia aggravata, Dell'Utri assolto (anche) in Appello. Il pg: «In Cassazione» - Corriere del Mezzogiorno
  74. ^ Calunnia, la Cassazione assolve Dell'Utri - Cronaca - Tgcom24
  75. ^ Francesco Viviano, Così la "cosca" tentò l'aggancio a Letta Tutti gli uomini dell'Operazione Insider, la Repubblica, 13 luglio 2010
  76. ^ Il gip: "Carboni cercò di influire sulla Consulta per la decisione su Lodo Alfano in Corriere della Sera, 08 luglio 2010. URL consultato il 9 luglio 2010.
  77. ^ P3, Dell'Utri non risponde ai pm: "Ho imparato" Caliendo indagato, ma Berlusconi: "Ho fiducia" - Interni - ilGiornale.it
  78. ^ Scena muta davanti ai pm di Dell'Utri in Il Fatto Quotidiano, 27 luglio 2010. URL consultato il 29.07.2010.
  79. ^ Loggia P3, chiusa l'inchiesta legami anche con il caso Papa - Il Messaggero
  80. ^ P3: la procura di Roma ha chiesto il rinvio a giudizio per Dell'Utri, Verdini e Carboni - Corriere della Sera
  81. ^ P3, Verdini a giudizio, l’uomo delle riforme accusato di corruzione
  82. ^ Tangenti dietro a libri antichi. Indagato Marcello Dell’Utri - Il Fatto Quotidiano
  83. ^ Casa sull’albero per il birdwatching. Dell’Utri condannato a otto mesi lastampa.it, 28 gennaio 2014
  84. ^ È morto Vittorio Mangano l'ex stalliere di Berlusconi in La Repubblica, 23 luglio 2000. URL consultato il 18 ottobre 2009.
  85. ^ Berlusconi: "Perizie per i pm" Dell'Utri: "Mangano un eroe" in La Repubblica, 8 aprile 2008. URL consultato il 18 ottobre 2009.
  86. ^ Berlusconi che non parla in aula. Dell'Utri: “Fui io a dirgli di stare zitto”, di Davide Milosa, Il Fatto Quotidiano, 29 giugno 2010
  87. ^ Travaglio e Veltri 2001
  88. ^ Sentenza del Tribunale ordinario di Roma che scagiona Marco Travaglio, Daniele Luttazzi e Carlo Freccero dalle accuse di falso e di calunnia per quanto sostenuto durante l'intervista a Marco Travaglio a Satyricon.
  89. ^ Dell'Utri era legato a Ciancimino, La Repubblica, 9 ottobre 1997, pagina 19.
  90. ^ Ex consulente politico di Berlusconi: "Dell'Utri era vicino a Ciancimino", Il Corriere della Sera, 9 ottobre 1997, pagina 14.
  91. ^ Mangano eroe, Dell'Utri supereroe”, di Marco Travaglio, Passaparola, 5 luglio 2010
  92. ^ Intervista al Sen. Marcello Dell'Utri Klaus Condicio, 4 maggio 2009
  93. ^ Maria Antonietta Calabrò, «Resistenza, se vinciamo rivedere i libri di storia» in Corriere della Sera, 9 aprile 2008, p. 5. URL consultato il 18 ottobre 2009.
  94. ^ Mimmo Franzinelli, Autopsia di un falso: i diari di Mussolini e la manipolazione della storia, Torino, Bollati Boringhieri, 2011. ISBN 978-88-339-2243-0

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]


Controllo di autorità VIAF: 89741829 LCCN: n2005035972