Ilda Boccassini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Ilda Boccassini (Napoli, 7 dicembre 1949) è un magistrato italiano, procuratore aggiunto della Repubblica presso il tribunale di Milano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Dopo la laurea in giurisprudenza entra in magistratura, con funzioni effettive, nel 1979 prestando servizio dapprima alla Procura della Repubblica di Brescia, e ottenendo poco dopo il trasferimento alla Procura della Repubblica di Milano. Si occupa, quasi subito dopo il suo arrivo a Milano, di criminalità organizzata.

La sua prima inchiesta di rilevanza nazionale viene denominata Duomo Connection e ha come oggetto l'infiltrazione mafiosa nell'Italia settentrionale. L'inchiesta è portata avanti con la collaborazione di un gruppo di investigatori guidati dall'allora tenente Ultimo, il capitano divenuto poi famoso per l'arresto di Totò Riina. Sono gli anni delle prime collaborazioni anche con il giudice Giovanni Falcone, che sfoceranno in un legame di profonda amicizia.[1]

All'inizio degli anni novanta entra in rotta di collisione con altri colleghi del pool antimafia milanese e ne viene estromessa dall'allora Procuratore Capo Francesco Saverio Borrelli[2], ma porta comunque a termine il processo sulla Duomo Connection. Dopo le stragi di Capaci e Via D'Amelio, nel 1992, chiede di essere trasferita a Caltanissetta dove rimane fino al '94 sulle tracce degli assassini di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino.[3] Collabora nuovamente con Ultimo alla cattura di Riina e scopre, in collaborazione con altri magistrati applicati a quelle indagini, mandanti ed esecutori delle stragi Falcone e Borsellino. Dopo una breve parentesi alla Procura di Palermo torna a Milano e, su richiesta del Procuratore Borrelli, si occupa dell'inchiesta denominata Mani pulite subentrando ad Antonio Di Pietro dimessosi dalla magistratura il 6 dicembre del 1994.[4] Collabora, quindi, con i colleghi Gherardo Colombo, Piercamillo Davigo, Armando Spataro e Francesco Greco, seguendo in particolare gli sviluppi delle inchieste riguardanti Silvio Berlusconi e Cesare Previti.

Continua ad operare presso la Procura di Milano dove si occupa di indagini sulla criminalità mafiosa e sul terrorismo. Ha diretto a partire dal 2004 le indagini della DIGOS che il 12 febbraio 2007 hanno portato all'arresto di 15 sospetti appartenenti all'ala movimentista delle Nuove Brigate Rosse, denominata anche Seconda Posizione. Secondo l'accusa, la presunta organizzazione terroristica, operante nel Nord Italia, stava preparando attentati contro persone e aziende. Il 28 maggio 2009 il Plenum del Consiglio Superiore della Magistratura (CSM) l'ha promossa alla funzione di Procuratore aggiunto della Repubblica presso il Tribunale di Milano.[5]

In seguito indaga sul caso riguardante l'affidamento di una giovane donna marocchina, definito giornalisticamente caso Ruby, nota negli ambienti della politica e della moda, che avrebbe compiuto alcuni furti.[6] L'inchiesta interessa, tra gli altri, l'ex presidente del Consiglio dei Ministri italiano Silvio Berlusconi che, secondo l'accusa, avrebbe esercitato indebite pressioni sulla questura di Milano per ottenere suo rilascio e che l'avrebbe pagata in cambio di prestazioni sessuali quando era ancora minorenne.[7] A causa di quest'incarico e di altre attività che hanno impegnato le procure della Repubblica nelle indagini su Silvio Berlusconi per reati quali concorso esterno in associazione mafiosa, prostituzione minorile, concussione, corruzione, strage, appropriazione indebita, traffico di droga, riciclaggio di denaro sporco, abuso d'ufficio, frode fiscale e falso in bilancio, Berlusconi l'ha indicata fra gli appartenenti ad una frangia della magistratura, da lui definita "sovietica" e "comunista".

Si ricorda l'attacco da parte de Il Giornale che, su indicazione[8] di Matteo Brigandì, componente del CSM, citato poi in giudizio per la diffusione dell'informazione stessa, all'inizio del 2011, ricorda che nel 1982 il magistrato era stato sottoposto a provvedimenti disciplinari a causa di atteggiamenti personali[9] concludendo quindi che la Boccassini non avesse l'autorità morale per condurre le indagini su Berlusconi.

Nel dicembre 2011 viene inclusa dalla rivista statunitense Foreign policy[10] al 57º posto nella lista delle personalità nel mondo che nel corso del 2011 hanno influenzato l'andamento del mondo nella politica, nell'economia, negli esteri[11].

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Goffredo Buccini, Duomo connection, fine della trama, Corriere della Sera, 26 maggio 1992. URL consultato il 14-7-2010.
  2. ^ Ilda Boccassini, Biografia Corriere della Sera.it
  3. ^ Giovanni Bianconi, Stragi mafiose, ritorna la Boccassini, Corriere della Sera, 23 aprile 2009. URL consultato il 14-7-2010.
  4. ^ Gianluca Di Feo, Torna la Boccassini, è lei il rinforzo del pool, Corriere della Sera, 4 ottobre 1995. URL consultato il 14-7-2010.
  5. ^ Davide Carlucci, I br volevano uccidere, li abbiamo fermati in tempo, la Repubblica, 4 marzo 2009. URL consultato il 14-7-2010.
  6. ^ Ruby, la ragazza marocchina dal passato turbolento, ilgiornale.it.
  7. ^ Ecco i falsi della Questura dopo le pressioni del premier, la Repubblica.
  8. ^ Chi è Brigandì, leghista anti Ilda.
  9. ^ La doppia morale della Boccassini.
  10. ^ http://www.foreignpolicy.com/ Foreign Policy Magazine
  11. ^ The FP Top 100 Global Thinkers.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]