Volo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Volo (disambigua).

Il volo è il processo tale per cui un animale o un oggetto si sposta nell'aria attraverso l'uso di una forza verso l'alto detta portanza, se questa risulta maggiore o uguale alla forza di gravità. Il volo può avvenire anche al di fuori dell'atmosfera terrestre secondo però principi fisici diversi (orbita in equilibrio con la gravità o propulsione spaziale).

Volo animale[modifica | modifica sorgente]

Un gabbiano in volo

Gli esseri viventi che con più successo sono riusciti a dominare la capacità di volare sono gli insetti, gli uccelli e i pipistrelli. Ognuno di questi gruppi si è evoluto separatamente a partire da differenti strutture.

Tra i vertebrati estinti in grado di volare spiccano gli pterosauri, contemporanei dei dinosauri.

I pipistrelli sono gli unici mammiferi capaci di volare realmente. Comunque ci sono diverse specie di animali, come lo scoiattolo volante, che sono in grado di planare da un albero ad un altro usando delle membrane tra le loro estremità; alcuni possono percorrere centinaia di metri in questo modo senza perdere molto in altezza.

I cosiddetti pesci volanti possono planare usando delle ali-pinna abbastanza grandi e sottili, ed è stato osservato anche qualche volo di un centinaio di metri sul pelo dell'acqua. Questo sistema è stato selezionato per riuscire a scappare dai predatori che vivono sott'acqua.

D'altra parte la maggioranza degli uccelli è in grado di volare, ma ci sono alcune eccezioni. Il più grande uccello, ovvero lo struzzo, e l'emù non possono volare, così come i dodo, ora estinti, mentre altri uccelli non volanti, i pinguini, hanno adattato le loro ali come pinne per nuotare sott'acqua. Molti piccoli uccelli che non possono volare sono nativi di piccole isole, e conducono uno stile di vita che non trarrebbe nessun vantaggio dal volo. Il falco pellegrino è l'animale più veloce del mondo: la sua velocità di punta supera i 370 km/h.

Tra gli animali volanti, l'albatross ha la più grande apertura alare: 3,5 metri (11,5 piedi) per un peso totale che si aggira intorno ai 24 Kg.

Il volo nella fantasia[modifica | modifica sorgente]

Sono numerose nella mitologia, nella tradizione religiosa, nella letteratura e nei media moderni le creature immaginarie in grado di volare. Nella mitologia greca vi sono ad esempio Icaro e Dedalo, che si alzano in volo con ali di cera per scappare dal labirinto del minotauro, Pegaso, un cavallo alato e il dio Ermes è rappresentato con le ali ai piedi (o con dei sandali alati). In varie culture il drago è una creatura immaginaria simile a un grande rettile con ali In alcune tradizioni religiose varie creature non umane - ad esempio angeli e demoni - vengono rappresentate come uomini dotati di ali. Altre famose creature alate o comunque in grado di volare sono il supereroe dei fumetti Superman, il personaggio cinematografico Dumbo, l'elefantino creato dalla Disney che utilizza le sue enormi orecchie per volare, Fùcur, uno dei Draghi della Fortuna del romanzo La storia infinita che vola ma è senza ali, Babbo Natale personaggio immaginario della cultura occidentale, che viaggia su una slitta trainata da renne volanti.

Volo meccanico[modifica | modifica sorgente]

Un elicottero Robinson R22 Beta

Le macchine che volano sono chiamate aerodine, tra queste le più comuni sono:

Come volano gli aeromobili[modifica | modifica sorgente]

Il volo degli aerostati è molto semplice: contengono un gas leggero, che fa sì che complessivamente l'aerostato abbia una densità minore di quella dell'aria (circa 1,2 kg/m3), quindi vengono sollevati per il principio di Archimede, lo stesso che fa galleggiare le navi. In pratica gli aerostati galleggiano nell'aria.

Tutti gli altri aeromobili, quelli più pesanti dell'aria, o aerodine volano grazie ad un effetto aerodinamico detto portanza. Le aerodine hanno bisogno delle ali (o delle pale per gli elicotteri) che una volta investite dall'aria (ad una certa velocità ed angolo di incidenza corretto) generano la portanza necessaria a sostenere il velivolo.

Gli aeroplani devono effettivamente avanzare ad una certa velocità per far scorrere l'aria sull'ala, mentre gli elicotteri possono anche effettuare il volo a punto fisso in quanto le pale portanti sono messe in rotazione meccanicamente (per questo l'elicottero è detto anche velivolo ad ala rotante)

Le navicelle spaziali non cadono per due motivi: se sono in orbita, come i satelliti intorno alla terra, il peso è bilanciato dalla forza centrifuga; se sono sonde o navicelle che volano in spazi interplanetari sono attratti da forze irrilevanti e volano quindi in assenza di gravità.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]