Vampiro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati di Vampiro o Vampiri, vedi Vampiro (disambigua).
Il vampiro è solitamente raffigurato come una pallida creatura notturna, dagli occhi malvagi e dai lunghi denti canini.

Il vampiro è un essere mitologico o folkloristico che sopravvive nutrendosi dell'essenza vitale (generalmente sotto forma di sangue) di altre creature, nonché una delle figure dominanti del genere horror.[1][2][3][4][5]

Nonostante la speculazione sostenuta dallo storico letterario Brian Frost secondo la quale la credenza dei vampiri «potrebbe risalire alla preistoria»,[6] il termine "vampiro" divenne popolare solo agli inizi del XVIII secolo, in seguito all'influenza delle superstizioni presenti nell'Europa dell'est e nei Balcani, dove le leggende sui vampiri erano molto diffuse.[7] Allo stesso tempo nacquero altri termini, come βρυκόλακας (vrykolakas) in Grecia e strigoi in Romania. La superstizione nei confronti dei vampiri crebbe a tal punto da far nascere una grave isteria collettiva che portò alla morte di numerose persone accusate di vampirismo.

I folkloristici vampiri dell'Europa dell'est presentavano una notevole varietà di rappresentazioni, dal simile agli umani al cadavere putrefatto. Fu il successo del romanzo Il vampiro di John Polidori (1819) ad instaurare la carismatica e sofisticata figura del vampiro nelle arti che influenzò le opere vampiresche del XIX secolo e ispirò personaggi come Varney il vampiro e il Conte Dracula.[8]

È però il romanzo Dracula, scritto nel 1897 da Bram Stoker, ad essere considerato la quintessenza del romanzo vampiresco e che fornì le basi per le opere moderne. Dracula trattò una mitologia costituita da lupi mannari e altri demoni dando voce «allo stato d'ansia di un'epoca» e «alla paura della società patriarcale vittoriana».[9] Il successo di questo libro fece nascere un distintivo genere vampiresco che è ancora popolare nel XXI secolo, con un'impressionante collezione di libri, film, videogiochi e serie televisive.

Etimologia[modifica | modifica sorgente]

L'esatta etimologia del termine vampiro non è chiara.[10] Tuttavia, è ragionevole pensare che possa derivare dal serbo/croato вампир/vampir[11][12][13][14][15] e che sia successivamente passato al tedesco Vampir, al francese vampyre, all'inglese vampire (la cui prima apparizione del termine nell'Oxford English Dictionary risale al 1734) e all'italiano vampiro. Un'altra teoria, meno popolare, sostiene che il termine slavo derivi dal turco ubyr, che significa "strega".[13][16] In russo antico, il vampiro è detto inoltre Упирь (Upir').

Numerose lingue slave presentano forme parallele del termine serbo: il bulgaro вампир (vampir), il croato upir/upirina, il ceco e slovacco upír, il polacco wąpierz, l'ucraino упир (upyr), il russo упырь (upyr'), il bielorusso упыр (upyr), e lo slavo orientale antico упирь (upir'). Da notare che successivamente la maggior parte di queste lingue adottarono forme come "vampir/wampir" dall'Occidente.

Folklore[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi #La figura del vampiro nel folklore mondiale.
R. de Moraine, Le Vampire, 1864

Il concetto di vampirismo esiste da millenni; culture come quella mesopotamica, ebraica, greca e romana concepirono demoni e spiriti che possono essere considerati precursori dei moderni vampiri. In tutte le leggende di ogni civiltà passata e presente però, i diversi tipi di vampiri vengono tutti accomunati da una caratteristica chiave, cioè quella di nutrirsi in qualsiasi diversa maniera dei loro simili. Ad ogni modo, nonostante la presenza di creature simili ai vampiri in queste antiche civiltà, il folklore sui vampiri così come lo conosciamo oggi si è originato esclusivamente nell'Europa dell'est[7] quando i miti della tradizione orale di numerosi gruppi etnici vennero messi per iscritto e pubblicati. Nella maggior parte dei casi, i vampiri sono creature malvagie redivive, vittime suicide o streghe, ma possono anche essere cadaveri posseduti da spiriti malevoli o umani trasformati dopo essere stati morsi da altri vampiri. La credenza in tali leggende divenne così persuasiva da causare isteria di massa e pubbliche esecuzioni di persone credute vampiri.[17]

Descrizione e attributi comuni[modifica | modifica sorgente]

Nonostante sia difficile dare un'unica, definitiva descrizione del vampiro folkloristico, vi sono tuttavia alcuni elementi che sono comuni a molte delle leggende europee. I vampiri erano generalmente descritti come gonfi, con una carnagione scura, o sanguigna; queste caratteristiche erano spesso attribuite alla nutrizione a base di sangue. Il vampiro, nella sua tomba, tendeva a perdere sangue dalla bocca e dal naso, mentre il suo occhio sinistro rimaneva spesso aperto.[18] Veniva seppellito rivestito con un telo di lino, e i suoi denti, capelli e unghie continuavano a crescere dopo la morte. Le zanne (gli incisivi superiori) invece, non facevano parte delle sue caratteristiche.[19]

Creazione[modifica | modifica sorgente]

Le cause della vampirizzazione (la nascita o creazioni di un nuovo vampiro) erano molte e varie nel folklore originario. Secondo la tradizione slava e cinese, qualsiasi cadavere che veniva scavalcato da un animale, particolarmente un cane o un gatto, aveva la possibilità di diventare un non morto.[20] Anche i cadaveri che non venivano trattati con acqua in ebollizione erano considerati a rischio. Nel folklore russo si diceva che i vampiri erano un tempo streghe o persone che si erano ribellati contro la Chiesa quando erano ancora in vita.[21] Alcune pratiche popolari erano utilizzate per scongiurare il ritorno nel mondo dei vivi di un caro estinto in qualità di non morto. Era assai diffuso seppellire i morti a testa in giù e collocare oggetti terreni, come falci o falcetti,[22] vicino alla tomba per soddisfare i demoni che tentavano di possedere il morto o per mitigare quest'ultimo e prevenire la sua risurrezione dalla tomba. Questo metodo assomiglia alla pratica greca di appoggiare un obolo sulla bocca del defunto per pagare il dazio e poter attraversare il fiume Stige nell'oltretomba; è stata sostenuta la possibilità che in realtà la moneta servisse a scacciare spiriti maligni intenzionati ad entrare in possesso del corpo, e che questo possa avere influenzato il folklore sui vampiri. Questa tradizione persiste nel folklore greco del vrykolakas, in cui una croce di cera e un pezzo di porcellana con l'iscrizione "Gesù Cristo vince" erano posizionati sul corpo del defunto per prevenire che questi diventasse un vampiro.[23] Altri metodi usati frequentemente in Europa includevano la rottura dei tendini all'altezza del ginocchio o il posizionamento di semi di papavero, di miglio o di sabbia sul terreno sopra la tomba di un presunto vampiro; questa pratica intendeva lasciare i vampiri occupati tutta la notte a contare i granelli che cadevano all'interno della bara, e li associava quindi all'aritmomania.[24] Secondo una leggenda cinese, se una creatura simile a un vampiro si trovasse davanti ad un sacco di riso, si metterebbe a contare tutti i chicchi; altre leggende simili, che riguardano streghe o altri esseri malvagi, sono presenti sia nel subcontinente indiano così come nell'America del Sud.[25]

Identificazione[modifica | modifica sorgente]

Erano utilizzati molti rituali per identificare un vampiro. Un metodo per trovare la tomba di un vampiro consisteva nel far cavalcare un ragazzo vergine su uno stallone vergine all'interno di un cimitero: il cavallo si sarebbe fermato sopra la tomba in questione.[21] Generalmente era necessario un cavallo nero, ad eccezione dell'Albania dove doveva essere bianco.[26] Inoltre, l'apparizione di buchi sul terreno sopra una tomba era considerato segno di vampirismo.[27] Cadaveri creduti vampiri erano generalmente descritti come più sani del dovuto, gonfi ma con pochi o nessun segno di decomposizione.[28] In alcuni casi, quando una tomba sospetta veniva aperta, i presenti descrivevano il cadavere con la faccia ricoperta del sangue di una sua vittima.[29] La morte di bestiame, pecore, parenti o vicini di casa era la prova dell'attività di un vampiro nella zona. Alcuni vampiri folkloristici, inoltre, potevano testimoniare la propria presenza tramite attività simili a quelle dei poltergeist, come scagliando pietre sui tetti o muovendo piccoli oggetti,[30] e provocando incubi a chi dormiva.[31]; altro segno dell'attività vampiresca era l'afflusso di grandi stormi di pipistrelli nelle notti di luna piena, segno che i loro "capi" erano in circolazione[senza fonte].

Protezione[modifica | modifica sorgente]

L'aglio, la rosa canina e il biancospino sono alcuni degli oggetti che secondo le credenze scacciano i vampiri.

Oggetti apotropaici in grado di scacciare entità redivive sono molto diffusi nel folklore sui vampiri. L'aglio è un classico esempio,[30] ma si dice che anche la rosa selvatica e il biancospino siano dannosi nei confronti dei vampiri. In Europa, inoltre, si credeva che spargere semi di senape sul tetto di una casa li avrebbe tenuti lontani.[32] Altri oggetti esorcizzanti potevano essere ad esempio crocifissi, rosari o acqua santa. Si dice che i vampiri non siano in grado di camminare su un terreno consacrato, come quelli di chiese e templi o attraversare acqua corrente (come quella dei fiumi).[33] Anche gli specchi venivano usati per allontanare i vampiri, ad esempio posizionandone uno sulla porta d'ingresso (secondo alcune culture, i vampiri non possono riflettersi e talvolta non proiettano la propria ombra, forse per via della mancanza dell'anima).[34] Questa caratteristica, sebbene non universale (il greco vrykolakas/tympanios era in grado sia di riflettersi che di proiettare un'ombra), venne usata da Bram Stoker nel romanzo Dracula; divenne popolare e venne ripresa da numerosi scrittori e registi.[35] Altre leggende sostengono che un vampiro non possa entrare in un'abitazione se non invitato dal padrone di casa, ma una volta invitato possa entrarvi e uscirvi a piacimento.[34] I vampiri folkloristici erano più attivi la notte, ma non erano considerati vulnerabili alla luce del sole.[35]

Uno dei più conosciuti metodi per uccidere un vampiro è impalarlo, specialmente nella cultura slava.[36] In Russia e negli stati Baltici si preferiva il legno di frassino,[37] in Serbia quello di biancospino,[38] e quello di quercia in Slesia.[39] Potenziali vampiri venivano spesso impalati attraverso il cuore, ad eccezione di Russia e Germania, dove venivano impalati attraverso la bocca,[40][41] e della Serbia, dove venivano impalati attraverso lo stomaco.[42] Bucare la pelle del petto era un modo per "sgonfiare" i vampiri (ritenuti più "gonfi" degli umani); i cadaveri venivano talvolta seppelliti con oggetti pungenti, di modo che se il corpo si fosse trasformato in vampiro (e quindi gonfiato), gli oggetti lo avrebbero bucato e sgonfiato.[43] La decapitazione era il metodo più usato in Germania e nelle aree slave dell'ovest, con la testa seppellita tra i piedi, dietro le natiche o lontano dal corpo,[44] di modo che l'anima non si attardasse nella sua dipartita indugiando nel corpo terreno. Talvolta la testa, il corpo o i vestiti di un vampiro venivano inchiodati al terreno, per prevenire la rinascita.[45] I nomadi schiacciavano aghi di acciaio o di ferro nel cuore dei cadaveri e infilavano pezzi di ferro nella bocca, sugli occhi, nelle orecchie e tra le dita nel momento della sepoltura. A volte mettevano del biancospino in una calza del defunto o trafiggevano le sue gambe con un paletto di legno. In una tomba risalente al XVI secolo, ritrovata nei pressi di Venezia nel 2006, gli archeologi trovarono un cadavere di donna con un mattone conficcato a forza nella bocca; l'atto venne considerato come un rituale contro i vampiri.[46] Altre misure contro i vampiri includevano bagnare la tomba con acqua bollente o la completa incinerazione del corpo. Nei Balcani un vampiro poteva anche essere ucciso con un colpo di pistola o affogato, ripetendo la sua cerimonia funebre, spruzzando acqua santa sul suo corpo o con un esorcismo. In Romania poteva essere inserito dell'aglio in bocca, e fino al XIX secolo veniva presa la precauzione di sparare al corpo nella bara. In casi eccezionali, il cadavere veniva dismembrato e i pezzi bruciati, mischiati ad acqua e somministrati ai membri della famiglia come cura. Nella regione della Sassonia, in Germania, veniva messo un limone nella bocca dei sospetti vampiri.[47]

Antiche credenze[modifica | modifica sorgente]

Secondo la mitologia egiziana, la dea Sekhmet beveva sangue.[48]

Racconti di esseri soprannaturali che si nutrono di sangue o di carne fresca di esseri viventi fanno parte di quasi tutte le culture del mondo da diversi secoli.[49] Oggi assoceremmo queste creature ai vampiri, ma nei tempi antichi il termine vampiro non esisteva; bere sangue e simili attività erano attribuite a demoni o spiriti; persino il Diavolo era considerato sinonimo di vampiro.[50] Quasi tutte le culture associano il bere sangue con demoni o creature redivive, o in alcuni casi con divinità. In India, ad esempio, alcuni racconti sui Baital, esseri simili ai ghoul che possono entrare in possesso dei corpi, sono stati raccolti nel libro Baital Pachisi; una racconto del libro Kathāsaritsāgara narra di come il Re Vikramāditya intraprenda una ricerca per trovarne uno particolarmente elusivo.[51] Anche Pishacha, lo spirito di malfattori o di coloro che morirono pazzi, rispecchia alcune caratteristiche dei vampiri[52] e all'antica dea indiana Kali, con zanne e una ghirlanda di cadaveri o teschi, venne attribuito il nutrirsi di sangue.[53]

I Persiani furono una delle prime civiltà a tramandare racconti di demoni bevitori di sangue: sono stati portati alla luce dei cocci di porcellana su cui erano state raffigurate creature che tentano di bere il sangue degli uomini.[54] L'antica Babilonia e l'Assiria possiedono racconti della figura mitica Lilitu, che nella demologia ebraica diede vita a Lilith (Ebreo לילית), un demone che si nutriva di sangue di bambino, e a sua figlia Lilu.

La mitologia greca e latina descrivono creature come le empuse,[55] le lamie[56] e le strigi. Col passare del tempo, le prime due divennero termini generali rispettivamente per indicare streghe e demoni. Empusa era la figlia della dea Ecate ed era descritta come una creatura demoniaca dai piedi di bronzo: si trasformava in una giovane donna e seduceva gli uomini per bere il loro sangue.[55] Lamia banchettava sui letti dei bambini la notte, succhiando il loro sangue, così come faceva la figura mitologica Gello.[56] Come Lamia, la Strige si cibava di bambini, ma anche di giovani uomini. Erano descritte come aventi il corpo di corvo o d'uccello in generale, e successivamente vennero identificate nella mitologica romana nella strige, un uccello notturno che si ciba di sangue e carne umana.[57]

Credenze europee[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Il vampiro nel folklore europeo.

Molti dei miti riguardanti i vampiri nacquero durante il medioevo. Gli storici e cronisti del XII secolo Walter Map e Guglielmo di Newburgh collezionarono numerosi racconti sui revenant (morti viventi),[58][59] ma altre testimonianze di leggende inglesi simili sono scarse.[60] Questi racconti erano simili al folklore ampiamente sviluppatosi nell'Europa dell'est nel tardo XVII e XVIII secolo e che fu alla base delle leggende sui vampiri che successivamente si diffusero in Germania e in Inghilterra, dove furono abbellite e rese popolari.

Philip Burne-Jones, Il vampiro, 1897.

Una delle prime testimonianze di attività di vampiri risale al 1672, nella regione dell'Istria, al confine tra Austria e Repubblica Veneta (oggi Croazia).[61] Cronache locali citano il vampiro Jure Grando del villaggio di Khring vicino Tinjan come la causa del panico tra i paesani.[62] Grando, un ex bracciante, morì nel 1656, ma i paesani del posto dichiararono che fosse tornato dal mondo dei morti, che avesse iniziato a bere sangue umano e che importunasse sessualmente le donne del villaggio. Il capo del villaggio ordinò che gli si piantasse un paletto nel cuore, ma quando questo metodo non sembrò bastare, il corpo di Grando venne decapitato.[63]

Durante il XVIII secolo, vi fu un impeto frenetico di avvistamenti di vampiri nell'Europa dell'est, con frequenti rituali (che comprendevano impalare o disseppellire un corpo) per individuare potenziali morti viventi, a cui partecipavano anche ufficiali del governo.[64] Nonostante si trattasse dell'era dell'Illuminismo, durante il quale numerose leggende folkloristiche vennero domate, la credenza nei vampiri aumentò drasticamente, creando un'isteria di massa in tutta Europa.[58] Il panico nacque con la notizia di attacchi di vampiri nella Prussia occidentale nel 1721 e nella Monarchia di Habsburg dal 1725 al 1734, da cui si diffuse in altre località. Due casi famosi di vampirismo, i primi ad essere ufficialmente verbalizzati, furono quelli dei cadaveri dei serbi Peter Plogojowitz e Arnold Paole. Plogojowitz era morto all'età di 62 anni, ma si credeva fosse tornato nel mondo dei vivi e avesse chiesto al figlio del cibo. Il figlio si rifiutò di sfamarlo, e fu trovato morto il giorno seguente. Plogojowitz sarebbe poi tornato e avrebbe attaccato alcuni suoi vicini di casa che morirono per gravi perdite di sangue.[64] Paole, invece, un ex soldato divenuto contadino che era stato attaccato da un vampiro anni prima, morì mentre era impegnato nella fienagione. Dopo la sua morte, delle persone morirono nei paraggi e si credette che Paole fosse tornato e avesse iniziato a cibarsi dei suoi vicini.[65] Un'altra famosa leggenda serba riguarda un tale Sava Savanović, che viveva in un mulino e uccideva e beveva il sangue dei mugnai. Questo personaggio folkloristico venne poi ripreso in un racconto scritto dal serbo Milovan Glišić e nel film horror serbo del 1973 Leptirica ad esso ispirato.

I due incidenti furono ben documentati: ufficiali governativi esaminarono i cadaveri, fecero rapporto e pubblicarono libri in tutta Europa.[65] L'isteria, comunemente conosciuta come la "Controversia sui vampiri del XVIII secolo", infuriò per una generazione. Il problema fu aggravato dalle epidemie rurali di acclamati attacchi di vampiri, causati indubbiamente dalla superstizione presente nelle comunità dei villaggi, dove venivano disseppelliti cadaveri e trafitti con paletti di legno. Nonostante molti studiosi dichiararono che i vampiri non esistevano, e attribuirono gli eventi a sepolture premature o alla malattia della rabbia, la superstizione aumentò. Don Augustine Calmet, un rispettato studioso e teologo francese, compose un esauriente saggio nel 1746, in cui però rimase ambiguo circa l'esistenza dei vampiri. Calmet raccolse testimonianze di incidenti riguardanti i vampiri; numerosi lettori, tra cui un critico Voltaire e demonologhi convinti, interpretarono il saggio come una dichiarazione di esistenza dei vampiri.[66] Nel suo Dizionario filosofico, Voltaire scrisse:[67]

« Questi vampiri erano cadaveri, che uscivano dalle loro tombe la notte per succhiare il sangue dei vivi, sia dalle loro gole che dai loro stomachi, e poi tornavano nei loro cimiteri. Le persone a cui succhiarono il sangue si indebolivano, divenivano pallide e iniziavano a consumarsi, mentre i cadaveri che succhiavano il sangue prendevano peso, la loro carnagione si faceva rosea e godevano di un grande appetito. Fu in Polonia, Ungheria, Slesia, Moravia, Austria e nella Lorena che i morti poterono così gioire. »

La controversia cessò solamente quando l'Imperatrice Maria Teresa d'Austria mandò il suo medico personale, Gerard van Swieten, a investigare sulle acclamazioni di entità vampiresche. Egli concluse che i vampiri non esistevano e l'Imperatrice approvò una legge che proibiva l'apertura e la profanazione delle tombe e dei cadaveri, ponendo fine alla controversia. Nonostante ciò, i vampiri continuarono ad esistere nelle arti e in alcune superstizioni locali.[66]

Il tema del vampirismo interessò anche teologi e naturalisti italiani nel corso del XVIII secolo[68]. Una delle opere più discusse fu la "Dissertazione sopra i vampiri" di Giuseppe Davanzati, data alle stampe per la prima volta a Napoli nel 1774, nella nota e attivissima tipografia dei fratelli Raimondi. Il testo era stata già letto, in forma manoscritta, da esperti di medicina, teologia, diritto canonico, già all’inizio degli anni quaranta del XVIII secolo. Il marchese Scipione Maffei ne aveva tratto ispirazione per le sue riflessioni; il papa Benedetto XIV lo aveva apprezzato «sì per la dottrina, che per la vasta erudizione».

Prima di diventare arcivescovo di Trani, l’autore aveva viaggiato a lungo, in costante contatto con la corte pontificia. A Roma aveva frequentato l’accademia del cardinale Gualtieri, studiando il pensiero di Locke, Leibniz, Spinoza e Cartesio, e verificando per via sperimentale le teorie di Newton.

Aveva dimorato a Firenze e Venezia, fino ad arrivare nelle terre dell’Europa centrale e orientale, dove aveva sviluppato la sua curiosità per la credenza popolare nel vampirismo, che creava gravi problemi di ordine pubblico. Soprattutto nelle aree rurali, si pensava che alcuni defunti riuscissero a tornare in vita per compiere scorribande notturne, molestare i vivi, abbeverarsi del loro sangue, danneggiare il bestiame con morsi e violenze[69].

Credenze non europee[modifica | modifica sorgente]

Africa[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Il vampiro nel folklore africano.

Varie regioni africane possiedono racconti folkloristici di esseri con caratteristiche simili a quelle dei vampiri: nell'Africa occidentale il popolo degli Ashanti narra dell'asanbosam, una creatura dai denti di ferro che abita sugli alberi,[70] mentre il popolo Ewe narra dell'adze, che può prendere le sembianze di una lucciola e dà la caccia ai bambini.[71] La regione orientale del Capo tramanda la leggenda dell'impundulu, che può prendere le sembianze di un grosso uccello con gli artigli e può evocare tuoni e lampi, mentre il popolo Betsileo del Madagascar narra la leggenda del ramanga, un bandito o vampiro vivente che beve e si ciba delle unghie dei ricchi.[3] Il termine Loogaroo, che indica una creatura mitologica simile a un vampiro, probabilmente deriva dal francese loup-garou (che significa "licantropo") ed è molto comune nella cultura di Mauritius.

Le Americhe[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Il vampiro nel folklore americano.
La tomba di Mercy Brown.

I racconti sui loogaroo sono diffusi anche nelle isole caraibiche e in Louisiana, negli Stati Uniti.[72] Simili mostri femminili sono la Soucouyant di Trinidad, la Tunda e la Patasola del folklore colombiano, mentre i Mapuche del Cile del sud narrano di Peuchen, un serpente succhiatore di sangue.[73] Secondo alcune superstizioni sudamericane dell'aloe vera appesa sulla porta d'ingresso avrebbe la capacità di scacciare i vampiri.[25] La mitologia azteca narra dei Cihuateteo, spiriti dal viso scheletrico di coloro che sono morte di parto, che rubano bambini e intraprendono relazioni sessuali con i vivi, portandoli alla pazzia.[74]

Durante il tardo XVIII e XIX secolo le credenze sui vampiri si diffusero in parti del New England, specialmente nel Rhode Island e nel Connecticut orientale. Vi sono numerosi casi documentati di persone che dissotterravano i propri cari per rimuovere il loro cuore nella convinzione che il defunto fosse un vampiro e che fosse responsabile di morti e malattie in famiglia. In realtà non veniva mai usato il termine vampiro per indicare la malattia. Si credeva che la malattia mortale della tubercolosi, nota all'epoca come "consunzione", fosse causata dalle visite notturne da parte di un membro della famiglia morto anch'egli della stessa malattia.[75]

Il più recente e documentato caso di sospetto vampirismo fu quello della diciannovenne Mercy Brown, che morì a Exeter, Rhode Island nel 1892. Suo padre, assistito dal medico di famiglia, la rimosse dalla tomba due mesi dopo la sua morte, le tagliò via il cuore e lo bruciò riducendolo in cenere.[76]

Asia[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Il vampiro nel folklore orientale.
Nukekubi in un’illustrazione del periodo Edo.

Radicate in vecchi folklori, moderne credenze si sono diffuse in tutta l'Asia, dai ghoul della terraferma fino agli esseri vampireschi delle isole del Sudest asiatico. Anche in India sono nate nuove leggende sui vampiri. Il bhūta o prét è l'anima di un uomo morto prematuramente. Si muove di notte, animando cadaveri e attaccando i vivi, similmente a un ghoul.[77] Nell'India del nord viene narrato di una creatura simile ai vampiri, il brahmarākŞhasa, caratterizzato dalla testa cinta di interiora e un teschio da cui beve sangue. Secondo la fede induista, queste creature sono reali. Il loro corpo è costituito da quattro dei cinque elementi: Aria, Materia Oscura (Spazio), Fuoco e Terra. L'assenza dell'acqua indica l'imperitura ricerca da parte del vampiro di soddisfare la sua sete con il sangue. I vampiri sono inoltre esseri demoniaci condannati a bere sangue umano, anatema compensato però da altri poteri oscuri. La forza e la durezza dei loro corpi è dovuta alla mancanza di liquidi.

Nonostante i vampiri appaiano nel cinema giapponese sin dagli anni cinquanta, il folklore alla base ha origini occidentali.[78] La creatura più simile al vampiro è forse il nukekubi, la cui testa e collo sono in grado di staccarsi dal corpo per volare via e andare a caccia di prede umane.[79]

Il Manananggal della mitologia filippina

Leggende di esseri femminili simili a vampiri esistono però nelle Filippine, in Malesia e in Indonesia. Nelle Filippine, le due maggiori creature sono il mandurugo (letteralmente "succhia-sangue") del popolo dei Tagalog e il manananggal ("creatura che si divide in parti") dei Visayan. La prima è una variazione dell'aswang, che prende le sembianze di un'attraente ragazza di giorno, mentre di notte le crescono ali e una lunga lingua concava e fine. La lingua viene usata per succhiare sangue dalle proprie vittime addormentate. La seconda, invece, è descritta come una più matura ma comunque bellissima donna, capace di prendere il volo grazie ad enormi ali di pipistrello, che si nutre di donne incinte addormentate e inconsapevoli. Usa una lingua lunga quanto una proboscide per succhiare via i feti dai grembi materni. Talvolta si cibano di interiora (specialmente cuore e fegato) e del muco delle persone malate.[80]

Il malese penanggalan potrebbe essere una giovane o vecchia donna, in ogni caso attraente, che ha ottenuto la sua bellezza per mezzo della magia nera ed è spesso descritta nel folklore come un essere oscuro o demoniaco. È in grado di staccare dal corpo la sua testa zannuta e di farla volare nella notte in cerca di sangue, in genere di donne incinte.[81] I malesi spesso attaccano jeruju (cardi) sulle porte e sulle finestre delle case, sperando di scacciare il penanggalan.[82] Il leyak è un essere simile del folklore di Bali.[83] Un kuntilanak o matianak in Indonesia,[84] o un pontianak o langsuir in Malesia,[85] è una donna morta di parto divenuta una non morta, che in cerca di vendetta terrorizza villaggi. Appare come una donna attraente con lunghi capelli neri che ricoprono un buco sulla base della nuca, col quale succhia il sangue dei bambini. Ricoprire il buco con i suoi capelli la farebbe scappare via. Alcuni cadaveri potrebbero inoltre avere perle di vetro infilate nella bocca, uova sotto ciascuna ascella, e aghi conficcati nei palmi delle mani per prevenire che si trasformino in langsuir.[86]

Gli jiang shi (僵屍 o 殭屍, 僵尸; letteralmente "cadavere rigido"), chiamati anche "vampiri cinesi" dagli occidentali, sono cadaveri rianimati che uccidono i vivi per assorbire la loro linfa vitale (). Si dice che nascano quando un'anima non è in grado di vivere nel corpo del defunto.[87] A differenza dei vampiri, gli jiang shi sono creature senza mente e non hanno ragionamenti propri.[88]

Credenze moderne[modifica | modifica sorgente]

James Randi, razionalista e oppositore delle pseudoscienze, prepara una trappola per catturare un chupacabra durante una dimostrazione.

Nella moderna finzione, il vampiro tende ad essere raffigurato come un personaggio malvagio dalla personalità suadente e carismatica.[19] Nonostante il generale scetticismo nei confronti di queste entità, vengono occasionalmente riportati avvistamenti di vampiri. Naturalmente, le società cacciatrici di vampiri esistono ancora, ma sono tuttavia create solo per ragioni sociali.[58] Dichiarazioni di attacchi da parte dei vampiri vennero formulate nel paese africano del Malawi tra il 2002 e il 2003, quando una folla tumultuosa lapidò a morte una persona e ne attaccò altre quattro, incluso il governatore Eric Chiwaya, che secondo le dicerie si era accordato con dei vampiri.[89]

Nei primi anni settanta la stampa locale diffuse voci secondo le quali un vampiro aveva infestato il cimitero londinese di Highgate. Cacciatori di vampiri amatoriali si riunirono in gran numero nel cimitero. Numerosi libri vennero scritti sul caso, fra gli altri quello di Sean Manchester, un londinese che fu uno dei primi a suggerire l'esistenza del vampiro di Highgate e che dichiarò successivamente di aver esorcizzato e distrutto un intero covo di vampiri della zona.[90] Nel gennaio 2005, circolò una diceria di un attacco avvenuto a Birmingham, in Inghilterra, seguito dall'ipotesi della presenza di un vampiro che circolava libero per le strade. In quel caso, come dichiarò la polizia, si trattò di una leggenda metropolitana.[91]

Nel 2006, un professore di fisica alla University of Central Florida scrisse un saggio in cui spiegò che è matematicamente impossibile che esistano i vampiri basandosi sulla progressione geometrica. Secondo questo saggio, se il primo vampiro fosse apparso il 1º gennaio del 1600 e si fosse nutrito una volta al mese (cioè meno frequentemente di quanto avvenga nelle leggende folkloristiche) e tutte le sue vittime fossero divenute vampiri, allora in soli due anni e mezzo tutta la popolazione mondiale dell'epoca sarebbe stata vampirizzata.[92]

Uno dei più famosi casi di entità vampiriche nell'età moderna è quello dei chupacabra di Puerto Rico e del Messico. È leggenda che siano creature che si nutrono di carne fresca e di sangue di animali domestici. L'isteria per i chupacabra venne spesso associata a profonde crisi economiche e politiche, in particolare durante gli anni novanta.[93]

In Europa, dove la maggior parte del folklore vampiresco ebbe origine, il vampiro viene considerato una creatura di fantasia, nonostante alcune comunità abbiano accettato l'idea di fantasma redivivo per scopi economici. In alcuni casi, specialmente in piccole comunità, la paura per i vampiri è ancora radicata e avvistamenti o rivendicazioni di attacchi di vampiri accadono frequentemente. In Romania, nel febbraio 2004, numerosi parenti di Toma Petre ebbero il timore che questi fosse divenuto un vampiro. Fecero quindi dissotterrare il corpo, gli bruciarono il cuore e mischiarono le ceneri ad acqua per poi berle.[94]

Il vampirismo e lo stile gotico rappresentano una parte rilevante dei moderni movimenti dell'occulto. Il mito del vampiro, le sue qualità magiche, il fascino e l'archetipo del predatore esprimono un forte simbolismo che può essere utilizzato nei rituali e negli atti di magia e può perfino essere adottato come sistema spirituale.[95] Il vampiro è stato parte della società paranormale europea per secoli e da decenni ormai si è allo stesso modo inserito anche nella sub-cultura americana, mischiandosi all'estetica neogotica.[96]

Origini delle credenze sui vampiri[modifica | modifica sorgente]

Molte teorie per le origini delle credenze sui vampiri sono state offerte come spiegazione per la superstizione, e talvolta isteria di massa, causata dai vampiri: sono state citate la sepoltura prematura e in particolar modo la grave ignoranza circa ciò che avviene al corpo umano dopo la morte (mala interpretazione del ciclo di decomposizione).

Spiritualismo slavo[modifica | modifica sorgente]

Una kikimora illustrata da Ivan Bilibin.

Nonostante molte altre culture tramandino superstizioni riguardanti non morti o altri spiriti redivivi (revenant), quello concepito dalla mitologia slava è considerato il vampiro per eccellenza. Le radici della convinzione dell'esistenza dei vampiri in questa cultura sono basate sulle credenze e pratiche pre-cristiane del popolo slavo e sulla loro concezione di oltretomba. Nonostante la mancanza di scrittori slavi pre-cristiani che descrivessero i dettagli della "vecchia religione", molte credenze spirituali pagane e rituali sono rimasti radicati nel popolo slavo anche dopo l'avvento del Cristianesimo. Esempi di queste credenze includono il culto degli antenati, delle divinità protettrici della casa e la convinzione che l'anima sopravviva alla morte terrena.

Demoni e spiriti ebbero importanti funzioni nella società slava pre-industriale e si credeva che potessero interagire con la vita degli uomini. Alcuni spiriti erano benevoli e aiutavano l'uomo, mentre altri erano pericolosi e potenzialmente distruttivi. Alcuni esempi di questi spiriti sono il domovoi, le rusalki, le vila, la kikimora, la poludnitsa e il vodyanoy. Si pensava inoltre che questi spiriti derivassero dagli avi o altri umani deceduti. Potevano apparire in diverse forme, compresa quella animale o umana. Gli spiriti malevoli partecipavano in crudeli attività, come l'affogamento di umani, la distruzione del raccolto, o il succhiare il sangue del bestiame e talvolta degli umani. Gli slavi erano dunque obbligati ad appagare tali spiriti per prevenire il loro comportamento distruttivo.[97]

Secondo le credenze slave, vi era una netta distinzione tra corpo e anima. Questa era imperitura e alla morte del corpo avrebbe vagato per quarant'anni prima di trovare pace nell'oltretomba eterno.[97] Per questo motivo, alla morte di un parente, veniva lasciata una finestra aperta, di modo che l'anima potesse entrare e uscire a suo piacimento. Si credeva che durante questo periodo l'anima avesse la capacità di poter rientrare nel corpo del defunto. Così come per i demoni, anche le anime potevano avere un effetto sia positivo che negativo a seconda della loro natura. Molti riti sepolcrali avevano lo scopo di assicurare la purezza dell'anima, ora che si era separata dal corpo. La morte di un bambino non battezzato, un morte violenta o prematura, la morte di un grave peccatore (come uno stregone o un assassino) o una sepoltura non appropriata erano tutte cause di impurità dell'anima. Un'anima impura era molto temuta dagli slavi, poiché era potenzialmente vendicativa.[98]

Da queste credenze riguardo alla morte e all'anima deriva il concetto slavo di vampiro. Un vampiro è la manifestazione di una spirito impuro che sta possedendo un corpo in decomposizione. Questa creatura non morta è vendicativa e gelosa nei confronti dei vivi, da cui succhia sangue per sopravvivere.[99]

Patologia[modifica | modifica sorgente]

Decomposizione[modifica | modifica sorgente]

Paul Barber nel suo libro Vampires, Burial and Death illustra come la credenza nei vampiri tragga origine dal tentativo delle società pre-industriali di spiegare il naturale processo di decomposizione di un corpo dopo la morte.[100]

Spesso le persone ritenevano che un cadavere si fosse trasformato in vampiro, quando non aveva un aspetto che loro ritenevano congruo con lo stato di morte. La decomposizione dipende dalla temperatura, dalla composizione chimica del terreno, dal tipo di sepoltura e da altri fattori, allora poco conosciuti. All'epoca i cacciatori di vampiri sospettavano di vampirismo un corpo che presentava i segni della decomposizione e ciò nasceva, sempre secondo Barber,[101] dall'erronea conclusione che quest'ultima attività, appunto perché tale, indicava una sorta di vita post-mortem.

I cadaveri si gonfiavano di gas accumulati nel tronco e la pressione forzava il sangue ad uscire dal naso e dalla bocca. Per questo motivo il corpo sembrava gonfio, ben nutrito e dalla carnagione sanguigna, caratteristiche che potevano spaventare, soprattutto se il defunto in vita era stato magro e pallido. Nel caso di Arnold Paole, il cadavere riesumato di una donna sembrò ai paesani più sano di quanto la donna lo fosse stata in vita.[45] Il trasudare sangue venne interpretato come prova di attività vampiresca.[29] Anche il divenire scuro della pelle è causato dalla decomposizione,[102] ma all'epoca veniva interpretato come uno dei numerosi indizi di vampirismo. Il rigonfiamento del cadavere in decomposizione poteva causare la sfuggita di gas dal corpo: se questo fosse passato attraverso le corde vocali avrebbe potuto produrre suoni simili a gemiti o flatulenza nel caso fosse passato attraverso l'ano.[103]

Dopo la morte, la pelle e le gengive perdevano liquidi e si contraevano, esponendo alla vista le radici di capelli, unghie e denti. Questo fenomeno fece credere che i capelli, le unghie e i denti stessero continuando a crescere dopo la morte.[103] Tutto ciò contribuiva a confermare una ricca attività post-mortem e rendeva sospetta la vera natura del cadavere dissotterrato.

Sepoltura prematura[modifica | modifica sorgente]

Antoine Wiertz, The Premature Burial, 1854

È anche stato ipotizzato che le leggende sui vampiri fossero influenzate da singoli individui sepolti vivi a causa delle mancate conoscenze mediche dell'epoca. In alcuni casi in cui delle persone avevano sentito dei rumori provenire dall'interno di una tomba, si erano poi scoperti, scoperchiandola, segni di unghiate sulla bara, da cui la vittima aveva tentato di fuggire. In altri casi la persona sepolta viva aveva battuto la testa contro la bara, sanguinando dal naso e dalla bocca; il sangue fece credere a chi aveva dissotterrato la bara che il cadavere si fosse "nutrito".[104] Altre volte i rumori erano causati, come già spiegato, dalla fuoriuscita di gas durante la decomposizione.[105] Un'altra causa di tomba trovata incomposta erano inoltre le frequenti profanazioni.[106]

Contagio[modifica | modifica sorgente]

Il vampirismo folkloristico è stato associato alle morti per misteriose o non identificabili malattie, spesso presenti in una particolare famiglia o comunità.[75] L'allusione all'epidemia è palese nei casi di Peter Plogojowitz e Arnold Paole, e ancor di più nel caso di Mercy Brown e nelle credenze sui vampiri del New England in generale, dove una specifica malattia, la tubercolosi, era associata agli attacchi dei vampiri. Così come la forma polmonare della peste bubbonica, questa malattia causava danni ai polmoni e faceva uscire sangue dalla bocca.[107]

Porfiria[modifica | modifica sorgente]

Nel 1985 il biochimico David Dolphin propose un collegamento tra la rara malattia del sangue porfiria e il folklore sui vampiri. Notando che la condizione viene trattata con eme intravenoso, egli suggerì che la consumazione di grandi quantità di sangue potesse in qualche modo trasportare l'eme attraverso la parete dello stomaco fino al circolo del sangue. I vampiri non erano quindi che malati di porfiria che bevevano sangue a sufficienza da alleviarne i sintomi.[108] La teoria fu successivamente respinta, poiché si scoprì che il sangue non alleviava affatto i sintomi né tantomeno i malati di questa malattia sentivano l'urgenza impellente di nutrirsi di sangue. Inoltre, Dolphin aveva confuso i vampiri della finzione con quelli del folklore, la maggior parte dei quali non si nutrivano di sangue.[109] Similmente, viene fatto un parallelismo tra la sensibilità alla luce del sole dei vampiri e la fotofobia causata dalla porfiria; anche in questo caso, si tratta di una caratteristica che non era presente nel folklore originale, ma nacque solo successivamente. In ogni caso, Dolphin non proseguì nel diffondere le sue scoperte.[110] Nonostante sia stato rigettato dalla comunità scientifica, il collegamento alla porfiria ottenne l'attenzione dei media[111] ed entrò a far parte del moderno folklore popolare.[112]

Rabbia[modifica | modifica sorgente]

La malattia della rabbia è stata collegata al folklore vampiresco. Il dottor Juan Gómez-Alonso, un neurologo all'Ospedale Xeral a Vigo, in Spagna, scrisse di questa possibilità nella rivista scientifica Neurology. La suscettibilità all'aglio e alla luce potrebbero essere dovute a una ipersensibilità, che è sintomo della rabbia. La malattia può inoltre attaccare parti del cervello e causare disturbi del sonno (schemi del dì e della notte ribaltati) e ipersessualità. Secondo una diceria, se il paziente riusciva a riflettersi nello specchio, allora non era malato di rabbia. Lupi e pipistrelli, che sono spesso associati ai vampiri, possono essere entrambi portatori di rabbia. Questa malattia, inoltre, può portare a mordere altre persone e a perdere sangue dalla bocca.[113][114]

Interpretazione psicoanalitica[modifica | modifica sorgente]

Nel suo trattato del 1931 On the Nightmare, lo psicoanalista gallese Ernest Jones scrisse che i vampiri sono il simbolo di numerosi meccanismi di difesa inconsci. Amore, senso di colpa e odio sono emozioni che spingono il defunto a uscire dalla propria tomba. Poiché coloro che si ritrovano in lutto desiderano ricongiungersi con i propri cari estinti, potrebbero aver proiettato l'idea che anche il defunto voglia lo stesso. Di qui sarebbe quindi nata la credenza che i vampiri facciano visita ai loro familiari, in primis le mogli.[115] Nei casi però in cui si era radicato nel rapporto un profondo senso di colpa, il desiderio di riunificazione venne sostituito da uno stato d'ansia, che portò a una rimozione, meccanismo psicologico che lo stesso Sigmund Freud collegò alla paura dell'occulto.[116] Jones suppose che in questo caso l'originale desiderio di un riavvicinamento (sessuale) si fosse tramutato drasticamente in paura; l'amore è sostituito dal sadismo, e l'oggetto o la persona amata è sostituita da un'entità sconosciuta. L'aspetto sessuale potrebbe essere presente come non esserlo.[117]

L'innata sessualità del succhiare il sangue è legata al cannibalismo e a comportamenti simili a quelli dei demòni incubi. Molte leggende narrano di esseri che succhiano i liquidi ad altre creature, e sembra palese un'associazione con lo sperma. Infine Jones notò che, mentre normali aspetti della sessualità sono repressi, forme regresse, come il sadismo, vengono invece espresse; e che il sadismo orale in particolare fosse parte integrante dei vampiri.[118]

Interpretazione politica[modifica | modifica sorgente]

La reinvenzione del mito del vampiro nell'era moderna non esclude sfumature politiche.[119] L'aristocratico Conte Dracula, solo nel suo castello fatta eccezione di alcuni servitori pazzi, apparendo solo di notte per nutrirsi dei suoi compaesani, simboleggia il parassitico ancien régime. Nel film Nosferatu, il principe della notte di Werner Herzog, il giovane agente immobiliare protagonista del film diventa vampiro lui stesso, portando il capitalismo borghese a essere la nuova classe parassita.[120] Già Voltaire d'altronde aveva notato, riportandolo nella voce "Vampiri" all'interno del suo "Dizionario filosofico" (1764), come la fine del diciottesimo secolo avesse coinciso con l'indebolimento della credenza folclorica nel vampiro come creatura magica ma non con la fine dello sfruttamento e del parassitismo sociale che erano da considerare alla base di quella credenza. Ora "ci sono finanzieri, faccendieri e uomini d'affari che succhiano il sangue del popolo in pieno giorno; ma non sono morti, anche se corrotti. Questi parassiti non vivono in cimiteri, ma in confortevoli palazzi"[121]. Marx a sua volta definirà notoriamente il capitale come "“lavoro morto che, come un vampiro, vive soltanto succhiando lavoro vivo, e tanto più vive tanto più è in grado di succhiare”[122]. In Das Kapital Marx più volte fa riferimento al vampiro come metafora del capitale, sottolineando come entrambi siano accomunati da un metabolismo mostruoso e innaturale. Tramite i riferimenti al vampiro, Marx mostra come il capitale non solo si nutra del lavoro vivo estratto dalla classe lavoratrice, ma in questo modo cresca e si moltiplichi, tendendo a ridurre la classe operaia a una parte integrale del proprio processo riproduttivo.[123].

Subculture gotiche[modifica | modifica sorgente]

Lo stile di vita dei vampiri si identifica in una subcultura di persone, spesso legata al movimento gotico, che consumano sangue per passatempo; attingendo dalla ricca storia recente di cultura popolare del simbolismo di culto, dei film horror, da universi fantastici creati da scrittori come Anne Rice e dallo stile dell'Inghilterra vittoriana.[124] Il vampirismo moderno è di due tipi: uno legato al sangue (il vampirismo sanguigno) e uno legato a una cosiddetta energia pranica (vampirismo psichico).[125]

Pipistrelli vampiri[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Vampiro (disambigua)#Pipistrelli e Pipistrelli vampiri.
Il Desmodus rotundus ha abitudini ematofaghe.

Nonostante molte culture abbiano storie al riguardo, i pipistrelli vampiri sono divenuti parte integrante del folklore popolare dei vampiri solo recentemente. Miti sui pipistrelli vampiri risalgono al XVI secolo, quando ne furono scoperti nel sud America.[17] Anche in Europa pipistrelli e uccelli strigiformi (gufi, civette, barbagianni) sono sempre stati associati al soprannaturale e a presagi, specialmente per le loro abitudini notturne.[17][126] Nella tradizione inglese araldica il pipistrello è simbolo di "conoscenza dei poteri dell'oscurità e del caos".[127]

Le tre specie dei veri pipistrelli vampiri sono tutti originari dell'America Latina e nessuna prova suggerisce che possano aver avuto parenti alla lontana nel Vecchio Continente. È dunque impossibile che il vampiro folkloristico rappresenti una distorta rappresentazione della memoria di un pipistrello vampiro. I pipistrelli vennero chiamati così per via del personaggio del folklore e non viceversa. Nonostante questa specie di pipistrelli non sia pericolosa per l'uomo, è noto che l'animale si sia nutrito di bestiame e talvolta di sangue umano, lasciando il segno di due fori sul collo della sua vittima.[17]

Il letterario Conte Dracula è in grado di trasformarsi in un pipistrello, e i pipistrelli vampiri sono citati due volte nel romanzo.

Vampiri nella cultura di massa[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Vampiri nella cultura popolare.

La figura del vampiro è oggetto di numerose opere di fantasia sin dal XIX secolo: il primo racconto breve di una certa influenza fu Il vampiro di John Polidori, pubblicato nel 1819; la figura del vampiro venne in seguito ripresa in opere teatrali e in pubblicazioni seriali di dime novel finché nel 1897 Bram Stoker scrisse il romanzo vampiresco più celebre di tutti i tempi, Dracula.[128]

Col passare del tempo, alcune caratteristiche non presenti nel folklore originale sono state incorporate nel profilo del vampiro: canini appuntiti apparirono per la prima nel XIX secolo con i denti sporgenti di Varney il vampiro e del Conte Dracula[129] e la paura della luce del giorno venne introdotta con il vampiro Nosferatu di Friedrich Wilhelm Murnau (1922).[130] Il mantello apparve in produzioni teatrali degli anni venti del XX secolo, con un alto collare bianco introdotto dallo sceneggiatore Hamilton Deane per aiutare Dracula a svanire dal palcoscenico.[131] L'immortalità infine è un attributo presente nel folklore originario, anche se non sempre in modo esplicito, ed è largamente usato nelle opere cinematografiche e letterarie moderne.[132] Uno dei tanti film del passato basati sui vampiri è " la regina dei dannati " (film del 2002). Sono famose le moderne saghe cinematografiche di Underworld (primo film della saga nel 2003) e di Twilight (primo film della saga nel 2008) oltre ad altri film basati sui vampiri come Van Helsing (film del 2004 del regista Sommers con attori principali Hugh Jackman che interpreta proprio Van Helsing e Kate Beckinsale) o come la saga basata della collana Marvel Comics basata sul Marvel Knight - vampiro Blade (W.Snipes) detto " il diurno ", un vampiro diverso in quanto è un vampiro che può agire di giorno e che aiuta gli umani dando la caccia agli altri vampiri (il primo film della saga è del 1998); nonché serial televisivi di grande fortuna come True Blood e The Vampire Diaries.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Levkievskaja 1997
  2. ^ Créméné, p. 89
  3. ^ a b Bunson 1993, p. 219
  4. ^ Alan Dundes, The Vampire: A Casebook, University of Wisconsin Press, 1998, p. 13, ISBN 0-299-15924-8.
  5. ^ (EN) Vampire, vol. 27, Encyclopaedia Britannica Company, 1911, p. 876.
  6. ^ (EN) Brian Frost, The Monster with a Thousand Faces: Guises of the Vampire in Myth and Literature, 1989, p. 3.
  7. ^ a b Alain Silver, James Ursini, The Vampire Film: From Nosferatu to Bram Stoker's Dracula, New York, Limelight, 1993, pp. 22-23, ISBN 0-87910-170-9.
  8. ^ (EN)  Christopher Frayling, Nightmare: The Birth of Horror; Dracula, BBC, 1996.
  9. ^ (EN) Susan Sellers, Myth and Fairy Tale in Contemporary Women's Fiction, 2001, p. 85.
  10. ^ (RU) Sergei Aleksandrovich Tokarev, Mify Narodov Mira ("Myths of the Peoples of the World"), Sovetskaya Entsiklopediya, Moscow, 1982, OCLC 7576647.
  11. ^ (DE) Deutsches Wörterbuch von Jacob Grimm und Wilhelm Grimm. 16 Bde. (in 32 Teilbänden). Leipzig: S. Hirzel 1854–1960. URL consultato il 13 giugno 2006.
  12. ^ (EN) Vampire, Merriam-Webster Online Dictionary. URL consultato il 13 giugno 2006.
  13. ^ a b (FR) Trésor de la Langue Française informatisé. URL consultato il 13 giugno 2006.
  14. ^ (FR) Albert Dauzat, Dictionnaire étymologique de la langue française, Paris, Librairie Larousse, 1938, OCLC 904687.
  15. ^ (EN) Peter Weibel, Phantom Painting – Reading Reed: Painting between Autopsy and Autoscopy, David Reed's Vampire Study Center. URL consultato il 23 febbraio 2007 (archiviato dall'url originale il 27 settembre 2007).
  16. ^ Stefan Mladenov, Etimologičeski i pravopisen rečnik na bǎlgarskiya knižoven ezik, 1941.
  17. ^ a b c d Daniel Cohen, Encyclopedia of Monsters: Bigfoot, Chinese Wildman, Nessie, Sea Ape, Werewolf and many more..., Londra, Michael O'Mara Books Ltd, 1989, pp. 95-96, ISBN 0-948397-94-2.
  18. ^ Barber 1988, pp. 41-42
  19. ^ a b Barber 1988, p. 2
  20. ^ Barber 1988, p. 3
  21. ^ a b Reader's Digest Association, Vampires Galore! in The Reader's Digest Book of strange stories, amazing facts: stories that are bizarre, unusual, odd, astonishing, incredible ... but true, Londra, Reader's Digest, 1988, pp. 432–433, ISBN 0-949819-89-1.
  22. ^ Barber 1988, pp. 50-51
  23. ^ John Cuthbert Lawson, Modern Greek Folklore and Ancient Greek Religion, Cambridge, Cambridge University Press, 1910, pp. 405–06, OCLC 1465746.
  24. ^ Barber 1988, p. 49
  25. ^ a b (ES) Agustín Jaramillo Londoño, Testamento del paisa, Medellín, Susaeta Ediciones [1967], 1986, ISBN 958-95125-0-X.
  26. ^ Barber 1988, pp. 68-69
  27. ^ Barber 1988, p. 125
  28. ^ Barber 1988, p. 109
  29. ^ a b Barber 1988, pp. 114-115
  30. ^ a b Barber 1988, p. 96
  31. ^ Bunson 1993, pp. 168-169
  32. ^ Jenni Mappin, Didjaknow: Truly Amazing & Crazy Facts About... Everything, Australia, Pancake, 2003, p. 50, ISBN 0-330-40171-8.
  33. ^ Dagmar Burkhardt, Vampirglaube und Vampirsage auf dem Balkan in Beiträge zur Südosteuropa-Forschung: Anlässlich des I. Internationalen Balkanologenkongresses in Sofia 26. VIII.-1. IX. 1966, Munich, Rudolf Trofenik, 1966, p. 221, OCLC 1475919.
  34. ^ a b Lewis Spence, An Encyclopaedia of Occultism, New Hyde Parks, University Books, 1960, OCLC 3417655.
  35. ^ a b Alain Silver, James Ursini, The Vampire Film: From Nosferatu to Bram Stoker's Dracula, New York, Limelight, 1993, p. 25, ISBN 0-87910-170-9.
  36. ^ Barber 1988, p. 73
  37. ^ Marija Alseikaite-Gimbutiene, Die Bestattung in Litauen in der vorgeschichtlichen Zeit, Tübingen, 1946, OCLC 1059867.
  38. ^ T.P. Vukanović, The Vampire, vol. 38, Journal of the Gypsy Lore Society, 1959, pp. 111–18.
  39. ^ Joseph Klapper, Die schlesischen Geschichten von den schädingenden Toten, vol. 11, Mitteilungen der schlesischen Gesellschaft für Volkskunde, 1909, pp. 58–93.
  40. ^ A. Löwenstimm, Aberglaube und Stafrecht, Berlin, 1897, p. 99.
  41. ^ H. Bachtold-Staubli, Handwörterbuch des deutschen Aberglaubens, Berlin, 1934–35.
  42. ^ Milenko Filipovic, Die Leichenverbrennung bei den Südslaven, vol. 10, Wiener völkerkundliche Mitteilungen, 1962, pp. 61–71.
  43. ^ Barber 1988, p. 158
  44. ^ Barber 1988, p. 173
  45. ^ a b Barber 1988, p. 157
  46. ^ (EN) Ariel David, Italy dig unearths female 'vampire' in Venice, 15 marzo 2009. URL consultato il 29 dicembre 2011.
  47. ^ Bunson 1993, p. 154
  48. ^ (EN) God of Ancient Egypt: Sekhmet, Ancient Egypt Online. URL consultato il 28 dicembre 2011.
  49. ^ Raymond T. McNally, Radu., Florescu, In Search of Dracula, Houghton Mifflin, 1994, p. 117, ISBN 0-395-65783-0.
  50. ^ Jean Marigny, Vampires: The World of the Undead, Londra, Thames & Hudson, 1993, pp. 24-25, ISBN 0-500-30041-0.
  51. ^ Sir Richard R. Burton, Vikram and The Vampire:Classic Hindu Tales of Adventure, Magic, and Romance, Londra, Tylston and Edwards [1870], 1893. URL consultato il 28 settembre 2007.
  52. ^ Bunson 1993, p. 200
  53. ^ Bunson 1993, pp. 140-141
  54. ^ Jean Marigny, Vampires: The World of the Undead, Londra, Thames & Hudson, 1993, p. 14, ISBN 0-500-30041-0.
  55. ^ a b "The Empusae", Graves 1990, pp. 189-190
  56. ^ a b "The Lamia", Graves 1990, pp. 205-206
  57. ^ Samuel Grant Oliphant, The Story of the Strix: Ancient, vol. 44, Transactions and Proceedings of the American Philological Association, 1º gennaio 1913, pp. 133–49, DOI:10.2307/282549, ISSN 00659711.
  58. ^ a b c Daniel Cohen, Encyclopedia of Monsters: Bigfoot, Chinese Wildman, Nessie, Sea Ape, Werewolf and many more..., Londra, Michael O'Mara Books Ltd, 1989, pp. 271-274, ISBN 0-948397-94-2.
  59. ^ Guglielmo di Newburgh, Paul Halsall, Historia rerum Anglicarum, Fordham University, 2000. URL consultato il 16 ottobre 2007.
  60. ^ Ernest 1931, p. 121
  61. ^ Leslie Klinger, Dracula's Family Tree in The New Annotated Dracula, New York, W.W. Norton & Company, Inc., 2008, p. 570, ISBN 978-0-393-06450-6.
  62. ^ Steve Pile, Dracula's Family Tree in Real cities: modernity, space and the phantasmagorias of city life, Londra, Sage Publications Ltd, 2005, p. 570, ISBN 0-7619-7041-X.
  63. ^ Richard Caron, Dracula's Family Tree in Ésotérisme, gnoses & imaginaire symbolique: mélanges offerts à Antoine Faivre, Belgium, Peteers, Bondgenotenlaan 153, 2001, p. 598, ISBN 90-4290955-2.
  64. ^ a b Barber 1988, pp. 5-9
  65. ^ a b Barber 1988, pp. 15-21
  66. ^ a b Olgee Hoyt, The Monk's Investigation in Lust for Blood: The Consuming Story of Vampires, Chelsea, Scarborough House, 1984, pp. 101–06, ISBN 0-8128-8511-2.
  67. ^ Voltaire, Philosophical Dictionary, Penguin [1764], 1984, ISBN 014044257X.
  68. ^ http://santamiracolierivoluzione.it/santi-vampiri/
  69. ^ P. Palmieri, La santa, i miracoli e la Rivoluzione. Una storia di politica e devozione, Bologna, Il Mulino, 2012. ISBN 978-88-15-24107-8, pp. 29-34
  70. ^ Bunson 1993, p. 11
  71. ^ Bunson 1993, p. 2
  72. ^ Bunson 1993, pp. 162-163
  73. ^ (ES) Oscar Martinez Vilches, Chiloe Misterioso: Turismo, Mitologia Chilota, leyendas, Chile, Ediciones de la Voz de Chiloe, 1992, p. 179, OCLC 33852127.
  74. ^ Reader's Digest Association, Vampires Galore! in The Reader's Digest Book of strange stories, amazing facts: stories that are bizarre, unusual, odd, astonishing, incredible... but true, Londra, Reader's Digest, 1988, pp. 432–433, ISBN 0-949819-89-1.
  75. ^ a b Paul S. Sledzik, Nicholas Bellantoni, Bioarcheological and biocultural evidence for the New England vampire folk belief, vol. 94, nº 2, American Journal of Physical Anthropology, giugno 1994, pp. 269–274, DOI:10.1002/ajpa.1330940210, ISSN 0002-9483, PMID 8085617.
  76. ^ Interview with a REAL Vampire Stalker, SeacoastNH.com. URL consultato il 14 giugno 2006.
  77. ^ Bunson 1993, pp.23-24
  78. ^ Bunson 1993, pp. 137-138
  79. ^ Lafcadio Hearn, Kwaidan: Stories and Studies of Strange Things, Boston, Houghton, Mifflin and Company, 1903.
  80. ^ Maximo D. Ramos, Creatures of Philippine Lower Mythology, Quezon, Phoenix Publishing [1971], 1990, ISBN 971-06-0691-3.
  81. ^ Bunson 1993, p. 197
  82. ^ Olgee Hoyt, The Monk's Investigation in Lust for Blood: The Consuming Story of Vampires, Chelsea, Scarborough House, 1984, p. 34, ISBN 0-8128-8511-2.
  83. ^ Michele Stephen, Witchcraft, Grief, and the Ambivalence of Emotions, vol. 26, nº 3, American Ethnologist, agosto 1999, pp. 711–737, DOI:10.1525/ae.1999.26.3.711.
  84. ^ Bunson 1993, p. 208
  85. ^ Bunson 1993, p. 150
  86. ^ Olgee Hoyt, The Monk's Investigation in Lust for Blood: The Consuming Story of Vampires, Chelsea, Scarborough House, 1984, p. 35, ISBN 0-8128-8511-2.
  87. ^ Nigel Suckling, Vampires, Londra, Facts, Figures & Fun, 2006, p. 31, ISBN 190433248X.
  88. ^ 天賜 劉, 僵屍與吸血鬼, Hong Kong, Joint Publishing (H.K.), 2008, p. 196, ISBN 978-962-04-2735-0.
  89. ^ Tenthani Raphael, 'Vampires' strike Malawi villages, BBC News, 23 dicembre 2002. URL consultato il 29 dicembre 2007.
  90. ^ Sean Manchester, The Highgate Vampire: The Infernal World of the Undead Unearthed at London's Highgate Cemetery and Environs, London, Gothic Press, 1991, ISBN 1-872486-01-0.
  91. ^ Jeffries Stuart, Reality Bites (Londra), The Guardian, 18 gennaio 2005. URL consultato il 29 dicembre 2007.
  92. ^ (EN) Math vs. vampires: vampires lose, world-science.net,, 25 ottobre 2006. URL consultato il 28 dicembre 2011.
  93. ^ Stephen Wagner, On the trail of the Chupacabras. URL consultato il 5 ottobre 2007.
  94. ^ Taylor T, The real vampire slayers (Londra), The Independent, 28 ottobre 2007. URL consultato il 14 dicembre 2007.
  95. ^ Hume, L., & Kathleen Mcphillips, K. (Eds.). (2006). Popular spiritualities: The politics of contemporary enchantment. Burlington, Ashgate Publishing.
  96. ^ Young, T. H. (1999). Dancing on Bela Lugosi's grave: The politics and aesthetics of Gothic club dancing. Dance Research, 17(1), 75–97.
  97. ^ a b Perkowski 1976, p. 23
  98. ^ Perkowski 1976, p. 21-25
  99. ^ Barber 1988, p. 197
  100. ^ Barber 1988, pp. 1-4
  101. ^ Paul Barber, Staking claims: the vampires of folklore and fiction, Skeptical Inquirer, 1º marzo 1996. URL consultato il 27 gennaio 2012.
  102. ^ Barber 1988, p. 105
  103. ^ a b Barber 1988, p. 119
  104. ^ Jean Marigny, Vampires: The World of the Undead, Londra, Thames & Hudson, 1993, pp. 48-49, ISBN 0-500-30041-0.
  105. ^ Barber 1988, p. 128
  106. ^ Barber 1988, pp. 137-138
  107. ^ Barber 1988, p. 115
  108. ^ Dolphin D (1985) "Werewolves and Vampires," annual meeting of American Association for the Advancement of Science.
  109. ^ Barber 1988, p. 100
  110. ^ Cecil Adams, Did vampires suffer from the disease porphyria—or not?, Chicago Reader, 7 maggio 1999. URL consultato il 25 dicembre 2007.
  111. ^ Claus A. Pierach, Vampire Label Unfair To Porphyria Sufferers, New York Times, 13 giugno 1985. URL consultato il 25 dicembre 2007.
  112. ^ Peter W. Kujtan, Porphyria: The Vampire Disease, The Mississauga News online, 29 ottobre 2005. URL consultato il 9 novembre 2009.
  113. ^ (EN) Juan Gómez-Alonso, Rabies: a possible explanation for the vampire legend, vol. 51, nº 3, Neurology, settembre 1998, pp. 856–9, ISSN 0028-3878, PMID 9748039.
  114. ^ Rabies-The Vampire's Kiss, BBC news, 24 settembre 1998. URL consultato il 18 marzo 2007.
  115. ^ Ernest 1931, pp. 110-112
  116. ^ Ernest Jones, The Pathology of Morbid Anxiety, vol. 6, nº 2, Journal of Abnormal Psychology, febbraio, pp. 81–106, DOI:10.1037/h0074306, ISSN 0195-6108, PMID 17296997.
  117. ^ Ernest 1931, p. 116
  118. ^ Ernest 1931, p. 116-120
  119. ^ David Glover, Vampires, Mummies, and Liberals: Bram Stoker and the Politics of Popular Fiction, Durham, NC., Duke University Press, 1996.
  120. ^ Tom Brass, Nymphs, Shepherds, and Vampires: The Agrarian Myth on Film, vol. 25, Dialectical Anthropology, 2000, pp. 205–237, DOI:10.1023/A:1011615201664.
  121. ^ Lemma 'vampiro'all'interno del Dictionnaire philosophique firmato da Voltaire: http://oll.libertyfund.org/?option=com_staticxt&staticfile=show.php%3Ftitle=1660&chapter=202474&layout=html&Itemid=27
  122. ^ Un'attenta discussione degli usi marxiani della metafora vampirica è disponibile in Policante, A. "Vampires of Capital: Gothic Reflections between horror and hope" in Cultural Logic, 2010.
  123. ^ Policante, A. "Vampires of Capital: Gothic Reflections between horror and hope" in Cultural Logic, 2010.
  124. ^ Skal 1993, pp. 342-343
  125. ^ A. Asbjorn Jon, The Psychic Vampire and Vampyre Subculture, vol. 12, Australian Folklore, 2002, pp. 143–148, ISSN 0819-0852.
  126. ^ Symbolic and Mythological Animals, Londra, Aquarian Press, 1992, pp. 25–26, ISBN 1-85538-118-4.
  127. ^ Heraldic "Meanings", American College of Heraldry. URL consultato il 30 aprile 2006.
  128. ^ Christopher Frayling (1992) Vampyres – Lord Byron to Count Dracula.
  129. ^ Skal, V for Vampire, p. 99.
  130. ^ Skal, V for Vampire, p. 104.
  131. ^ Skal, V for Vampire, p. 62.
  132. ^ Bunson, Vampires Encyclopedia, p. 131.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • AA.VV., Colloque de Cerisy. Les Vampires, Paris, Albin Michel, 1993.
  • Renato Agazzi, Il mito del vampiro in Europa, Poggibonsi, Antonio Lalli, 1979.
  • Paul Barber, Vampires, Burial and Death: Folklore and Reality, New York, Yale University Press, 1988, ISBN 0-300-04126-8.
  • Mario Barzaghi, Il mito del vampiro, Rubbettino Editore, Soveria Mannelli, 2010.
  • Carlo Bordoni, Conversazioni sul vampiro. Seduzione, malinconia, trasgressione nel mito letterario da Potocki a King, Palermo: Neopoiesis, 1995.
  • Matthew Bunson, The Vampire Encyclopedia, Londra, Thames & Hudson, 1993, ISBN 0-500-27748-6.
  • Dagmar Burkhardt, Vampirglaube und Vampirsage auf dem Balkan in Beiträge zur Südosteuropa-Forschung: Anlässlich des I. Internationalen Balkanologenkongresses in Sofia 26. VIII.-1. IX. 1966, Munich, Rudolf Trofenik, 1966, OCLC 1475919.
  • Daniel Cohen, Encyclopedia of Monsters: Bigfoot, Chinese Wildman, Nessie, Sea Ape, Werewolf and many more..., Londra, Michael O'Mara Books Ltd, 1989, ISBN 0-948397-94-2.
  • Adrien Créméné, La mythologie du vampire en Roumanie, Monaco, Rocher, 1981, ISBN 2-268-00095-8.
  • Antoine Faivre, Les Vampires. Essai historique, critique et littéraire, Paris, Eric Losfeld, 1962, OCLC 6139817.
  • Paul Féval, Les tribunaux secrets : ouvrage historique, Paris, E. et V. Penaud frères, 1851–1852.
  • Christopher Frayling, Vampyres, Lord Byron to Count Dracula, Londra, Faber, 1991, ISBN 0-571-16792-6.
  • Robert Graves, The Greek Myths, Londra, Penguin [1955], 1990, ISBN 0-14-001026-2.
  • Massimo Introvigne, La stirpe di Dracula: Indagine sul vampirismo dall'antichità ai nostri giorni, Milan, Mondadori, 1997, ISBN 88-04-42735-3.
  • Stefan Hock, Die Vampyrsagen und ihre Verwertung in der deutschen Literatur, Berlin, Verlag von Alexander Duncker, 1900.
  • Siegmund Hurwitz, Lilith, the First Eve: Historical and Psychological Aspects of the Dark Feminine, a cura di Gela Jacobson (trans.), Einsiedeln, Switzerland, Daimon Verlag [1980], 1992, ISBN 3-85630-522-X.
  • Lee Byron Jennings, An Early German Vampire Tale: Wilhelm Waiblinger's 'Olura' in Reinhard Breymayer and Hartmut Froeschle (eds.) (a cura di), In dem milden und glücklichen Schwaben und in der Neuen Welt: Beiträge zur Goethezeit, Stuttgart, Akademischer Verlag Stuttgart [1986], 2004, pp. 295–306, ISBN 3-88099-428-5.
  • Ernest Jones, The Vampire in On the Nightmare, Londra, Hogarth Press and Institute of Psycho-Analysis, 1931, OCLC 2382718.
  • (FR) E.E. Levkievskaja, La mythologie slave: problèmes de répartition dialectale (une étude de cas: le vampire), vol. 1, Cahiers Slaves, settembre 1997. URL consultato il 29 dicembre 2007.
  • Jean Marigny, Vampires: The World of the Undead, Londra, Thames & Hudson, 1993, ISBN 0-500-30041-0.
  • Raymond T. McNally, Dracula Was a Woman, McGraw Hill, 1983, ISBN 0-07-045671-2.
  • J. Gordon Melton, The Vampire Book. The Encyclopedia of the Undead, Detroit, Visible Ink Press, 1994.
  • Carla Corradi Musi, Vampiri europei e vampiri dell'area sciamanica, Messina, Rubbetino, 1995.
  • (EN) Jan L. Perkowski, Vampires of the Slaves, Slavica Pub, 1976, pp. 21-25, ISBN 0-89357-026-5.
  • Jean L. Perkowaski, The Darkling. A Treatise on Slavic Vampirism, Columbus, Ohio, Slavica Publishers, 1989.
  • Erberto Petoia, Vampiri e Lupi Mannari, Roma, Newton Compton, 1991.
  • Monica Petronio, Dai vampiri al Conte Dracula. Un viaggio nell'immaginario occidentale, Palermo, Sellerio, 1999.
  • Howard Schwartz, Lilith's Cave: Jewish tales of the supernatural, San Francisco, Harper & Row, 1988, ISBN 0-06-250779-6.
  • David J. Skal, The Monster Show: A Cultural History of Horror, New York, Penguin, 1993, ISBN 0-14-024002-0.
  • David J. Skal, V is for Vampire, New York, Plume, 1996, ISBN 0-452-27173-8.
  • Alain Silver, James Ursini, The Vampire Film: From Nosferatu to Bram Stoker's Dracula, New York, Limelight, 1993, ISBN 0-87910-170-9.
  • Montague Summers, Vampires and Vampirism, Mineola, NY, Dover [1928], 2005, ISBN 0-486-43996-8. (Originariamente pubblicato come The Vampire: His Kith and Kin)
  • Montague Summers, The Vampire in Europe, Gramercy Books, New York [1929], 1996, ISBN 0-517-14989-3. (pubblicato anche come The Vampire in Lore and Legend, ISBN 0-486-41942-8)
  • Vito Teti, La melanconia del vampiro, Roma, Manifestolibri, 1994.
  • Milan T. Vuković, Народни обичаји, веровања и пословице код Срба, Belgrade, Сазвежђа, 2004, ISBN 86-83699-08-0.
  • Katharina M Wilson, The History of the Word "Vampire", vol. 46, nº 4, Journal of the History of Idea, ottobre – Dec., 1985, pp. 577–583, DOI:10.2307/2709546.
  • Dudley Wright, The Book of Vampires, New York, Causeway Books [1914], 1973, ISBN 0-88356-007-0. (Originariamente pubblicato come Vampire and Vampirism; pubblicato anche come The History of Vampires)
  • P. Palmieri, La santa, i miracoli e la Rivoluzione. Una storia di politica e devozione, Bologna, Il Mulino, 2012. ISBN 978-88-15-24107-8
  • AA.VV a cura di Miriam Ferraris, "Vampiri. Narrazioni e realtà sui Risurgenti", Roma, Draconis, 1993. (edizione a tiratura limitata)
  • Moreno Tiziani, Vampires and vampirism: pathological roots of a myth, vol. 5, nº 2, Antrocom, Dec., 2009, pp. 133-137.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

La figura del vampiro nel folklore mondiale[modifica | modifica sorgente]

Altro[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

mitologia Portale Mitologia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mitologia