Triple H

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Paul Michael Levesque)
Triple H
Triple H nel 2016
Triple H nel 2016
Nome Paul Michael Levesque
Ring name Hunter Hearst Helmsley[1]
Jean-Paul Lévesque[1]
Terra Ryzing[1]
Terror Risin'[1]
Triple H[1]
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Nascita Nashua
27 luglio 1969 (48 anni)
Residenza dichiarata Boston
(Terror Risin'/Terra Ryzing/Terror Rising)
Greenwich
(Hunter Hearst Helmsley/Triple H)
Sainte-Mère-Église
(Jean-Paul Lévesque)
Altezza 190[1] cm
Altezza dichiarata 193[2] cm
Peso 116[1] kg
Peso dichiarato 116[2] kg
Allenatore Killer Kowalski[1]
Debutto 24 marzo 1992[1]
Federazione WWE[2]
Progetto Wrestling

Paul Michael Levesque[3] (Nashua, 27 luglio 1969) è un wrestler e attore statunitense meglio conosciuto come Triple H (l'abbreviazione del nome completo del suo personaggio, Hunter Hearst Helmsley). Levesque è uno degli azionisti di minoranza e vicepresidente esecutivo (Talenti/Live Event/Creativo) della WWE e appare come il direttore operativo (kayfabe).

Ha iniziato la sua carriera nella International Wrestling Federation come Terra Ryzing prima di entrare nella World Championship Wrestling (WCW) nel 1994. Ben presto divenne Jean-Paul Lévesque, un franco-canadese aristocratico, simile al personaggio di Hunter Hearst Helmsley che avrebbe poi interpretato nella World Wrestling Federation (WWF). In seguito ha abbreviato il suo nome in Triple H e ha adottato un'immagine alternativa nella D-Generation X (DX). Dopo lo scioglimento della DX, Triple H è stato spinto come un main eventer, vincendo diversi titoli singoli. Triple H ha poi preso parte a una storyline che lo ha visto sposare Stephanie McMahon, che in seguito divenne sua moglie nella vita reale. Nel 2003 formò un'altra fazione, nota come Evolution (con Ric Flair, Batista e Randy Orton), e ha riformato la D-X con Shawn Michaels nel 2006 e nel 2009.

Levesque è fortemente coinvolto nel processo di scrittura della programmazione WWE e detiene il completo controllo creativo sul suo personaggio delle sue storyline televisive, del record vittorie/sconfitte e dei regni titolati. Ha vinto ventiquattro titoli nella WWE ed è un quattordici volte campione del mondo, avendo vinto il WWF/E Championship/WWE World Heavyweight Championship nove volte e il World Heavyweight Championship cinque volte. È stato il primo World Heavyweight Champion, avendo ricevuto il titolo nel settembre 2002, ha vinto il King of the Ring (1997), la Royal Rumble (2002 e 2016) ed è stato il secondo vincitore del Grand Slam Championship. Al di fuori del wrestling ha fatto numerose apparizioni cinematografiche e televisive.

Dalla metà del 2013 ha dato vita a una storyline in cui lui e sua moglie Stephanie McMahon si comportano come co-proprietari della WWE dispotici e privi di scrupoli, giustificando il tutto affermando di fare quello che è il meglio per il business: il duo diverrà poi noto col nome "The Authority" e ad esso si aggiungeranno diversi altri wrestler.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Gli inizi (1992–1994)[modifica | modifica wikitesto]

Levesque è nato a Nashua. In gioventù, era un fan del wrestling e il suo wrestler preferito era Ric Flair. Le prime attività da lui praticate furono il basket e il baseball. In seguito iniziò ad appassionarsi al body-building, ma il suo sogno nel cassetto era avere un contratto come wrestler professionista. A tal proposito, si iscrive alla scuola di wrestling del leggendario Killer Kowalski, dal quale apprende le arti fondamentali di questo sport. Nel 1992 fa il suo esordio nella Independent Wrestling Federation sotto il nome di Terra Ryzing. Nel luglio dello stesso anno vince l'IWF Heavyweight Championship. Resterà qui fino al 1994, anno in cui verrà messo sotto contratto dalla World Championship Wrestling (WCW).

World Championship Wrestling (1994–1995)[modifica | modifica wikitesto]

Nei primi mesi del 1994 passò dunque alla WCW; per qualche tempo continuò a lottare col nome di Terra Ryzin, ottenendo poco successo ed una sola title shot per il Television title, ma intorno alla metà del 1994 cambiò gimmick, interpretando Jean-Paul Lévesque, un aristocratico heel franco-canadese. Terminato il suo primo feud con Alex Wright, culminato in un match a Starrcade 1994, Levesque formò per alcuni mesi un tag team con Lord Steven Regal. Dopo circa un anno di permanenza nella WCW, Levesque rifiutò un contratto per un altro anno in WCW e passò alla World Wrestling Federation (WWF).

World Wrestling Federation/Entertainment/WWE[modifica | modifica wikitesto]

The Connecticut Blueblood (1995–1997)[modifica | modifica wikitesto]

Helmsley indossa un frac e qui ha una tradizionale bottiglia spray per evidenziare il suo snobismo effeminato.

In una versione modificata della sua gimmick che aveva in WCW, Levesque iniziò la sua carriera in WWF come "The Connecticut Blueblood". In accordo con Levesque, JJ Dillon gli aveva originariamente dato il nome Reginald DuPont Helmsley, ma Levesque chiese un nome con un gioco di parole delle sue tre lettere; la dirigenza aderì al suo nome Hunter Hearst Helmsley.[4] Apparì in alcune vignette registrate che annunciavano il suo debutto, fino a quando fece il suo debutto il 30 aprile 1995 nella puntata di Wrestling Challenge.[5] Helmsley fece il suo debutto in pay-per-view a SummerSlam, dove sconfisse Bob Holly.[6] Verso la fine del 1995, Helmsley iniziò una faida con Henry O. Godwinn, la quale culminò in un Hog Pen match a In Your House 5: Seasons Beatings, dove Helmsley emerse vincitore.[7] Sebbene venne molto spinto nei primi mesi dopo il suo debutto, la carriera di Helmsley iniziò a rallentare durante il 1996, quando iniziò una faida con Duke "The Dumpster" Droese, che perse nel Free for All alla Royal Rumble.[8][9] Fino a quel evento, l'angle incluse delle apparenze televisive ogni settimana con vallette diverse (tra le quali Shae Marks e Tylyn John). Sable fu la sua valletta a WrestleMania XII, e dopo la sua sconfitta contro The Ultimate Warrior,[10] come parte della storyline, Helmsley l'aggredì. Il debuttante Marc Mero - marito di Sable nella vita reale - intervenne per salvarla, iniziando una faida tra i due.[11] Il 1º giugno 1996, Helmsley apparve in un episodio di Superstars affrontando Marty Garner.[12] Quando Levesque cercò di eseguire il Pedigree, Garner invertì la mossa in un double underhook suplex e si ruppe il collo.[12] Levesque era conosciuto per essere stato uno dei membri della Kliq (la combriccola), una stable che includeva Shawn Michaels, Kevin Nash, Sean Waltman e Scott Hall il quale influenzava sulle decisioni di Vince McMahon e del team creativo.[8] Oirginiariamente, Helmsley avrebbe dovuto vincere il torneo King of the Ring di quell'anno, che invece venne vinto da "Stone Cold" Steve Austin, in seguito all'incidente del Madison Square Garden, nel quale la Kliq interruppe la kayfabe abbracciandosi davanti a tutti.[13] In seguito a quell'incidente, Mr. Perfect divenne il suo manager e vinse per la prima volta l'Intercontinental Championship il 21 ottobre 1996 sconfiggendo Marc Mero.[11][13] Quando Mr. Perfect se ne andò dalla WWF, il suo abbandonò venne spiegato di essere stato frutto del tradimento di Helmsley dopo la conquista dell'Intercontinental Championship. Helmsley detennte il titolo per quattro mesi per poi perderlo il 13 febbraio 1997 nell'episodio speciale di Monday Night Raw intitolato Thursday Night Raw contro Rocky Maivia.[14] Per un breve periodo, Helmsley fu accompagnato da Mr. Hughes.[15] Dopo aver perso il titolo intercontinentale, iniziò una faida con Goldust, che sconfisse a WrestleMania 13.[16] Durante la loro rivalità, Chyna debuttò come sua nuova guarda del corpo.[17]

D-Generation X (1997–1999)[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: D-Generation X.

Nel maggio dello stesso anno, Helmsley prese parte al torneo King of the Ring, che vinse sconfiggendo Mankind in finale.[13] Più tardi in quello stesso anno, Shawn Michaels, Helmsley, Chyna e Rick Rude formarono la D-Generation X (DX). La stable divenne presto nota per i promo di Helmsley e Michaels troppo spinti - usando lo slogan "Suck It" e il gesto della lettera "X" con le mani,[18] – deridendo sarcasticamente Bret Hart e il Canada. In quel periodo, Helmsley abbandonò la gimmick dello snob francese, ed iniziò ad apparire in T-Shirt e giacchette di cuoio e il suo ring name venne abbreviato in Triple H.[13] Dopo che la DX aveva concluso la rivalità con la Hart Foundation, Helmsley continuò la faida con l'unico membro della famiglia Hart rimasto in WWF, Owen Hart per lo European Championship. Ciò portò ad un match tra i due a WrestleMania XIV, vinto da Triple H dopo che Chyna accecò Sgt. Slaughter e colpì Hart con un colpo basso.[19]

Triple H e Chyna nell'aprile del 1999

Dopo WrestleMania, Michaels dovette abbandonare temporaneamente la federazione per un legittimo infortunio alla schiena subìto alla Royal Rumble,[20] Triple H divenne il leader della DX,[13] dichiarando che il suo ex socio prese "la palla al balzo", introdusse il rientrante X-Pac e unì le forze con i New Age Outlaws.[13][21] Nei mesi seguenti, la DX divenne molto popolare, e divennero dei beniamini del pubblico. In quel periodo, Triple H adottò un'entrata in cui chiese alla folla esclamando "Are you ready? I said, are you ready?" (in it "Siete pronti? Ho detto siete pronti?"), seguito da una parodia dell'annunciatore della federazione rivale, WCW, Michael Buffer utilizzando la frase "Let's get ready to rumble" (in it "Siete pronti alla rissa"), sostituendo la parola "rumble" con lo slogan della DX "Suck It". In seguito, Triple H iniziò una rivalità con il leader della Nation of Domination The Rock.[22] La rivalità si concluse con la vittoria di Triple H in un ladder match per l'Intercontinental Championship a SummerSlam.[22] Helmsley non mantenne il titolo a lungo a causa di un infortunio al ginocchio.[22] Quando The Rock vinse il WWF Championship alle Survivor Series,[23] la rivalità tra i due riprese, rispettivamente come membri della DX e Corporation. Triple H ricevette un'opportunità titolata per il WWF Championship il 25 gennaio 1999 a Raw is War in un "I Quit" match contro The Rock, l'incontrò si concluse quando Triple H fu forzato ad arrendersi in quanto Chyna sarebbe stata colpita con una chokeslam da Kane.[22] Ciò portò ad un novo angle per Triple H, che vide Chyna tradirlo per schierarsi con la Corporation.[22]

A WrestleMania XV, Triple H perse contro Kane per squalifica dopo che Chyna interferì in favore del primo riunendosi alla DX.[22] Più tardi nella stessa sera, Triple H tradì il suo amico di lunga data e membro della DX X-Pac per aiutare Shane McMahon a mantenere lo European Championship compiendo un turn heel per poi unirsi alla Corporation.[22] Nel mese di aprile, Triple H incominciò a disscostarsi dal suo look che aveva avuto nella DX, mostrando un nuovo ring attire più corto e un nuovo taglio di capelli.[22] Dopo aver fallito per numerose volte la conquista del WWF Championship, Triple H e Mankind hanno poi sfidato l'allora campione WWF "Stone Cold" Steve Austin in un triple threat match a SummerSlam, che vide Jesse "The Body" Ventura in qualità di arbitro speciale. Mankind vinse il match dopo aver schienato Steve Austin.[24] La notte seguente a Raw is War, Triple H sconfisse Mankind per vincere il suo primo WWF Championship.[22]

Triple H perse il WWF Championship contro Mr. McMahon il 16 settembre a SmackDown! per poi riconquistarlo a Unforgiven in un Six-Pack Challenge che incluse Davey Boy Smith, Big Show, Kane, The Rock e Mankind. Triple H difese il titolo contro Steve Austin a No Mercy per poi perderlo contro Big Show alle Survivor Series in un triple threat match che incluse anche The Rock. Triple H continuò la sua rivalità con Vince McMahon sposando sua figlia, Stephanie McMahon. A Armageddon, sconfisse McMahon, ciò portò all'inizio dell'alleanza tra Triple H e Stephanie McMahon conosciuta anche come McMahon-Helmsley Era.[25]

McMahon-Hemsley Era (2000–2001)[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: The McMahon-Helmsley Faction.
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Two-Men Power Trip.

Dal gennaio 2000, Triple H iniziò ad autoproclamarsi "The Game", facendo intendere di essere al top nel mondo del wrestling e fu soprannominato da Jim Ross "The Cerebral Assassin" (in origine, il soprannome "The Game" avrebbe dovuto essere di Owen Hart, che Triple H adottò in onore di Owen). Nella puntata di Raw is War del 3 gennaio, Triple H sconfisse Big Show per vincere il suo terzo WWF Championship.[26]

Nello stesso mese, Triple H iniziò una faida con Mick Foley, che sconfisse sia alla Royal Rumble in uno Street Fight match, sia a No Way Out in un Hell in a Cell match che costrinse Foley al ritiro.[27] A WrestleMania 2000, Triple H schienò The Rock per mantenere il titolo in un fatal 4-way match che incluse Mick Foley e Big Show,[28] che perse a Backlash contro Rock, terminando il suo regno dopo 118 giorni.[29] Triple H riconquistò il titolo tre settimane più tardi, in un Iron Man match a Judgment Day,[30] per poi perderlo di nuovo contro Rock a King of the Ring.[31] Triple H iniziò poi una rivalità con Chris Jericho, dove quest'ultimo lo sconfisse il 17 aprile a Raw is War conquistando il WWF Championship grazie a un conteggio veloce dell'arbitro Earl Hebner, a causa di ciò il titolo tornò a Triple H e il regno di Jericho non venne riconosciuto.[32] La loro rivalità si concluse in un Last Man Standing match a Fully Loaded, vinto da Triple H.[33] Successivamente, Triple H incominciò una faida con Kurt Angle, inizialmente per il WWF Championship, poi come triangolo amoroso tra se stesso, Angle e Stephanie.[34] Sia Triple H che Angle lottarono nel triple threat match per il WWF Championship contro The Rock a SummerSlam, che Rock mantenne dopo che Angle subì una legittima concussione dopo aver compiuto un botch in un tentativo di Pedigree di Triple H sul tavolo dei commentatori.[35] La faida ebbe fine a Unforgiven, dove Triple H sconfisse Angle con un Pedigree dopo un colpo basso della McMahon.[31]

Dopo aver compiuto un breve turn face che lo vide sconfiggere Chris Benoit a No Mercy,[36][37] Triple H tornò a essere un heele riniziò la rivalità con "Stone Cold" Steve Austin quando si scoprì che Triple H pagò Rikishi per tenere fuori dai giochi Austin alle Survivor Series dell'anno precedente, causandone l'assenza di un anno.[38] In realtà Austin stette fuori per via di un infortunio al collo e al successivo intervento. Nel novembre 2000, Triple H e Austin si affrontarono in un match ale Survivor Series che terminò quando Triple H cercò di investire di nuovo Austin, ma quest'ultimo lo fece precipitare da un'altezza di 20 metri all'interno di una macchina.[39] Triple H tornò alcune settimane più tardi per attaccare Austin, continuando la faida che si concluse nel 2001 in uno Three Stages of Hell match a No Way Out, vinto da Triple H.[40] Il mese seguente, Triple H iniziò una rivalità con The Undertaker, che quest'ultimo sconfisse a WrestleMania X-Seven.[41] La notte dopo WrestleMania, Triple H interferì nel steel cage match tra Austin (che aveva vinto il WWF Championship la sera prima) e The Rock dove unì le forze con Austin per attaccare The Rock,[42] formando un tag team chiamato The Two-Man Power Trip. Triple H sconfisse Chris Jericho per vincere il suo terzo Intercontinental Championship il 5 aprile a SmackDown!,[43] e lo rivinse per la quarta volta due settimane più tardi socnfiggendo Jeff Hardy.[44] Triple H divenne campione di coppia per la prima volta quando vinse insieme ad Austin il WWF Tag Team Chammpionship a Backlash sconfiggendo Kane e The Undertaker in un "Winner Take All" tag team match, diventando allo stesso tempo un doppio campione.

Durante la puntata di Raw is War del 21 maggio, Triple H soffrì di un legittimo infortunio.[45] Nel main event di quella sera, insieme ad Austin difesero il WWF Tag Team Championship contro Chris Jericho e Chris Benoit. Ad un certo punto, Jericho imprigionò Austin nella Walls of Jericho e Triple H corse in aiuto di quest'ultimo per interrompere la presa e si ruppe il quadricipite sinistro.[45]

Evolution (2002–2005)[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Evolution (wrestling).
Triple H dopo aver vinto l'Undisputed WWF Championship a WrestleMania X8

Triple H tornò a Raw come face il 7 gennaio 2002 al Madison Square Garden.[46] Egli vinse il Royal Rumble match e ricevette un'opportunità titolata all'Undisputed WWF Championship a WrestleMania X8,[47] dove Triple H sconfisse Chris Jericho per l'Undisputed WWF Championship.[47][48] Dopo aver mantenuto il titolo per un mese, lo perse contro Hulk Hogan a Backlash.[47][49] Triple H divenne poi un'esclusiva del roster di SmackDown! per merito della brand extension e continuò la sua faida con Jericho, culminato a Judgment Day in un Hell in a Cell che Triple H vinse.[50] Nella puntata di SmackDown! del 6 giugno, Triple H sconfisse Hogan per diventare il primo sfidante all'Undisputed WWF Championship a King of the Ring contro The Undertaker, senza successo, con il match influenzato dalla presenza di The Rock a bordo ring.[51][52] Contemporaneamente, Shawn Michaels fece il suo ritorno in WWE e si unì al New World Order (nWo). Michaels e Kevin Nash progettarono un piano per riportare Triple H a Raw in modo da inserirlo nel gruppo. Mr. McMahon, tuttavia, sciolse l'nWo a causa di alcune complicazioni nel backstage e nominò Eric Bischoff come nuovo general manager di Raw. Una delle prime intenzioni di Bischoff fu quella di seguire il piano dell'nWo e di riportare Triple H nel proprio roster. Triple H tornò a Raw, per merito di Michaels, ma il 22 luglio a Raw, voltò le spalle a Michaels attaccandolo con il Pedigree durante la riunione della DX, compiendo un turn heel.[53] La settimana seguente, Triple H danneggò il volto di Michaels addosso al finestrino di una macchina per provare che Michaels era debole. Questi eventi diedero inizio a una lunga rivalità tra i due ex amici, che si affrontarono in un incontro non sanzionato dalla WWE a SummerSlam, che Michaels vinse. Successivamente, dopo il match, Triple H colpì Michaels con lo sledgehammer costrigendolo ad essere portato via in barella.[54][55]

Prima del 2 settembre 2002, la WWE riconobbe un solo campione del mondo, il WWE Undisputed Champion, per entrambi i roster di Raw e SmackDown!. Dopo SummerSlam, l'allora WWE Undisputed Champion Brock Lesnar divenne un'esclusiva di SmackDown!, lasciando Raw senza un campione. Così, l'allora General Manager di Raw premiò Triple H assegnandoli il World Heavyweight Championship rappresentato dalla Big Gold Belt (usata precedentemente per rappresentare l'NWA World Heavyweight Championship e WCW World Heavyweight Championship), rendendolo come primo World Heavyweight Champion.[56] Triple H mantenne il suo titolo contro Rob Van Dam a Unforgiven quando Ric Flair colpì Van Dam con uno sledgehammer.[57]

Nell'ottobre 2002, Triple H iniziò una controversa rivalità con Kane, che portò a un match tra i due a No Mercy del 20 ottobre in cui sia l'Intercontinental Championship di Kane che il World Heavyweight Championship di Triple H erano in palio. Nelle settimane precedenti al match, Triple H dichiarò che, alcuni anni prima, Kane ebbe una relazione segreta con una donna di nome Katie Vick.[58] Triple H dichiarò che dopo la morte della ragazza in un incidente stradale, Kane (l'autista) stuprò il cadavere.[58] Triple H più tardi mostrò un video filmato in cui Kane commisse l'atto in questione; tuttavia, il filmato andò in onda mostrando Triple H (vestito come Kane) simulare necrofilia con un manichino in una bara.[58] L'angle non fu apprezzato dai fan e fu ridimensionato. Triple H sconfisse Kane a No Mercy e unificò i titoli.[59]

Triple H perse il World Heavyweight Championship nel primo Elimination Chamber match della storia alle Survivor Series, venendo eliminato per ultimo da Shawn Michaels, che vinse match e titolo.[60] Successivamente Triple H sconfisse Rob Van Dam ottenendo un'opportunità titolata al World Heavyweight Championship di Michaels ad Armageddon che sconfisse in un Three Stages of Hell match.[60]

Triple H nell'aprile 2005

Nel gennaio 2003, Triple H formò una stable conosciuta come Evolution con Ric Flair, Randy Orton e Batista e secondo Triple H, essa includeva il meglio del passato (Flair), il meglio del presente (Triple H), e il meglio del futuro (Orton e Batista). Il gruppo ricevette un push tra il 2003 e il 2004 e raggiunsero il culmine del loro successo ad Armageddon, dove ogni membro dell'Evolution aveva conquistato un titolo (Randy Orton l'Intercontinental Champion, Batista e Ric Flair i World Tag Team Champions).[61] Triple H mantenne il World Heavyweight Championship per la maggior parte del 2003, difendendolo in un match contro Booker T a WrestleMania XIX con una storyline a stampo razzista, [62] e contro Kevin Nash in due occasioni: a Judgment Day, in cui Triple H perse per squalifica (e quindi mantenne il titolo) dopo aver colpito l'arbitro con lo sledgehammer e a Bad Blood in un Hell in a Cell, con Mick Foley come arbitro speciale. Iniziò poi nell'estate del 2003 una faida con Bill Goldberg, che culmino nell'Elimination Chamber a SummerSlam, in cui Triple H vinse e mantenne il titolo eliminando per ultimo proprio Goldberg, grazie all'aiuto di Ric Flair, che gli passò attraverso la gabbia lo sledgehammer. Al termine del match, Triple H commise un pestaggio ai danni di Goldberg, con l'aiuto del resto dell'Evolution. HHH perse poi il titolo dopo 280 giorni di regno a Unforgiven del 21 settembre contro Goldberg in un incontro che prevedeva che in caso di sconfitta, Goldberg avrebbe dovuto ritirarsi.[63] Dopo aver fallito il tentativo di riconquistare il titolo contro Goldberg nella rivincita alle Survivor Series, vinse il titolo un mese più tardi ad Armageddon schienando Goldberg in un triple threat match che incluse anche Kane. Alla Royal Rumble 2004, Triple H e Shawn Michaels si affrontarono in un sanguinolento Last Man Standing match per il World Heavyweight Championship che si concluse in un no contest, come da risultato Triple H rimase campione.[61] Triple H perse il titolo a WrestleMania XX in un Triple Threat Match, che includeva Shawn Michaels e Chris Benoit, con il titolo che andò al canadese.[64] Triple H fu trasferito nel roster di SmackDown! il 22 marzo a Raw e non riuscì a vincere il WWE Championship contro Eddie Guerrero, che vinse per squalifica per via di varie interferenze da parte di tutte le superstar di Raw e Smackdown!. Tornò a Raw senza aver mai combattuto a SmackDown! cercando di reclamare il World Heavyweight Championship nella rivincita di WrestleMania contro Benoit e Michaels a Backlash in un triple threat match, vinto nuovamente da Benoit, che mantenne il titolo.[64]

Triple H finì poi la sua faida con Michaels, sconfiggendolo in un Hell in a Cell match durato 50 minuti a Bad Blood, che passò alla storia come l'Hell in a Cell match più lungo in assoluto.[64] HHH riprese l'assalto al World Heavyweight Champion detenuto da Benoit, perdendo a Vengeance. Ebbe un'ultima rivincita in un Iron Man match da 60 minuti a Raw il 26 luglio, ma fallì nuovamente, venendo sconfitto per 4-3 nonostante le varie interferenze dell'Evolution. ebbe un feud con Eugene, con cui già aveva degli screzi da settimane: egli infatti fu fondamentale per le vittorie di Benoit, sia a Vengeance che a Raw. HHH quindi si vendicò di Eugene, sconfiggendolo a SummerSlam.[65] Nella stessa serata, il giovane Randy Orton vinse il World Heavyweight Champion sconfiggendo Chris Benoit. Triple H non digerì questo fatto, e organizzò successivamente a Raw un pestaggio insieme all'Evolution nei confronti di Orton, che venne cacciato dalla stable. A Unforgiven Triple H riconquistò la cintura sconfiggendo Orton, grazie anche alle varie interferenze di Batista e Ric Flair.[66] Il titolo di Triple H venne dichiarato vacante per la prima volta il 29 novembre a Raw al termine di un controverso Triple Threat Match contro Edge e Chris Benoit, in cui questi ultimi effettuarono un doppio schienamento.[67] A New Year's Revolution 2005, Triple H vinse l'Elimination Chamber match e diventa campione del mondo per la decima volta.[68] Continuò poi il suo feud con Orton, che sconfisse alla Royal Rumble, conservando il titolo. Successivamente iniziò un feud con Batista, accortosi di come Ric Flair e soprattutto Triple H, lo stavano manipolando prettamente per i loro interessi, tanto da volerlo convincere a sfruttare la sua title shot (ottenuta vincendo la Royal Rumble di quell'anno) passando a Smackdown! e affrontando JBL. Batista decise quindi di rimanere a Raw e sfidare il suo ex compagno dell'Evolution a WrestleMania 21, in cui vinse match e cintura.[69] Triple H perse le due successive rivincite con Batista a Backlash e a Vengeance in un Hell in a Cell match, stipulazione che Triple H perse per la prima volta nella sua carriera. Dopo questa sconfitta, Triple H non poté più avere rivincite con Batista, fino a quando questi non avesse perso il titolo. [70][71] Dopo Vengeance, Triple H si prese un periodo di pausa per curare alcuni problemi al collo.

Dopo quattro mesi di pausa, Triple H tornò a Raw il 3 ottobre, facendo coppia con Ric Flair per sconfiggere Chris Masters e Carlito. Dopo il match, voltò le spalle a Flair colpendo con lo sledgehammer, per poi continuare il pestaggio nel backstage, scaturendo una faida tra i due che sancì lo scioglimento definitivo e totale dell'Evolution.[72] HHH successivamente spiegò il motivo del suo attacco al Nature Boy: non sopportava il fatto che fosse diventato ormai un beniamino del pubblico, in particolare dopo la conquista del titolo intercontinentale, arrivando a preferire la sua morte fisica piuttosto che veder decadere la sua fama di lottatore più scorretto in assoluto. Flair sconfisse quindi Triple H in uno Steel Cage match per l'Intercontinental Championship di Flair a Taboo Tuesday.[73] HHH si prese la sua rivincita contro Flair in un Last Man Standing senza il titolo in palio alle Survivor Series terminando la faida.[73]

Riunione della D-Generation X (2006–2007)[modifica | modifica wikitesto]

Dopo non essere riuscito a vincere il Royal Rumble match dell'omonima edizione, nonostante la permanenza sul ring di un'ora, Triple H vinse il Road to Wrestlemania Tournament garantendogli un'opportunità titolata al WWE Championship a WrestleMania 22, dove fu sconfitto da John Cena per sottomissione.[74] Più tardi in quel mese, Triple H fu incluso in un altro incontro per il WWE Championship, contro Edge e Cena in un triple threat match a Backlash, dove però a vincere e a mantenere la cintura, fu Cena. A fine match, arrabbiato per la sconfitta, un sanguinante Triple H usò lo sledgehammer per colpire sia Edge che Cena eseguendo poi il gesto della DX con le braccia incrociate.[75] Successivamente tentò di conquistare il titolo WWE contro Cena in numerose occasioni fallendo, dando la colpa a Vince McMahon, ciò portò all'inizio della rivalità tra i McMahon e Triple H.

La DX esegue la sua caratteristica posa.

Shawn Michaels, che aveva una faida con i McMahon in corso, tornò nella puntata di Raw del 12 giugno e si riunì con Triple H per riformare la D-Generation X, con ciò quest'ultimo divenne un beniamino del pubblico per la prima volta dal 2002.[76] La DX sconfisse la Spirit Squad a Vengeance in un 5-on-2 handicap match.[77] La DX continuò la faida con Mr. McMahon, Shane McMahon e la Spirit Squad nelle settimane seguenti, sconfiggendo la Spirit Squad ancora una volta a Saturday Night's Main Event del 18 luglio in un 5-on-2 elimination match e i McMahon a SummerSlam, nonostante l'interferenza di numerosi atleti.[75] A Unforgiven, la D-Generation X sconfisse di nuovo i McMahon e l'allora ECW World Champion Big Show in un 3-on-2 Handicap Hell in a Cell match. Durante il match, imbarazzò Vince costringendolo a baciare il sedere di Big Show, e la DX vinse quando Triple H ruppe lo sledgehammer sopra le spalle di Mr. McMahon dopo che Michaels aveva eseguito una Sweet Chin Music.[78]

Conclusasi la faida con i McMahon, Triple H e Michaels iniziarono una rivalità con il team Rated-RKO formato da Randy Orton ed Edge. A Cyber Sunday, la DX fu sconfitta dal team Rated-RKO grazie all'aiuto dell'arbitro speciale Eric Bischoff che aiutò Orton ed Edge a vincere l'incontro. Alle Survivor Series, la DX ottenne la sua vendetta sconfiggendo il team di Edge e Orton senza subire nemmeno un'eliminazione in un Survivor Series Elimination match.[79] Nel gennaio 2007 a New Year's Revolution, la DX ed i Rated-RKO si affrontarono in un incontro terminato in un no contest dopo che Triple H soffrì di un infortunio rompendosi uno dei quattro tendini del quadricipite della gamba (infortunio simile a quello del 2001).[80][81] L'intervento fu eseguito con successo il 9 gennaio dal Dr. James Andrews.[80]

WWE Championship (2007–2009)[modifica | modifica wikitesto]

Triple H fece il suo ritorno a SummerSlam dove sconfisse King Booker.[82] Due mesi più tardi a No Mercy, Triple H avrebbe dovuto affrontare Umaga in un incontro singolo, ma all'inizio della serata, decise di affrontare il neo incoronato campione WWE Randy Orton per il titolo, che vinse diventando per l'undicesima volta campione del mondo e sei volte campione WWE,[83] ed ha poi difeso il titolo contro Umaga in un incontro regolare dopo che Mr. McMahon aveva annunciato che il match sarebbe stato per il titolo WWE.[84] Sempre nella stessa sera, McMahon concedette a Orton la rivincita contro Triple H in un Last Man Standing match, che Orton vinse.[84] Il regno titolato di Triple H fu il quinto regno più corto nella storia della WWE.[84] A No Way Out, vinse il Raw Elimination Chamber match ottenendo un'opportunità titolata per il WWE Championship a WrestleMania XIV,[85] che non vinse in quanto Orton rimase campione dopo aver schienato John Cena in un triple threat match.[86] Un mese più tardi, a Backlash, Triple H vinse il WWE Championship in un fatal four-way elimination match sconfiggendo l'ex campione Orton, Cena e John "Bradshaw" Layfield, inoltre raggiunse The Rock in classifica di maggior numero di WWE Championship conquistati.[87] Triple H difese con successo il titolo contro Orton in due match, emtrambi vinti da Triple H: il primo a Judgment Day in uno Steel Cage match, e il secondo in un No Holds Barred match, a One Night Stand.[88][89] Durante l'incontro Orton si infortunò a una clavicola, cioè interruppe anzitempo la rivalità tra i due.[90]

Triple H come WWE Champion nel novembre 2008.

Triple H sconfisse pulito John Cena a Night of Champions, e nella puntata di Raw del 23 giugno, con la draft lottery, passò per la prima volta nel roster di SmackDown, portando con sé il WWE Championship.[91] Triple H difese il WWE Championship per tutta l'estate sconfiggendo Edge a The Great American Bash[92] e The Great Khali a SummerSlam.[93] A Unforgiven, difese con successo il WWE Championship in uno Scramble match, risultando l'unico campione a mantenere il titolo in tale incontro.[94] Un mese più tardi, iniziò una rivalità con Jeff Hardy, che sconfisse in due occasioni a No Mercy[95] e Cyber Sunday con il titolo in palio.[96]

Alle Survivor Series, Triple H dovette originariamente difendere il titolo in un triple threat match contro Vladimir Kozlov e Jeff Hardy, ma Hardy venne trovato privo di senso in una stanza di albergo (kayfabe). Durante il match, l'allora general manager di SmackDown Vickie Guerrero annunciò che Edge avrebbe fatto parte dell'incontro. Hardy interferì e colpi accidentialmente Triple H con una sedia di acciaio, permettendo a Edge di vincere il titolo WWE terminando il suo regno dopo 210 giorni.[97] Dopo aver fallito la riconquista del titolo a Armageddon,[98] Triple H partecipò al Royal Rumble match con il numero sette, ma venne eliminato per ultimo dal vincitore Randy Orton.[99] A No Way Out, Triple H vinse il WWE Championship nell'Elimination Chamber match di SmackDown, portando il suo record a otto regni.[100] Il record fu superato nel 2011 quando John Cena vinse il WWE Championship per la nona volta.

Nella puntata di Raw del 16 febbraio, Triple H fece un'apparizione con Stephanie e Shane McMahon, dopo essere stati attaccati da Randy Orton.[101] Nella puntata di SmackDown del 20 febbraio, Triple H fu intervistato da Jim Ross; nell'intervista, vennero mostrato delle immagini che mostravano i momenti salienti della puntata di Raw del 16 febbraio. Ross chiese a Triple H come si sentì dopo aver visto quelle immagini, quest'ultimo in risposta, ruppe la kayfabe dicendo che Vince McMahon era suo suocero, Shane era suo cognato e Stephanie era sua moglie, ciò fece iniziare una rivalità tra egli e Orton, che nelle settimane seguenti salì sempre più di tono, con Orton che attaccò con un RKO Stephanie (che nella storyline era incinta) in una puntata di Raw.[102] Nella puntata di Raw del 23 febbraio, ebbe un confronto con Orton, prima di colpire quest'ultimo, Ted DiBiiase e Cody Rhodes (un gruppo conosciuto come "Legacy") con lo sledgehammer.[103] Nella puntata di Raw del 9 marzo, Triple H diede forfait ad un match contro la Legacy, per recarsi nell'abitazione di Orton con il suo sledgehammer con l'intento di attuare un pestaggio nei suoi confronti, per poi essere arrestato dalla polizia (kayfabe). A WrestleMania XXV, sconfisse Orton mantenendo il titolo WWE,[104] che perse nel pay-per-view successivo, Backlash, in un six-man tag team match in seguito a un Punt Kick di Orton.[105] Dopo sei settimane di stop, affrontò nuovamente Orton in un Three stages of hell match a The Bash, vinto da Orton sul punteggio di 2–1.[106] A Night of Champions, perse un triple threat match titolato contro Orton che incluse anche John Cena.[107]

Nuova riunione della DX e varie faide (2009–2010)[modifica | modifica wikitesto]

Nella puntata di Raw del 10 agosto, Triple H incontrò Shawn Michaels in una caffetteria del Texas dove Michaels lavorava come chef; per tutto lo show, Triple H cercò di convincerlo a tornare in WWE. Dopo alcuni incidenti (tra cui una griglia di hamburger andata a fuoco), Michaels decise di riformare la DX e di affrontare la Legacy a SummerSlam.[108] La settimana seguente a Raw, Triple H e Shawn Michaels si riunirono ufficialmente come DX, ma poco prima del loro promo, vennero attaccati dalla Legacy.[109] A SummerSlam, la DX sconfisse la Legacy.[110] A Breaking Point, la Legacy si prese la rivincita sconfiggendo la DX nel primo Submissione falls count anywhere match di sempre.[111] La rivalità si concluse a Hell in a Cell, dove la DX sconfisse la Legacy in un Hell in a Cell match.[112]

Triple H at the Tribute to the Troops in December 2010

Alle Survivor Series, Triple H affrontò Michaels e John Cena in un triple threat match per il WWE Championship, vinto da Cena.[113] A TLC: Tables, Ladders & Chairs del 13 dicembre, la DX sconfisse i Jeri-Show (Chris Jericho e Big Show) per vincere il Unified WWE Tag Team Championship in un Tables, Ladders and Chairs match.[114] Nella puntata di Raw dell'11 gennaio 2010, Mike Tyson, ospite specialle della serata, lottò in coppia con Jericho per affrontare la DX; tuttavia, dopo la fine della contesa, Tyson voltò le spalle a Jericho colpendolo.[115] Alla Royal Rumble, parteciò all'omonimo match con il numero 8, ma fu eliminato dal suo compagno di coppia Shawn Michaels.[116] Nella puntata di Raw del 1º febbraio, si qualificò all'Elimination Chamber match sconfiggendo Jack Swagger.[117] La settimana successiva, la DX perse il Unified WWE Tag Team Championship contro gli ShoMiz (The Miz e Big Show) in un triple threat elimination tag match, che incluse anche la Straight Edge Society (CM Punk e Luke Gallows).[118] A Elimination Chamber, non riuscì a vincere il WWE Championship, vinto da John Cena.[119] Nella puntata di Raw del 1º marzo, la DX perse la rivincita per il titolo di coppia.[120] A WrestleMania XXVI, sconfisse Sheamus, mentre, Michaels perse contro The Undertaker e fu costretto a ritirarsi.[121] La faida continuò con una rivincita a Extreme Rules, dove Sheamus sconfisse Triple H in uno street fight match.[122] Dopo Extreme Rules, Triple H si prese un periodo di pausa per curare degli infortuni.[123] Tornò sulle scene durante la puntata del Tribute to the Troops del 18 dicembre, salendo sul ring con Shawn Michaels.[124]

Direttore operativo (2011–2013)[modifica | modifica wikitesto]

Nella puntata di Raw del 21 febbraio 2011, Triple H tornò interrompendo The Undertaker e lo sfidò in un match a WrestleMania XXVII, che più tardi divenne un No Holds Barred match.[125] Una settimana più tardi, attaccò Sheamus con un Pedigree sul tavolo dei commentatori vendicandosi per l'attacco subìto dieci mesi prima.[126] A WrestleMania XXVII, perse contro The Undertaker, malgrado quest'ultimo sia uscito dal match malconcio e in barella.[127] Nella puntata di Raw del 18 luglio, tornò in nome del consiglio direttivo della WWE comunicando a suo suocero, Vince McMahon, la rimozione dall'incarico di Chairman della federazione.[128] Ciò avvenne durante una storyline dove CM Punk vinse il WWE Championship e abbandonò la federazione. Annunciò che avrebbe arbitraro il match tra per l'unificazione del WWE Championship a SummerSlam. Anche se contò lo schienamento vincente di Punk, il piede di John Cena era sulle corde, in quanto avrebbe dovuto interrompere il conteggio.[129][130] Dopo il match, Kevin Nash, amico di lunga data di Triple H, attaccò Punk e permise a Alberto Del Rio di incassare il Money in the Bank per vincere il WWE Championship.[131] Tuttavia, Nash e Punk chiesero un match tra di loro, ma Triple H licenziò Nash per insoburdinazione e prese il posto di quest'ultimo per affrontare Punk in un No Disqualification match a Night of Champions con il ruolo di COO in palio, che vinse nonostante le interferenze di John Laurinaitis, Nash, The Miz e R-Truth.[132][133] Dopo aver ripetutamente attaccato Miz e Truth, la maggioranza dello staff della WWE sfiduciò Triple H dal ruolo di direttore operativo. Mr. McMahon tornò dopo aver riottenuto il ruolo di Chairman, decidendo di lasciare a Triple H il ruolo di COO e nominò John Laurinaitis come nuovo general maanger di Raw, Laurinaitis mise Triple H in un incontro di coppia con Punk contro Miz e Truth a Vengeance, vinto da Miz e Truth.[134][135] La notte seguente a Raw, fu attaccato da Nash con un martello e venne immediatamente portato al pronto soccorso.[136] Più tardi, la WWE annunciò che Triple H aveva subìto la frattura a una vertebra, e che sarebbe stato fuori a tempo indeterminato. Tornò il 12 dicembre nella puntata speciale dedicata agli Slammy Awards dove venne premiato con la statuetta "Oh my God moment" per la Tombstone Piledriver eseguita su The Undertaker a WrestleMania XXVII. A Tables, Ladders, and Chairs del 18 dicembre, sconfisse Nash in uno sledgehammer ladder match, dopo averlo attaccato con lo sledgehammer.[137]

Triple H subisce la taunt di The Undertaker in vista del loro secondo consecutivo match a WrestleMania.

Triple H fece il suo ritorno il 30 gennaio 2012 a Raw per valutare l'operato di Laurinaitis come general manager. Ma prima di poter fare la sua decisione, venne interrotto da The Undertaker.[138] Dopo aver inizialmente rifiutato la rivincita in quanto non voleva macchiare l'eredità di The Undertaker,[139] Triple H accettò la sfida dopo essere stato chiamato codardo dall'Undertaker e di vivere dietro l'ombra di Shawn Michaels, ma a condizione che l'incontro si sarebbe dovuto svolgere all'interno dell'Hell in a Cell con Shawn Michaels come arbitro speciale.[140] A WrestleMania XXVIII, perse contro The Undertaker in un match definito: "End of an Era", nonostante i diversi favoritismi da parte di Michaels. A fine match, i tre si abbracciarono tra i boati e l'ovazione del pubblico.[141]

Tornò nella puntata di Raw del 30 aprile, rifiutando i vantaggi del contratto di Brock Lesnar, che poco dopo rompe il braccio del COO con la Kimura Lock (storyline).[142][143] Due settimane più tardi, Triple H si confrontò con il legale di Lesnar, Paul Heyman, il quale annunciò che Lesnar fece causa alla WWE per aver strappato il contratto che lo legava alla federazione. Il COO attaccò Heyman, che in tutta risposta disse che sarebbe scatta una seconda denuncia per essere stato assalito da Triple H.[144] A No Way Out, sfidò Lesnar, che non era presente al pay-per-view, in un match a SummerSlam,[145] che Heyman rifiutò in nome di Lesnar la notte seguente a Raw.[146] Nella puntata di Raw 1000, Stephanie McMahon provocò Heyman riguardo alla sfida lanciata dal marito Triple H a Lesnar, in seguito accettata da quest'ultimo.[147] A SummerSlam, Triple H venne sconfitto da Lesnar dopo aver ceduto alla Kimura Lock.[148][149] Nella puntata di Raw del 27 agosto, Triple H tenne un discorso riguardo alla sua carriera, dicendo che ormai era arrivata ad un bivio, ma non fece una decisione definitiva.[150] Nella puntata di Raw del 17 dicembre, fece un'apparizione per ritirare lo Slammy Awards per il premio di miglior match dell'anno a WrestleMania XXVIII contro The Undertaker apparendo per la prima volta con un nuovo taglio di capelli.[151] Triple H fece il suo ritorno il 25 febbraio 2013 a Raw, iniziando una rissa con Brock Lesnar, che aveva cercato di attaccare Mr. McMahon, che si concluse quando Lesnar sanguinò alla testa che richiese 18 punti di sutura.[152] La settimana seguente, Triple H lanciò una sfida a Lesnar per una rivincita a WrestleMania 29, accettata da Lesnar a condizione che sarebbe stato lui a scegliere la stipulazione.[153][154] La settimana successiva, dopo la firma del contratto, Triple H attaccò Heyman, e quest'ultimo annunciò che la stipulazione sarebbe stata un No Holds Barred match con la carriera di Triple H in palio.[155] A WrestleMania, sconfisse Lesnar dopo averlo colpito con un Pedigree sui gradoni d'acciaio.[156] Nella puntata di Raw del 15 aprile, Heyman sfidò Triple H in nome di Lesnar in uno steel cage match a Extreme Rules,[157] accettata da Triple H la settimana seguente.[158] A Extreme Rules, fu sconfitto da Lesnar.[159] La notte dopo a Raw, affrontò il nuovo cliente di Heyman, Curtis Axel. L'incontro si concluse in un no contest dopo che Triple H subì una commozione cerebrale (kayfabe).[160][161][162]

The Authority (2013–2016)[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: The Authority (wrestling).
Triple H e Stephanie McMahon come The Authority

Nella puntata di Raw del 12 agosto, Triple H annunciò che sarebbe stato l'arbitro speciale del main event di SummerSlam: incontro valido per il WWE Championship tra il campione John Cena e Daniel Bryan per poi attaccare Brad Maddox con il Pedigree.[163] All'evento, dopo la vittoria di Bryan, Triple H attaccò Bryan con un Pedigree, permettendo a Randy Orton di incassare il Money in the Bank e vincere il titolo, compiendo un turn heel per la prima volta dal 2006.[164] Insieme a sua moglie Stephanie, creò l'Authority con lo Shield come rinforzo e in seguito Kane come Direttore delle Operazioni. Nel corso delle settimane successive, sancì una serie di handicap match contro tutti i wrestler che mettevano in dubbio le sue decisioni, come Big Show e Dolph Ziggler, licenziando Cody Rhodes come rappresaglia per l'insolenza di quest'ultimo. Nella puntata di Raw del 7 ottobre, dopo aver "licenziato" Big Show, Show lo colpì mise K.O. e fu trasportato dai funzionari fuori dall'arena.[165] Nella puntata di Raw del 9 dicembre dedicata agli Slammy Award, Triple H eseguì un Pedigree ai danni di Orton dopo che Bryan lo aveva spinto addosso a Stephanie McMahon, nonostante lo shock di Orton.[166]

A WrestleMania XXX, perse contro Bryan, concedendo così a Bryan una parte nel successivo match per il titolo contro Batista e il campione Randy Orton. Triple H aggredì Bryan dopo l'incontro tentando poi di impedire a Bryan di vincere il titolo con l'assunzione di Scott Armstrong come arbitro corrotto, ma questi tentativi non ebbero successo in quanto Batista fu sottomesso da Bryan, che divenne campione.[167][168] Al fine di porre fine al regno titolato di Bryan, Triple H riformò l'Evolution con Orton e Batista il 18 aprile a SmackDown, ma Bryan rimase campione a causa dello Shield che si ribellò all'Authority. Sia a Extreme Rules, che a Payback, l'Evolution perse contro lo Shield[169][170] Nella puntata di Raw del 2 giugno, Batista lasciò il gruppo dopo che Triple H rifiutò di concedergli un incontro titolato per il WWE World Heavyweight Championship. Nella stessa sera, Triple H riuscì a dividere lo Shield quando Seth Rollins tradì i suoi compagni, che ha definito come "piano B".[171] Nella puntata di Raw del 27 ottobre, Triple H offrì a John Cena l'opportunità di unirsi all'Authority, offerta rifiutata da Cena. Ciò portò al COO ad annunciare un five-on-five tag team elimination match per le Survivor Series, tra il Team Authority e il Team capitanato da Cena.[172] Nella puntata di Raw del 3 novembre, Mr. McMahon annunciò che se il Team Authority avesse perso, sarebbe stato rimosso dal potere.[173] Nella puntata di SmackDown del 21 novembre, Triple H annunciò che se il Team Cena avesse perso, tutto il team, eccetto Cena, sarebbe stato licenziato.[174] Alle Survivor Series, Big Show si unì all'Authority tradendo Cena, Sting fece il suo debutto in WWE, attaccando l'arbitro corrotto Scott Armstrong e Triple H, e sistemò Ziggler sul corpo di Rollins per lo schienamento decisivo, costando all'Authority la vittoria e togliendo loro il potere.[175]

Triple H a WrestleMania 31

Dopo essere stato assiente dal potere dopo un mese, il 29 dicembre a Raw, Rollins convinse Cena a riportare l'Authority al potere, dopo aver preso in ostaggio Edge insieme a Big Show.[176] Nella puntata di Raw del 19 gennaio 2015, Cena sconfisse Rollins, Kane e Big Show in un handicap match quando Sting distrasse l'Authority, permettendo a Cena di compiere lo schienamento vincente e fece riottenere il lavoro a Ziggler, Ryback e Erick Rowan, i quali erano stati precedentemente licenziati da Triple H e Stephanie.[177] Il 26 gennaio, sul sito ufficiale della WWE fu annunciato che Triple H aveva sfidato Sting a un "faccia a faccia" a Fastlane, accettato da Sting. Al pay-per-view non si presenta in veste di COO ma come The Game; poco dopo la comparsa di Sting tra i due scoppia la rissa: Triple H ricorre al suo sledgehammer ma The Icon lo anticipa puntadogli la sua mazza da baseball al mento e indicando il logo di WrestleMania 31; nel prosieguo dell'evento, viene ufficializzato il match tra i due alla trentunesima edizione dello Showcase of Immortals. A WrestleMania 31 sconfigge Il Vigilante Sting, e alla fine del match The Game stringe la mano dell'avversario in segno di rispetto. Sempre a WrestleMania, insieme alla moglie Stephanie McMahon ha un confronto con il People's Champion The Rock e la campionessa femminile UFC, Ronda Rousey.

Triple H ha fatto il suo ritorno durante il Royal Rumble match per il WWE World Heavyweight Championship, facendo il suo non annunciato ingresso come il trentesimo partecipante. Dopo aver eliminato il campione in carica Roman Reigns, Triple H ha eliminato per ultimo Dean Ambrose, ottenendo la sua seconda vittoria della Royal Rumble e il suo quattordicesimo titolo del mondo.[178][179] La notte successiva a Raw, è stato annunciato che Roman Reigns, Brock Lesnar e Dean Ambrose si sarebbe affrontati in un triple threat match che avrebbe decretato il contendente numero uno al WWE World Heavyweight Championship di Triple H a WrestleMania 32.[180] A Fastlane, Roman Reigns ha sconfitto Dean Ambrose e Brock Lesnar nel triple threat match che avrebbe determinato il primo sfidante al WWE World Heavyweight Championship.[181] La notte seguente a Raw, Triple H ha brutalmente attaccato Reigns durante un match con Sheamus, rompendogli il naso (kayfabe).[182] Reigns però ottenne un'atroce vendetta il 14 marzo a Raw, attaccando Triple H alla fine del match vinto contro Dolph Ziggler. Il 12 marzo Triple H ha difeso con successo il titolo sconfiggendo Dean Ambrose a Roadblock.[183] A WrestleMania 32 del 3 aprile, Triple H ha perso il titolo contro Roman Reings;[184] in seguito alla sconfitta si è preso un periodo di pausa.

Faida con Seth Rollins (2016–presente)[modifica | modifica wikitesto]

Torna a sorpresa nella puntata di Raw del 29 agosto, durante il Fatal 4-Way Elimination match tra Big Cass, Seth Rollins, Roman Reigns e Kevin Owens valevole per il vacante WWE Universal Championship, aiutando Owens a vincere il titolo e attaccando sia Reings sia il suo ex-pupillo Rollins con il Pedigree.[185] Dopo essere stato assente per diverso tempo, Triple H ha iniziato alcuni mind-games nei confronti di Seth Rollins come quando, nella puntata di Raw del 23 gennaio, gli è costato il match di qualificazione al Royal Rumble match contro Sami Zayn.[186] Successivamente, nella puntata di Raw del 30 gennaio, Triple H ha mandato il debuttante Samoa Joe ad attaccare Rollins; questo gli ha causato un infortunio al ginocchio che lo ha tenuto dalle scene per un periodo di circa otto settimane.[187] Rollins è tornato dall'infortunio nella puntata di Raw del 13 marzo dove ha attaccato Triple H, il quale però lo ha aggredito furiosamente al ginocchio in precedenza infortunato.[188] Successivamente dopo l'ennesimo attacco tra i due è stato sancito un Non-sanctioned match per WrestleMania 33.[189] Tuttavia il 2 aprile a WrestleMania 33 è stato sconfitto da Rollins.[190]

Personaggio nel wrestling[modifica | modifica wikitesto]

Agli inizi della sua carriera, interpretava Hunter Hearst Helmsley, un aristocratico heel colto, ma arrogante e spocchioso, nome che poi si abbrevierà in "Triple H" quando il suo personaggio divenne più aggressivo e potente. Questo cambiamento è dovuto per lo più alla D-Generation X, dove Triple H diventerà appunto un "degenerato" che non segue le regole e fa tutto a modo suo.

Dopo che la D-X si sciolse, il suo personaggio divenne più stabile, anche se non meno di effetto, diventando il leader dell'Evolution. Una volta sciolta l'Evolution, e dopo una breve riunione della D-X, Triple H diventa per la sesta volta WWE Champion, e 10 anni dopo aver vinto il King of the Ring, si fa chiamare King of Kings, entrando (in match particolari) vestito da re.

Dopo un'altra riunione della D-X e una faida con la Legacy, Triple H mette da parte la gimmick del King of Kings per diventare il COO della WWE, una sorta di vicepresidente della federazione, sebbene in molte rivalità (come quella con The Undertaker e Brock Lesnar) abbia messo da parte questo personaggio per ridiventare il King of Kings di un tempo.

Nel wrestling[modifica | modifica wikitesto]

Triple H mentre esegue un Pedigree su John Cena
Triple H esegue un High Knee su Roman Reigns
Triple H con il suo sledgehammer
Triple H esegue la sua caratteristica posa sulle corde

Mosse finali[modifica | modifica wikitesto]

Mosse caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Manager[modifica | modifica wikitesto]

Wrestler di cui è stato manager[modifica | modifica wikitesto]

Soprannomi[modifica | modifica wikitesto]

  • "The Cerebral Assassin"
  • "The Connecticut Blueblood"[194]
  • "The Game"
  • "The King of Kings"

Musiche d'ingresso[modifica | modifica wikitesto]

  • Blue Blood di Jim Johnston (28 aprile 1995–15 dicembre 1996)
  • Sinfonia n. 9 (quarto movimento) di Ludwig van Beethoven (15 dicembre 1996–10 novembre 1997)
  • Break It Down della DX Band (10 novembre 1997–5 aprile 1999; 19 giugno 2006–aprile 2007; 24 agosto 2009–1º marzo 2010; 23 luglio 2012)
  • Corporate Player di Jim Johnston (25 aprile 1999–10 maggio 1999)
  • Higher Brain Pattern di Jim Johnston (16 maggio 1999–21 giugno 1999)
  • My Time della DX Band (27 giugno 1999–10 dicembre 2000)
  • The Game della DX Band (usata solo ad Armageddon 2000)
  • The Game dei Motörhead (8 gennaio 2001–presente)
  • Evolve di Jim Johnston (10 febbraio 2003–16 giugno 2003; usata come membro dell'Evolution)
  • Line in the Sand di Jim Johnston eseguita dai Motörhead (19 luglio 2003-14 novembre 2004; 10 dicembre 2007; 14 aprile 2014-2 giugno 2014; usata come membro dell'Evolution)
  • King of Kings dei Motörhead (2 aprile 2006–3 aprile 2006; 18 agosto 2013–presente usata come COO e come membro dell'Authority)

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Triple H fu fidanzato per diversi anni con la wrestler Chyna. È sposato dal 2003 con Stephanie McMahon; la coppia ha tre figlie.

Titoli e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Triple H con il WWE Championship, titolo che ha vinto per nove volte
Triple H con il World Heavyweight Championship, che ha vinto per cinque volte e di cui detiene il più alto numero di giorni combinati come campione con 616
  • International Sports Hall of Fame
    • Classe del 2015
  • Indipendent Wrestling Federation
    • IWF Heavyweight Championship (1)

1 Il quinto regno di Triple H è stato quando il titolo aveva il nome di Undisputed WWF Championship.

Risultati nella Lucha de Apuestas[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: terminologia del wrestling § Lucha de Apuestas.
Vincitore (posta in palio) Sconfitto (posta in palio) Località Evento Data Note
Triple H (titolo) Cactus Jack (carriera) Hartford, Stati Uniti No Way Out 27 febbraio 2000 In un Hell in a Cell match.
Triple H (titolo) Kane (maschera) San Antonio, Stati Uniti Raw 23 giugno 2003
Goldberg (carriera) Triple H (titolo) Hershey, Stati Uniti Unforgiven 21 settembre 2003

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Doppiaggio[modifica | modifica wikitesto]

Altro[modifica | modifica wikitesto]

VHS/DVD dedicati a Triple H[modifica | modifica wikitesto]

  • Triple H - That Damn Good (2002)[195]
  • Triple H: The Game (2002)[195]
  • D-Generation X (2006)[195]come membro della D-Generation X
  • The New and Improved DX (2007)[195]
  • Triple H - The Kings of Kings (2008)[195]
  • DX: One Last Stand (2011)[195]come membro della D-Generation X
  • Triple H - Thy Kingdom Come (2013)[195]
  • The Kliq Rules (2015)[195]come membro della Kilq

Nei videogiochi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h i (EN) Triple H, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato il 21 dicembre 2016.
  2. ^ a b c (EN) Triple H, su wwe.com, WWE. URL consultato il 21 dicembre 2016.
  3. ^ John Milner and Jason Clevett, SLAM! Sports biography, CANOE, 5 dicembre 2004. URL consultato l'11 luglio 2007.
  4. ^ (EN) Podcast is Jericho, su podcastone.com, Podcastone. URL consultato il 7 marzo 2016.
  5. ^ (EN) Wrestling Challenge Results, su angelfire.com, The History of the WWE, 30 aprile 1995. URL consultato il 12 marzo 2016.
  6. ^ (EN) SummerSlam 1995 results, su wwe.com, WWE, 27 agosto 1995. URL consultato il 12 marzo 2016.
  7. ^ (EN) In Your House 5 results, su prowrestlinghistory.com, Pro Wrestling History, 17 dicembre 1995. URL consultato il 12 marzo 2016.
  8. ^ a b Randy Baer, The Very Worst of Pro Wrestling, Wrestlecrap, 2003, p. 206.
  9. ^ Wrestling's historical cards, Pro Wrestling Illustrated presents: 2007 Wrestling almanac & book of facts, 2007, p. 95.
  10. ^ (EN) WrestleMania XII results, su wwe.com, WWE, 31 marzo 1996. URL consultato il 15 marzo 2016.
  11. ^ a b (EN) Raw – 1996 Results, su onlineworldofwrestling.com, Online World of Wrestling. URL consultato il 15 marzo 2016.
  12. ^ a b (EN) Marty Garner Profile, su onlineworldofwrestling.com, Online World of Wrestling, 1º giugno 1996. URL consultato il 10 giugno 2016.
  13. ^ a b c d e f (EN) The don't call him "the Game" for nothing, su findarticles.com, Wrestling Digest, dicembre 2002. URL consultato il 3 ottobre 2016.
  14. ^ Joanie Laurer, If They Only Knew, HarperEntertainment, 2001, pp. 266–267.
  15. ^ Mick Foley, Have A Nice Day: A Tale of Blood and Sweatsocks, HarperCollins, 2000, p. 213.
  16. ^ (EN) WrestleMania XIII, su pwwew.net, PWWEW, 23 marzo 1997. URL consultato il 4 ottobre 2016.
  17. ^ Joanie Laurer, If They Only Knew, HarperEntertainment, 2001, p. 269.
  18. ^ Randy Bear, Wrestlecrap: The Very Worst of Pro Wrestling, p. 210.
  19. ^ (EN) Full WrestleMania XIV Results, su wwe.com, WWE, 29 marzo 1998. URL consultato il 4 ottobre 2016.
  20. ^ 2007 Wrestling almanac & book of facts. "Wrestling's historical cards, Pro Wrestling Illustrated, 2007, p. 100.
  21. ^ (EN) Raw – 1998 Results, su onlineworldofwrestling.com, Online World of Wrestling, 30 marzo 1998. URL consultato il 5 ottobre 2016.
  22. ^ a b c d e f g h i Filmato audio It's Our Time, Pwwew, 1999, a 01:00:00. URL consultato il 16 ottobre 2016.
  23. ^ 2007 Wrestling almanac & book of facts. "Wrestling’s historical cards", Pro Wrestling Illustrated, p. 102.
  24. ^ Wrestling’s historical cards, Pro Wrestling Illustrated presents: 2007 Wrestling almanac & book of facts, 2007, p. 104.
  25. ^ Wrestlecrap: The Very Worst of Pro Wrestling, p. 257.
  26. ^ (EN) Triple H's third reign, su wwe.com, WWE, 3 gennaio 2000. URL consultato il 12 novembre 2016.
  27. ^ (EN) Triple H vs. Cactus Jack – Hell in a Cell Match for the WWE Championship, su wwe.com, WWE, 27 febbraio 2000. URL consultato il 12 novembre 2016.
  28. ^ (EN) WrestleMania 2000, su pwwew.net, pwwew, 2 aprile 2000. URL consultato il 12 novembre 2016.
  29. ^ Wrestling’s historical cards, Pro Wrestling Illustrated presents: 2007 Wrestling almanac & book of facts, 2007, p. 105.
  30. ^ (EN) Judgment Day 2000, su pwwew.net, pwwew, 21 maggio 2000. URL consultato il 12 novembre 2016.
  31. ^ a b Wrestling’s historical cards, Pro Wrestling Illustrated presents: 2007 Wrestling almanac & book of facts, 2007, p. 106.
  32. ^ (EN) Raw is War results – April 17, 2000, su pwwew.net, Pwwew, 17 aprile 2000. URL consultato il 13 novembre 2016.
  33. ^ (EN) Fully Loaded 2000 Report, su gerweck.net, Gerweck, 23 luglio 2000. URL consultato il 13 novembre 2016.
  34. ^ Joanie Laurer, If They Only Know, ReaganBooks, 2001, p. 122.
  35. ^ (EN) John Powell, Stunts highlight SummerSlam, su slam.canoe.ca, Slam! Sports, 27 agosto 2000. URL consultato il 13 novembre 2016.
  36. ^ (EN) No Mercy 2000 results, su wwe.com, WWE, 22 ottobre 2000. URL consultato il 13 novembre 2016.
  37. ^ (EN) No Mercy 2000 Report, su gerweck.net, Gerweck, 22 ottobre 2000. URL consultato il 13 novembre 2016.
  38. ^ (EN) Survivor Series 1999 Report, su gerweck.net, Gerweck, 14 novembre 1999. URL consultato il 13 novembre 2016.
  39. ^ (EN) Survivor Series 2000 Report, su gerweck.net, Gerweck, 19 novembre 2000. URL consultato il 13 novembre 2016.
  40. ^ (EN) No Way Out 2001 Results, su wwe.com, WWE, 25 febbraio 2001. URL consultato il 30 novembre 2016.
  41. ^ 2007 Wrestling almanac & book of facts. "Wrestling’s historical cards", Pro Wrestling Illustrated, p. 107.
  42. ^ (EN) Raw results – 2001, su thehistoryofwwe.com, The History of WWE, 2 aprile 2001. URL consultato il 30 novembre 2016.
  43. ^ (EN) SmackDown! results – 2001, su thehistoryofwwe.com, The History of WWE, 5 aprile 2001. URL consultato il 30 novembre 2016.
  44. ^ (EN) Triple H's fourth reign, su wwe.com, WWE, 19 aprile 2001. URL consultato il 30 novembre 2016.
  45. ^ a b Eric Quiones, Hart's death is still causing pain, The Star-Ledger, 2001, p. 56.
  46. ^ (EN) Raw results - January 7, 2002, su obsessedwithwrestling.com, Obsessed with Wrestling, 7 gennaio 2002. URL consultato il 9 dicembre 2016.
  47. ^ a b c Wrestling's historical cards, Pro Wrestling Illustrated presents: 2007 Wrestling almanac & book of facts, 2007, p. 110.
  48. ^ (EN) Full WrestleMania X8 results, su wwe.com, WWE, 17 marzo 2002. URL consultato il 9 dicembre 2016.
  49. ^ (EN) Backlash 2002, su pwwew.net, Pwwew, 21 aprile 2002. URL consultato il 9 dicembre 2016.
  50. ^ (EN) Judgment Day 2002, su pwwew.net, Pwwew, 19 maggio 2002. URL consultato il 9 dicembre 2016.
  51. ^ (EN) SmackDown! results - June 6, 2002, su pwwew.net, Pwwew, 6 giugno 2002. URL consultato il 9 dicembre 2016.
  52. ^ (EN) King of the Ring 2002, su pwwew.net, Pwwew, 23 giugno 2002. URL consultato il 9 dicembre 2016.
  53. ^ (EN) Raw results - July 22, 2002, su wrestleview.com, Wrestleview, 22 luglio 2002. URL consultato il 9 dicembre 2016.
  54. ^ (EN) SummerSlam 2002, su wwe.com, WWE, 25 agosto 2002. URL consultato il 14 dicembre 2016.
  55. ^ 2007 Wrestling almanac & book of facts. "Wrestling’s historical cards", Pro Wrestling Illustrated, p. 111.
  56. ^ Ian Haimlton, Wrestling's Sinking Ship: What Happens To An Industry Without Competition, Lulu.com, 2006, p. 58.
  57. ^ (EN) Unforgiven 2002, su wwe.com, WWE, 13 settembre 2002. URL consultato il 14 dicembre 2016.
  58. ^ a b c R.D. Reynolds, WrestleCrap: The Very Worst of Pro Wrestling, ECW Press, 2003, p. 267.
  59. ^ (EN) No Mercy 2002, su pwwew.net, Pwwew, 20 ottobre 2002. URL consultato il 14 dicembre 2016.
  60. ^ a b Wrestling's historical cards, Pro Wrestling Illustrated presents: 2007 Wrestling almanac & book of facts, 2007, p. 112.
  61. ^ a b Wrestling's historical cards, Pro Wrestling Illustrated presents: 2007 Wrestling almanac & book of facts, 2007, p. 114.
  62. ^ Raw results - March 3, 2003, su onlineworldofwrestling.com, Online World of Wrestling, 3 marzo 2003. URL consultato il 19 dicembre 2016.
  63. ^ (EN) Triple H vs. Goldberg for the World Heavyweight Championship, su wwe.com, WWE, 21 settembre 2003. URL consultato il 19 dicembre 2016.
  64. ^ a b c Wrestling's historical cards, Pro Wrestling Illustrated presents: 2007 Wrestling almanac & book of facts, 2007, p. 115.
  65. ^ Wrestling's historical cards, Pro Wrestling Illustrated presents: 2007 Wrestling almanac & book of facts, 2007, p. 116.
  66. ^ Finn Martin, Panic Stations, SW Publishing, 2004, pp. 24-25.
  67. ^ (EN) Raw – November 29, 2004 Results, su onlineworldofwrestling.com, Online World of Wrestling, 29 novembre 2004. URL consultato il 19 dicembre 2016.
  68. ^ Anthony Evans, Tripper strikes back (New Years Revolution 2005), SW Publishing, 2005, pp. 30-31.
  69. ^ Wrestling's historical cards, Pro Wrestling Illustrated presents: 2007 Wrestling almanac & book of facts, 2007, p. 117.
  70. ^ WrestleMania rerun (Backlash 2005), SW Publishing, 2005, pp. 32-33.
  71. ^ Wrestling's historical cards, Pro Wrestling Illustrated presents: 2007 Wrestling almanac & book of facts, 2007, p. 118.
  72. ^ (EN) Raw – October 3, 2005 Results, su onlineworldofwrestling.com, Online World of Wrestling, 3 ottobre 2005. URL consultato il 19 dicembre 2016.
  73. ^ a b Wrestling's historical cards, Pro Wrestling Illustrated presents: 2007 Wrestling almanac & book of facts, 2007, p. 119.
  74. ^ Oliver Hurley, WrestleMania In Person” (WrestleMania 22), SW Publishing, 2006, pp. 16-19.
  75. ^ a b Wrestling's historical cards, Pro Wrestling Illustrated presents: 2007 Wrestling almanac & book of facts, 2007, p. 121.
  76. ^ (EN) Raw – June 12, 2006 Results, su onlineworldofwrestling.com, Online World of Wrestling, 12 giugno 2006. URL consultato il 20 dicembre 2016.
  77. ^ (EN) Vengeance 2006 Results, su pwwew.net, PWWEW, 25 giugno 2006. URL consultato il 20 dicembre 2016.
  78. ^ Wrestling's historical cards, Pro Wrestling Illustrated presents: 2007 Wrestling almanac & book of facts, 2007, p. 122.
  79. ^ (EN) Survivor Series 2006 Results, su pwwew.net, PWWEW, 26 novembre 2006. URL consultato il 21 dicembre 2016.
  80. ^ a b (EN) Shawn Perine, Triple trouble, su findarticles.com, Find Articles, 7 gennaio 2007. URL consultato il 21 dicembre 2016.
  81. ^ (EN) New Years Revolution 2007 Results, su onlineworldofwrestling.com, Online World of Wrestling, 7 gennaio 2007. URL consultato il 21 dicembre 2016.
  82. ^ (EN) SummerSlam 2007 Results, su pwwew.net, PWWEW, 26 agosto 2007. URL consultato il 21 dicembre 2016.
  83. ^ (EN) WWE Champion Triple H def. Umaga, su wwe.com, WWE, 7 ottobre 2007. URL consultato il 7 gennaio 2017.
  84. ^ a b c (EN) No Mercy 2007 Results, su pwwew.net, PWWEW, 7 ottobre 2007. URL consultato il 7 gennaio 2017.
  85. ^ (EN) Triple H wins Raw Elimination Chamber, su wwe.com, WWE, 17 febbraio 2008. URL consultato il 17 gennaio 2017.
  86. ^ (EN) Triple Threat Match: Randy Orton def. John Cena and Triple H (Orton retains WWE Title), su wwe.com, WWE, 30 marzo 2008. URL consultato il 17 gennaio 2017.
  87. ^ (EN) History of the WWE Championship, su wwe.com, WWE, 27 aprile 2008. URL consultato il 17 gennaio 2017.
  88. ^ (EN) Judgment Day spoils streak of good shows, su slam.canoe.ca, Slam! Sports, 18 maggio 2008. URL consultato il 2 febbraio 2017.
  89. ^ (EN) One Night Stand WWE's best this year, su slam.canoe.ca, Slam! Sports, 1º giugno 2008. URL consultato il 2 febbraio 2017.
  90. ^ (EN) Orton suffers broken collarbone, su wwe.com, WWE. URL consultato il 2 febbraio 2017.
  91. ^ (EN) A Draft Disaster, su wwe.com, WWE, 23 giugno 2008. URL consultato il 2 febbraio 2017.
  92. ^ (EN) Maul in the Family, su wwe.com, WWE, 20 luglio 2008. URL consultato il 2 febbraio 2017.
  93. ^ (EN) SummerSlam comes close to 'blockbuster' status, su wwe.com, WWE, 17 agosto 2008. URL consultato il 2 febbraio 2017.
  94. ^ (EN) Matt Bishop, Scramble matches make for wild Unforgiven, su slam.canoe.ca, Slam! Sports, 7 settembre 2008. URL consultato il 16 marzo 2017.
  95. ^ (EN) Lennie DiFino, The Game escapes with the gold, su wwe.com, WWE, 5 ottobre 2008. URL consultato il 16 marzo 2017.
  96. ^ (EN) Lennie DiFino, Cyber Sunday: Triple H marches on as champion, su wwe.com, WWE, 26 ottobre 2008. URL consultato il 16 marzo 2017.
  97. ^ (EN) Edge def. WWE Champion Triple H & Vladimir Kozlov (Triple Threat Match), su wwe.com, WWE, 23 novembre 2008. URL consultato il 16 marzo 2017.
  98. ^ (EN) Adam Martin, Armageddon PPV results – 12/14/08 – Buffalo, NY, su wrestleview.com, Wrestleview, 14 dicembre 2008. URL consultato il 17 marzo 2017.
  99. ^ (EN) Craig Tello, Results:Detroit "RKO" City, su wwe.com, WWE, 25 gennaio 2009. URL consultato il 17 marzo 2017.
  100. ^ (EN) Mitch Passero, Results: Regaining the throne, su wwe.com, WWE, 15 febbraio 2009. URL consultato il 17 marzo 2017.
  101. ^ (EN) Aubrey Sitterson, Game changer, su wwe.com, WWE, 16 febbraio 2009. URL consultato il 17 marzo 2017.
  102. ^ (EN) Greg Parks, PARKS' WWE SMACKDOWN REPORT 2/20: Ongoing "virtual time" coverage of the show, including Divas Tag Action, su pwtorch.com, Pro Wrestliong Torch, 20 febbraio 2009. URL consultato il 17 marzo 2017.
  103. ^ (EN) Aubrey Sitterson, Legacy gets hammered, su wwe.com, WWE, 23 febbraio 2009. URL consultato il 17 marzo 2017.
  104. ^ (EN) James Caldwell, CALDWELL'S WWE WRESTLEMANIA 25 REPORT 4/5: Ongoing LIVE COVERAGE from Houston inside Reliant Stadium, su pwtorch.com, Pro Wrestliong Torch, 5 aprile 2009. URL consultato il 17 marzo 2017.
  105. ^ (EN) Wade Keller, KELLER'S WWE BACKLASH PPV REPORT 4/26: Ongoing "virtual time" coverage - Orton & Rhodes & DiBiase vs. McMahon & Triple H & Batista, su pwtorch.com, Pro Wrestliong Torch, 26 aprile 2009. URL consultato il 17 marzo 2017.
  106. ^ (EN) James Caldwell, CALDWELL'S WWE THE BASH PPV REPORT 6/28: Ongoing "virtual time" coverage of Orton vs. Triple H, Punk vs. Hardy, su pwtorch.com, Pro Wrestliong Torch, 28 giugno 2009. URL consultato il 17 marzo 2017.
  107. ^ (EN) James Caldwell, CALDWELL'S WWE NIGHT OF CHAMPIONS PPV REPORT 7/26: Ongoing "virtual time" coverage of all-title-match PPV, su pwtorch.com, Pro Wrestliong Torch, 26 luglio 2009. URL consultato il 17 marzo 2017.
  108. ^ (EN) Greg Adkins, North of disorder, su wwe.com, WWE, 10 agosto 2009. URL consultato il 18 marzo 2017.
  109. ^ (EN) Raw: Road to Summerfest nears its end, su slam.canoe.ca, Slam! Sports, 17 agosto 2009. URL consultato il 22 marzo 2017.
  110. ^ (EN) D-Generation X def. The Legacy, su wwe.com, WWE, 23 agosto 2009. URL consultato il 22 marzo 2017.
  111. ^ (EN) Cody Rhodes & Ted DiBiase def. D-Generation X (Submissions Count Anywhere Match), su wwe.com, WWE, 13 settembre 2009. URL consultato il 22 marzo 2017.
  112. ^ (EN) Chris Sokol, Title changes highlight Hell in a Cell, su wwe.com, WWE, 4 ottobre 2009. URL consultato il 22 marzo 2017.
  113. ^ (EN) Dale Plummer, Lots of wrestlers per match but no title changes at Survivor Series, su slam.canoe.ca, Slam! Sports, 22 novembre 2009. URL consultato il 22 marzo 2017.
  114. ^ (EN) James Caldwell, Caldwell's WWE TLC PPV Report 12/13: Complete PPV report on Cena vs. Sheamus, DX vs. JeriShow, Taker vs. Batista, su pwtorch.com, Pro Wrestling Torch, 13 dicembre 2009. URL consultato il 23 marzo 2017.
  115. ^ (EN) Hunter Golden, Raw Results – 1/11/10, su wrestleview.com, Wrestleview, 11 gennaio 2010. URL consultato il 23 marzo 2017.
  116. ^ (EN) James Caldwell, CALDWELL'S WWE ROYAL RUMBLE PPV REPORT 1/31: Ongoing "virtual time" coverage Rumble match, Sheamus vs. Orton, Undertaker vs. Mysterio, su pwtorch.com, Pro Wrestling Torch, 31 gennaio 2010. URL consultato il 23 marzo 2017.
  117. ^ (EN) Raw result - February 1, 2010, su cagematch.net, Cagematch, 1º febbraio 2010. URL consultato il 25 marzo 2017.
  118. ^ (EN) Raw result - February 8, 2010, su cagematch.net, Cagematch, 8 febbraio 2010. URL consultato il 25 marzo 2017.
  119. ^ (EN) WWE Elimination Chamber 2010, su cagematch.net, Cagematch, 21 febbraio 2010. URL consultato il 25 marzo 2017.
  120. ^ (EN) Raw result - March 1, 2010, su cagematch.net, Cagematch, 1º marzo 2010. URL consultato il 25 marzo 2017.
  121. ^ (EN) Adam Martin, Wrestlemania 26 Results – 3/28/10, su wrestleview.com, Wrestleview, 28 marzo 2010. URL consultato il 25 marzo 2017.
  122. ^ (EN) WWE Extreme Rules 2010, su cagematch.net, Cagematch, 25 aprile 2010. URL consultato il 25 marzo 2017.
  123. ^ (EN) DX one-night reunion, su wrestlingnewssource.com, Wrestling Source. URL consultato il 25 marzo 2017.
  124. ^ (EN) Steve Gerweck, Spoilers: WWE 2010 Tribute to the Troops results, su wrestleview.com, Wrestleview, 18 dicembre 2010. URL consultato il 25 marzo 2017.
  125. ^ (EN) James Caldwell, CALDWELL'S WWE RAW RESULTS 2/21: Complete "virtual time" coverage of live Raw - 2/21/11 reveal, Chamber PPV fall-out, WrestleMania hype in full swing, su pwtorch.com, Pro Wrestling Torch, 21 febbraio 2011. URL consultato il 25 marzo 2017.
  126. ^ (EN) James Caldwell, CALDWELL'S WWE RAW RESULTS 2/28: Complete "virtual time" coverage of live Raw - Cena vs. Riley cage main event, HBK & Hunter & The Rock appear on Raw, su pwtorch.com, Pro Wrestling Torch, 28 febbraio 2011. URL consultato il 25 marzo 2017.
  127. ^ (EN) Ring Posts: Live blog from WrestleMania XXVII: Triple H vs. The Undertaker – WWE Raw, Smackdown and TNA pro wrestling news, analysis from Kevin Eck – baltimoresun.com, su baltimoresun.com, Baltimore Sun, 3 aprile 2011. URL consultato il 26 marzo 2017.
  128. ^ (EN) Craig Tello, Game" changer for McMahon, su wwe.com, WWE, 18 luglio 2011. URL consultato il 26 marzo 2017.
  129. ^ (EN) James Caldwell, CALDWELL'S WWE SUMMERSLAM PPV RESULTS 8/14: Ongoing "virtual time" coverage of live PPV - Cena vs. Punk title unification, su pwtorch.com, Pro Wrestliong Torch, 14 agosto 2011. URL consultato il 29 marzo 2017.
  130. ^ (EN) Adam Martin, Summerslam Results – 8/14/11, su wrestleview.com, Wrestleview, 14 agosto 2011. URL consultato il 29 marzo 2017.
  131. ^ (EN) John Cena vs. CM Punk – Undisputed WWE Championship Match, su wwe.com, WWE, 14 agosto 2011. URL consultato il 29 marzo 2017.
  132. ^ (EN) Kevin Nash released, su wwe.com, WWE. URL consultato il 29 marzo 2017.
  133. ^ (EN) Craig Tello, WWE COO Triple H def. CM Punk (No Disqualification Match), su wwe.com, WWE, 18 settembre 2011. URL consultato il 29 marzo 2017.
  134. ^ (EN) WWE Raw SuperShow results: The "Laurinaitis Era" begins, su wwe.com, WWE, 17 ottobre 2011. URL consultato il 29 marzo 2017.
  135. ^ Adam Martin, Vengeance PPV Results – 10/23/11, su wrestleview.com, Wrestleview, 23 ottobre 2011. URL consultato il 30 marzo 2017.
  136. ^ David Stephens, Raw Results – 10/24/11, su wrestleview.com, Wrestleview, 24 ottobre 2011. URL consultato il 30 marzo 2017.
  137. ^ (EN) Dave Hillhoiuse, TLC: The trouble with tables, su slam.canoe.ca, Slam! Sports, 18 dicembre 2011. URL consultato il 30 marzo 2017.
  138. ^ (EN) Mitch Passero, The Undertaker returned with his sights set on Triple H, su wwe.com, WWE, 30 gennaio 2012. URL consultato il 31 marzo 2017.
  139. ^ (EN) Kara A. Medalis, WWE Raw SuperShow results: Has Cena embraced the hate, su wwe.com, WWE, 13 febbraio 2012. URL consultato il 31 marzo 2017.
  140. ^ (EN) The Undertaker vs. Triple H (Hell in a Cell Match with special referee Shawn Michaels), su wwe.com, WWE, 20 febbraio 2012. URL consultato il 31 marzo 2017.
  141. ^ (EN) James Caldwell, CALDWELL'S WWE WRESTLEMANIA 28 PPV REPORT 4/1: Ongoing "virtual time" coverage of live PPV - Rock-Cena, Taker-Hunter, Punk-Jericho, su pwtorch.com, Pro Wrestling Torch, 1º aprile 2012. URL consultato il 31 marzo 2017.
  142. ^ (EN) Robin Scannell, Raw Storyline Tracker – Complete Over the Limit build-up: Cena-Laurinaitis, Triple H-Lesnar, Punk-Bryan, Big Show "fired," more!, su pwtorch.com, Pro Wrestling Torch. URL consultato il 31 marzo 2017.
  143. ^ (EN) James Caldwell, Caldwell's WWE Raw Results 4/30: Ongoing "virtual-time" coverage of live Raw Starring Brock Lesnar – PPV fall-out, Triple H returns, su pwtorch.com, Pro Wrestling Torch, 30 aprile 2012. URL consultato il 31 marzo 2017.
  144. ^ (EN) James Caldwell, CALDWELL'S WWE RAW RESULTS 5/14: Ongoing "virtual-time" coverage of live Raw – Cena & Triple H return, final PPV hype, su pwtorch.com, Pro Wrestling Torch, 14 maggio 2012. URL consultato il 31 marzo 2017.
  145. ^ (EN) James Caldwell, CALDWELL'S WWE NO WAY OUT PPV REPORT 6/17, su pwtorch.com, Pro Wrestling Torch, 17 giugno 2012. URL consultato il 31 marzo 2017.
  146. ^ (EN) James Caldwell, CALDWELL'S WWE RAW RESULTS 6/18: Ongoing "virtual-time" coverage of live Raw #994 – PPV fall-out, Johnny says good-bye, Hunter-Heyman, su pwtorch.com, Pro Wrestling Torch, 18 giugno 2012. URL consultato il 31 marzo 2017.
  147. ^ (EN) James Caldwell, CALDWELL'S WWE RAW RESULTS 7/23: Complete "virtual-time" coverage of live Raw #999 – WWE recognizes 1,000 episodes, WWE Title match, Lesnar, Rock, DX, wedding, su pwtorch.com, Pro Wrestling Torch, 23 luglio 2012. URL consultato il 2 aprile 2017.
  148. ^ (EN) Matt Bishop, Lesnar snaps Triple H's arm at SummerSlam, su slam.canoe.ca, Slam! Sports, 19 agosto 2012. URL consultato il 2 aprile 2017.
  149. ^ (EN) Adam Martin, WWE: Triple H suffers "broken arm" at Summerslam, su wrestleview.com, Wrestleview, 9 agosto 2012. URL consultato il 2 aprile 2017.
  150. ^ (EN) James Caldwell, CALDWELL'S WWE RAW RESULTS 8/27: Complete "virtual-time" coverage of live Raw – Triple H addresses retirement, Cena-Punk continues, cage main event, su pwtorch.com, Pro Wrestling Torch, 27 agosto 2012. URL consultato il 2 aprile 2017.
  151. ^ (EN) James Caldwell, CALDWELL'S WWE RAW RESULTS 12/17: Complete "virtual-time" coverage of live Raw - The strangest show of the year concludes with the debut of a new monster heel; Ric Flair returns, su pwtorch.com, Pro Wrestling Torch, 17 dicembre 2012. URL consultato il 2 aprile 2017.
  152. ^ (EN) Anthony Benigno, Paul Heyman's fight against Mr. McMahon degenerated into a brawl between Brock Lesnar and Triple H, su wwe.com, WWE, 25 febbraio 2013. URL consultato il 2 aprile 2017.
  153. ^ (EN) CALDWELL'S WWE RAW RESULTS 3/4: Complete "virtual-time" coverage of live "Old-School Raw" – Taker returns, Rock-Cena in-ring confrontation, WM29 hype, more, su pwtorch.com, Pro Wrestling Torch, 4 marzo 2013. URL consultato il 5 aprile 2017.
  154. ^ (EN) CALDWELL'S WWE RAW RESULTS 3/11: Complete "virtual-time" coverage of live Raw – WWE recognizes Bearer by incorporating him into Taker-Punk, Lesnar challenges Hunter, no Cena, more, su pwtorch.com, Pro Wrestling Torch, 11 marzo 2013. URL consultato il 5 aprile 2017.
  155. ^ (EN) CALDWELL'S WWE RAW RESULTS 3/18: Complete "virtual-time" coverage of live Raw – Hunter signs WM29 contract, IC Title match, more WM29 developments, su pwtorch.com, Pro Wrestling Torch, 18 marzo 2013. URL consultato il 5 aprile 2017.
  156. ^ (EN) Thomas Myers, Wrestlemania 29 results: Brock Lesnar pinned by Triple H after steel step Pedigree, su mmamania.com, MMAMANIA, 7 aprile 2013. URL consultato il 5 aprile 2017.
  157. ^ (EN) Brock Lesnar takes care of 3MB and then a rematch is set up against Triple H for Extreme Rules, su wwe.com, WWE, 15 aprile 2013. URL consultato il 5 aprile 2017.
  158. ^ (EN) CALDWELL'S WWE RAW RESULTS 4/22 (First Hour): Hunter Pedigrees Heyman, Jericho vs. Ziggler, more, su pwtorch.com, Pro Wrestling Torch, 22 aprile 2013. URL consultato il 5 aprile 2017.
  159. ^ (EN) WWE Extreme Rules results and reactions from last night (May 19): Believe in Gold, su cagesideseats.com, Cage Sides, 19 maggio 2013. URL consultato il 5 aprile 2017.
  160. ^ (EN) Curtis Axel def. Triple H, su wwe.com, WWE, 20 maggio 2013. URL consultato il 5 aprile 2017.
  161. ^ (EN) Triple H injury update, su wwe.com, WWE, 20 maggio 2013. URL consultato il 5 aprile 2017.
  162. ^ (EN) Triple H exits the arena: WWE App Exclusive, May 20, 2013, su wwe.com, WWE, 20 maggio 2013. URL consultato il 5 aprile 2017.
  163. ^ (EN) Daniel Bryan def. Wade Barrett – No Disqualification match, su wwe.com, WWE, 16 agosto 2013. URL consultato il 5 aprile 2017.
  164. ^ (EN) Daniel Bryan def. WWE Champion John Cena; Randy Orton cashed in his Money in the Bank contract on Bryan to become WWE Champion - WWE.com, su wwe.com, WWE, 18 agosto 2013. URL consultato il 5 aprile 2017.
  165. ^ Triple H addresses WWE Universe concerns over a new regime, su wwe.com, WWE, 2013. (archiviato dall'url originale il 4 settembre 2013).
  166. ^ (EN) Raw results: Daniel Bryan wins big at the Slammys as Cena and Orton's final face-off ends in chaos - WWE.com, su wwe.com, WWE, 9 dicembre 2013. URL consultato il 5 aprile 2017.
  167. ^ (EN) James Caldwell, WRESTLEMANIA 30 PPV RESULTS (Hour 1): Complete "virtual-time" coverage of Bryan vs. Hunter, Hogan & Austin & Rock open PPV, su pwtorch.com, Pro Wrestling Torch, 6 aprile 2014. URL consultato il 5 aprile 2017.
  168. ^ (EN) Adam Martin, WWE Wrestlemania 30 Results – 4/6/14 (Daniel Bryan wins), su wrestleview.com, Wrestleview, 6 aprile 2014. URL consultato il 5 aprile 2017.
  169. ^ (EN) John Clapp, The Shield def. Evolution, su wwe.com, WWE, 4 maggio 2014. URL consultato il 5 aprile 2017.
  170. ^ (EN) John Clapp, The Shield def. Evolution (No Holds Barred Elimination Match), su wwe.com, WWE, 1º giugno 2014. URL consultato il 5 aprile 2017.
  171. ^ (EN) James Caldwell, CALDWELL'S WWE RAW RESULTS 6/2: Complete "virtual-time" coverage of live Raw - PPV fall-out, huge angle at the end of Raw, post-Raw coverage, MITB hype, more, su pwtorch.com, Pro Wrestling Torch, 2 giugno 2014. URL consultato il 5 aprile 2017.
  172. ^ (EN) Mike Tedesco, WWE RAW Results - 10/27/14 (John Cena vs. Seth Rollins), su wrestleview.com, Wrestleview, 27 ottobre 2014. URL consultato il 5 aprile 2017.
  173. ^ (EN) Mike Tedesco, WWE RAW Results - 11/3/14 (Randy Orton vs. Seth Rollins), su wrestleview.com, Wrestleview, 3 novembre 2014. URL consultato il 5 aprile 2017.
  174. ^ (EN) Mike Tedesco, WWE Smackdown Results - 11/21/14 (Survivor Series hype), su wrestleview.com, Wrestleview, 21 novembre 2014. URL consultato il 5 aprile 2017.
  175. ^ (EN) James Caldwell, CALDWELL'S WWE S. SERIES PPV RESULTS 11/23: Complete "virtual-time" coverage of Team Cena vs. Team Authority, more, su pwtorch.com, Pro Wrestling Torch, 23 novembre 2014. URL consultato il 6 aprile 2017.
  176. ^ (EN) Wade Keller, Keller's WWE Raw report 12/29: Lesnar and Heyman show up, Ziggler vs. Rusev in a champion vs. champion match, Edge & Christian host, Bryan's big announcement, su pwtorch.com, Pro Wrestling Torch, 29 dicembre 2014. URL consultato il 15 aprile 2017.
  177. ^ (EN) Mike Tedesco, WWE RAW Results – 1/19/15 (Sting debuts on RAW), su wrestleview.com, Wrestleview, 19 gennaio 2015. URL consultato il 15 aprile 2017.
  178. ^ (EN) Ryan Murphy, Triple H won the 2016 Royal Rumble Match for the WWE World Heavyweight Championship, su wwe.com, WWE, 24 gennaio 2016. URL consultato il 25 gennaio 2016.
  179. ^ (EN) Ryan Murphy, Rumble Match Statistics, su wwe.com, WWE, 24 gennaio 2016. URL consultato il 25 gennaio 2016.
  180. ^ (EN) WWE Raw results, Jan. 25, 2016: Triple H sets his Fastlane terms and The Rock faces off with The New Day, su wwe.com, WWE, 25 gennaio 2016. URL consultato il 15 marzo 2016.
  181. ^ (EN) Ryan Murphy, Roman Reigns def. Brock Lesnar and Dean Ambrose, su wwe.com, WWE, 21 febbraio 2016. URL consultato il 15 marzo 2016.
  182. ^ (EN) Roman Reigns def. Sheamus via Disqualification, su wwe.com, WWE, 22 febbraio 2016. URL consultato il 15 marzo 2016.
  183. ^ (EN) John Clapp, WWE World Heavyweight Champion Triple H def. Dean Ambrose, su wwe.com, WWE, 12 marzo 2016. URL consultato il 13 marzo 2016.
  184. ^ Ryan Murphy, Roman Reigns def. WWE World Heavyweight Champion Triple H and, WWE. URL consultato il 3 aprile 2016.
  185. ^ (EN) Anthony Benigno, Kevin Owens def. Seth Rollins, Roman Reigns and Big Cass to become the new WWE Universal Champion, su wwe.com, WWE, 29 agosto 2016. URL consultato il 31 agosto 2016.
  186. ^ Anthony Benigno, Sami Zayn def. Seth Rollins to win Rollins’ opportunity in the Royal Rumble Match, su WWE, 23 gennaio 2017. URL consultato il 23 gennaio 2017.
  187. ^ James Wortman, Seth Rollins injured by Samoa Joe during Raw, su WWE, 30 gennaio 2017. URL consultato il 30 gennaio 2017.
  188. ^ Anthony Benigno, Seth Rollins attacks Triple H, su WWE, 13 marzo 2017. URL consultato il 13 marzo 2017.
  189. ^ Anthony Benigno, Seth Rollins vs. Triple H (Non-Sanctioned Match), su WWE. URL consultato il 27 marzo 2017.
  190. ^ Anthony Benigno, Seth Rollins def. Triple H (Non-Sanctioned Match), su WWE. URL consultato il 2 aprile 2017.
  191. ^ CALDWELL'S WWE NIGHT OF CHAMPIONS PPV REPORT 6/29: Ongoing "virtual time" coverage of live PPV, pwtorch.com. URL consultato il 20 agosto 2014.
  192. ^ Triple H's Wwf/Wwe Debut 1995, su YouTube. URL consultato il 14 settembre 2014.
  193. ^ Triple H Unleashed Article, WOW Magazine. (archiviato dall'url originale il 30 giugno 2007).
    «After a successful debut and a string of victories – all courtesy of the inverted Indian deathlock leglock finisher taught to him by Kowalski».
  194. ^ Steve Anderson, Breaking The Mold, Wrestling Digest, October 2001. URL consultato l'8 maggio 2008. [collegamento interrotto]
  195. ^ a b c d e f g h (EN) DVD dedicati a Triple H su cagematch.net, cagematch.net. URL consultato il 10 giugno 2016.
  196. ^ (EN) WWF War Zone, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato il 10 giugno 2016.
  197. ^ (EN) WWF Attitude, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato il 10 giugno 2016.
  198. ^ (EN) WWF WrestleMania 2000, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato il 10 giugno 2016.
  199. ^ (EN) WWF SmackDown!, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato il 10 giugno 2016.
  200. ^ (EN) WWF Royal Rumble, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato il 10 giugno 2016.
  201. ^ (EN) WWF No Mercy, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato il 10 giugno 2016.
  202. ^ (EN) WWF SmackDown! 2: Know Your Role, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato il 10 giugno 2016.
  203. ^ (EN) Fire Pro Wrestling, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato il 10 giugno 2016.
  204. ^ (EN) WWF Betrayal, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato il 10 giugno 2016.
  205. ^ (EN) WWF Road to WrestleMania, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato il 10 giugno 2016.
  206. ^ (EN) WWF SmackDown! Just Bring It, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato il 10 giugno 2016.
  207. ^ (EN) WWE Raw, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato il 10 giugno 2016.
  208. ^ (EN) WWE WrestleMania X8, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato il 10 giugno 2016.
  209. ^ (EN) WWE Road To Wrestlemania X-8, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato il 10 giugno 2016.
  210. ^ (EN) WWE SmackDown! Shut Your Mouth, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato il 10 giugno 2016.
  211. ^ (EN) WWE Crush Hour, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato il 10 giugno 2016.
  212. ^ (EN) WWE WrestleMania XIX, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato il 10 giugno 2016.
  213. ^ (EN) WWE Raw 2, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato il 10 giugno 2016.
  214. ^ (EN) WWE SmackDown! Here Comes The Pain, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato il 10 giugno 2016.
  215. ^ (EN) WWE Day Of Reckoning, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato il 10 giugno 2016.
  216. ^ (EN) WWE SmackDown! vs. RAW, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato il 10 giugno 2016.
  217. ^ (EN) WWE Survivor Series, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato il 10 giugno 2016.
  218. ^ (EN) WWE Wrestlemania 21, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato il 10 giugno 2016.
  219. ^ (EN) WWE Day Of Reckoning 2, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato il 10 giugno 2016.
  220. ^ (EN) WWE SmackDown! vs. RAW 2006, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato il 10 giugno 2016.
  221. ^ (EN) WWE SmackDown! vs. RAW 2007, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato il 10 giugno 2016.
  222. ^ (EN) WWE SmackDown vs. RAW 2008, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato il 10 giugno 2016.
  223. ^ (EN) WWE SmackDown vs. RAW 2009, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato il 10 giugno 2016.
  224. ^ (EN) WWE SmackDown vs. RAW 2010, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato il 10 giugno 2016.
  225. ^ (EN) WWE SmackDown vs. RAW 2011, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato il 10 giugno 2016.
  226. ^ (EN) WWE All Stars, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato il 10 giugno 2016.
  227. ^ (EN) WWE '12, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato il 10 giugno 2016.
  228. ^ (EN) WWE '13, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato il 10 giugno 2016.
  229. ^ (EN) WWE 2K14, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato il 10 giugno 2016.
  230. ^ 2K svela il gioco di carte online WWE Supercard, su spaziogames.it, Spaziogames. URL consultato il 10 giugno 2016.
  231. ^ (EN) WWE 2K15, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato il 10 giugno 2016.
  232. ^ (EN) WWE Immortals, su wwe.com, WWE. URL consultato il 10 giugno 2016.
  233. ^ (EN) WWE 2K16, su cagematch.net, Cagematch. URL consultato il 10 giugno 2016.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN41192804 · LCCN: (ENn2001111576