Frac

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il frac (dall'ingl. frock, che nel sec. 18° ebbe questo significato) o marsina è un abito maschile molto formale[1]. Viene indossato più frequentemente di sera ma, al contrario dello smoking, può essere portato anche di giorno quando l'occasione lo richieda e sull'invito si trovi scritto "cravatta bianca" ("cravatta nera" significa invece che è richiesto lo smoking).

Una delle occasioni mondane più note nella quale viene indossato è la cerimonia di consegna dei premi Nobel. Altre possibili occasioni includono udienze presso il Papa, i ricevimenti in ambasciate, cene di Stato, incoronazioni di regnanti, prime teatrali e balli di un certo livello. Il frac è anche l'abito d'uso dei direttori d'orchestra[2].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'antenato del frac nacque alla fine del Settecento in Inghilterra come comodo abito da campagna. Pertanto era in panno di lana colorato, o in pelle, corto davanti e con due falde dietro, e mostrava il gilet in tinta diversa[3]. Caratteristica iniziale fu il collo montante, poi trasformatosi in collo a revers molto alti e divisi in due. Questa moda continuò per tutto il periodo napoleonico, fino a circa il 1822. Il frac fu perfezionato nei primi anni dell'Ottocento da Lord Brummell, arbiter elegantiae del secolo, che lo preferiva blu e a doppio petto, corredato da calzoni beige, dal gilet sempre in vista, e da una camicia bianca a collo alto, fasciata da un'enorme cravatta. Iniziata la Restaurazione, il frac, come tutti gli abiti maschili dell'Ottocento divenne scuro, mentre il punto di vita si stringeva, aiutato da fasce nascoste. L'uomo assunse quindi una particolare linea a clessidra. Le falde intanto si accorciavano sensibilmente sul davanti fino a sparire poi del tutto. Restò abito comune fino alla metà di quel secolo, ma lentamente si trasformò in veste di gala, completamente nero e illuminato solo dalla camicia che doveva essere rigorosamente bianca, e il cui collo, ormai rimpicciolitosi, era fasciato da una stretta cravatta nera. Solo in alcune occasioni di particolare importanza i diplomatici arricchivano il davanti con ricami a fogliami in oro filato. Grazie a numerose innovazioni sartoriali nel taglio cominciò ad aderire a pennello sulla figura maschile. Un tenace innovatore della moda maschile, Edoardo VII del Galles, figlio della Regina Vittoria, cercò invano di abolire il doppio petto, introducendo comunque la moda in vigore anche oggi di lasciarlo aperto, forse per mimetizzare la sua incipiente pinguedine. Nel Novecento il frac si trasformò definitivamente in indumento da sera, surclassato per il giorno dal tight e affiancato per la sera dallo smoking. Dopo la Seconda guerra mondiale il frac si affermò sempre più come indumento tipico dei dignitari di corte e dei partecipanti a ricevimenti o spettacoli serali di gran classe ed oggi ha il ruolo di abito da sera maschile di più alto livello.

Componenti essenziali[modifica | modifica wikitesto]

Disegno di tailcoat.

Giacca[modifica | modifica wikitesto]

È nera a un petto, con i rever di seta ed è dotata delle caratteristiche "code di rondine", da cui deriva uno dei nomi in uso nei paesi anglosassoni "tailcoat" ("giubba a code") o "tails". Il modello, che vede le code più lunghe rispetto alla sua origine, è rimasto più o meno inalterato fino ai giorni nostri. Il segreto dell'eleganza del frac dipende al cinquanta per cento dal taglio ma altrettanto dalla realizzazione sartoriale. La linea segue molto da vicino le forme anatomiche del corpo. La vita è molto aderente e ben modellata, dato che la giacca non si può abbottonare, occorre impostarla in modo che, adattandosi perfettamente al busto, resti al suo posto anche durante i movimenti della persona. Compito non facile che si ottiene con una buona impostazione di spalla e di appiombo e con un giro manica aderente. Nei revers, con le punte a lancia, sotto la seta, si pone uno strato di ovattina per non far trasparire i punti dopo le stirature, essi non devono essere né stretti né lunghi, ma devono avere la linea un poco curva. Si richiede un'esecuzione artigianale a mano, senza economie nei tempi di lavorazione. Come in tutte le giacche tagliate a vita con falde, si notino le speciali caratteristiche del dietro, il quale dai due bottoni situati all'altezza della vita, possiede due pieghe fisse dette "infaldature", scendenti fino in fondo. Al centro invece vi è un'apertura con sormonto per tutta la lunghezza. Non avendo tasche esterne ma solo il taschino, essendo così modellato sul corpo (a questo proposito è anche prevista un'imbottitura al torace), ha limitate o assenti anche le classiche tasche interne, è però possibile la presenza di una tasca nella coda. La vita della giacca è invece piuttosto corta e ha la caratteristica di non potersi abbottonare, essa presenta all'esterno due file di tre bottoni per lato, che possono essere di osso o corozo nero o anche ricoperti di seta, sia dello stesso tessuto dei rever, sia tessuta a piccoli motivi. Sulla manica ci sono di regola quattro bottoni, ormai rara una piccola cucitura a ricordare i paramani.

Il tessuto più classico e adatto è il barathea di lana nero, le fodere di raso di seta; rarissima la versione blu notte una volta in voga grazie al Duca di Windsor.[4]

Pantaloni[modifica | modifica wikitesto]

Sono neri dello stesso tessuto della giacca, di taglio classico senza risvolti, possono avere i galloni un po' più larghi che nello smoking. I galloni sono strisce di raso o grosgrain larghe qualche millimetro che corrono lungo l'esterno della gamba del pantalone per tutta la sua lunghezza, possono anche essere tipiche trecce di seta.

I pantaloni da frac sono privi di passanti per la cintura perché sostenuti da un paio di bretelle sottili. Queste devono essere possibilmente bianche in seta e restare assolutamente invisibili sotto il gilet.

Panciotto[modifica | modifica wikitesto]

Assolutamente obbligatorio, è di piqué di cotone rigorosamente bianco, tranne per le udienze in Vaticano, durante le quali è richiesto nero dello stesso tessuto di giacca e pantaloni. Il panciotto può essere monopetto a tre bottoni sottili in madreperla o doppiopetto a tre per due ed ha un taglio piuttosto svasato. Il panciotto dovrebbe arrivare ai fianchi non più basso del corpetto della giacca in modo da non spuntare di alcuni centimetri come oggi si vede spesso per i gusti di qualche sarto, committente o stilista.

I gemelli da polso completano il frac. Qui in una foto di Paolo Monti, 1964. Fondazione BEIC

Camicia[modifica | modifica wikitesto]

È bianca, con lo sparato inamidato chiuso da piccoli bottoni gioiello che in inglese si chiamano stud, e il colletto diplomatico, ovvero con la parte piegata verso il basso solo davanti a formare due piccole punte . I polsini sono semplici, non doppi, fermati da gemelli.

Farfallino[modifica | modifica wikitesto]

È di piquet di cotone bianco, come il gilet, ed è una delle caratteristiche principali del frac. Il colore bianco del papillon viene mantenuto anche in Vaticano. Solo i camerieri di un certo livello (maestri di sala, maggiordomi) portano il papillon nero. Il papillon dev'essere annodato a mano e giammai preconfezionato.

Scarpe[modifica | modifica wikitesto]

Di vernice nera, possono essere stringate o le "pump", scarpe da ballo con fiocco risalenti al XVI secolo.

Calze[modifica | modifica wikitesto]

Le calze da frac sono nere, lisce, sottili e lunghe al ginocchio, rette da giarrettiere maschili o anche autoreggenti; preferibilmente di seta, possono essere di filo di Scozia finissimo.

Fazzoletto da taschino e fiore all'occhiello[modifica | modifica wikitesto]

Si usa un fazzoletto bianco in batista di lino finissimo o di seta.

Si può portare all'occhiello una gardenia bianca.

Cappello[modifica | modifica wikitesto]

Il cappello adatto al frac è il cappello duro a cilindro di seta nera.

Guanti[modifica | modifica wikitesto]

Bianchi, finissimi nella stoffa e nelle cuciture, di cotone(esistevano anche in pelle), lunghi al polso, chiusi da bottoncino di madreperla, sono ormai in disuso.

Componenti accessorie[modifica | modifica wikitesto]

Per completare l'abbigliamento si può indossare:

Orologio[modifica | modifica wikitesto]

L'orologio adatto al frac è esclusivamente piatto e non ingombrante, da tasca o da polso con cinturino nero.

Sciarpa[modifica | modifica wikitesto]

Bianca di seta.

Soprabito[modifica | modifica wikitesto]

Un mantello nero, di lana o cashmere, magari foderato di seta, benché non parte integrante, ben si adatta al frac durante i piccoli spostamenti al gelo che possono essere necessari; in alternativa, se non se ne può proprio fare a meno, il soprabito chesterfield dello stesso colore.

Bastone da passeggio[modifica | modifica wikitesto]

Adatto al frac era un bastone da passeggio di un certo pregio, solitamente nero, preferibilmente del tipo a pomolo prezioso, è ormai totalmente in disuso.

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Frac nel vocabolario Treccani, treccani.it.
  2. ^ Il cerimoniale, ilcerimoniale.it.
  3. ^ Frac in enciclopedia Treccani, treccani.it.
  4. ^ (EN) Evening Tailcoat and Trousers (Dress Suit), blacktieguide.com.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Rosita Levi Pizetsky, Storia del costume in Italia, Volume V, Istituto editoriale italiano - Milano, 1966
  • Giuliano Angeli e Riccardo Villarosa, Homo elegans. Come costruire il guardaroba ideale, Milano, Idea Libri, 1990, ISBN 8870821285, ISBN 9788870821284.
  • Vittoria de Buzzaccarini, Giacche da uomo, Zanfi editore - Modena 1994
  • Giorgio Mendicini, L'eleganza maschile, Milano, Mondadori, 1996, ISBN 8804405201, ISBN 9788804405207.
  • Bernhard Roetzel, Il gentleman. Il manuale dell'eleganza maschile, Potsdam, Ullmann, 1999, ISBN 3829035624, ISBN 978-3829035620.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Moda Portale Moda: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di moda