Cashmere

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Il cashmere (nome inglese) o cachemire (nome francese), in italiano adattato di rado come casimiro, casimira, casimirra o cascimirra[1], è una pregiata fibra tessile formata con il pelo di Capra hircus.

La mano del cashmere è morbida, setosa e vellutata, dà una sensazione calda e soffice.

Il suo nome viene dal Kashmir, regione storica attualmente divisa tra India, Pakistan e Cina, da dove si esportò verso l'Europa sin dall'inizio del XIX secolo.

La parte più sottile e fine è la peluria del sottomantello ed è chiamata duvet, cioè lo strato inferiore soffice e lanoso; la parte più grossa con peli rigidi e ruvidi proviene dal mantello esterno ed è chiamata giarre. Per raccoglierlo si esegue una pettinatura manuale del mantello durante la stagione della muta, che avviene in primavera. La produzione si aggira in media tra 100 e 200 grammi di pelo fine per ogni animale adulto.

La capra changthangi, la cui lana è utilizzata per il cashmere

Origine[modifica | modifica wikitesto]

Le capre vivono nelle regioni montuose e degli altipiani dell'Asia. I paesi fornitori più importanti sono: Iran, Mongolia, Tibet, e Afghanistan. Modeste quantità vengono prodotte anche dalla provincia pakistana del Kashmir.

Le particolari condizioni climatiche, i forti sbalzi di temperatura tra il giorno e la notte di queste zone, favoriscono lo sviluppo della peluria chiamata duvet. Questa peluria (come del resto tutte le fibre animali) ha lo scopo di termo-regolare il corpo dell'animale rispetto all'ambiente esterno, proteggendolo sia dalle basse, sia dalle alte temperature.

Denominazioni[modifica | modifica wikitesto]

Prende nome, seguendo le normative di legge:

Lavorazione del cashmere[modifica | modifica wikitesto]

La Cina è il primo produttore al mondo di cashmere, fanno seguito Mongolia, Afghanistan, Iran, India, Pakistan.[2]

Uno dei paesi più importanti per la lavorazione del cashmere è l'Italia[2] in particolare nelle zone piemontesi del biellese e della Valsesia. Qui hanno sede le più importanti aziende al mondo che lavorano questa fibra con un ciclo completo di produzione: dalla selezione del fiocco di cashmere (quello migliore si riconosce per la lunghezza delle fibre, solitamente proveniente dalla Mongolia) fino alla trasformazione in filato e quindi in tessuto. Grazie alla purezza dei torrenti Sesia e Cervo e alle caratteristiche chimico-fisiche delle loro acque è possibile lavorare il cashmere ottenendo una morbidezza assoluta, difficilmente riproducibile altrove. Tra i principali trasformatori di cashmere di lusso situati in questo distretto ci sono Loro Piana (di LVMH[3]), Lanificio Colombo, Ermenegildo Zegna, Piacenza Cashmere[4], altri grandi produttori italiani di capi in cashmere si trovano nel distretto tessile della regione Umbria, quali Brunello Cucinelli e Lamberto Losani Cashmere.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sono registrati anche gli adattamenti parziali: cascimir, casimir, cascemir, tutti ossitoni.
    Cascimir, in Treccani.it – Vocabolario Treccani on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 15 marzo 2011. URL consultato il 17 aprile 2016.
  2. ^ a b Italia, regno del cashmere, su vocearancio.ingdirect.it (archiviato dall'url originale il 29 ottobre 2014).
  3. ^ Lvmh compra Loro Piana per due miliardi, Il Sole 24 Ore, 9 luglio 2013.
  4. ^ Cashmere, dalla Cina all'Italia due volte andata e ritorno, su mffashion.com (archiviato dall'url originale il 29 ottobre 2014).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàGND (DE4135787-5