Unforgiven (2004)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Unforgiven (2004)
Tagline Insane. Pain. Kane.
Colonna sonora Survival of the Sickest dei Saliva
Prodotto da WWE
Brand Raw
Sponsor Clearasil
Data 12 settembre 2004[1]
Sede Rose Garden[1][2]
Città Portland, Stati Uniti[1][2]
Spettatori 10.000[1]
Cronologia pay-per-view
SummerSlam (2004) Unforgiven (2004) No Mercy (2004)
Progetto Wrestling

Unforgiven (2004) è stata la settima edizione dell'evento in pay-per-view Unforgiven, prodotto dalla World Wrestling Entertainment. L'evento, esclusivo del roster di Raw, si è svolto il 12 settembre 2004 al Rose Garden di Portland.[2]

Antefatto[modifica | modifica wikitesto]

Il feud principale fu quello per il World Heavyweight Championship tra il campione Randy Orton e lo sfidante Triple H. Nel pay-per-view di agosto, SummerSlam, Orton sconfisse Chris Benoit conquistando il World Heavyweight Championship, diventando il campione più giovane nella storia della WWE. Il 16 agosto, a Raw, Orton mantenne il titolo sconfiggendo Benoit nel rematch. Dopo il match l'Evolution (Batista, Ric Flair e Triple H) attaccò Orton. Nella puntata di Raw del 23 agosto, Orton si rifiutò di cedere il titolo a Triple H sputandogli in faccia e colpendolo con la cintura. Così, il General Manager Eric Bischoff propose un match titolato tra Orton e HHH per Unforgiven. La settimana successiva a Raw, Eugene sconfisse Triple H dopo l'interferenza di Orton che colpì con una RKO Triple H. Nella puntata di Raw del 6 settembre, Orton sconfisse Kane in uno Steel Cage match dove riuscì a vincere evadendo dalla gabbia. Poco dopo la fine del match Ric Flair, Batista e Triple H attaccarono Orton.

A Bad Blood, Shawn Michaels perse contro Triple H in un Hell in a Cell match. Nella puntata di Raw successiva a Bad Blood, durante un confronto all'interno del ring tra Michaels e HHH, Kane intervenne ed attaccò Michaels alla gola con una sedia d'acciaio, infortunandolo. Nella puntata di Raw del 28 giugno, Kane disse a Jim Ross di aver attaccato Michaels perché aveva bisogno di sfogare la sua rabbia, causata dalla sconfitta patita contro il World Heavyweight Champion Chris Benoit a Bad Blood. Nella puntata di Raw del 30 agosto, Eric Bischoff annunciò che l'avversario di Kane ad Unforgiven sarebbe stato Michaels, desideroso di vendetta nei confronti della Big Red Machine. Il match tra i due venne, poi, modificato in un No Disqualification match.

Nella puntata di Raw del 6 settembre, Eric Bischoff tolse dalla vita di Edge il WWE Intercontinental Championship, in quanto egli subì un reale infortunio. Christian interruppe Bischoff, dicendogli di dargli l'ormai vacante titolo intercontinentale. Successivamente, Chris Jericho si intromise e suggerì a Bischoff di organizzare un match titolato tra lui e Christian la sera stessa. Bischoff, tuttavia, decise di annunciare un Ladder match, valido per il vacante titolo intercontinentale, tra Christian e Jericho per Unforgiven.

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

# Risultati Stipulazioni Durata
Heat Maven ha sconfitto Rodney Mack (con Jazz) Single match 04:42
1 Chris Benoit e William Regal hanno sconfitto Evolution (Batista e Ric Flair) per sottomissione Tag Team match 15:07
2 Trish Stratus (c) (con Tyson Tomko) ha sconfitto Victoria Single match per il WWE Women's Championship 08:21
3 Tyson Tomko ha sconfitto Steven Richards Single match 06:24
4 Chris Jericho ha sconfitto Christian Ladder match per il vacante WWE Intercontinental Championship 22:29
5 Shawn Michaels ha sconfitto Kane (con Lita) No Disqualification match 18:02
6 La Résistance (Robért Conway e Sylvain Grenier) (c) ha sconfitto Rhyno e Tajiri Tag Team match per il World Tag Team Championship 09:40
7 Triple H ha sconfitto Randy Orton (c) Single match per il World Heavyweight Championship 24:45

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d (EN) Unforgiven 2004 Results, su prowrestlinghistory.com, Pro Wrestling History. URL consultato il 6 agosto 2017.
  2. ^ a b c (EN) Unforgiven 2004 venue, su wwe.com, World Wrestling Entertainment. URL consultato il 16 novembre 2017.
Wrestling Portale Wrestling: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di wrestling