Menisco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il fenomeno fisico, vedi Menisco (fisica).
Menisco
Gray349.png
Testa della tibia destra vista dall'alto, mostra menischi e legamenti
Gray348.png
Articolazione del ginocchio sinistro da dietro, mostra i legamenti interni
Nome latinomenischi
Identificatori
TAA03.0.00.033
FMA76690

I menischi sono delle strutture fibro-cartilaginee presenti tra le articolazioni le cui superfici non risultano congruenti tra loro (la loro forma cambia a seconda delle superfici tra le quali si trovano). Al contrario dei dischi articolari i menischi dividono solo parzialmente la cavità articolare.[1] Negli esseri umani sono presenti nelle articolazioni del ginocchio, del polso, acromioclavicolare, sterno-clavicolare e temporo-mandibolare.[2] Negli altri animali possono essere presenti in altre articolazioni.

Il termine menisco è usato per riferirsi alla cartilagine del ginocchio, sia per quanto riguarda il menisco laterale che per quello mediale, che sono i tessuti che forniscono l'integrità strutturale al ginocchio quando subisce tensioni e torsioni. I menischi sono conosciuti anche come cartilagini semi-lunari, riferendosi alla loro forma a mezzaluna. Da questo fatto deriva anche il loro nome dal greco antico μηνίσκος (meniskos) che significa "piccola luna".[3]

Struttura[modifica | modifica wikitesto]

L'esempio più tipico è rappresentato dai menischi del ginocchio: qui ne troviamo due, uno mediale e uno laterale:

  • il menisco mediale ha forma di semiluna e tra i due è il più piccolo.
  • il menisco laterale è quello più grande e rispetto al mediale la sua forma è più aperta e rappresenta più un ferro di cavallo.

Il menisco laterale e il menisco mediale sono uniti tra loro dal legamento trasverso del ginocchio posto anteriormente ad essi.

La presenza del menisco non si limita soltanto all'articolazione del ginocchio: è molto importante anche quello presente nell'articolazione temporo-mandibolare. Il menisco qui presente è formato da fasci fibro-cartilaginei che si confondono con le fibre dei muscoli pterigoidei. La forma è ellissoidale e divide l'articolazione in due parti (divisione puramente didattica) individuando due cavità non comunicanti tra loro che permettono di classificare la temporo mandibolare in una diartrosi condiloidea doppia.

Funzione[modifica | modifica wikitesto]

I menischi hanno diverse funzioni:

  1. garantiscono il ripristino della congruenza tra le articolazioni;
  2. ammortizzano le sollecitazioni a cui un'articolazione è sottoposta di continuo;
  3. disperdono il peso del corpo e riducono l'attrito durante il movimento.[4]

Patologia[modifica | modifica wikitesto]

Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.

Meniscopatia[modifica | modifica wikitesto]

La meniscopatia è la rottura parziale o minima del menisco.

In generale, esistono due tipi di lesioni del menisco, lesioni acute che sono spesso il risultato di un trauma o di un infortunio sportivo e lesioni di tipo cronico o da logorio. Le lesioni acute hanno dimensioni e forme diverse (verticale, orizzontale, radiale, obliqua, complessa). Sono spesso trattate attraverso la chirurgia a seconda dell'età del paziente poiché raramente guariscono da sole. Le lesioni croniche sono trattate sintomaticamente: esercizio fisico mirato con eventuale aggiunta di iniezioni di farmaci antinfiammatori. Nel caso in cui la lesione provochi dolore, gonfiore o disfunzioni del ginocchio, può essere rimossa o riparata chirurgicamente. La triade infelice è un insieme di lesioni al ginocchio che includono lesioni al menisco mediale.

Chirurgia[modifica | modifica wikitesto]

Trattamenti chirurgici[modifica | modifica wikitesto]

Gli interventi chirurgici del menisco più comuni sono due. A seconda del tipo e della posizione dello strappo, dell'età del paziente e delle preferenze del medico, i menischi possono essere riparati o rimossi, in parte o completamente (meniscectomia). Ognuno dei metodi ha i suoi vantaggi e svantaggi. Il menisco ha scarsa disponibilità di sangue e, pertanto, la guarigione può essere difficile.[5] Tradizionalmente si era propensi a credere che nel caso in cui non ci fosse possibilità di guarigione, fosse meglio rimuovere il menisco danneggiato e non funzionale, ma degli studi hanno dimostrato che la meniscectomia ha poca utilità.[6] Riprendere attività ad alta intensità può però essere impossibile senza un intervento chirurgico, perché la lesione può causare anche il blocco del ginocchio. Le linee guida per la pratica medica sconsiglia vivamente l'intervento chirurgico in quasi tutti i pazienti con malattia degenerativa del ginocchio.[7]

Trapianto di menisco[modifica | modifica wikitesto]

Il trapianto di menisco è una tecnica attualmente non utilizzata, ancora sperimentale e relegata a pochi studi pilota. I risultati a breve e lungo termine non sono ancora documentati.

Nei giovani pazienti, soprattutto in assenza di usura artrito-dipendente del tessuto e di un danno da lacerazione, il trapianto di tessuto meniscale, prelevato da una speciale banca del tessuto, potrà in futuro, forse, rappresentare una valida opzione. L'obiettivo è di trapiantarli con una tecnica, fissando, per mezzo di cilindri di osso, il menisco trapiantato, mentre delle suture potrebbero mantenere il bordo esterno del menisco innestato al suo posto.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Platzer, Werner., Anatomia umana. 1, Apparato locomotore, Ambrosiana, p. 208, ISBN 9788808181527, OCLC 981600403.
  2. ^ Stedman e Thomas Lathrop, Meniscus, in Stedman's medical dictionary., 28ª ed., Lippincott Williams & Wilkins, 2006, ISBN 0781733901, OCLC 61162300.
  3. ^ (IT) menisco in Vocabolario - Treccani, su www.treccani.it. URL consultato l'11 giugno 2018.
  4. ^ Meniscus Tear - Torn Cartilage, su www.webcitation.org. URL consultato l'11 giugno 2018.
  5. ^ (EN) Meniscus Tear Treatment | Knee Specialist | Baton Rouge, LA, in Jeremy M. Burnham, MD. URL consultato il 12 giugno 2018.
  6. ^ Raine Sihvonen, Mika Paavola e Antti Malmivaara, Arthroscopic partial meniscectomy versus sham surgery for a degenerative meniscal tear, in The New England Journal of Medicine, vol. 369, nº 26, 26 dicembre 2013, pp. 2515–2524, DOI:10.1056/NEJMoa1305189. URL consultato il 12 giugno 2018.
  7. ^ Reed A. C. Siemieniuk, Ian A. Harris e Thomas Agoritsas, Arthroscopic surgery for degenerative knee arthritis and meniscal tears: a clinical practice guideline, in BMJ (Clinical research ed.), vol. 357, 05 10, 2017, pp. j1982, DOI:10.1136/bmj.j1982, PMID 28490431. URL consultato il 12 giugno 2018.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Henry Gray, Anatomia del Gray, 40ª ed., Elsevier, ISBN 8821431320.