Lona-Lases

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lona-Lases
comune
Lona-Lases – Stemma
Lona-Lases – Veduta
Vista della frazione di Lases
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCoat of arms of Trentino-South Tyrol.svg Trentino-Alto Adige
ProvinciaTrentino CoA.svg Trento
Amministrazione
SindacoMarco Casagranda (lista civica) dal 9-5-2005
Territorio
Coordinate46°09′N 11°13′E / 46.15°N 11.216667°E46.15; 11.216667 (Lona-Lases)Coordinate: 46°09′N 11°13′E / 46.15°N 11.216667°E46.15; 11.216667 (Lona-Lases)
Altitudine639 m s.l.m.
Superficie11,37 km²
Abitanti875[1] (28-2-2017)
Densità76,96 ab./km²
FrazioniLases (sede comunale), Lona, Piazzole, Casara, Sottolona
Comuni confinantiAlbiano, Baselga di Piné, Bedollo, Cembra Lisignago, Fornace, Segonzano, Sover, Valfloriana
Altre informazioni
Cod. postale38040
Prefisso0461
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT022108
Cod. catastaleE664
TargaTN
Cl. sismicazona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitantiloni e lasesi
PatronoVisitazione della Beata Vergine Maria
Giorno festivo31 maggio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Lona-Lases
Lona-Lases
Lona-Lases – Mappa
Posizione del comune di Lona-Lases
nella provincia autonoma di Trento
Sito istituzionale

Lona-Lases (Lóna e Lasés in dialetto trentino[2]) è un comune italiano sparso di 875 abitanti della provincia di Trento. Prende il nome dai due villaggi principali, dei quali Lases è la sede comunale.

Nel suo piccolo, la zona è famosa per essere una delle zone del Trentino più attive per lo scavo del porfido (fin dagli anni sessanta), nel territorio comunale si trova il lago di Lases.

Vista della frazione di Lona

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[3]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
9 maggio 2005 in carica Marco Casagranda Lista civica Sindaco

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 28 febbraio 2017.
  2. ^ Teresa Cappello, Carlo Tagliavini, Dizionario degli Etnici e dei Toponimi Italiani, Bologna, ed. Pàtron, 1981.
  3. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN259125973 · GND: (DE1022012401