Porte di Rendena

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Porte di Rendena
comune
Porte di Rendena – Stemma
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCoat of arms of Trentino-South Tyrol.svg Trentino-Alto Adige
ProvinciaTrentino CoA.svg Trento
Amministrazione
SindacoEnrico Pellegrini (lista civica) dal 09-05-2016
Data di istituzione1º gennaio 2016
Territorio
Coordinate46°05′N 10°43′E / 46.083333°N 10.716667°E46.083333; 10.716667 (Porte di Rendena)Coordinate: 46°05′N 10°43′E / 46.083333°N 10.716667°E46.083333; 10.716667 (Porte di Rendena)
Altitudine608 m s.l.m.
Superficie40,71[1] km²
Abitanti1 803[2] (30-6-2017)
Densità44,29 ab./km²
FrazioniDarè, Javrè, Verdesina, Vigo Rendena, Villa Rendena (sede comunale)
Comuni confinantiPelugo, Sella Giudicarie, Tione di Trento, Tre Ville, Valdaone
Altre informazioni
Cod. postale38094
Prefisso0465
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT022244
Cod. catastaleM358
TargaTN
Cl. sismicazona 4 (sismicità molto bassa)
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Porte di Rendena
Porte di Rendena
Porte di Rendena – Mappa
Posizione del comune di Porte di Rendena nella provincia autonoma di Trento
Sito istituzionale

Porte di Rendena è un comune italiano di 1 803 abitanti nella provincia autonoma di Trento in Trentino-Alto Adige.

Il comune è nato il 1º gennaio 2016 dalla fusione dei comuni di Darè, Vigo Rendena e Villa Rendena.

Si tratta di un comune sparso con sede municipale a Villa Rendena; oltre al capoluogo e agli altri due ex comuni sono presenti le frazioni di Javrè e Verdesina, già appartenenti a Villa Rendena.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[3]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
1º gennaio 2016 8 maggio 2016 Marco Riccadonna Comm. pref. [4]
9 maggio 2016 in carica Enrico Pellegrini Lista civica Sindaco [5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ http://www.tuttitalia.it/trentino-alto-adige/86-porte-di-rendena/
  2. ^ Dato Istat - Popolazione residente al 30 giugno 2017.
  3. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  4. ^ Nominati i commissari straordinari per i comuni nati dalle fusioni, su ufficiostampa.provincia.tn.it, 30 dicembre 2015. URL consultato il 3 gennaio 2016.
  5. ^ Elezioni Comunali 8 maggio 2016, su speciali.gelocal.it. URL consultato l'11 maggio 2016.
Trentino-Alto Adige Portale Trentino-Alto Adige: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Trentino-Alto Adige