Cis (Italia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cis
comune
Cis – Stemma Cis – Bandiera
Cis – Veduta
Cis da Sud
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Coat of arms of Trentino-South Tyrol.svg Trentino-Alto Adige
Provincia Trentino CoA.svg Trento
Amministrazione
Sindaco Fabio Mengoni (lista civica) dal 22-11-2010
Territorio
Coordinate 46°23′58.89″N 11°00′05.71″E / 46.399693°N 11.001587°E46.399693; 11.001587 (Cis)Coordinate: 46°23′58.89″N 11°00′05.71″E / 46.399693°N 11.001587°E46.399693; 11.001587 (Cis)
Altitudine 732 m s.l.m.
Superficie 5,5 km²
Abitanti 303[1] (30-6-2017)
Densità 55,09 ab./km²
Frazioni Mostizzolo
Comuni confinanti Bresimo, Caldes, Cles, Livo
Altre informazioni
Cod. postale 38020
Prefisso 0463
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 022060
Cod. catastale C727
Targa TN
Cl. sismica zona 4 (sismicità molto bassa)
Nome abitanti cisani
Patrono San Giorgio
Giorno festivo 23 aprile
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Cis
Cis
Sito istituzionale

Cis (Cis in noneso[2]) è un comune italiano di 303 abitanti[1] della provincia autonoma di Trento.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Il comune si trova in Val di Sole ai confini della Val di Non.

Lo stemma[modifica | modifica wikitesto]

Blasonatura[modifica | modifica wikitesto]

Lo stemma ha uno sfondo di due colori (rosso e verde); nel mezzo emerge un castello e sopra è raffigurata una stretta di mano mentre nel basso scorre il torrente Barnes.

Corona[modifica | modifica wikitesto]

Murale di Comune.

Ornamenti[modifica | modifica wikitesto]

A destra una fronda d'alloro, a sinistra una fronda di quercia, legate da un nodo d'oro e azzurro.

Gonfalone[modifica | modifica wikitesto]

Bianco accostato da 2 pali, rosso a destra e a sinistra verde, pendente da un bilico e terminante in 5 merli guelfi rovesciati, bordato e frangiato d'argento.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

Architetture militari[modifica | modifica wikitesto]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[4]

Ripartizione linguistica[modifica | modifica wikitesto]

Nel censimento del 2001 il 3,34% della popolazione (10 persone) si è dichiarato "ladino".[5]

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

La località Mostizzolo è attraversata dalla Strada statale 42 del Tonale e della Mendola. Presso il bivio, poco prima del ponte che scavalca la forra del Noce ha inizio la strada statale 43 della Val di Non.

A Mostizzolo è presente inoltre l'omonima stazione ferroviaria della linea Trento-Malé-Mezzana, inaugurata nel 1964 in sostituzione della preesistente tranvia.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
22 novembre 2010 10 maggio 2015 Fabio Mengoni Lista civica Sindaco [6]
11 maggio 2015 in carica Fabio Mengoni Lista civica Sindaco

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Dato Istat - Popolazione residente al 30 giugno 2017.
  2. ^ Teresa Cappello, Carlo Tagliavini, Dizionario degli Etnici e dei Toponimi Italiani, Bologna, ed. Pàtron, 1981.
  3. ^ Chiesa San Giorgio, comune.cis.tn.it. URL consultato il 22 agosto 2017.
  4. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  5. ^ Nel 2001 erano il 17,54% dei residenti | Trentino[collegamento interrotto]
  6. ^ Mandato elettorale 2010 - 2015, comune.cis.tn.it, 17 novembre 2014. URL consultato il 10 novembre 2017.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN233921967
Trentino-Alto Adige Portale Trentino-Alto Adige: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Trentino-Alto Adige