Pieve di Bono-Prezzo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Pieve di Bono-Prezzo
comune
Pieve di Bono-Prezzo – Veduta
Pieve di Bono-Prezzo – Veduta
Castel Romano a Pieve di Bono
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneCoat of arms of Trentino-South Tyrol.svg Trentino-Alto Adige
ProvinciaTrentino CoA.svg Trento
Amministrazione
SindacoAttilio Maestri (lista civica) dal 9-5-2016 (2º mandato dal 21-9-2020)
Data di istituzione1º gennaio 2016
Territorio
Coordinate45°56′35″N 10°38′29″E / 45.943056°N 10.641389°E45.943056; 10.641389 (Pieve di Bono-Prezzo)
Altitudine514 m s.l.m.
Superficie24,68 km²
Abitanti1 431[1] (31-10-2021)
Densità57,98 ab./km²
FrazioniAgrone, Cologna, Creto (sede comunale), Por, Prezzo, Strada
Comuni confinantiBorgo Chiese, Castel Condino, Ledro, Sella Giudicarie, Valdaone
Altre informazioni
Cod. postale38085
Prefisso0465
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT022234
Cod. catastaleM365
TargaTN
Cl. sismicazona 3 (sismicità bassa)[2]
Nome abitantipievani-batoi (o plevensi-batoi)
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Pieve di Bono-Prezzo
Pieve di Bono-Prezzo
Pieve di Bono-Prezzo – Mappa
Pieve di Bono-Prezzo – Mappa
Posizione del comune di Pieve di Bono-Prezzo nella provincia autonoma di Trento
Sito istituzionale

Pieve di Bono-Prezzo (La Piev da Bon[3]-Preč[4] in dialetto locale) è un comune italiano di 1 431 abitanti della provincia autonoma di Trento in Trentino-Alto Adige.

Il comune sparso è stato istituito il 1º gennaio 2016 per fusione dei territori comunali di Pieve di Bono e Prezzo. La sede municipale si trova a Creto, già capoluogo del comune di Pieve di Bono.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Simboli[modifica | modifica wikitesto]

Il 13 dicembre 2017 la Giunta provinciale ha approvato lo stemma ed il gonfalone del nuovo Comune di Pieve di Bono-Prezzo.[5] Nello stemma è raffigurata, su una campagna di rosso, una montagna di verde che entra in un cielo d'azzurro con due cime stilizzate in forma di bassi triangoli che toccano i fianchi, caricate quella a destra d'un trifoglio d'argento e quella a sinistra d'una ruota di carro di 12 raggi, d'argento; al di sotto, fondato sulla campagna, è cucito un colonnato di sei colonne, con basamenti e capitelli, che reggono cinque archi a tutto sesto ed un architrave rettangolare: il tutto al naturale. Il gonfalone è un drappo di bianco.[6]

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

Architetture militari[modifica | modifica wikitesto]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[7]

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
1º gennaio 2016 8 maggio 2016 Anita Binelli Commissario prefettizio [8]
9 maggio 2016 in carica Attilio Maestri Lista civica Sindaco [9]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Bilancio demografico mensile anno 2021 (dati provvisori), su demo.istat.it, ISTAT.
  2. ^ Classificazione sismica (XLS), su rischi.protezionecivile.gov.it.
  3. ^ Teresa Cappello, Carlo Tagliavini, Dizionario degli Etnici e dei Toponimi Italiani, Bologna, ed. Pàtron, 1981.
  4. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani., Milano, Garzanti, 1996, p. 521, ISBN 88-11-30500-4.
  5. ^ Comune di Pieve di Bono-Prezzo, Verbale di deliberazione n. 31 del Consiglio comunale: Approvazione della proposta di stemma e relativo gonfalone del comune di Pieve di Bono-Prezzo (PDF), 13 dicembre 2017.
  6. ^ Approvati stemma e gonfalone del Comune di Pieve di Bono-Prezzo, su Il Trentino, 2 febbraio 2018. URL consultato il 26 agosto 2022.
  7. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 17-01-2016.
  8. ^ Nominati i commissari straordinari per i comuni nati dalle fusioni, su ufficiostampa.provincia.tn.it, 30 dicembre 2015. URL consultato il 3 gennaio 2016.
  9. ^ Elezioni Comunali 8 maggio 2016, su speciali.gelocal.it. URL consultato l'11 maggio 2016.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Trentino-Alto Adige: accedi alle voci di Wikipedia che parlano del Trentino-Alto Adige